La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il nuovo e lutile Lezione del corso di Storia della Tecnologia 20/05/2005 Filippo Nieddu.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il nuovo e lutile Lezione del corso di Storia della Tecnologia 20/05/2005 Filippo Nieddu."— Transcript della presentazione:

1 Il nuovo e lutile Lezione del corso di Storia della Tecnologia 20/05/2005 Filippo Nieddu

2 La teoria dellinnovazione Filone neoclassico Filone paleo-schumpeteriano Filone neo-schumpeteriano Filone neo-tecnologico Filone organizzativo-manageriale

3 Lapproccio neoclassico Linnovazione è vista come un fattore esogeno; la visione del fenomeno è statica. Le scelte imprenditoriali relative alle capacità produttive ottimali sono fatte sulla base dei prezzi dei fattori e dei prodotti allinterno di uno stato delle tecniche noto. La struttura produttiva si adatta istantaneamente e totalmente alle tecniche più avanzate.

4 Lapproccio neoclassico Capitale Lavoro Curve della produzione Limiti di bilancio

5 Il filone paleo-schumpeteriano I primi lavori di Joseph A. Schumpeter dei primi anni 900 sono mirati alla definizione di una teoria dello sviluppo economico della società capitalistica Linnovazione produce un extra-profitto agli imprenditori più capaci Si introduce la distinzione tra invenzione, innovazione e diffusione dellinnovazione. Introduzione tipologie di innovazione: nuovo prodotto, nuovo processo, nuovo mercato, nuove fonti delle materie prime, nuova organizzazione dimpresa. Al di là delle nomenclature, scarsi i risultati teorici.

6 Il filone neo-schumpeteriano Si basa sui lavori di Schumpeter degli anni Fase del successo della grande impresa operante in condizioni di controllo del mercato Inversione della sequenza tra innovazione e profitto. Ora è il profitto a rendere i tempi e la natura nelle delle innovazioni coerenti con gli obiettivi strategici dellimpresa.

7 Il filone neo-tecnologico Questo filone vede lautoderminazione della tecnologia (non subordinazione della tecnologia alleconomia: non sono totalmente indipendenti ma nemmeno in automatica sintonia). Il progresso tecnico va considerato una variabile autonoma, dotata di proprie leggi di sviluppo. Si nega lipotesi neoclassica di indifferenza delle imprese nei confronti del cambiamento tecnologico.

8 Il filone organizzativo-manageriale Questo filone vede il tentativo da parte delle aziende di formalizzare internamente le procedure legate allinnovazione. Creazione di funzioni dedicate, azioni e azioni correttive, test, sistemi di verifica, sono inseriti nello schema funzionale aziendale, ed esprimono il tentativo di controllare managerialmente lattività innovativa.

9 Linvenzione Visione trascendentalista: lispirazione del genio, come portatore di novità, alla base della crescita e dello sviluppo sociale. Visione sociale (Kroeber, Ogburn e Gilfillan, anni 50-70): invenzione come conclusione di un processo sociale derivante dallaccumulazione di molti processi singoli Posizione intermedia: ha come presupposto teorico la scuola psicologica della Gestalt; secondo cui lintuito non è un fenomeno raro, eccezionale, come era assunto dai trascendentalismi, ma non è neppure una risposta meccanica ad un bisogno, che si ritiene debba accadere necessariamente (Abbott Payson USHER, A History of Mechanical Inventions, 1954).

10 Lipotesi di Usher Secondo Usher latto di intuizione individuale può essere formalizzato come un percorso a quattro stadi: – percezione del problema; – setting of the stage; – atto di intuizione; – revisione critica. Con la locuzione setting of the stage Usher indica il contesto nel quale dovrà avere luogo lintuizione, sia da un punto di vista fisico sia da un punto di vista intellettivo.

11 Lipotesi di Usher: esempio 1 Corradino DAscanio ideò la Vespa prendendo come ruota anteriore il carrello di un aeroplano della II G.M.

12 Usher: esempio 2 Aerodinamica e costruzioni edili: un nuovo binomio, formato da Gustave Eiffel

13 Lipotesi di Usher: esempio 3 Il Flyer dei fratelli Wright derivava dalle esperienze di costruttori di biciclette, dalle prove in galleria del vento e da numerosi esperimenti preliminari.

14 Il contributo di Rosenberg Secondo Nathan Rosenberg sono poche le aziende che possono permettersi di pensare a lungo termine, per diverse cause. Il concetto di squilibrio tecnologico è usato per giustificare la scelta di certe direzioni di sviluppo. Esempi ne sono: – le interrelazioni tra tecnologie (es. motori e freni delle auto); – la certezza della disponibilità di lavoro (es. scioperi nell800); – mutamenti e scomparse nelle fonti di approvvigionamento. Altra idea: la convergenza tecnologica (base comune di molte tecnologie), come nel caso dellelettronica.

15 Gli approcci allatto di intuizione RIDUZIONISMOOLISMO Tendenzasimulareemulare Approccioanaliticosintetico Culturascientificomultidiscipl. Riferimenticervellomente Apprendimentoeventimodelli

16 Riferimenti bibliografici essenziali George BASALLA, Levoluzione della tecnologia, Milano : Rizzoli, 1992 Nathan ROSENBERG, Dentro la scatola nera – Tecnologia ed economia, Bologna : Il Mulino, 1991 Abbott P. USHER, A History of Mechanical Inventions, 1954 Donald A. NORMAN, La caffettiera del masochista, Firenze : Giunti, 1997


Scaricare ppt "Il nuovo e lutile Lezione del corso di Storia della Tecnologia 20/05/2005 Filippo Nieddu."

Presentazioni simili


Annunci Google