La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 1 Mario Benassi Copyright1 Economia e Gestione della Innovazione Programma, obiettivi e metodologie del corso Regole del gioco Linnovazione: un.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 1 Mario Benassi Copyright1 Economia e Gestione della Innovazione Programma, obiettivi e metodologie del corso Regole del gioco Linnovazione: un."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 1 Mario Benassi Copyright1 Economia e Gestione della Innovazione Programma, obiettivi e metodologie del corso Regole del gioco Linnovazione: un primo inquadramento teorico- concettuale Esercitazioni

2 Lezione 1 Mario Benassi Copyright2 Economia della Innovazione ricevimento: prima o dopo le lezioni su appuntamento

3 Lezione 1 Mario Benassi Copyright3 Programma del corso 9 marzo 20071Introduzione regole del gioco e innovazione nel sistema economico 16 marzo 20072Il processo innovativo: approcci della teoria economica 23 marzo 20073Regimi tecnologici e pattern settoriali di innovazione 30 marzo 20074Istituzioni e attività innovativa 30 marzo 20075Confronto internazionale. Il sistema innovativo italiano 13 aprile 2007Prova intermedia 20 aprile 20076Sviluppo innovazione e analisi competitiva 4 maggio 20077Sviluppo innovazione e analisi competitiva 11 maggio 20078La risorsa conoscenza: knowledge economy e knowledge company 18 maggio 20079La risorsa conoscenza: knowledge economy e knowledge company 25 maggio Strutture organizzative per la conoscenza 1 giugno 2007Prova finale 11 giugno 2007 (h.15) VERBALIZZAZIONE

4 Lezione 1 Mario Benassi Copyright4 Regole del gioco Come si supera lesame frequentanti: due prove intermedie non frequentanti: prova orale sui testi F. Malerba Economia della Innovazione, edizione Carocci, capitoli 1,4,5,6,8,10,15,16 M. Sobrero La gestione della innovazione edizione Carocci, capp

5 Lezione 1 Mario Benassi Copyright5 Economia della innovazione natura caratteristiche determinanti e conseguenze impresa settore sistema economico

6 Lezione 1 Mario Benassi Copyright6 Economia innovazione nel pensiero economico Smith: studia la incorporazione del progresso tecnologico nei beni capitali e gli effetti sulla produttività Ricardo: interesse ai fattori endogeni ed esogeni Marx: macchine come codificatori del sapere, innovazione come processo sociale Babbage: linnovazione come processo organizzativo

7 Lezione 1 Mario Benassi Copyright7 Schumpeter ( ) distinzione tra invenzione (progresso scientifico e tecnologico) e innovazione (fare qualcosa di nuovo nel sistema economico) innovazione consiste in: nuove combinazioni di mezzi di produzione (nuovi beni e nuovi metodi di produzione) nuove forme di organizzazione apertura di nuovi mercati selezione di nuove fonti di approvvigionamento innovazione va tenuta distinta da pratiche adattative

8 Lezione 1 Mario Benassi Copyright8 Schumpeter ( ) Luoghi della innovazione: piccola e grande impresa Effetti della innovazione: monopolio temporaneo Innovazione da studiarsi in prospettiva non solo teorica ma anche storica

9 Lezione 1 Mario Benassi Copyright9 Esercitazione Leggete attentamente le pagine di Schumpeter che vi vengono distribuite Isolatene i passaggi principali, vale a dire i concetti e le tesi di fondo Riportate queste tesi in modo sintetico su un foglio Preparatevi a discutere in piccoli gruppi con lobiettivo di realizzare una presentazione delle tesi espresse, argomentando i pro (quello che convince) i contro (quello che non vi convince)

10 Lezione 1 Mario Benassi Copyright10 Limiti di Schumpeter non considera scienza e tecnologia come drivers importanti della innovazione tecnologica non apprezza appieno la continuità dei processi di cambiamento tecnologico (focus su discontinuità) non considera appieno il problema della diffusione delle innovazioni

11 Lezione 1 Mario Benassi Copyright11 Esercitazione Linnovazione da sola non basta. Come diversi economisti hanno piu volte rilevato, la nascita della innovazione non coincide (e non significa automaticamente) con il successo Perchè una innovazione abbia successo occorre che si verifichino processi di diffusione e di adozione (pensate alla tv negli anni 50, allUMTS oggi) Sulla base delle vostre conoscenze, analizzate una innovazione di prodotto e spiegate quali ne siano stati i problemi relativi alla diffusione

12 Lezione 1 Mario Benassi Copyright12 Cosa imparare da Schumpeter Innovazione è processo ad esito incerto e si può comprendere solo ex-post Innovatori sono caratterizzati da razionalità limitata Le innovazioni non si distribuiscono in modo casuale (si raggruppano a grappoli in settori, e sono influenzati dal tempo) Caratteristiche delle imprese e dellinnovazione in generale

13 Lezione 1 Mario Benassi Copyright13 Imprese vecchie ed imprese nuove Dopo Schumpeter, molti autori hanno contribuito ad esplorare il rapporto tra innovazione ed età dellimpresa. Se ripensate per un attimo ad alcune innovazioni recenti (pc, sistema operativo, videogiochi, etc) e alla loro diffusione successiva sui mercati, vi renderete conto dei vantaggi relativi della grande e della piccola impresa (pensare ad un caso specifico vi può aiutare nella esercitazione che seguirà) Dividetevi in piccoli gruppi, e dopo avere dedicato 10 allesercitazione, confrontatevi con i vostri colleghi in modo da ottenere una posizione comune


Scaricare ppt "Lezione 1 Mario Benassi Copyright1 Economia e Gestione della Innovazione Programma, obiettivi e metodologie del corso Regole del gioco Linnovazione: un."

Presentazioni simili


Annunci Google