La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CATARATTA. Opacizzazione del cristallino conseguente ad alterazione delle proteine della lente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CATARATTA. Opacizzazione del cristallino conseguente ad alterazione delle proteine della lente."— Transcript della presentazione:

1 LA CATARATTA

2 Opacizzazione del cristallino conseguente ad alterazione delle proteine della lente

3 Diottro Ogni mezzo in grado di rifrangere i raggi luminosi, cioè di modificarne la traiettoria

4

5

6

7 1) Fibre zonulari 2) Cristallino Capsula anteriore Capsula posteriore Nucleo Corticale 3) Corpo ciliare 1) Fibre zonulari 2) Cristallino Capsula anteriore Capsula posteriore Nucleo Corticale 3) Corpo ciliare

8 Classificazione Congenita: rara fondamentale diagnosi e chirurgia precoce Senile principale indicazione chirurgica in oftalmologia quando invalidante Post-traumatica Dismetaboliche Altre.

9 Classificazione Post-traumatica T. contusivi T. Penetranti Iatrogena (vitrectomia) Dismetaboliche Diabete mellito Altre Corticosteroidi Uveiti.

10 CATARATTA CONGENITA

11

12

13 CATARATTA POSTTRAUMATICA

14 Cataratta senile Classificazione con biomicroscopia (lampada a fessura): nucleare, corticale, sottocapsulare

15 CATARATTA SENILE

16

17 Fattori di rischio –caratta senile Radiazioni Diabete Esposizione ad ultravioletti altri (farmaci, uveiti) Fattori di rischio –caratta senile Radiazioni Diabete Esposizione ad ultravioletti altri (farmaci, uveiti)

18 Rilevanza Sanitaria Incidenza di intervento di cataratta: 4/1000 per anno nei paesi industrializzati

19 Sintomatologia Riduzione lenta e progressiva acuità visiva, sensibilità al contrasto Miopizzazione (nucleare) Abbagliamento (sottocapsulare posteriore) A volte diplopia monoculare (corticale) Riduzione lenta e progressiva acuità visiva, sensibilità al contrasto Miopizzazione (nucleare) Abbagliamento (sottocapsulare posteriore) A volte diplopia monoculare (corticale)

20 Come si modifica la qualità visiva del paziente con sclerosi del cristallino ?

21 Non esiste un efficace e comprovato trattamento farmacologico

22 Indicazione chirurgica Quando la caratatta determina un calo visivo che riduce la qualità della vita del paziente Solitamente per visus <5/10 Lindicazione varia con: preferenze/necessità del paziente, età, stato dellocchio controlaterale, area geografica Indicazione chirurgica Quando la caratatta determina un calo visivo che riduce la qualità della vita del paziente Solitamente per visus <5/10 Lindicazione varia con: preferenze/necessità del paziente, età, stato dellocchio controlaterale, area geografica

23 Intervento chirurgicao Facoemulsificazione (ultrasuoni!!!!) Impianto di lente intraoculare (IOL) Estrazione extra/intracapsulare Intervento chirurgicao Facoemulsificazione (ultrasuoni!!!!) Impianto di lente intraoculare (IOL) Estrazione extra/intracapsulare

24

25

26

27 Complicanze della chirurgia Tecnica mininvasiva Complicanze precoci e tardive di grado lieve-moderato <5% Complicanze della chirurgia Tecnica mininvasiva Complicanze precoci e tardive di grado lieve-moderato <5%

28 Complicanze della chirurgia Complicanza severa infezione endoculare o endoftalmite<1/1000; insorgenza solitamente entro i primi giorni del postoperatorio con dolore intenso, arrossamento: terapia antiobioticatopica, intravitreale, sistemica. Vtx Complicanze frequenti Iposfagma Sensazione di corpo estraneo Opacizzazione della capsula posteriore (>40%), CATARATTA SECONDARIA Complicanze della chirurgia Complicanza severa infezione endoculare o endoftalmite<1/1000; insorgenza solitamente entro i primi giorni del postoperatorio con dolore intenso, arrossamento: terapia antiobioticatopica, intravitreale, sistemica. Vtx Complicanze frequenti Iposfagma Sensazione di corpo estraneo Opacizzazione della capsula posteriore (>40%), CATARATTA SECONDARIA

29 Opacizzazione della capsula posteriore Tx: capsulotomia Nd:YAG laser Procedura ambulatoriale Possibili complicanze: Transitorio aumento IOP DR Dislocazione della IOL Opacizzazione della capsula posteriore Tx: capsulotomia Nd:YAG laser Procedura ambulatoriale Possibili complicanze: Transitorio aumento IOP DR Dislocazione della IOL


Scaricare ppt "LA CATARATTA. Opacizzazione del cristallino conseguente ad alterazione delle proteine della lente."

Presentazioni simili


Annunci Google