La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LAZIONE GEOMORFICA DELLE ACQUE CORRENTI SUPERFICIALI V Liceo Scientifico Materia: Scienze della Terra Ore/settimana: 3 SILSIS A060 - Gloria Schiavon.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LAZIONE GEOMORFICA DELLE ACQUE CORRENTI SUPERFICIALI V Liceo Scientifico Materia: Scienze della Terra Ore/settimana: 3 SILSIS A060 - Gloria Schiavon."— Transcript della presentazione:

1 LAZIONE GEOMORFICA DELLE ACQUE CORRENTI SUPERFICIALI V Liceo Scientifico Materia: Scienze della Terra Ore/settimana: 3 SILSIS A060 - Gloria Schiavon

2 MOTIVAZIONE DELLA SCELTA Attualità della tematica: contribuire a rendere gli studenti maggiormente consapevoli dei delicati equilibri che regolano il nostro pianeta Possibilità di adottare un approccio integrato allargomento (acque correnti come agenti geomorfici, come risorse per la vita, come risorse energetiche, come fattore di rischio) Occasione per mettere gli studenti di fronte al fattore tempo, in modo che essi si abituino a muoversi mentalmente nelle differenti scale temporali Opportunità di effettuare una uscita didattica sul territorio Buon grado di interdisciplinarietà sia con materie scientifiche quali fisica, chimica e biologia (uscita sul campo) ma anche con materie umanistiche come storia (esplorazione fiumi africani, fiumi e grandi civiltà), letteratura (I Fiumi di Ungaretti), arte (la Fontana dei Fiumi di Bernini), filosofia/religione (lacqua, il battesimo) PREREQUISITI Concetti di chimica generale: elementi e composti, reazioni chimiche, durezza delle acque Concetti di fisica generale: velocità, portata, E cinetica, potenza, viscosità Concetti base su composizione, classificazione e proprietà delle rocce Lettura e utilizzazione di carte topografiche e foto aeree Ciclo dellacqua e acque sotterranee Semplici concetti base di idraulica e idrologia

3 OBIETTIVI CONOSCENZE (OBIETTIVI COGNITIVI) descrivere le diverse dinamiche di erosione e le morfologie associate spiegare le diverse tipologie di trasporto solido e indicarne i parametri associati descrivere le dinamiche di sedimentazione e le morfologie associate descrivere le morfologie complesse di erosione/sedimentazione COMPETENZE/ABILITÀ (OBIETTIVI OPERATIVI) distinguere le diverse forme degli alvei fluviali riconoscere le morfologie di erosione e sedimentazione CAPACITÀ (OBIETTIVI PSICO-AFFETTIVI) sviluppare di un pensiero logico (che colga i nessi di causa ed effetto) e acquisire di lessico e terminologie appropriati richiamare, rielaborare e comunicare i contenuti appresi nella forma più opportuna (orale, scritta o grafica) operare integrazioni/associazioni tra la teoria e la pratica

4 TEMPISTICHE MOMENTO FORMATIVO Concetti fondamentali di idraulica e idrologia: v, Q, E cinetica, potenza, viscosità, lunghezza, pendenza, bacino idrografico, reticolo idrografico, spartiacque, interfluvio Esercitazione sullindividuazione di bacini idrografici su carta 1: Regimi fluviali, bilancio idrico e clima Azione geomorfica delle acque correnti superficiali Ciclo di erosione fluviale Rischio alluvioni Utilizzazione dellenergia dei fiumi Cenni di inquinamento delle acque

5 Quattro tipologie di forme: Alvei rettilinei: poco comuni, brevi e sotto il controllo della sottostante struttura geologica. Alvei sinuosi: mostrano un andamento serpeggiante con curvature dolci e irregolari. Alvei a meandri: formati da un complesso susseguirsi di curve tortuose. Alvei intrecciati (braided): caratterizzati da una molteplicità di canali interconnessi separati da piccole barre o isole di sabbia, ciottoli e altri depositi sciolti. LE FORME DEGLI ALVEI DISEGNARE UN FIUME IN PIANTA

6 Lattività morfogenetica legata allazione delle acque correnti superficiali si svolge attraverso i processi di erosione, trasporto e sedimentazione. LIMPATTO DEI PROCESSI FLUVIALI SUL PAESAGGIO QUAL È IL SIGNIFICATO DEL DIAGRAMMA DI HJULSTRÖM? Erosione Trasporto Deposizione Velocità (cm/s) Diametro particelle (mm)

7 Durante precipitazioni intense o prolungate, soprattutto su terreni inclinati o con copertura vegetale rada, allazione delle acque meteoriche si associa quella delle acque dilavanti. Esse non hanno un corso ben definito ma tendono a scorrere verso valle secondo le linee di massima pendenza, sotto forma di ruscellamento diffuso. Formano come un velo quasi continuo che asporta i materiali detritici di più piccole dimensioni (erosione laminare). Scendendo verso valle, la portata e la turbolenza delle acque dilavanti aumentano fino a rompere il flusso laminare in una moltitudine di rivoli che poi confluiscono in fossi di dimensioni maggiori che incidono il pendio (erosione per rivoli e per fossi). EROSIONE: RUSCELLAMENTO SUPERFICIALE Erosione laminare, per rivoli, per fossi

8 EROSIONE: RUSCELLAMENTO SUPERFICIALE Erosione laminare, per rivoli, per fossi

9 EROSIONE: RUSCELLAMENTO SUPERFICIALE Erosione laminare, per rivoli, per fossi: morfologie

10 EROSIONE: RUSCELLAMENTO SUPERFICIALE Erosione laminare, per rivoli, per fossi: morfologie

11 EROSIONE: RUSCELLAMENTO SUPERFICIALE Erosione laminare, per rivoli, per fossi: morfologie

12 EROSIONE: RUSCELLAMENTO SUPERFICIALE Erosione laminare, per rivoli, per fossi: morfologie

13 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Una volta incanalate in ruscelli e fiumi a formare un sistema idrografico ben definito, le acque superficiali incrementano la loro capacità erosiva, potenziata dallaumento della portata. La capacità erosiva di un fiume è determinata dallenergia della corrente che è utilizzata per: vincere gli attriti interni (viscosità) e quelli esterni (rugosità del letto) operare il trasporto dei materiali erodere nuovo materiale dallalveo Il flusso idrico incanalato è caratterizzato, oltre che dallerosione meccanica, anche da processi di alterazione chimica come dissoluzione e idrolisi che contribuiscono anchessi ad erodere lalveo. Lentità dellazione erosiva di un corso dacqua varia, inoltre, a seconda della natura del substrato su cui scorre (materiali incoerenti e rocce non cementate oppure rocce dure e coese).

14 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO La capacità erosiva di un fiume può essere vista da diversi punti di vista: SEZIONE TRASVERSALE: Erosione lineare: approfondimento vallivo Erosione laterale: ampliamento vallivo SEZIONE LONGITUDINALE: Erosione regressiva: eliminazione cascate, allungamento vallivo

15 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Profilo longitudinale: variazione di quota del fondovalle dalla sorgente alla foce. Esso appare come una curva concava verso lalto, la cui pendenza diminuisce verso valle via via più lentamente fino a raggiungere il livello di base. Livello di base: superficie immaginaria che si estende sotto i continenti a partire dal livello del mare con una inclinazione molto lieve da consentire il deflusso dei corsi dacqua. Il livello di base può essere: finale o assoluto (livello del mare) locale o temporaneo (lago, diga) Limite inferiore di approfondimento dellincisione fluviale Profilo di equilibrio: tendenza a lungo termine di un corso dacqua a regolarizzare il proprio profilo longitudinale in una forma parabolica tangente al livello di base. In tale condizione (ideale) la pendenza in ogni punto del profilo è tale da annullare la capacità erosiva delle acque consentendone solamente il deflusso.

16 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Erosione lineare – approfondimento vallivo - E determinata da: - energia della corrente - abrasione esercitata dagli elementi detritici in essa trasportati - turbolenza del flusso - Si verifica maggiormente nelle parti dove il corso dacqua è più ripido e molto più in alto rispetto al livello di base. - Il suo effetto complessivo è la formazione di una valle profonda con fianchi fortemente inclinati e una sezione a forma di V. Altre forme di incisione sono: - marmitte dei giganti - gole - forre - meandri incassati (v. dopo)

17 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Erosione lineare: morfologie Marmitte dei giganti: cavità prodotte dal moto vorticoso delle acque con laiuto dei ciottoli da esse trasportati, nei tratti a forte pendenza degli alvei torrentizi. Con il progredire dellerosione esse tendono a fondersi luna con laltra, approfondendosi.

18 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Erosione lineare: morfologie Forre: incisioni strette e profonde con pareti a strapiombo che si formano in corsi dacqua che scorrono su pendii molto ripidi, per lapprofondimento di solchi vallivi. Gole: incisioni le cui pareti sono ancora molto ripide ma tendono ad allargarsi nella parte superiore. Esse sono tanto più strette quanto più la roccia che le forma è dura e compatta.

19 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Erosione lineare: morfologie

20 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Erosione laterale – ampliamento vallivo - Si verifica nelle parti dove il corso dacqua assume un profilo più dolce e lenergia dellacqua viene dissipata nellandamento meandriforme della corrente. - Il processo di erosione si verifica nei tratti curvi esterni degli alvei, in corrispondenza dei quali lacqua si muove più velocemente attaccando la riva. - La progressiva migrazione dei meandri quindi produce un fondovalle sempre più ampio e pianeggiante (v. dopo).

21 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Erosione regressiva - Processo alla base dello sviluppo longitudinale di una valle fluviale - Determina fenomeni quali, ad esempio: - Arretramento delle cascate - Estensione valliva e ampliamento del bacino idrografico

22 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Erosione regressiva Arretramento delle cascate: le rocce dure che danno origine a rotture di pendio e cascate vengono scalzate alla base e rimosse. Il gradino arretra verso monte e il profilo si attenua gradualmente nel tempo fino a scomparire.

23 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Erosione regressiva

24 EROSIONE: SCORRIMENTO INCANALATO Erosione regressiva Estensione valliva e ampliamento del bacino idrografico: si verifica allestremo superiore di un corso dacqua dove le acque di ruscellamento si riversano nel pendio ripido della valle. Qui, con il tempo, lerosione fa estendere la valle verso monte a spese dellinterfluvio.

25 TRASPORTO I corsi dacqua trasportano materiale essenzialmente in 3 differenti forme: IN SOLUZIONE: trascurando quelle immesse da scarichi inquinanti, le sostanze disciolte riflettono la natura litologica dei bacini idrografici attraversati. Il maggiore carico chimico si ha in bacini in cui sono presenti rocce evaporitiche (salgemma, gesso) e carbonatiche (calcari e dolomie). IN SOSPENSIONE: le sostanze trasportate in sospensione hanno granulometrie molto fini (argille e limi) e velocità di decantazione molto basse, anche in acque ferme. CARICO DI FONDO: i materiali che lo costituiscono sono sabbie, ghiaie e frammenti rocciosi di dimensioni maggiori. Essi vengono trasportati per trascinamento sul fondo dellalveo (materiali a granulometria maggiore) o per saltazione (materiali a granulometria minore).

26 TRASPORTO Le dimensioni dei sedimenti nel letto dei fiumi tendono a diminuire nel senso della direzione della corrente a causa dellabrasione subita dalle particelle durante il trasporto e dalla più facile trasportabilità dei materiali fini. Per definire il carico solido di un corso dacqua si utilizzano due parametri: COMPETENZA: misura della dimensione massima dei frammenti detritici che una corrente può spostare. E espressa come diametro della più grande particella trasportata e varia con la sesta potenza della velocità (se v raddoppia, la dimensione delle particelle trasportabili aumenta di 2 6 volte). COSA IMPLICA NELLE PIENE? CAPACITA DI CARICO: misura della quantità di materiale solido che la corrente può potenzialmente trasportare. E espressa come il volume del materiale che passa in una data sezione del fiume, in un certo intervallo di tempo.

27 SEDIMENTAZIONE La deposizione del carico solido di un corso dacqua superficiale è legata ad una diminuzione della velocità o della portata della corrente tale da non permetterne il trasporto. Tale diminuzione è spesso dovuta ad una riduzione della pendenza dellalveo o ad un suo allargamento o cambio di direzione. I materiali sono quindi abbandonati sotto forma di depositi alluvionali. DOVE? I depositi alluvionali si trovano, ad esempio, allo sbocco di gole, nelle pianure alluvionali, nelle anse dei fiumi e, ovviamente, nelle acque dei laghi e del mare. I depositi alluvionali di pianura sono ben selezionati e costituiti in prevalenza da particelle a piccola granulometria sia perché, durante il trasporto a valle, le particelle diventano via via più piccole a causa degli urti ripetuti, sia in quanto le particelle più fini sono trasportate dalla corrente più lontano rispetto a quelle più grossolane.

28 SEDIMENTAZIONEMorfologie Conoide alluvionale: struttura triangolare con lapice verso monte e la base arcuata ed espansa a ventaglio che si forma quando un corso dacqua sbocca improvvisamente in pianura, uscendo da una ripida valle. Sedimentazione: La brusca diminuzione della velocità della corrente provoca limmediato deposito di una grande quantità di detriti, soprattutto grossolani. Spesso il corso dacqua presenta un alveo rettilineo allapice del conoide mentre una configurazione braided sulla struttura stessa. Dimensioni: da poche centinaia di metri a decine di chilometri. Importanza: insediamenti umani, colture e grande disponibilità idrica.

29 SEDIMENTAZIONEMorfologie

30 SEDIMENTAZIONEMorfologie Pianura alluvionale: forma deposizionale più importante di un sistema fluviale. La sedimentazione avviene: Per deposizione di sedimenti a seguito di straripamenti e inondazioni La brusca perdita di velocità provoca la deposizione di gran parte del materiale e la formazione di argini naturali che si elevano sulla piana circostante. La rottura di un argine dà origine a ventagli larghi e piatti, lobi e lingue e i relativi sedimenti sono chiamati depositi di tracimazione. Per dinamiche legate alla presenza di alvei meandriformi (v. dopo) Importanza: insediamenti umani, falde acquifere, fertilità, materiale da costruzione (ghiaie e sabbie), serbatoi di idrocarburi in corrispondenza dei delta.

31 SEDIMENTAZIONEMorfologie Confluenza Ticino – Po Entrambi i fiumi hanno andamento meandriforme e scorrono nella Pianura Padana formata dai loro stessi sedimenti e da quelli deposti dagli altri affluenti del Po. Altri elementi deposizionali: - Barra di foce del Ticino - Isole fluviali - Accumulo sulla sponda convessa del meandro del Po

32 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Meandri: forme tipiche, in parte di erosione e in parte di accumulo, delle pianure alluvionali o dei tratti a debole pendenza.

33 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Attività di erosione sulla sponda esterna (riva concava) Attività di deposizione sulla sponda interna (riva convessa)

34 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Lapprofondimento delle anse dei meandri, nel tempo, porta al loro avvicinamento e al fenomeno del taglio del meandro. Il fiume così riprende un andamento meno tortuoso e dove è avvenuto il taglio rimane un meandro abbandonato che può evolvere dapprima in laghetto a corna di bue, poi in palude e infine, quando completamente interrato, in meandro fossile.

35 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Barra Laghetti a corna di bueTaglio del meandro Collo

36 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse

37 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Meandri incassati: si formano quando una piana a meandri subisce un sollevamento tettonico regionale che, provocando un abbassamento relativo del livello di base del corso dacqua (aumento della pendenza), ne induce un aumento della capacità erosiva e un progressivo approfondimento dellalveo, pur mantenendo inalterato il suo corso. Si formano profonde gole e canyon: Fiumi Colorado e San Juan (USA)

38 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Terrazzi fluviali: superfici pianeggianti delimitate da scarpate che sono il risultato dellincisione operata dai corsi dacqua nei sedimenti alluvionali stessi. Le superfici spianate dei terrazzi possono considerarsi come i residui di vecchi alvei, mentre le scarpate che le delimitano rappresentano le diverse fasi erosive. La loro formazione può essere associata a fasi alterne di erosione e deposito dovute a variazioni del livello del mare (e quindi della pendenza), movimenti tettonici o vicende climatiche. Coppia di terrazzi fluviali

39 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Formazione dei terrazzi fluviali Un abbassamento relativo del livello di base per sollevamento regionale o un aumento notevole delle precipitazioni portano ad un incremento della capacità erosiva. Dopo tali eventi il corso dacqua forma una nuova pianura lasciando ai suoi lati una coppia di terrazzi alluvionali. Prima del sollevamentoSollevamentoDopo il sollevamento

40 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse

41 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Le foci: ultimo tratto di un corso dacqua dove la corrente rallenta e vengono depositati tutti i materiali che ancora trasporta (la granulometria, in generale, diminuisce verso lalto mare). La forma di accumulo che si genera è quella del delta fluviale (dalla lettera greca delta, ). Importanza: agricoltura e insediamenti Luoghi di formazione: aree dove i movimenti marini sono troppo deboli per disperdere lapporto di detrito. Dove invece i movimenti marini hanno la forza di smantellare linterramento fluviale, i corsi dacqua presentano foci larghe ad imbuto, libere da detriti, dal nome di estuari. Esempi di delta: Nilo, Mississippi, Orinoco, Yangtze, Po (avanzamento: 35 Km in 2000 anni) Esempi di estuari: Rio delle Amazzoni, Congo, San Lorenzo, Adige

42 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Delta del Nilo Delta del Mississippi

43 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Estuario del San Lorenzo Estuario del Fiume Congo

44 EROSIONE E SEDIMENTAZIONE Morfologie complesse Estuario dellAdige Delta del Po


Scaricare ppt "LAZIONE GEOMORFICA DELLE ACQUE CORRENTI SUPERFICIALI V Liceo Scientifico Materia: Scienze della Terra Ore/settimana: 3 SILSIS A060 - Gloria Schiavon."

Presentazioni simili


Annunci Google