La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL FOLLOW-UP DEI TUMORI COLORETTALI CARLO SENORE CPO Piemonte - Torino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL FOLLOW-UP DEI TUMORI COLORETTALI CARLO SENORE CPO Piemonte - Torino."— Transcript della presentazione:

1 IL FOLLOW-UP DEI TUMORI COLORETTALI CARLO SENORE CPO Piemonte - Torino

2 INSIEME DI VISITE ED ESAMI, CONDOTTI IN MANIERA SISTEMATICA AL FINE DI OTTENERE UNA ANTICIPAZIONE DIAGNOSTICA DELLE RECIDIVE DI MALATTIA SI ASSUME CHE LA DIAGNOSI ANTICIPATA DI UNA RECIDIVA, IN FASE ASINTOMATICA, PERMETTA LATTIVAZIONE DI PROCEDURE EFFICACI, ATTE A MIGLIORARE LA PROGNOSI (O LA QUALITA DELLA VITA) SORVEGLIANZAPOST-TRATTAMENTO

3 PRATICA ASSIMILABILE AD UN PROGRAMMA DI SCREENING 4EVIDENZE DI EFFICACIA 4MODALITA ORGANIZZATIVE 4COMUNICAZIONE COL PAZIENTE 4COSTI SORVEGLANZA POST- TRATTAMENTO

4 TIPOLOGIA E FREQUENZA DEGLI ACCERTAMENTI DA PROPORRE 4FOLLOW-UP INTENSIVO 4FOLLOW-UP MINIMALISTA EVIDENZA DI EFFICACIA

5 META-ANALISI DEI TRIAL (5) FINO AL 2001 RIDUZIONE ASSOLUTA DELLA MORTALITA DEL 9-13% ASSOCIATA A REGIMI DI FOLLOW-UP INTENSIVO IL NUMERO DI RECIDIVE ISOLATE (SOPRATTUTTO LE RECIDIVE LOCALI) DIAGNOSTICATE NEI BRACCI DI INTERVENTO ERA PIU ELEVATO RISPETTO AL CONTROLLO POSSIBILE SPIEGAZIONE DELLEFFETTO SULLA SOPRAVVIVENZA EVIDENZA DI EFFICACIA

6 I RISULTATI OTTENUTI VENGONO MESSI IN RELAZIONE ALLUSO DELLA TC E DI FREQUENTI DETERMINAZIONI DEL CEA NON E POSSIBILE RICAVARE INDICAZIONI SU SCHEMI SPECIFICI DATA LESTREMA VARIABILITA DELLE PRATICHE DI FOLLOW- UP ADOTTATE NEI DIVERSI STUDI: SCHEMI DEL BRACCIO INTENSIVO DI ALCUNI STUDI EQUIVALENTI AGLI SCHEMI DEI BRACCI DI CONTROLLO DI ALTRI EVIDENZA DI EFFICACIA

7 UNA STRATEGIA DI FOLLOW-UP INTENSIVO MIGLIORA LA PROGNOSI IN PAZIENTI CON CA DEL COLON IN STADIO II O IN PAZIENTI CON CA DEL RETTO, MA NON IN PAZIENTI CON CA DEL COLON IN STADIO III (Rodriguez-Moranta JCO 2006) MA …. LA COLONSCOPIA (NON OFFERTA NEL BRACCIO DI CONROLLO) ERA IL TEST CHE AVEVA PERMESSO LA DIAGNOSI DEL 44% DELLE RECIDIVE CURABILI NEL BRACCIO DI INTERVENTO EVIDENZA DI EFFICACIA

8 LO STUDIO GILDA FOLLOW-UP DI DUE ANNI SU 1175 PAZIENTI (FOSSATI - Workshop follow-up in oncologia, Bologna 2005) EQUIVALENTI % DI RECIDIVE CURABILI E DISEASE FREE SURVIVAL NEL BRACCIO INTENSIVO E IN QUELLO MINIMALISTA EVIDENZA DI EFFICACIA

9 LA QUALITA DELLA VITA SOLO UNO STUDIO, CHE MOSTRA SU 350 PAZIENTI UN MODESTO AUMENTO, STATISTICAMENTE SIGNIFICATIVO, DELLA QUALITA DELLA VITA CON FOLLOW-UP INTENSIVO (Kjeldsen 1999) NON VI E EVIDENZA DI EFFETTO NEGLI STUDI EFFETTUATI SU PAZIENTI IN FOLLOW-UP PER CA DELLA MAMMELLA EVIDENZA DI EFFICACIA

10 LA QUALITA DELLA VITA IN PAZIENTI CON RECIDIVE O METASTASI NON TRATTABILI CON INTENTO RADICALE LA SCELTA DI INIZIARE IL TRATTAMENTO NELLA FASE ASINTOMATICA NON RISULTA ASSOCIATO AD UN MIGLIORAMENTO DELLA SOPRAVVIVENZA O DELLA QUALITA DELLA VITA RISPETTO AD UN TRATTAMENTO INIZIATO ALLA COMPARSA DEI SINTOMI (Ackland 2005) EVIDENZA DI EFFICACIA

11 MIGLIORAMENTI DELLE TERAPIE DELLA FASE AVANZATA DI MALATTIA PERMETTONO OGGI DI OTTENERE MAGGIORI BENEFICI MA E MIGLIORATO ANCHE IL TRATTAMENTO PRIMARIO LE RECIDIVE LOCALI NEL TUMORE DEL RETTO POSSONO ESSERE CONTENUTE SOTTO IL 10% GRAZIE AI MIGLIORAMENTI DELLA CHIRURGIA E ALLUSO DELLA RADIOTERAPIA (Folkesson 2005) RECIDIVE LOCALI AL 15% NEGLI STUDI INCLUSI NELLA META-ANALISI 2002 EVIDENZA DI EFFICACIA

12 FARMACI APPROVATI SULLA BASE DI STUDI NON ADEGUATI A FORNIRE LE INFORMAZIONI NECESSARIE AD UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DELLEFFICACIA E DEI RISCHI (Apolone 2005) SOLO IL 2% DEL GUADAGNO DI SOPRAVVIVENZA SAREBBE DOVUTO ALLE TERAPIE; IL RESTO SAREBBE ATTRIBUBILE AD EFFETTI INDIRETTI DEL FOLLOW-UP (Renehan 2005) EVIDENZA DI EFFICACIA

13 DIVERSE INDAGINI SULLA PRATICA CORRENTE HANNO MOSTRATO UNA FORTE VARIABILITA NEGLI SCHEMI DI FOLLOW-UP ADOTTATI SOLO IL 20-25% DEI PAZIENTI VIENE SEGUITO CON SCHEMI CORRISPONDENTI ALLE LINEE GUIDA LOCALI NELLA MAGGIORANZA DEI CASI VI E UN SOVRA-UTILIZZO DELLE PROCEDURE MODALITA ORGANIZZATIVE

14 INDAGINI CONDOTTE IN FRANCIA E USA EVIDENZIANO CHE UNA CERTA QUOTA DI PAZIENTI NON RICEVE UNA SORVEGLIANZA ADEGUATA *IL 40% DEI PAZIENTI IN UNINDAGINE FRANCESE (BASE DI POPOLAZIONE - Registri tumori) NON AVEVA AVUTO, IN UN PERIODO DI 3 ANNI DALLA DIAGNOSI, ALCUN DOSAGGIO DEL CEA E SOLO L11% AVEVA EFFETTUATO IL NUMERO DI CONTROLLI PREVISTI DALLE LINEE GUIDA *IL 20% DEI PAZIENTI NON AVEVA EFFETTUATO UNA COLONSCOPIA MODALITA ORGANIZZATIVE

15 I PAZIENTI LAMENTANO *MANCANZA DI CONTINUITA *MANCANZA DI SPAZIO PER DOMANDE, PER ESPRIMERE PREOCCUPAZIONI COLLOQUIO FRETTOLOSO E POCO RASSICURANTE NECESSITA DI NUOVO MODELLO DI GESTIONE DEL FOLLOW-UP? MODALITA ORGANIZZATIVE - COMUNICAZIONE CON IL PAZIENTE

16 COSTO STIMATO VARIABILE DA 1500 $ A $ FAVOREVOLE RAPPORTO COSTO EFFICACIA DEL FOLLOW-UP INTENSIVO SULLA BASE DELLANALISI DEI TRIAL INCLUSI NELLA META-ANALISI DEL 2002 (Renehan 2004) COSTI

17 EVIDENZA CLINICA DEBOLE ANALISI COST-EFFECTIVENESS NON STANDARDIZZATE 4PROGETTI FINALIZZATI ALLA VALUTAZIONE DELLE CRITICITA E ALLIDENTIFICAZIONE DI AREE DI MIGLIORAMENTO CONCLUSIONI

18 SORVEGLIANZA PER –RECIDIVE / METASTASI –COMPLICANZE DELLA TERAPIA COUNSELING E INFORMAZIONE DEL PAZIENTE TUTELA MEDICO-LEGALE RICERCA DIVERSI POSSIBILI OBIETTIVI


Scaricare ppt "IL FOLLOW-UP DEI TUMORI COLORETTALI CARLO SENORE CPO Piemonte - Torino."

Presentazioni simili


Annunci Google