La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia e Ambiente - Introduzione 1 A.A. 2007-2008 Corso di Laurea in Scienze ambientali – Scienze biologiche Economica dellambiente Economia delle risorse.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia e Ambiente - Introduzione 1 A.A. 2007-2008 Corso di Laurea in Scienze ambientali – Scienze biologiche Economica dellambiente Economia delle risorse."— Transcript della presentazione:

1 Economia e Ambiente - Introduzione 1 A.A Corso di Laurea in Scienze ambientali – Scienze biologiche Economica dellambiente Economia delle risorse marine Anna Montini Lezioni I e II Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali - Sede Ravenna

2 Economia e Ambiente - Introduzione 2 -Risorse scarse -Classificazione delle risorse naturali -Costo opportunità -Impiego efficiente di una risorsa -Sfruttamento e preservazione -Beni privati vs beni pubblici -Valore del bene ambientale -Valore e prezzo -Costi e benefici nel tempo -Tasso di sconto -Esternalità/effetti esterni -Teorema di Coase Alcuni concetti BASE

3 Economia e Ambiente - Introduzione 3 Economia: -scienza che studia lallocazione di RISORSE SCARSE (tra usi alternativi) -studio dei problemi relativi allutilizzo di mezzi scarsi suscettibili di impieghi alternativi (scelta; coordinamento) -scienza che studia la condotta umana come una relazione tra scopi e mezzi scarsi applicabili ad usi alternativi (Lionel Robbins, Essay on the Nature and Significance of Economic Science, 1932) Microeconomia vs macroeconomia Economy (insieme attività e rapporti tra uomini connessi alla produzione ed al consumo di beni e servizi) vs Economics (scienza economica) Economia: introduzione e strumenti

4 Economia e Ambiente - Introduzione 4 Bene economico: prodotto lavorato o scambiato nel sistema economico Risorsa: ogni mezzo scarso impiegabile a scopi alternativi Risorsa scarsa: Utile; esiste richiesta / fabbisogno Non disponibile in quantità sufficiente rispetto al fabbisogno (scarsità: proprietà relativa di un bene) diventano oggetto di attività economica viene loro attribuito un valore / un prezzo Economia: introduzione e strumenti

5 Economia e Ambiente - Introduzione 5 Ambiente da risorsa libera a bene economico Ambiente: fornisce base di risorse -> SCARSE -> economiche Risorse naturali e ambientali: ESAURIBILI: stock finiti Risorse rinnovabili ricostituite da cicli naturali + flusso esterno energia solare problema di flusso sostenibile di sfruttamento problema di stock sostenibile Risorse non rinnovabili disponibili in quantità fissa problema di stock (intertemporale) -> scelta sentiero temporale sfruttamento

6 Economia e Ambiente - Introduzione 6 Ambiente da risorsa libera a bene economico Risorse rinnovabili Risorse rinnovabili biologiche Non esauribili (energia solare, maree) Esauribili -> capacità ricostituzione naturale dello stock (se adeguato) Risorse rinnovabili fisiche struttura suolo e fertilità atmosfera capacità assimilativa ambiente acqua -> rigenerabili (da cicli naturali se sfruttamento adeguato) Risorse non rinnovabili Non rinnovabili ma (parzialm.)riciclabili Non rinnovabili e non riciclabili: solo det.tasso ottimale uso

7 Economia e Ambiente - Introduzione 7 Efficienza sociale di un certo impiego o allocazione delle risorse quando non è possibile che la situazione di qualche componente della società migliori, senza il peggioramento della situazione di qualche altro componente della società Efficienza sociale così definita nota come efficienza paretiana Una situazione socialmente efficiente massimizza il beneficio netto sociale Economia: introduzione e strumenti

8 Economia e Ambiente - Introduzione 8 Efficienza allocativa: Allocazione efficiente = Allocazione Pareto-ottimale: quando NON esiste unaltra allocazione realizzabile in cui entrambi gli individui stiano meglio (o anche uno solo di essi stia meglio a parità di condizione dellaltro) (Pareto, 1927) se Non esiste unaltra allocazione realizzabile che garantisca a tutte le parti coinvolte nello scambio un livello di utilità non inferiore e permetta ad almeno una delle parti di raggiungere un livello di utilità maggiore Economia: introduzione e strumenti

9 Economia e Ambiente - Introduzione 9 Concetto di costo non è concetto assoluto ->il costo economico è sempre un COSTO OPPORTUNITA Il costo di intraprendere una qualunque attività è rappresentato dalle opportunità perse per svolgere quella attività chi decide di intraprendere unattività deve avere valutato di potere coprire il suo costo-opportunità Def: Costo opportunità di un det. impiego di risorse è il beneficio associato al miglior impiego alternativo al quale si rinuncia modi alternativi di impiego delle risorse: sfruttamento vs preservazione dellambiente Economia: introduzione e strumenti

10 Economia e Ambiente - Introduzione 10 Il costo opportunità dello sfruttamento è la preservazione (e viceversa) P0 P* o = C(P) = B(P)

11 Economia e Ambiente - Introduzione 11 Efficienza sociale e sfruttamento o preservazione sfruttamento S / preservazione P P=S 0 -S(P=0 se S massimo) costo opportunità dello sfruttamento è beneficio a cui si rinuncia sfruttando anziché preservando: D(S) = -B(P) e viceversa: C(P)= - B(S) Livello socialmente efficiente: massimizza beneficio totale netto preservazione (max benefici – costi sociali): max[B(P)-C(P)] -> max[B(S)-D(S)] (problemi speculari: conservare lambiente costa!!)

12 Economia e Ambiente - Introduzione 12 Efficienza sociale e sfruttamento o preservazione max[B(P)-C(P)] -> max[B(S)-D(S)] B(P*)=C(P*) condizione per livello efficiente preservazione B(S*)=D(S*) condizione per livello efficiente sfruttamento -> P*=S 0 -S* Si sintetizzano in unico problema: MINIMIZZAZIONE della somma dei costi sociali dello sfruttamento e della conservazione min[D(S)+C(P)] -> D(S)=C(P) (in E) P0 P* o = C(P) = B(P)

13 Economia e Ambiente - Introduzione 13 Efficienza sociale e sfruttamento o preservazione E rappresenta al tempo stesso: -soluzione problema livello socialmente eff.di sfruttamento -soluzione problema livello socialmente eff.di protezione -soluzione problema minimizzazione costi sociali sfruttamento e protezione P0 P* o = B(P) = C(P)

14 Economia e Ambiente - Introduzione 14 Ambiente da risorsa libera a bene economico Ambiente : funzione economica di deposito di rifiuti 3 processi di economia in sistema aperto (estrazione, lavorazione e consumo) emettono scarti nellambiente flusso di rifiuti flusso di sostanze inquinanti Effetti economici negativi: dipendono da relazione tra flusso emissioni capacità assimilazione ambiente -> negativo se flusso supera capacità neutralizzazione: accumulo come stock nellambiente Fenomeni associati: Contaminazione (provoca mutamenti biologici o altro) Inquinamento (danneggia flora/fauna/ecosistemi) -> perdita non compensata di benessere a causa di costo esterno (dipende da effetto fisico+ reazione umana)

15 Economia e Ambiente - Introduzione 15 Ambiente da risorsa libera a bene economico Utilità della conservazione ambiente: valore dei beni ambientali Mercato: ripartizione risorse tra usi alternativi attraverso scambio: massimizza utilità individui determina prezzi (relativi) beni attraverso effetto congiunto di domanda e offerta Prezzo di mercato come valore di scambio Quale valore economico per beni ambientali che non sono oggetto di scambio sul mercato? In generale: riferimento alle preferenze individui, e a disponibilità a pagare per ottenere/preservare bene

16 Economia e Ambiente - Introduzione 16 Ambiente come bene pubblico Come facciamo a stimare il danno marginale dello sfruttamento dellambiente (o i benefici marginali della preservazione)? Quale valore economico per i beni/mali ambientali? Molte risorse ambientali sono beni pubblici - non escludibili e non rivali - non associati a prezzo di mercato, incertezza sul vero valore Per fare confronti che coinvolgono un bene o un servizio senza un prezzo è necessario attribuirgli un valore La teoria economica ha sviluppato delle tecniche in base alle quali possono essere attribuiti tali valori

17 Economia e Ambiente - Introduzione 17 Ambiente come bene pubblico Beni privati:escludibilità+rivalità nel consumo escluso dal consumosuddivisibili in modo chi non disposto a che chi ne dispone pagarne prezzopuò escludere altri Beni ambientali: non escludibilitàrivalità (divisibili) riserve acqua superficie (risorse lib.accesso) non escludibilità non rivalità (indivisib.) panorama, aria pura escludibilità non rivalità (indivisib.) riserve /spiagge accesso limitato

18 Economia e Ambiente - Introduzione 18 Ambiente da risorsa libera a bene economico Utilità della conservazione ambiente: valore dei beni ambientali Valore duso o di godimento / amenity value deriva da utilizzo presente o futuro per fii produttivi o di consumo (anche servizi, godimento estetico e culturale) valore strumentale Valore dopzione connessa a uso potenziale di bene preservato per utilizzo futuro Valore di quasi-opzione dei benefici consistenti nel posticipare progetto irreversibile (valore atteso dellinformazione ottenibile posticipando scelta) Valore di esistenza o intrinseco valore del bene in sé, utilità tratta da semplice idea dellesistenza del bene (aspetti etici, diritti degli altri esseri, sentimento di responsabilità) VALORE ECONOMICO DOVREBBE COMPRENDERLI

19 Economia e Ambiente - Introduzione 19 Differenti valori economici associati ad un bene ambientale ad esempio nel caso di una foresta/bosco: –valori duso diretto (es. estrazione di legname, raccolta di prodotti del sottobosco, ricreazione) –valori duso indiretto (es. protezione idrogeologica, assorbimento di CO 2 ) –valore dopzione (salvaguardare lopzione di un utilizzo futuro anche se attualmente non lo si utilizza) –valori di non uso, meno tangibili, (es. valore di esistenza, indipendente da un qualsiasi uso, attuale o futuro, del bosco e rivela molteplici motivazioni per la conservazione; altruistico, di eredità) Valutare economicamente lambiente

20 Economia e Ambiente - Introduzione 20 Non vi è accordo in letteratura sulla distinzione dei diversi valori economici associati ad una risorsa ambientale Valori duso –Valore duso (diretto e indiretto) –Valore dopzione (per un uso futuro) –Valore (duso) di lascito (per le generazioni future) Valori di non uso –Valore di esistenza (e.g. preservazione) –Valore altruistico (disponibile per altri) –Valore di lascito (per le generazioni future) Valutare economicamente lambiente

21 Economia e Ambiente - Introduzione 21 Valutare economicamente lambiente La valutazione economica (monetaria) dei beni ambientali che non hanno un mercato può essere più o meno imperfetta, a seconda del bene in questione e del contesto ambientale ed economico cui esso si riferisce Ciò nonostante, una valutazione formulata in maniera esplicita a beneficio delle decisioni dei responsabili politici e del pubblico è sempre meglio di niente, dato che altrimenti le azioni verrebbero intraprese sulla base di qualche valutazione implicita, che viene nascosta allopinione pubblica

22 Economia e Ambiente - Introduzione 22 Ambiente come bene pubblico TipoPropr.tàValutazione economica (monetaria) Beni privati puriE/Rbuona, acquisto/vendita, prezzi disponibili Beni quasi privatinonE/Rnon esistono mercati, metodi indiretti (valori privati di merc.non disponibili) Beni quasi pubbicinonE/noncongestionabili;,,,, completamR Beni pubblici purinonE/nonRno; restrizioni a metodi valutazione alternativi.

23 Economia e Ambiente - Introduzione 23 Valutazione dellinteresse per la natura Problema della misurazione del valore di beni e servizi non commercializzati Beni e servizi senza prezzo: occorre disporre del valore economico dei beni ambientali -> attribuzione valore Scelta: confronto tra disponibilità a pagare e prezzo Attribuzione valore: misurazione disponibilità a pagare quando i mercati non la rivelano Chi effettua scelta è la generazione attuale, ma: Incidenza intergenerazionale di costi e benefici ambientali costi e benefici si trasferiscono anche a generazioni future

24 Economia e Ambiente - Introduzione 24 Costi e benefici si estendono nel tempo In genere, costi sostenuti nel presente, mentre i benefici appaiono nel futuro Valore attuale dei benefici futuri Valore attuale dipende essenzialmente dal tasso di interesse usato per scontare il flusso dei benefici futuri, tasso di sconto Costi e benefici delluso dellambiente

25 Economia e Ambiente - Introduzione 25 Più elevato è il tasso di sconto, più è basso il valore attuale Molto spesso avendo costi e benefici, dobbiamo calcolare il valore attuale netto (il valore attuale del saldo fra benefici e costi di ciascun anno) Costi e benefici delluso dellambiente

26 Economia e Ambiente - Introduzione 26 Esternalità negative: costi implicati da attività economiche che non trovano espressione in transazioni di mercato (costi sociali che non si manifestano come costi privati, costi esterni) Equilibrio del mercato perfettamente concorrenziale massimizza il beneficio netto privato ma non il beneficio netto sociale (fig.1.2) Esternalità / effetti esterni

27 Economia e Ambiente - Introduzione 27 Approccio dei diritti di proprietà B Q O C(Q) p(Q) E Qp E: equilibrio mercato concorrenziale: massimizzazione beneficio privato netto: costi marginali privati= benefici marginali privati OBE max beneficio privato netto OBEQp beneficio privato (e soc.) OEQp costo privato produzione Non massimizza beneficio sociale netto!!

28 Economia e Ambiente - Introduzione 28 Approccio dei diritti di proprietà Produzione socialmente efficiente sarebbe data da uguaglianza tra B marginale sociale e C marginale sociale. C(Q) funzione offerta P(Q) funzione domanda E intersez dom/off Qp quantità scambiata in equilibrio concorrenziale OBE max beneficio privato netto OEQp costo privato D(Q) costo marg esterno F equilibrio socialmente efficiente OBF massimo beneficio netto sociale OFQs costo sociale; OFG costo esterno O

29 Economia e Ambiente - Introduzione 29 Mercato è essenzialmente unistituzione che sovrintende allo scambio di diritti di proprietà. Senza definizione e assegnazione dei diritti di proprietà, il mercato non può funzionare Esternalità reciproche Teorema di Coase

30 Economia e Ambiente - Introduzione 30 Approccio dei diritti di proprietà Inquinamento: chi inquina ha vantaggio economico (attività economica di produzione o consumo) chi subisce ha danno che si può quantificare economicamente (costo ambientale) 1)Chi inquina può essere disposto a pagare per farlo; chi subisce può accettare compensazione 2)Chi inquina può richiedere compensazione per rinunciare; chi subisce può essere disposto a pagare per evitarlo. Dipende da assegnazione iniziale diritti di proprietà sullambiente: 1)A chi subisce 2)A chi inquina

31 Economia e Ambiente - Introduzione 31 Approccio dei diritti di proprietà Es.: inquinamento del mare: Definito livello socialmente efficiente di inquinamento, che massimizza differenza tra benefici e costi sociali Se chiaramente definiti i diritti di proprietà sulla risorsa ambientale, la contrattazione volontaria può portare a contratto che conduca a equilibrio socialmente efficiente: scambio di diritti di proprietà (e diritto di usare bene) -> entrambi hanno beneficio netto fino a Qs meccanismo di contrattazione che conduce a equilibrio socialmente efficiente contrattazione porta a scambio diritti di proprietà che porta a beneficio netto per entrambe le parti

32 Economia e Ambiente - Introduzione 32 Approccio dei diritti di proprietà Diritto proprietà assegnato a: inquinatore: compensazione per rinuncia vittima: compensazione per accettare danno -> livello socialmente efficiente che max beneficio netto sociale indipendentemente da allocazione iniziale dei diritti sulla risorsa, se preliminarmente definita, si arriva a livello socialmente efficiente di sfruttamento mediante scambio volontario -> il mercato, indipendentemente da assegnazione iniziale, permette che diritti siano scambiati in modo da ottenere allocazione efficiente: teorema di Coase. Esternalità è manifestazione di non chiara assegnazione diritti di proprietà

33 Economia e Ambiente - Introduzione 33 Approccio dei diritti di proprietà Teorema di Coase (1960): In mercati caratterizzati dalla presenza di esternalità, se vengono assegnati senza ambiguità i diritti di proprietà e se le parti coinvolte possono negoziare in assenza di costi di transazione, allora esse arriveranno ad una soluzione Pareto-ottimale indipendentemente da chi possieda i diritti di proprietà. -> questioni distributive, ma non di efficienza; -> spartizione dei benefici che si otterrebbero abbandonando il risultato di mercato in favore di quello Pareto-ottimale. Ridefinizione della struttura dei diritti di proprietà e ruolo delle Istituzioni nella risoluzione dei problemi da costi inquinamento: quali istituzioni economiche sono adatte ad conseguire allocazione socialmente efficiente delle risorse ambientali? -> fallimento per mancata realizzazione condizioni mercato come istituzione per allocazione efficiente

34 Economia e Ambiente - Introduzione 34 Ambiente come bene pubblico Beni pubblici: difficile applicazione teorema di Coase: non escludibilità e non rivalità consentono comportamento di free riding da parte di chi gode gratuitamente del bene prodotto con contributo di altri free rider irresponsabile gode beneficio senza pagare costo nessun incentivo a contrattazione rischio che bene non sia prodotto affatto stretta correlazione tra esternalità e bene pubblico -> richiesta intervento pubblico

35 Economia e Ambiente - Introduzione 35 Ambiente come bene pubblico Fallimenti del mercato => intervento Stato Esternalità:- stabilire norme - fissare standard qualità risorse amb. - azioni congiunte di portata internazionale Beni pubblici: Risorse a libero accesso:nessuno effettivamente proprietario (non escludibili ma rivali) (anche per beni comuni: risorse di proprietà comune possedute da gruppo individui identificato -> tragedy of commons) Nessun incentivo a ridurre, tutti sfruttano eccessivamente - gestione risorse - norme per livello massimo sfruttamento


Scaricare ppt "Economia e Ambiente - Introduzione 1 A.A. 2007-2008 Corso di Laurea in Scienze ambientali – Scienze biologiche Economica dellambiente Economia delle risorse."

Presentazioni simili


Annunci Google