La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IMAGING DIAGNOSTICO nella DEGENERAZIONE MACULARE Fabrizio G. Puce Hot Topics in Oftalmologia 14/06/2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IMAGING DIAGNOSTICO nella DEGENERAZIONE MACULARE Fabrizio G. Puce Hot Topics in Oftalmologia 14/06/2008."— Transcript della presentazione:

1 IMAGING DIAGNOSTICO nella DEGENERAZIONE MACULARE Fabrizio G. Puce Hot Topics in Oftalmologia 14/06/2008

2

3 La Degenerazione Maculare esiste in 2 varianti anatomo-patologiche: Forma secca : atrofia progressiva del tex.retinico Forma secca : atrofia progressiva del tex.retinico Forma umida :sviluppo di capillari neoformati Forma umida :sviluppo di capillari neoformati nello spessore della macula stessa nello spessore della macula stessa

4 INDAGINI DIAGNOSTICHE INVASIVE: FLUORANGIOGRAFIA ANGIOGRAFIA CON VERDE DI INDOCIANINA ANGIOGRAFIA CON VERDE DI INDOCIANINA NON INVASIVE: O.C.T.

5 INDAGINI DIAGNOSTICHE INVASIVE M.D.C. INIEZIONE DI UN M.D.C. IN VENAFLUORESCEINA FLUORESCEINA+VERDE DI INDOCIANINA ACQUISIZIONE DI IMMAGINI DEL CIRCOLO CAPILLARE CORIO-RETINICO PERFUSO DAL M.D.C. ANGIOGRAFIA RETINICA A FLUORESCENZA

6 FLUORANGIOGRAFIA(2) Prima di poter eseguire una fluorangiografia, il paziente DOVREBBE eseguire: Esame del sangue comprendente almeno: Creatininemia Protidogramma

7 FLUORANGIOGRAFIA(3) RISCHI REAZIONE ALLERGICA AL M.D.C. (di grado variabile) Malessere Malessere Nausea Nausea Vomito Vomito Perdita di coscienza Perdita di coscienza Tremori, palpitazioni, sudorazione fredda Tremori, palpitazioni, sudorazione fredda Shock anafilattico Shock anafilattico

8 FLUORANGIOGRAFIA (4) CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE Pregresse reazioni allergiche gravi Pregresse reazioni allergiche gravi Nefropatie con creatininemia > 1,6 mg/dl Nefropatie con creatininemia > 1,6 mg/dl

9 FLUOROANGIOGRAFIA (5) CONTROINDICAZIONI RELATIVE Pregresse reazioni allergiche moderate Pregresse reazioni allergiche moderate Anamnesi positiva per allergie ai mezzi di contrasto Anamnesi positiva per allergie ai mezzi di contrasto Anamnesi positiva per allergie multiple (pollini,farmaci vari etc.) Anamnesi positiva per allergie multiple (pollini,farmaci vari etc.) Nefropatie con creatininemia al limite Nefropatie con creatininemia al limite

10 FLUORANGIOGRAFIA (6) PRECAUZIONI particolari PROFILASSI ANTI-ALLERGICA SOMMINISTRAZIONE DEL M.D.C. (½ fiala)

11 FLUORANGIOGRAFIA (7) PROFILASSI ANTI-ALLERGICA 1.Fare assumere al paziente, 3 GG. prima dellesame, 20 mg di CORTISONE al giorno 20 mg di CORTISONE al giorno in compresse unitamente ad un GASTROPROTETTORE 2.Il giorno stesso dellesame al paziente verrà somministrato 2. Il giorno stesso dellesame al paziente verrà somministrato un ANTISTAMINICO I.M. circa 30 minuti prima di eseguire lesame stesso

12 FLUORANGIOGRAFIA (8) IN OGNI CENTRO DOVE SI ESEGUE LA FLUOROANGIOGRAFIA VI SONO SEMPRE: 1.INFERMIERE PROFESSIONALE ADDESTRATO 2.KIT PER EMERGENZE 3.ANESTESISTA-RIANIMATORE

13 Forma umida Forma secca

14 Forma umida Forma secca

15 FLUORESCEINA FLUORESCEINA Non oltrepassa lepitelio pigmentato Non oltrepassa lepitelio pigmentato Talora è necessario usare un altro m.d.c. Talora è necessario usare un altro m.d.c. Il verde di indocianina

16 Fluoresceina e Indocianina Possono essere iniettate nel corso dello stesso esame Possono essere iniettate nel corso dello stesso esame Il loro impiego combinato è utile per Il loro impiego combinato è utile per Formulare una diagnosi certa e più precisa Formulare una diagnosi certa e più precisa Localizzare la lesione Localizzare la lesione (può condizionare la prognosi) (può condizionare la prognosi)

17 CLASSIFICAZIONE DELLA LESIONE IN BASE ALLA LOCALIZZAZIONE SUBFOVEALE IUXTA-FOVEALE EXTRA-FOVEALE IN BASE ALLE CARATTERISTICHE ANGIOGRAFICHE CLASSICA OCCULTA FORME MISTE

18 CNV Classica-Subfoveale

19 CNV Occulta-Juxtafoveale

20 FLUOROANGIOGRAFIA INDICAZIONI MACULOPATIE (spesso in associazione col verde di indocianina)MACULOPATIE (spesso in associazione col verde di indocianina) E NON SOLO…….. RETINOPATIA DIABETICARETINOPATIA DIABETICA RETINOPATIA IPERTENSIVARETINOPATIA IPERTENSIVA OCCLUSIONI VASCOLARI (trombosi arteriose/venose)OCCLUSIONI VASCOLARI (trombosi arteriose/venose) PROLIFERAZIONI NEO-VASCOLARI EREDO- FAMILIARI(vasculopatia polipoide,strie angioidi)PROLIFERAZIONI NEO-VASCOLARI EREDO- FAMILIARI(vasculopatia polipoide,strie angioidi) OGNI CHE VOLTA BISOGNA INDAGARE IL CIRCOLO CAPILLARE RETINICO

21 Diagnostica Non-invasiva O.(OPTICAL) C.(COHERENCE) T.(TOMOGRAPHY)

22 O.C.T. Cosa fa? Fornisce immagini ad alta risoluzione di sezioni della retina umana in vivo, permettendo la diagnosi, la stadiazione ed il follow-up di numerose affezioni retiniche. Fornisce immagini ad alta risoluzione di sezioni della retina umana in vivo, permettendo la diagnosi, la stadiazione ed il follow-up di numerose affezioni retiniche.

23 O.C.T. Come funziona? Simile all'ecografia Simile all'ecografia Sfrutta la riflessione di onde luminose da parte delle diverse strutture oculari piuttosto che la riflessione delle onde acustiche. Sfrutta la riflessione di onde luminose da parte delle diverse strutture oculari piuttosto che la riflessione delle onde acustiche. La velocità della luce è quasi un milione di volte più veloce di quella del suono, consentendo la misurazione di strutture e distanze dell'ordine di 10 µm, contro i degli ultrasuoni. La velocità della luce è quasi un milione di volte più veloce di quella del suono, consentendo la misurazione di strutture e distanze dell'ordine di 10 µm, contro i degli ultrasuoni.

24 O.C.T. Come funziona? Proietta sulla retina un fascio di lunghezza d'onda nel vicino infrarosso (820 nm) generato da un diodo superluminescente Proietta sulla retina un fascio di lunghezza d'onda nel vicino infrarosso (820 nm) generato da un diodo superluminescente Confronta i tempi di propagazione dell'eco della luce riflessa dalla retina con quelli relativi allo stesso fascio di luce riflesso da uno specchio di riferimento posto a distanza nota. Confronta i tempi di propagazione dell'eco della luce riflessa dalla retina con quelli relativi allo stesso fascio di luce riflesso da uno specchio di riferimento posto a distanza nota. La distanza percorsa dalleco riflesso viene determinata tramite la variazione della distanza dallo specchio di riferimento La distanza percorsa dalleco riflesso viene determinata tramite la variazione della distanza dallo specchio di riferimento

25 SPECTRAL DOMAIN OCT …..il passato…….

26 Fourier-domain OCT …..il presente-futuro…….

27 Levoluzione della specie RTVue è 65 volte più veloce & ha una risoluzione 2 volte superiore allo Stratus RTVue è 65 volte più veloce & ha una risoluzione 2 volte superiore allo Stratus Zeiss OCT1/ Zeiss Stratus 2002 Optovue RTVue 26, Speed (A-scans /sec) Resolution ( m) Fourier domain Time domain

28 Fourier domain:cosa significa Sul braccio dellinterferomentro è montato uno specchio Sul braccio dellinterferomentro è montato uno specchio Lo specchio si muove fino ad individuare il ritardo di tempo nella riflessione del segnale luminoso da parte degli strati retinici Lo specchio si muove fino ad individuare il ritardo di tempo nella riflessione del segnale luminoso da parte degli strati retinici I dati acquisiti vengono elaborati dal computer ed espressi come segnale A-Scan I dati acquisiti vengono elaborati dal computer ed espressi come segnale A-Scan Lo specchio deve compiere un ciclo di movimento per ogni segnale A-scan Lo specchio deve compiere un ciclo di movimento per ogni segnale A-scan La necessità di dover muovere meccanicamente lo specchio limita la velocità di acquisizione La necessità di dover muovere meccanicamente lo specchio limita la velocità di acquisizione

29 Time Domain OCT SLD Lens Detector Data Acquisition Processing Combines light from reference with reflected light from retina Distance determines depth in A scan Reference mirror moves back and forth Scanning mirror directs SLD beam on retina Interferometer Broadband Light Source Creates A-scan 1 pixel at a time Each A- scan has 400 pixels Final A-scan Process repeated many times to create B-scan

30 Fourier domain:cosa significa Lo specchio di riferimento è fermo Lo specchio di riferimento è fermo La differente reflettività tra il tessuto in esame e il riferimento viene scomposta in uno spettro La differente reflettività tra il tessuto in esame e il riferimento viene scomposta in uno spettro Lo spettro viene catturato da una telecamera e convertito mediante analisi di Fourier in un segnale A-scan Lo spettro viene catturato da una telecamera e convertito mediante analisi di Fourier in un segnale A-scan Lassenza di parti in movimento rende lacquisizione particolarmente rapida Lassenza di parti in movimento rende lacquisizione particolarmente rapida Limmagine si forma tutta nello stesso momento Limmagine si forma tutta nello stesso momento

31 Fourier Domain OCT SLD Spectrometer analyzes signal by wavelength FFT Grating splits signal by wavelength Broadband Light Source Reference mirror stationary Combines light from reference with reflected light from retina Interferometer Spectral interferogram Fourier transform converts signal to typical A-scan Entire A-scan created at a single time

32 FOURIER DOMAIN OCT: RISOLUZIONE 5 µm 1024 A-scans in 0.04 sec STRATUS (TIME-DOMAIN) OCT: RISOLUZIONE 10 µm 512 A-scans in 1.28

33

34

35

36 …..concludendo…… La FAG è un utile ausilio diagnostico per le maculopatie La FAG è un utile ausilio diagnostico per le maculopatie LOCT fornendo immagini sempre più accurate e dettagliate sta diventando uno strumento sempre più importante sia per la diagnosi che per il follow-up del paziente LOCT fornendo immagini sempre più accurate e dettagliate sta diventando uno strumento sempre più importante sia per la diagnosi che per il follow-up del paziente

37 ….concludendo….sullOCT Non è invasivo Non è invasivo E privo di rischi e/o complicanze E privo di rischi e/o complicanze E ripetibile E ripetibile E sensibile E sensibile Oltre che complemento può essere un utile sostituto della FAG Oltre che complemento può essere un utile sostituto della FAG

38


Scaricare ppt "IMAGING DIAGNOSTICO nella DEGENERAZIONE MACULARE Fabrizio G. Puce Hot Topics in Oftalmologia 14/06/2008."

Presentazioni simili


Annunci Google