La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alexandra Berrino Claudia Bianchino Francesca Raggi Rosa Maria Marchi Raoul Mosconi Federica Rinaldi Gilda Socievole 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alexandra Berrino Claudia Bianchino Francesca Raggi Rosa Maria Marchi Raoul Mosconi Federica Rinaldi Gilda Socievole 1."— Transcript della presentazione:

1 Alexandra Berrino Claudia Bianchino Francesca Raggi Rosa Maria Marchi Raoul Mosconi Federica Rinaldi Gilda Socievole 1

2 Executive summary Indice 1.Lazienda: identità e territorio 2.Il progetto e il team manageriale 3.Il mercato/target di riferimento 4.La concorrenza 5.Il nuovo ospedale come sistema di prodotto 6.Piano di comunicazione marketing 7.La struttura organizzativa 8.Le proiezioni economico-finanziarie 9.Proposte 2

3 EXECUTIVE SUMMARY LOspedale San Raffaele del Mediterraneo offre una risposta efficiente ed efficace ai bisogni sanitari della popolazione del territorio tarantino. Il sistema sanitario regionale in cui si inserisce lospedale presenta alti tassi di mobilità passiva dovuti alla mancanza di servizi sanitari di qualità ed integrati a quelli già esistenti. Il nuovo ospedale di Taranto, in partnership con la riconosciuta esperienza del San Raffaele, contribuirà a valorizzare ed innovare il sistema sanitario locale, nelle sue articolazioni ed integrazioni, nel segno di una rete di servizi e strutture che si svilupperà armoniosa e sinergica. Il modello organizzativo ideato prevede una efficiente presa in carico del paziente promuovendo il setting assistenziale più adeguato e più vicino al domicilio, in forte integrazione ospedale-territorio. Il presidio ospedaliero tarantino si propone come lHub dello Ionio, rappresentando il principale riferimento della rete ospedaliera provinciale. A tal fine la sua costruzione è prevista in una zona favorevole alla viabilità ed ai collegamenti con gli altri 4 P.O. della Provincia. La nuova struttura risponde ai principi della bioarchitettura ecosostenibile e il suo progetto si inserisce in una logica di cura che si avvale anche degli elementi strutturali dell edificio e naturali dellambiente in cui si inserisce, favorendo il lavoro in team ed ottimizzando il patient flow. Lapproccio multidisciplinare e la tensione alleccellenza farà del nuovo ospedale di Taranto un modello di innovazione e sviluppo delle conoscenze, in collaborazione con larea tecnologico scientifica dellUniversità locale e con il contributo di affermati professionisti del San Raffaele, che potenzieranno linterscambio dei know how, generando cultura. Il team manageriale si avvale di professionisti esperti locali e di contributi provenienti da altre realtà già consolidate sul territorio nazionale, assicurando la continua valorizzazione e lo sviluppo dei professionisti e della struttura. Gli investimenti sono relativi alla progettazione e costruzione del nuovo Ospedale San Raffaele del Mediterraneo e all'acquisizione di apparecchiature di alto livello in linea alla strategia di diventare una struttura ad alti standard qualitativi. Questi ammontano a 210 milioni di euro. 3

4 1.L azienda: identità e territorio Del Mediterraneo Ospedale San raffaele 2010 Taranto Italiana Quartiere Paolo 6 Bacino del Mar Ionio Eccellente Efficiente ed Efficace 570 posti letto Organizzato per intensità di cura Tecnologie innovative e PDTA Il nuovo Hub dello Ionio per curare i tarantini nel loro territorio 4

5 Vision Lospedale di Taranto ha lobiettivo di diventare il nuovo Hub dello Ionio Qualità delle cure Continuità assistenziale Equità sociale Solidarietà Efficienza Efficacia Rete servizi Innovazione scientifica Etica LOspedale di Taranto, primo modello ad intensità di cura del Mediterraneo, risponde ai bisogni di salute dellintera popolazione locale, erogando prestazioni e servizi di diagnosi, cura e riabilitazione alla persona, utilizzando le conoscenze più avanzate di ogni settore, integrate in un paradigma multidisciplinare. Lofferta dellospedale comprende: - servizi sanitari polispecialistici ed innovativi di alta qualità - lo sviluppo della ricerca e della formazione - la valorizzazione e lincremento delle professionalità interne promuovendo unassistenza a 360° Mission 5

6 2. Il progetto e il team manageriale Situato nel quartiere Paolo 6, il nuovo ospedale San Raffaele del Mediterraneo diventerà la sede ospedaliera unica della ASL di Taranto e il primo ospedale per intensità di cura della Puglia. La nuova struttura ospedaliera consentirà di costruire un nuovo modello dellassistenza ospedaliera sul territorio provinciale rappresentando lHub per gli ospedali: Ospedale civile San Marco-Grottaglie Ospedale Giannuzzi- Manduria Ospedale civile Martina Franca Stabilimento ospedaliero Castellaneta Lospedale intende offrire risposte di salute a 360°. Ponendo il paziente al centro garantirà la continuità attraverso PDTA ad alta intensità assistenziale e integrati con la rete ospedaliera e i servizi territoriali pubblici e privati. Il team manageriale si avvale di professionisti esperti locali e di contributi provenienti da altre realtà già consolidate sul territorio nazionale, assicurando la continua valorizzazione e lo sviluppo dei professionisti e della struttura. 6

7 3. Il mercato/ target di riferimento La popolazione di Taranto e Provincia è caratterizzata da: basso tasso di natalità incremento dellindice di vecchiaia (+47%) riduzione classi di età giovanili (0-14) e intermedie (15-44) patologie emergenti: oncologiche (polmone, pleura, vescica), cardiovascolari ed ortogeriatria alta mobilità passiva intra-regionale (23%) e extraregionale (9%) 7

8 4.La concorrenza Azienda ospedaliero universitaria consorziale policlinico di Bari : polo attrazione per procedure specialistiche e ad alta complessit à (chirurgia molto sviluppata) I.R.C.C.S. Ospedale Oncologico Giovanni Paolo II (Bari):Oncologia medica e sperimentale, oncologia sperimentale clinica, radiodiagnostica interventistica, radioterapia oncologica I.R.C.C.S. De Bellis – Castellana Grotte Bari):(gastroenterologia I e II) I.R.C.C.S Medea Ostuni (Brindisi) U.O. di neuro abilitazione e neuropatologia AOU Foggia Focus su medicina, ematologia universitaria, gastroenterologia universitaria, Struttura complessa di Nefrologia e Dialisi Ospedaliera. polo attrazione soprattutto per residenti fuori regione. Fondazione Salvatore Maugeri (Bari) Centri Malattie Rare Ente Ecclesiastico Miulli Acquaviva (Bari): malattie dell apparato respiratorio. 8

9 5. Il nuovo ospedale come sistema prodotto 9

10 6. Piano di comunicazione marketing Politica La guida Attivazione di una cabina di regia provinciale con il coinvolgimento dei Sindaci e la Direzione Generale dellAUSL. Il contributo dei territori Adozione di un protocollo di intesa fra Provincia e Comuni per gli investimenti volti a promuovere la mobilità funzionale al nuovo assetto ospedaliero. Istituzione di un tavolo di lavoro permanente con lospedalità privata. Organizzazione La riorganizzazione degli ospedali cittadini Istituzione di un Gruppo di progetto per lorganizzazione dellospedale per intensità di cura, a riferimento del territorio provinciale La collaborazione fra tutti gli ospedali della ASL Istituzione delle reti cliniche interaziendali alla base del modello hub e spoke. LIntegrazione Ospedale/territorio Perseguimento di una reale integrazione socio sanitaria mediante formalizzazione di una task force con i responsabili dei Distretti e dei Servizi sociali comunali. Meccanismi operativi Le nuove tecnologie al servizio del progetto Potenziamento degli strumenti di ICT con ladozione di un unico ADT per tutti gli ospedali pubblici aziendali, integrato con i sistemi informativi dei servizi ambulatoriali, territoriali e dei MMG. La collaborazione dei professionisti Pianificazione di programmi di formazione ed aggiornamento residenziali e on work per tutto il personale sanitario. Il governo delle risorse Contrattualistica con lospedalità privata. Comunicazione La promozione della salute Ideazione e sviluppo di una campagna informativa in tema di prevenzione primaria e diagnosi precoce, volta a ridurre le asimmetrie informative del territorio e a promuovere fiducia verso i professionisti della sanità pubblica locale Verifica Il monitoraggio Costituzione di un gruppo per il monitoraggio periodico del progetto presieduto dallAssessore Regionale. Valutazione Definizione di metodi e strumenti di valutazione periodica del progetto, per la revisione dei processi attivati, in una logica di miglioramento continuo. 10

11 7. Struttura organizzativa 11

12 8. Proiezioni economico finanziarie VALORE DELLA PRODUZIONE : Riallocazione PL per intensità di cura : Bassa complessità : 319 PL di cui DHM 37 e DHC 39 ( ) Alta complessità : 195 PL di cui DHM 26 ( ) Cura intensiva : 28 PL Post-acuzie : 30 PL (ex novo) Intensificazione lattività di diagnosi e cura per esterni PROPOSTA : Eventuale fonte di rientro futura Area A Pagamento COSTI DELLA PRODUZIONE: Il piano contiene azioni per il contenimento dei costi : Riduzione mobilità passiva Stabilizzazione costi del personale Creazione di ununica struttura fisica e della relativa organizzazione per intensità di cura permette il perseguimento di economie di scala. EBT : Il picco negativo iniziale è fisiologico perché legato alla necessità di investimenti iniziali finalizzati alla riqualificazione dellofferta. 12

13 Convenienza economica Gli investimenti comprendono : Opere civili e impiantistiche Infrastrutture esterne e parcheggio Attrezzature e apparecchiature sanitarie e arredi VAN = ,16 TIR = 5,5% TIR > WACC (2,8 %) Linvestimento genera un buon rendimento interno ed è quindi considerato conveniente. 13

14 Sostenibilità finanziaria Lindice di copertura del debito ha un andamento tale per cui i flussi di cassa del progetto (dal quinto anno dallentrata a regime) coprono la quota capitale e la quota interessi di ogni anno. Per t > 5 anni DSCR 1 14

15 VISIONE: Il nuovo modello sanitario per il bacino dello Ionio; LINEE STRATEGICHE: 1.Rispondere a 360° ai bisogni di salute della popolazione sul territorio Tarantino 2.Governare lofferta ospedaliera OBIETTIVI: 1. Ridurre la mobilità passiva 2. Intensità di cura 3.modello Hub and Spoke AZIONI: Nuovo Ospedale Investimenti infrastruttura e in beni/arredi Differenziazione dei regimi di assistenza sanitaria offerti sul territorio 9. Proposte 15


Scaricare ppt "Alexandra Berrino Claudia Bianchino Francesca Raggi Rosa Maria Marchi Raoul Mosconi Federica Rinaldi Gilda Socievole 1."

Presentazioni simili


Annunci Google