La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La diagnostica di laboratorio nella patologia infettiva D.ssa Marina Musumeci Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La diagnostica di laboratorio nella patologia infettiva D.ssa Marina Musumeci Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania."— Transcript della presentazione:

1 La diagnostica di laboratorio nella patologia infettiva D.ssa Marina Musumeci Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

2 02/05/2014D.ssa M. Musumeci2 Malattia infettiva Ogni condizione morbosa che riconosce come causa necessaria della sua insorgenza lazione di unagente patogeno appartenente ad uno dei seguenti gruppi: Virus Batteri Miceti Parassiti Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

3 02/05/2014D.ssa M. Musumeci3 Infezioni sintomatiche Infezioni asintomatiche Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

4 02/05/2014D.ssa M. Musumeci4 Diagnosi Definizione delleziologia e della patogenesi di un processo morboso. Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

5 02/05/2014D.ssa M. Musumeci5 Ipotesi diagnostica Utili per confermare o smentire lipotesi diagnostica. Raccolta dei dati anamnestici e clinici con conseguente formulazione di un sospetto o di un orientamento diagnostico. Indagini di Laboratorio o strumentali Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

6 02/05/2014D.ssa M. Musumeci6 Indagini con metodo diretto Esame microscopico Isolamento in coltura ed identificazione Biologia molecolare Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

7 02/05/2014D.ssa M. Musumeci7 Indagini con metodo indiretto Indicatori di flogosi (Emocromo, Ves, PCR, Proteine specifiche ) Anticorpi specifici Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

8 02/05/2014D.ssa M. Musumeci8 Anticorpi Immunoglobuline leganti lantigene: solubili o di membrana Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

9 02/05/2014D.ssa M. Musumeci9 IGM Compaiono più tardivamente, raggiungono il picco 4-6 settimane dopo linfezione e, spesso, persistono per tempi prolungati IGG Normalmente sono transitorie e indicative di infezione acuta in atto. Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

10 02/05/2014D.ssa M. Musumeci10 Qualè il principio analitico? Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

11 02/05/2014D.ssa M. Musumeci11 Metodi Agglutinazione (emoagglutinazione, sieroagglutinazione ) RIA ELISA (Enzyme Linked Immuno Sorbent Assay) CLIA IFI Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

12 02/05/2014D.ssa M. Musumeci12 Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

13 02/05/2014D.ssa M. Musumeci13 Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

14 02/05/2014D.ssa M. Musumeci14 Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

15 02/05/2014D.ssa M. Musumeci15 Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

16 02/05/2014D.ssa M. Musumeci16 Malattia acuta o subacuta a prognosi favorevole Segni clinici: febbre irregolare, angina, linfoadenopatia latero-cervicale Agente eziologico: virus di Epstein-Barr Diffusione per via inalatoria o per contatto orale da portatore sano a persona non infetta Mononucleosi Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

17 02/05/2014D.ssa M. Musumeci17 Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo Cellule del rinofaringe Linfociti B Anticorpi eterofili Attivazione dei linfociti T CD8 Mononucleosi

18 02/05/2014D.ssa M. Musumeci18 Periodo di incubazione: da 35 a 45 giorni Superata la fase acuta, il virus continua ad essere dismesso dalle cellule orofaringee. Riattivazione di malattia spesso in modo atipico o asintomatico Mononucleosi Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

19 02/05/2014D.ssa M. Musumeci19 Esami di Laboratorio Emocromo Anticorpi eterofili Anticorpi specifici diretti contro: Antigeni del capside (VCA IgM e IgG) Antigene precoce (EA) Antigeni nucleari (EBNA IgG) Mononucleosi Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

20 02/05/2014D.ssa M. Musumeci20 VCA IgM: compaiono precocemente e scompaiono entro 4-6 settimane VCA IgG: raggiungono il picco a 2 settimane dallinizio della malattia EA IgG: sono presenti nella fase acuta, persistono per 3/6 mesi; possono permanere per molti anni; positivi nelle riattivazioni. EBNA IgG: assenti nella fase acuta, si rilevano 2/4 mesi dopo linizio e permangono perennemente. Mononucleosi Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

21 02/05/2014D.ssa M. Musumeci21 Infezione primaria acuta: VCA IgM, VCA IgG, EA IgG Convalescenza (o riattivazione): VCA IgM, VCA IgG, EBNA IgG, (EA IgG) Infezione pregressa: VCA IgG, EBNA IgG Mononucleosi Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

22 02/05/2014D.ssa M. Musumeci22 Toxoplasmosi Ciclo vitale: Oocisti Sporozoiti Tachizoiti Bradizoiti Antropozoonosi ubiquitaria da Toxoplasma Gondii Linfezione viene contratta mediante lingestione di carni crude o poco cotte e mediante lingestione di verdure crude Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

23 02/05/2014D.ssa M. Musumeci23 In gravidanza: Il rischio di trasmissione aumenta con lo sviluppo del circolo placentare. Il rischio di indurre gravi danni al feto è maggiore se linfezione congenita è contratta precocemente. Infezioni congenite contratte durante il terzo trimestre di gravidanza sono generalmente asintomatiche. Toxoplasmosi Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

24 02/05/2014D.ssa M. Musumeci24 Infezione da Citomegalovirus Famiglia hepesviridae Spettro dospite ristretto In vivo ciclo replicativo lento, induce inclusioni intranucleari, intracitoplasmatiche e latenza nelle cellule mononucleate del sangue e nei progenitori midollari Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

25 02/05/2014D.ssa M. Musumeci25 Trasmissione: per contatto interumano. Nella popolazione adulta il contatto molto stretto e quotidiano con i bambini gioca un ruolo importante per la diffusione dellinfezione. Fonti dinfezione: secrezioni oro-fringee, urina, latte materno, sperma, secrezioni vaginali, feci, sangue. Eliminazione: con le urine protratta nel tempo. Infezione da Citomegalovirus Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

26 02/05/2014D.ssa M. Musumeci26 In gravidanza: Uninfezione primaria contratta nel primo trimestre di gravidanza aumenta il rischio di prognosi feto-neonatale più grave. Danni da infezione congenita: severe compromissioni cerebrali con difetti dello sviluppo psicomotorio e ipoacusia neurosensoriale. Infezione da Citomegalovirus Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

27 02/05/2014D.ssa M. Musumeci27 Rosolia Agente eziologico: RNA virus Il virus penetra nel tratto respiratorio dove avviene la prima fase di replicazione cui fa seguito una seconda nei linfonodi cervicali. Incubazione : da due a tre settimane La fase viremica dura per i sette giorni precedenti la comparsa dellesantema insieme con lescrezione virale dal rinofaringe e persiste da sette a dodici giorni dopo il rash. Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

28 02/05/2014D.ssa M. Musumeci28 Le IgM compaiono prestissimo, raggiungono il picco dopo 7-10 giorni persistono fino a 60 giorni dalla comparsa dellesantema Le IgG compaiono dopo 2-5 giorni dalla comparsa delle IgM e persistono indefinitamente conferendo limmunità Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo Rosolia

29 02/05/2014D.ssa M. Musumeci29 In gravidanza: Se contratta entro le prime settimane, linfezione può determinare aborto o gravi alterazioni transitorie e/o permanenti definite come Sindrome della Rosolia Congenita (SRC ) Rosolia Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

30 02/05/2014D.ssa M. Musumeci30 Quadri sierologici possibili Assenza di immunità: IgG –/IgM - Immunità da infezione pregressa: IgG+ /IgM- Stato immunitario non definibile: IgG indeterminate e IgM negative Se IgG -/IgM+: infezione in fase iniziale o risultato falso positivo (da reazione crociata ) Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

31 02/05/2014D.ssa M. Musumeci31 IgG+/IgM+: effettuare una seconda determinazione utilizzando metodo analitico alternativo, ma con la medesima sensibilità. Test di avidità Quadri sierologici possibili Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

32 02/05/2014D.ssa M. Musumeci32 Infezione da HIV HIV: retrovirus Cellule bersaglio: linfociti T CD4 HIV1 e HIV2 Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

33 02/05/2014D.ssa M. Musumeci33 Infezione primaria Fase di latenza clinica Fase clinicamente manifesta Infezione da HIV Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

34 02/05/2014D.ssa M. Musumeci34 Trasmissione: Per via sessuale Per via ematica Per via materno-fetale Infezione da HIV Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

35 02/05/2014D.ssa M. Musumeci35 Test di screening III generazione IV generazione Test di conferma: positivo indeterminato negativo Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo Infezione da HIV

36 02/05/2014D.ssa M. Musumeci36 Stadiazione e monitoraggio della risposta alla terapia: Linfociti T CD4 Carica virale (HIV RNA) Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo Infezione da HIV

37 02/05/2014D.ssa M. Musumeci37 Epatite Processo infiammatorio a carico del fegato istologicamente caratterizzato da necrosi parenchimale e infiltrazione flogistica. Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

38 02/05/2014D.ssa M. Musumeci38 HAV HBV HCV HDV HEV Epatiti virali Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

39 02/05/2014D.ssa M. Musumeci39 Danno improvviso con aumento significativo delle transaminasi (dieci volte il limite superiore). Epatite acuta Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

40 02/05/2014D.ssa M. Musumeci40 persistenza di ALT elevate per oltre sei mesi dopo lepisodio acuto; Riscontro di ALT elevate in più di unoccasione per un periodo di oltre sei mesi. Epatite cronica Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

41 02/05/2014D.ssa M. Musumeci41 Si trasmette per via oro-fecale; ha un periodo di incubazione di giorni; può dare epatite acuta, ma non cronica. IgM: indicano la fase acuta della malattia IgG: persistono per tutta la vita e sono protettive. Epatite virale da virus A Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

42 02/05/2014D.ssa M. Musumeci42 Sospetto di infezione acuta: anamnesi positiva per trasmissione oro-fecale ALT >10x limite di valore superiore confermata da almeno due controlli IgM anti-HAV Epatite virale da virus A Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

43 02/05/2014D.ssa M. Musumeci43 Si trasmette per via parenterale, sessuale, perinatale; ha un periodo di incubazione compreso tra 45 e 160 giorni; dà infezioni in forma acuta e cronica; può evolvere in epatocarcinoma. Epatite virale da virus B Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

44 02/05/2014D.ssa M. Musumeci44 HBsAg: primo marcatore a comparire HBeAg: indice di attiva replicazione virale Anti-HBcIgM: presenti a titolo elevato nella fase acuta Anti-HBcIgG: già presenti nella fase acuta, persistono per tutta la vita. Anti-HBs: sieroconversione Epatite virale da virus B Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

45 02/05/2014D.ssa M. Musumeci45 Sospetto di infezione acuta: anamnesi positiva per trasmissione parenterale e/o sessuale ALT >10x limite di valore superiore confermata da almeno due controlli HBsAg IgM anti-HBc Epatite virale da virus B Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

46 02/05/2014D.ssa M. Musumeci46 Quadro sierologico dellepatite cronica: HBsAg Anti-HBcIgG Anti-HBe Epatite virale da virus B Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

47 02/05/2014D.ssa M. Musumeci47 Immunità naturale: Anti-HBs e Anti-HBcIgG Immunità da vaccino: Anti-HBs Epatite virale da virus B Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

48 02/05/2014D.ssa M. Musumeci48 Si trasmette per via parenterale, sessuale, perinatale, ha un periodo di incubazione di giorni; può dare infezioni acute; può evolvere in cirrosi ed epatocarcinoma. Epatite virale da virus C Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

49 02/05/2014D.ssa M. Musumeci49 Anticorpi anti HCV: rilevabili mediamente dopo circa tre mesi dallinfezione. Risultato negativo: esclude con elevato grado di probabilità la malattia. Risultato positivo: infezione in corso o pregressa. Epatite virale da virus C Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo

50 02/05/2014D.ssa M. Musumeci50 Test di conferma: se valore index/cut-off <8.0 HCV RNA Epatite virale da virus C Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania U.O.C. Patologia Clinica O.V.E. - Ferrarotto Direttore Dr. F. Di Vincenzo


Scaricare ppt "La diagnostica di laboratorio nella patologia infettiva D.ssa Marina Musumeci Azienda Ospedaliero Universitaria Vittorio Emanuele Policlinico - Catania."

Presentazioni simili


Annunci Google