La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tradizione: La vigilia di Natale, in piazza, veniva acceso un grande falò che durava più giorni. Tale tradizione persiste ancora oggi. Solo gli uomini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tradizione: La vigilia di Natale, in piazza, veniva acceso un grande falò che durava più giorni. Tale tradizione persiste ancora oggi. Solo gli uomini."— Transcript della presentazione:

1

2 Tradizione: La vigilia di Natale, in piazza, veniva acceso un grande falò che durava più giorni. Tale tradizione persiste ancora oggi. Solo gli uomini si sedevano, durante la notte, intorno al fuoco e cantavano una ninnananna, accompagnandosi con la chitarra battente.

3 Durante il periodo natalizio gli uomini andavano presso le famiglie amiche a cantare a crustularo sempre accompagnandosi con la chitarra battente. In questa occasione venivano loro offerti crustuli, scalidde e vino.

4 Ingredienti: ½ l. di olio doliva ½ l. di vino bianco Un pizzico di sale, uno di cannella in polvere Chiodi di garofano pestati nel mortaio Buccia darancia grattugiata Miele Farina q.b. Preparazione: mettere a bollire tutti gli ingredienti; quindi levateli dal fuoco e aggiungete farina in quantità sufficiente ad assorbire i liquidi, facendo attenzione a che la pasta non sia né dura, né molle. Dividete la pasta in grossi gnocchi e friggeteli in olio doliva, prima a fuoco lento. A parte fate bollire il miele e tuffatevi gli gnocchetti. Lasciate raffreddare e servite. Dolce: CRUSTULI

5 E un canto in dialetto calabrese, scritto molti anni fa dal compositore mirtense di canzoni liturgiche, il Prof. Giuseppe Carrisi. Questo canto, per lintensità del suo messaggio e per la sua bellezza, è ormai entrato a far parte delle tradizioni natalizie del nostro paese. Canto:

6 1.All'omminu cchiù riccu - e a ru pezzente stanotte vatte 'mpiettu - cchiù forte 'u core Ognunu s'inginocchia - davanti a ttia ti guarda e si nni preja - oj Ninnu bellu. Rit. E quannu tu sì natu - cadìa ra niva parìa Bettilemme -'na rosa janca E cchi friddu ca facia - 'ntra chilla grutta Oj Ninnu c'ha passatu - pe' nni sarvare. 2. E duve mai s'è vistu - ca 'nu regnante è natu'n mezz'a pagghja - cu gran dulure 'SSa rigalìa l'ha fatta -ssu Diu putente e ni l'ha fatt'a tutti - pe' tropp'amure. 3. A chine 'ntra 'ssa notte -un tene pace oj Ninnu,e dunalilla - 'hn ' ntia 'e speranza e a chne ancora 'un crire - e nun ti penza oj Ninnu,e falle ancora -'na'ntiae cridenza. 4. Cumu dintr'a 'ssa chiesa - si su' appicciate tutte 'sse luci belle - e culurate cussì mi piacisse - ca s'appicciasse ogni anima d'amure - pe'ttia,Signure. 5. Pe' mia ca sugnu sulu -nu povarellu t'arraccumannu tantu -'na cosa sula: 'a srada chi mi porta -'nCu paravisu umma fare sgarrare - mai 'na vota.


Scaricare ppt "Tradizione: La vigilia di Natale, in piazza, veniva acceso un grande falò che durava più giorni. Tale tradizione persiste ancora oggi. Solo gli uomini."

Presentazioni simili


Annunci Google