La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto biennale rivolto allaccoglienza e allintegrazione scolastica e sociale dei ragazzi con bisogni educativi speciali. I CARE Imparare Comunicare.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto biennale rivolto allaccoglienza e allintegrazione scolastica e sociale dei ragazzi con bisogni educativi speciali. I CARE Imparare Comunicare."— Transcript della presentazione:

1 Progetto biennale rivolto allaccoglienza e allintegrazione scolastica e sociale dei ragazzi con bisogni educativi speciali. I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

2 Rete di scuole: II Circolo Didattico di Fossano I Circolo Didattico di Fossano Istituto Comprensivo di Bene Vagienna Scuola Secondaria di Primo Grado Sacco-Boetto-Paglieri

3 Percorso svolto A.S Creazione del gruppo di referenti Auto-valutazione del livello di inclusione scolastica nei nostri istituti Confronto e ricerca di criteri per individuare buone prassi di integrazione Progettazione di un percorso di aggiornamento e formazione organizzato con il Dott. Elvio Mattalia, psicopedagogista e vice-presidente associazione Arsdiapason, già dirigente scolastico (collaborazione Con Università, Asl, Centro Famiglie di Savigliano…) Elaborazione dei questionari per rilevare esperienze positive di integrazione scolastica (riconsegna entro 18 ottobre)

4 Autovalutazione rete di scuole PUNTI DEBOLI: -Lavoro in rete: coinvolgimento di famiglie e personale Asl nellelaborazione del PEI e nel GLH; collaborazione con associazioni e enti locali. -Organizzazione: condivisione criteri di valutazione per gli alunni diversamente abili; presenza di criteri specifici per la formazione delle classi e lassegnazione degli insegnanti curricolari e di sostegno alle classi; precarietà e mobilità degli insegnanti di sostegno; funzione strumentale per lintegrazione. -Formazione: documentazione e divulgazione di esperienze positive di integrazione scolastica, diffusione metodologie didattiche per la riduzione delle disabilità. -Didattica: tutoring, apprendimento cooperativo, tempi di compresenza, uso di aule di sostegno, utilizzo di software e ausili informatici, coinvolgimento insegnanti curricolari.

5 Percorso di formazione-aggiornamento A.S Il percorso si snoda su due livelli: LIVELLO di FORMAZIONE E RICERCA - Percorso sulle buone prassi - Percorso di osservazione psico-pedagogica LIVELLO di INFORMAZIONE - Interventi teorici Il percorso si snoda su due livelli: LIVELLO di FORMAZIONE E RICERCA - Percorso sulle buone prassi - Percorso di osservazione psico-pedagogica LIVELLO di INFORMAZIONE - Interventi teorici Gli insegnanti possono partecipare ad entrambi i livelli o ad uno. Un CONVEGNO FINALE presenterà il lavoro svolto.

6 Percorso di formazione-aggiornamento Livello di formazione-ricerca PERCORSO DI OSSERVAZIONE PSICO-PEDAGOGICA guidato dal dott. Elvio Mattalia Lettura e discussione, in gruppo (composto da insegnanti di sostegno e cuuricolari), di osservazioni su situazioni problematiche. Riflessioni sul ruolo dellinsegnante di sostegno e curricolare, sullorganizzazione del contesto, su aspetti relazionali. Losservazione psico-pedagogica del contesto di intervento 12 dicembre 2008 – 15:30/18:30 Lavoro di gruppo (5 incontri) 13 febbraio, 13 marzo, 17 aprile, 24 aprile, 8 maggio :30/18:30

7 Percorso di formazione-aggiornamento Livello di formazione-ricerca Una scuola per tutti gli alunni: organizzazione scolastica e benessere E. Mattalia 17 ottobre 2008 – 15:30/18:30 Presentazione buone prassi di integrazione scolastica (questionari) 21 novembre – 16:30/18:30 I criteri per individuare buone prassi di integrazione scolastica Confronto tra: risultati dei questionari, rilievi emersi dai gruppi di osservazione, criteri definiti inizialmente delle ins. referenti. 15 maggio 2008 – 15:30/18:30 PERCORSO DI RICERCA SULLE BUONE PRASSI

8 Percorso di formazione-aggiornamento Livello di informazione Analisi delle difficoltà e progettazione dellintervento: Presentazione del modello di diagnosi ICF Stefania Cogno (NPI) La progettazione del PEI Silvia Giraldo (Università di Torino) 16 gennaio 2008 – 14:30/16:30 – 16:30:18:30 Il sistema scuola-famiglia-asl La pedagogia dei genitori Centro Famiglie di Savigliano Il lavoro di rete Germana De Leo (neurospichiatra infantile) 27 febbraio 2008 – 14:30/16:30 – 16:30:18:30 Lutilizzo di software e ausili informatici per lintegrazione Visita al Centro Supporto Territoriale presso lIstituto S. Grandis 27 marzo 2008 – 14:30/16:30 – 16:30:18:30 INTERVENTI TEORICI

9 Convegno finale 17 giugno 2009 La ricerca-azione sulle buone prassi di integrazione scolastica Dott. Elvio Mattalia (Psico-pedagogista, vice-presidente dellassociazione Arsdiapason, già Dirigente Scolastico) Trentanni di integrazione: a che punto sta la scuola inclusiva? Marisa Pavone (Professoressa di Pedagogia Speciale Università degli studi di Torino) Linsegnante e le situazioni di disagio Dott.ssa Granieri (psicopedagogista e preside)


Scaricare ppt "Progetto biennale rivolto allaccoglienza e allintegrazione scolastica e sociale dei ragazzi con bisogni educativi speciali. I CARE Imparare Comunicare."

Presentazioni simili


Annunci Google