La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 19.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 19."— Transcript della presentazione:

1 Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 19

2 Uso delle varietà locali al di fuori della sfera familiare Proseguiamo lesame dei dati offerti dalla ricerca Le lingue dei sardi. Si è già visto che luso delle varietà locali in famiglia è limitato e in calo; non sorprende, perciò, che con altri interlocutori, in situazioni meno informali, la prevalenza dellitaliano sia ancora più netta. Per es.: con gli amici dichiara di impiegare litaliano il 41,5% degli intervistati, il dialetto il 23,8%, entrambi il 34,7%; con le amiche, litaliano il 51,3%, il dialetto il 19%, entrambi il 29,7%; col ragazza/la ragazza, litaliano il 74,1%, il dialetto il 3,8%, entrambi il 22,1%; coi vicini di casa, litaliano il 54,9%, il dialetto il 25,2%, entrambi il 19,9%; con gli estranei, litaliano il 69,9%, il dialetto l8,5%, entrambi il 21,6%; col medico di famiglia, litaliano l81,6%, il dialetto il 9%, entrambi il 9,4%.

3 Uso delle varietà locali in alcune situazioni comunicative Se consideriamo alcune situazioni comunicative, abbiamo i seguenti risultati: italianovarietà loc.entrambi bar o caffè62,1%15,0%22,9% luogo di lavoro65,0%12,5%22,5% negozi e mercato66,3%11,8%21,9% uffici del Comune82,1%6,4%11,4% chiesa, luoghi di culto 80,6%6,1%13,3% scuola82,6%3,8%13,6%

4 Un breve commento Riguardo ai dati presentati per ultimi, si può osservare: 1)è prevedibile il dominio dellitaliano (espresso da valori percentuali oltre la soglia dell80%) in ambienti tradizionalmente ostili al dialetto, quali gli uffici comunali, la scuola e i luoghi di culto; 2)sorprende un po di più lo scarso uso esclusivo o preferenziale del dialetto che si rileva persino per uno spazio di informalità quale è il bar; 3)non è trascurabile il dato numerico relativo allimpiego compresente di entrambe le varietà nei luoghi di lavoro, nei negozi e al mercato (oltre il 20%; così pure al bar) e anche nella scuola e in chiesa (13,6 e 13,3%).

5 Lingua e identità (1) Il 53,4% di coloro che hanno dichiarato di conoscere e saper parlare una varietà locale afferma di sentirsi maggiormente legato a questultima rispetto allitaliano (indicato invece dal 35,7%; il 10% non ha saputo rispondere). Anche questo dato non sorprende: infatti, succede spesso che, in condizioni di compresenza di due varietà, una delle quali forte (lingua), laltra debole (dialetto), il parlante si senta più legato alla seconda, proprio perché è meno prestigiosa, più povera.

6 Lingua e identità (2) La tendenza a identificarsi col dialetto, in ogni caso, cala vistosamente presso i più giovani (anche per il fatto che, per essi, la varietà di prima socializzazione è sempre più spesso litaliano): gli appartenenti alla classe di età anni, infatti, hanno indicato di sentirsi maggiormente legati allitaliano nel 55,7% dei casi, alle varietà locali nel 37%; gli intervistati della classe di età anni, poi, hanno risposto di sentirsi più legati allitaliano nel 45,6% dei casi, alle parlate locali nel 42,2%. Solo con le successive fasce generazionali lopzione per il dialetto diventa netta.

7 Opinioni sul dialetto Circa il 90% degli intervistati (compresi non pochi di quanti si sono detti italofoni esclusivi) si è detto molto daccordo con laffermazione che la parlata locale «deve essere promossa e sostenuta perché è parte della nostra identità»; il 78,5%, poi, si è dichiarato molto daccordo con laffermazione che la parlata locale «deve essere promossa e sostenuta perché è bella». Pochissimi, invece, si sono dichiarati molto daccordo con asserzioni per le quali la varietà locale «è una lingua povera, inutile per la vita di oggi» (2,7%), oppure «sta scomparendo e non vale la pena di rivitalizzarla» (2,3%).

8 Opinioni sullapprendimento delle parlate locali da parte dei bambini Lopportunità che i bambini apprendano le parlate locali è stata valutata molto positivamente dagli intervistati: l81,8% del campione si è detto molto daccordo sul fatto che i bambini possano imparare, oltre allitaliano e a una lingua straniera, anche il dialetto; questa opzione è di gran lunga preferita rispetto alle altre che prevedono lapprendimento del solo italiano (2,5%), dellitaliano col dialetto (21%), o dellitaliano con una lingua straniera (41,3%).

9 Opinioni sul dialetto a scuola (1) Nella domanda appena esaminata la scuola (con quanto consegue in termini di modalità dellapprendimento) non è chiamata in causa espressamente. Ciò avviene in una domanda successiva, in cui si è chiesto agli intervistati se sarebbero favorevoli a che nella scuola, accanto allitaliano, fosse impiegata anche la varietà locale: si è dichiarato totalmente a favore il 57,3% del campione, con un 27,4% che è invece solo parzialmente favorevole e un 14,4% in disaccordo.

10 Opinioni sul dialetto a scuola (2) Per approfondire il problema, è importante esaminare cosa queste persone (daccordo sullintroduzione del dialetto a scuola) hanno risposto a una domanda sulle modalità con le quali ciò dovrebbe avvenire in pratica: la stragrande maggioranza (80,1%) si è dichiarata del tutto favorevole a dedicare una parte dellorario settimanale allinsegnamento della varietà locale (in pratica, come avviene per le lingue straniere); una percentuale del 40,7% si è detta invece del tutto favorevole allutilizzo di essa, al posto dellitaliano, per approfondire la conoscenza della storia e della cultura locale (dunque utilizzo del dialetto come lingua veicolare, ma solo per trattare temi che a esso appaiono più connaturati); pochi (percentuali abbondantemente sotto il 10%) si sono detti invece del tutto favorevoli a impiegare la parlata locale e non litaliano come lingua veicolare per lo studio di alcune o di molte materie curricolari.

11 Opinioni sul dialetto a scuola (3) Come si vede molto chiaramente, gli intervistati sono sì favorevoli allimpiego del dialetto a scuola, ma solo se mantiene una rassicurante posizione di secondo piano nei confronti della lingua nazionale. Ciò rivela, indirettamente, unaccettazione degli attuali rapporti di forza fra i codici: rispetto alle numerose opinioni positive raccolte sulla necessità di una valorizzazione e una promozione adeguate delle parlate locali, e rispetto anche alle generiche e velleitarie affermazioni per le quali tali parlate non sono povere e inutili per la vita di oggi, emerge un atteggiamento di fondo di segno opposto.

12 Opinioni sul dialetto negli uffici pubblici Rispetto alle percentuali che registrano pareri positivi riguardo a un eventuale utilizzo a scuola, sono inferiori le percentuali di quanti si dicono del tutto favorevoli alluso delle varietà locali, insieme allitaliano, negli uffici pubblici: si arriva infatti al 40,2%, cui si affianca un 26,5% di parzialmente favorevoli, con però un 31,9% di contrari, che non si sente evidentemente rassicurato dalla presenza garantita della lingua nazionale.

13 Opinioni sul sardo nei documenti della Regione (1) Alla domanda: «fermo restando limpegno per la valorizzazione di tutte le parlate locali utilizzate in Sardegna, sarebbe favorevole allipotesi che la Regione, per la pubblicazione di propri documenti, usasse una forma scritta unica del sardo, anche in applicazione delle leggi sulla tutela delle minoranze linguistiche?» il 37,8% degli intervistati ha risposto in modo del tutto favorevole, il 19,9% in modo parzialmente favorevole (ma il 31,4% in modo del tutto contrario e il 7,8% in modo parzialmente contrario).

14 Opinioni sul sardo nei documenti della Regione (2) Per i favorevoli, in larga misura (59,5%), lo standard da individuare dovrebbe corrispondere a una delle parlate esistenti, non a una forma in qualche modo di compromesso (33,9%): una domanda così complessa era stata a suo tempo inserita nel questionario dietro esplicita richiesta della Regione Autonoma della Sardegna; questa amministrazione, tuttavia, nellaprile 2006, prima ancora di conoscere la risposta al quesito, varava la cosiddetta Limba Sarda Comuna, che non corrisponde ad alcuna varietà parlata nellisola ma è piuttosto un idioma artificiale.

15 La crisi delle varietà locali Il quadro che emerge dalla ricerca sociolinguistica Le lingue dei sardi certifica una condizione di grande e preoccupante debolezza delle parlate locali, a ogni livello: lunica eccezione significativa è costituita dal tabarchino, che si mostra ben più vivace e in salute rispetto ai restanti dialetti usati in Sardegna. In particolare, il dato con il quale le politiche linguistiche dovranno fare i conti è quello per il quale le famiglie, soprattutto le giovani famiglie e ancor di più le giovani madri, preferiscono rivolgersi ai figli in italiano.

16 Breve bibliografia G. Lupinu, Lingue, culture, identità in Sardegna: a proposito di una recente indagine sociolinguistica, in Atti dellVIII Congresso Internazionale dellAssociazione Italiana di Linguistica applicata, Perugia A. Oppo (a cura di), Le lingue dei sardi. Una ricerca sociolinguistica, Cagliari 2007, in f (14/01/2009).


Scaricare ppt "Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 19."

Presentazioni simili


Annunci Google