La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TRATTAMENTO DI FOTOCOAGULAZIONE CON LASER A DIODI PER CNV RECIDIVANTI DOPO LA TERAPIA FOTODINAMICA G. A. Nicoletti, V. M. Marino, G. Scalia, S. Lo Grasso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TRATTAMENTO DI FOTOCOAGULAZIONE CON LASER A DIODI PER CNV RECIDIVANTI DOPO LA TERAPIA FOTODINAMICA G. A. Nicoletti, V. M. Marino, G. Scalia, S. Lo Grasso."— Transcript della presentazione:

1 TRATTAMENTO DI FOTOCOAGULAZIONE CON LASER A DIODI PER CNV RECIDIVANTI DOPO LA TERAPIA FOTODINAMICA G. A. Nicoletti, V. M. Marino, G. Scalia, S. Lo Grasso P.O. S. Marta e S. Venera - Acireale (CT) A.U.S.L. 3 - Catania S.O.Si 2006

2 In alcuni occhi già trattati si sviluppano recidive della CNV in aree extra-foveali adiacenti alla cicatrice centrale asciutta della PDT ( = LESIONE SATELLITE) con essudazione attiva e disturbi soggettivi del paziente = APPANNAMENTO DEL VISUS ++++

3 POSSIBILI TERAPIE NUOVA PDT : no indicazione specifica, costo +++ FC laser tradizionale: (argon e/o diodo), costo accettabile N.B. il laser a diodo passa attraverso sangue ed essudati fino alla coroide!!!

4

5 FOTOCOAGULAZIONE LASER A DIODI (810 nm.) DELLE LESIONI IPERFLUORESCENTI FLUORANGIOGRAFIA: iperfluorescenza extrafoveale al bordo della cicatrice della PDT (temporo- maculare +++) ESAME OCT: edema e/o DEN, aumento spessore retinico foveale > 300 micron DISTURBI SOGGETTIVI : blurred vision, metamorfopsie

6 MATERIALI E METODI 18 occhi di 18 pazienti (13 donne, 5 uomini) con CNV subfoveali, età 58 – 79 aa. (media 66 aa.), 1 monocolo 2-3-sedute di PDT (cicatrice foveale asciutta) Visita completa, FAG, ICG, OCT Sensazione di appannamento e visione distorta +++ Visus tra 1/10 e 2/30 scarsi (2 occhi = posiz. viziata del capo)

7 MATERIALI E METODI Ricerca del punto di fissazione (aiming beam del laser) Fotocoagulazione laser mirata delle aree di essudazione con laser a diodi Iris Medical Oculight SLX (810 nm.) in 1 o 2 sedute con spots di 100 micron, 0.1 W, 0.2 sec. Visita completa, ICGA, FAG e OCT dopo 1 e 3 mesi dal trattamento Follow-up: 12 mesi

8 RISULTATI ESAME OCT: riduzione significativa dellessudazione e delledema retinico FAG: riduzione delliperfluorescenza, ma persistenza di staining tardivo ACUITA VISIVA: miglioramento (max 2 /10 scarsi) in 2 occhi nessun miglioramento in 10 occhi peggioramento (da 2/30 a 1/30) in 1 occhio miglioramento metamorfopsie in 8 occhi Riduzione parziale posiz. viziata capo in 2 occhi

9

10

11

12

13

14

15 COMPLICANZE 1 occhio: emorragia sottoretinica transitoria (terapia medica) 1 occhio : marcata ipofluorescenza dellarea trattata e di metà del polo posteriore (probabile chiusura transitoria di alcuni lobuli coroideali), con successiva riperfusione dopo circa 2 settimane 1 occhio : calo visus (da 1/10 a 2/30), probabilmente da peggioramento dellatrofia cicatriziale (utile microperimetria!!)

16 CONCLUSIONI Il laser a diodo in casi selezionati può essere utilizzato come valida arma terapeutica per recidive extrafoveali post-PDT di CNV con carattere sintomatico, per fenomeni essudativi significativi disturbanti il visus, laddove la PDT non trova indicazione, anche per il costo elevato di tale terapia Il laser a diodo non è esente da complicanze, a causa della difficoltà di dosaggio dellintensità e del tempo di esposizione (emorragie, ischemia coroideale, atrofia)

17 GRAZIE PER LATTENZIONE

18


Scaricare ppt "TRATTAMENTO DI FOTOCOAGULAZIONE CON LASER A DIODI PER CNV RECIDIVANTI DOPO LA TERAPIA FOTODINAMICA G. A. Nicoletti, V. M. Marino, G. Scalia, S. Lo Grasso."

Presentazioni simili


Annunci Google