La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APPARATO TEGUMENTARIO SILSIS – VIII ciclo Paola Morandi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APPARATO TEGUMENTARIO SILSIS – VIII ciclo Paola Morandi."— Transcript della presentazione:

1 APPARATO TEGUMENTARIO SILSIS – VIII ciclo Paola Morandi

2 CLASSE: II Liceo Classico (3 ore biologia/settimana) LIBRO DI TESTO: A. Bairati, Anatomia umana terza edizione, ed. Minerva Medica SCANSIONE TEMPORALE: Apparato tegumentario nelluomo: funzioni Struttura della pelle Annessi cutanei La pelle dei vertebrati Approfondimenti PREREQUISITI: - tessuti (epiteliale e connettivo) - cenni di embriogenesi I ora II ora OBIETTIVO: comprendere le relazioni struttura-funzione

3 APPARATO TEGUMENTARIO, GENERALITÀ: è costituito dalla membrana di copertura estesa lungo tutto il corpo chiamata pelle, cute o tegumento si continua a livello degli orifizi naturali con le mucose degli organi cavi la pelle è lorgano più grande del corpo umano (costituisce il % del peso totale del corpo di un adulto) FUNZIONI DELLAPPARATO TEGUMETARIO (uomo): protezione dagli agenti esogeni (meccanici, chimici e termici; agenti infettivi; raggi solari) regolazione degli scambi con lambiente esterno: - regolazione della traspirazione - secrezione di sostanze nocive - termoregolazione - ricezione degli stimoli esterni (funzione sul piano comportamentale) - nutrimento della prole La pelle non deve essere considerata un involucro inerte con sole funzioni di protezione !! OMEOSTASI idrico-salina CONFINE tra corpo e ambiente barriera/comunicazione

4 STRUTTURA DELLA PELLE EPIDERMIDE (t. epiteliale) DERMA (t. connettivo) SOTTOCUTANEO (o ipoderma; t. adiposo) ANNESSI CUTANEI PAPILLE DERMICHE Nel derma e nel sottocutaneo sono contenuti vasi sanguigni e nervi. SPESSORE: tra 0.5 e 4 mm (può arrivare ad alcuni cm in alcune zone del corpo) Giunzione dermo-epidermica

5 EPIDERMIDE Squame cheratinizzate Epitelio pluristratificato corneificato Origine dallectoderma Processo di rinnovamento continuo Diversi tipi cellulari (tra cui cheratinociti, melanociti, macrofagi) Strato germinativo (rinnovamento epiteliale) 1) Accumulo di filamenti di CHERATINA 2) Perdita del nucleo e degli organelli 3) Morte cellulare CITOMORFOSI CORNEA

6 MELANOCITI: Origine ectodermica; nellepidermide profonda e nel derma Contengono granuli (melanosomi) di pigmento (melanina) FUNZIONE: pigmentazione della pelle e dei peli (determinata da fattori genetici e ambientali). Protezione dalla radiazione solare (UV). FUNZIONI dellepidermide (strato corneo): BARRIERA bidirezionale che evita la perdita di acqua ed elettroliti e lingresso di sostanze tossiche, microorganismi e UV.

7 DERMA Tessuto connettivo (lasso nello strato papillare e denso nella zona profonda) Origine dal mesoderma Sede di: vasi sanguigni, terminazioni nervose, apparati piliferi e ghiandolari Cellule coinvolte nelle risposte infiammatorie e immunitarie FUNZIONE : MECCANICA. Particolarmente resistente a tutte le deformazioni meccaniche di trazione, pressione, strappo. Inoltre: funzioni metaboliche (nutrimento dellepidermide), immunologiche, termoregolatorie e sensoriali.

8 SOTTOCUTANEO TESSUTO ADIPOSO + connettivo lasso tra i pannicoli adiposi Origine dal mesoderma Spessore molto variabile (fattori intrinseci e individuali) Ricco di fibre elastiche (tranne pianta del piede e palmo della mano) FUNZIONI MECCANICHE e METABOLICHE Isolante Riserva di lipidi Ammortizzatore Piano di mobilità tra la pelle e gli strati profondi muscolari o ossei

9 ANNESSI CUTANEI o FORMAZIONI PILIFERE o UNGHIE o GHIANDOLE formazioni accessorie della pelle che contribuiscono alle sue funzioni generali localizzate nel derma (ma sono derivati epidermici). Inoltre: VASI SANGUIGNI TERMINAZIONI NERVOSE

10 FORMAZIONI PILIFERE Sono costituite da due porzioni: 1) Fusto o scapo : porzione visibile allesterno 2) Radice : parte nascosta, accolta nel follicolo pilifero (introflessione epidermica) Scaglie corneificate nel fusto. COLORE: determinato dalla quantità di pigmento (colore chimico) e di bolle daria (colore fisico) intrappolate tra le fibre del pelo. FUNZIONE: COIBENTAZIONE (mantenimento della T). Proliferazione cellule del bulbo crescita del pelo Papilla dermica Al follicolo pilifero sono annessi: - una ghiandola sebacea - un muscolo erettore del pelo: compressione della ghiandola sebacea; sollevamento del pelo.

11 GHIANDOLE 2) Sebacee. Secrezione di sebo nel follicolo pilifero (SEBO = sostanza grassa e oleosa, contiene acidi grassi) FUNZIONE: il sebo ammorbidisce e lubrifica la pelle e i peli, evitando che si secchino (nei mammiferi rende la pelliccia idrorepellente). Struttura generale: - porzione secretoria profonda (derma/sottocute), a gomitolo - dotto escretore che sbocca sulla superficie cutanea o nel follicolo pilifero (capezzolo per le g. mammarie) 3) Mammarie. Ghiandole cutanee differenziate nella femmina per lallattamento, situate nella mammella. Caratterizzano la classe dei mammiferi. LATTE = 85 % acqua, proteine, grassi, lattosio, sali. FUNZIONE: nutrimento della prole 1) Sudoripare. Secrezione di sudore (70 % acqua; sali minerali, acidi grassi volatili, glucosio) FUNZIONE: - termoregolazione (abbassamento della T corporea tramite evaporazione) - escrezione di sostanze di scarto ghiandole odorifere

12 VASI SANGUIGNI Due reti vascolari: Rete del sottocutaneo: nutrimento del derma e del sottocutaneo Rete subpapillare: -nutre per diffusione lepidermide -dispersione di calore (vasocostrizione e vasodilatazione dei capillari subpapillari) FUNZIONE: nutrimento e termoregolazione.

13 TERMINAZIONI NERVOSE FUNZIONE: ricezione degli stimoli esterni recettori per tatto, pressione, dolore e temperatura.

14 Nelle diverse classi di vertebrati la struttura della pelle, e in particolare degli annessi cutanei, varia: in relazione alla sua funzione … e quindi allambiente e alle abitudini alimentari, sessuali, etc. (per es. cheratinizzazione solo nei vertebrati terrestri) LA PELLE DEI VERTEBRATI MOLTEPLICI FUNZIONI : delimitazione e protezione mimetismo e attrazione sessuale (cromatofori, ghiandole, …) difesa/offesa (unghia, corna, artigli, …) ricezione di stimoli termoregolazione (omeotermi) regolazione idrosalina scambi gassosi (anfibi) nutrimento della prole (mammiferi) accumulo di sostanze di riserva locomozione (squame, ali, …)

15 UCCELLI RETTILI MAMMIFERI ANFIBI PESCI Gli annessi cutanei sono sempre localizzati nel derma, anche quelli di origine ectodermica; gli a. c. di origine mesodermica sono rivestiti da epitelio

16 CLASSE AMBIENTEPELLEANNESSI CUTANEIFUNZIONE PESCI Acquaticoepidermide non cheratinizzata 1. scaglie (ossee) 2. cellule secernenti muco no problema della disidratazione 1. funzione protettiva; movimento (idrodinamicità) 2. riduzione attrito con lacqua e protezione ANFIBI terrestre/ acquatico epidermide molto sottile, in genere non cheratinizzata 1. ghiandole mucipare 2. g.le velenigere (cromatofori) scambi respiratori 1. idratazione RETTILI terrestrepelle fortemente cheratinizzata, secca 1. squame 2. no ghiandole (cromatofori) protezione dalla disidratazione locomozione (rettili) UCCELLI terrestreepidermide molto sottile, non cheratinizzata 1. penne/piume 2. ghiandola delluripigio (cromatofori) 1. coibentazione; volo 2. impermeabilizzazione delle penne MAMMIFERI terrestreepidermide cheratinizzata 1. peli 2. numerose ghiandole (melanociti) 1. coibentazione 2. molteplici

17 LE USTIONI L'ustione è una lesione dei tessuti tegumentari causata dall'esposizione a fonti termiche, a sostanze chimiche (causticazione) o a sorgenti elettriche.lesionetegumentari Classificazione delle ustioni: in base alla profondità e allestensione I grado solo lepidermide (per es. eritema solare). II grado l'epidermide e il derma. III e IV grado epidermide, derma, sottocutaneo (e a volte tessuto muscolare, tendini e ossa). Cosa fare in caso di ustione? 1. raffreddare le zone interessate dall'ustione con acqua fredda (ferma la progressione della lesione causata dal calore); non usare ghiaccio o pomate. 2. non asportare gli indumenti nel caso siano attaccati alla pelle. 3. avvolgere con un lenzuolo nel caso si tratti di gravi ustioni, chiamando il 118. NB le parti ustionate sono soggette ad infezioni tenere pulita la ferita ! problema della disidratazione

18 Ustioni di I e II grado: in esse una parte del tessuto epiteliale potrebbe rimanere integra e questo permette alla cute di rigenerarsi. Ustioni di III e IV grado: per guarire necessitano di un innesto cutaneo. Innesto cutaneo: cute dello stesso paziente (autotrapianti) cute vitale prelevata solitamente da cadaveri cute di origine suina. Pelle artificiale: 1)uno strato di cellule d'epidermide umana coltivate in laboratorio sovrapposto a 2)uno strato di fibroblasti umani in un gel contenente collagene. Il secondo strato funziona da derma: passa nutrimento ai cheratinociti sovrastanti (che formano uno strato corneo). 2007/2008: produzione di cute (epidermide + derma) a partire da 100 capelli prelevati dal paziente! (cellule della radice pilifera)


Scaricare ppt "APPARATO TEGUMENTARIO SILSIS – VIII ciclo Paola Morandi."

Presentazioni simili


Annunci Google