La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CREDENZE SULLA LETTURA E COMPRENSIONE - INTERPRETAZIONE DEL TESTO NARRATIVO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CREDENZE SULLA LETTURA E COMPRENSIONE - INTERPRETAZIONE DEL TESTO NARRATIVO."— Transcript della presentazione:

1 CREDENZE SULLA LETTURA E COMPRENSIONE - INTERPRETAZIONE DEL TESTO NARRATIVO

2 transmission : punto di vista transmission : il significato risiede nel testo. Lobiettivo primario del lettore è capire lintenzionalità comunicativa dellautore, decodificando il messaggio presentato implicitamente o esplicitamente nel testo, senza contribuire personalmente alla costruzione del significato, indipendentemente dalla propria capacità di saper elaborare interpretazioni alternative. transaction : punto di vista transaction : un testo si offre a diverse interpretazioni, dando a ogni lettore la possibilità di attribuirvi significati personali (Rosemblatt, 1994). La lettura diventa quindi un processo dinamico (Straw, 1990; Tompkins, 1980) in cui il significato non è trasmesso né dal testo né dallautore, ma è costruito in stretta relazione tra il lettore, il testo e il contesto.

3 Obiettivi due studi Sono stati condotti due studi che avevano due obiettivi comuni: (1) verificare la possibilità di misurare i due tipi di credenze in studenti ben più giovani di quelli considerati da Schraw (2000); (2) esaminare se i diversi tipi di credenze influenzassero la costruzione di significati sul piano - della comprensione superficiale, - della comprensione profonda, - dellinterpretazione personale di un testo letterario. età tipo di scuola superiore testo interesse nei confronti del testo specifico Il secondo studio si è differenziato dal primo per la diversa età dei partecipanti e il tipo di scuola superiore frequentato, per il diverso testo proposto ai lettori e per lanalisi focalizzata anche sul ruolo dell interesse nei confronti del testo specifico.

4 METODOPartecipanti 1° Studio: 1° Studio: 174 studenti (89 femmine e 85 maschi) di tre livelli scolari: quinta elementare, terza media e terza superiore. 2° Studio: Liceo scientificoIstituto tecnico. 2° Studio: 202 studenti (114 femmine e 88 maschi) di due livelli scolari: seconda media e terza superiore, questi ultimi frequentanti il Liceo scientifico e lIstituto tecnico. Strumento pre-lettura comune ai due studi Reader Belief Inventory (Schraw e Bruning, 2000), composto da 16 items da valutare su scala Likert a cinque livelli, per misurare le credenze sulla lettura.Lettura 1° Studio: 1° Studio: un brano tratto da Il piccolo principe di Antoine de Saint- Exupéry. 2° Studio: 2° Studio: un brano tratto da Marcovaldo di Italo Calvino.

5 Credenze sulla lettura (Schraw, 2000) Trasmissione Transazione Questionario Credenze sulla Lettura 1. I buoni lettori ricordano parola per parola la maggior parte di ciò che leggono. 2. E bello che due persone possano leggere lo stesso libro e non essere daccordo sul suo significato. 3. Lo scopo principale della lettura è capire ciò che lautore dice. 4. Quando leggo cerco di capire quello che lautore vuole dire. 5. Spesso mi emoziono mentre leggo (provo tristezza, gioia, rabbia, inquietudine, ecc.).

6 6. Preferisco di più le poesie che i testi scientifici in quanto esprimono di più i sentimenti delle persone. 7. Le persone dovrebbero essere daccordo sul significato di un libro. 8. Quando leggo mi piace immaginare di vivere quella determinata esperienza. 9. Mi piace interpretare in modo personale quello che leggo. 10. Il miglior tipo di lettura è quella fatta per piacere personale. 11. Mi piacciono i libri dei quali si può sapere con esattezza quello che lautore vuol dire. 12. E bello condividere con altre persone le caratteristiche dei personaggi di un libro. 13. Quando leggo mi concentro di più su ciò che per lautore è importante. 14. Ciò che la maggior parte dei libri vuol dire è, di fatto, quello che cè scritto. 15. Mentre leggo mi concentro di più sui sentimenti che provo e mi concentro di meno sulle cose che imparo.

7 Lettura 1° Studio: 1° Studio: un brano tratto da Il piccolo principe di Antoine de Saint- Exupéry. 2° Studio: 2° Studio: un brano tratto da Marcovaldo di Italo Calvino Strumenti post-lettura - domanda sullinteresse per il testo (scala 1-5), forma genericaforma specifica - commenti personali sulla lettura fatta. Questa consegna veniva rivolta in forma generica o in forma specifica, ossia esplicitando che i commenti potevano riguardare pensieri, sensazioni, emozioni, sentimenti, riferimenti alla propria esperienza personale sollecitati dalla lettura, - domande di comprensione più superficiale (a scelta multipla), - domande di comprensione più profonda (a risposta aperta).

8 Risultati comuni Dallanalisi delle componenti principali sono emerse le due dimensioni distinte di credenze sulla lettura, trasmissione e transazione, in base alle quali i partecipanti sono stati assegnati ad uno dei seguenti gruppi: Trasmissione Transazione BB = bassa trasmissione - bassa transazione BB = bassa trasmissione - bassa transazione AB = alta trasmissione - bassa transazione AB = alta trasmissione - bassa transazione BA = bassa trasmissione - alta transazione BA = bassa trasmissione - alta transazione AA = alta trasmissione - alta trasmissione AA = alta trasmissione - alta trasmissione comment I comment i sono stati classificati in tre diverse categorie (a loro volta suddivise in sotto-categorie) di risposta alla letteratura, ossia: interpretazioni tematiche interpretazioni critiche interpretazioni personali

9 1° Studio MANOVA: non MANOVA: Le credenze sulla lettura non influivano sulla comprensione del testo, specialmente quella superficiale che, comunque, migliorava passando dalla scuola elementare alla scuola superiore [ F (4, 254) = , p <.001] 5^ elementare: non sono emersi effetti principali effetti principali 3^ media: effetti principali delle credenze, della condizione e del genere. favorendo soprattutto i gruppi BA e AA Le credenze sulla lettura influivano sullinterpretazione del testo, specialmente sullelaborazione della base del testo e sullinterpretazione olistica [ F (42, 110) = 1.52, p <.05], favorendo soprattutto i gruppi BA e AA.

10 non sono emersi effetti principali interpretazione dei simboli a favore degli studenti con credenze di transazione 3^ superiore: non sono emersi effetti principali, ma ai test univariati sono emerse differenze significative, dovute alle credenze, nellinterpretazione dei simboli [ F (3, 37) = 4.74, p <.01] a favore degli studenti con credenze di transazione (BA e AA). Anche la condizione di sollecitazione dei commenti differenziava lelaborazione della base del testo l interpretazione delle intenzioni dellautore e linterpretazione olistica a favore di quella specifica. Anche la condizione di sollecitazione dei commenti differenziava lelaborazione della base del testo [ F (1. 37) = 5.25, p <.05], l interpretazione delle intenzioni dellautore [ F (1, 37) = 10.87, p <.01] e linterpretazione olistica [ F (1, 37) = 9.52, p <.01], a favore di quella specifica.

11 2° Studio MANOVA: effetti principali MANOVA: effetti principali delle credenze, dellinteresse per il testo, della condizione e del tipo di scuola, e delle interazioni tipo di scuola x condizione, tipo di scuola x interesse, credenze x condizione x interesse. gruppi I gruppi, formati in base alla combinazione dei due tipi di credenze sulla lettura, si differenziavano nellinterpretazione di simboli [ F (3, 134) = 3.41, p <.05] e del punto di vista dellautore [ F (3, 134) = 2.66, p =.05]. Erano favoriti i gruppi con credenze di transazione (AA e BA).

12 interesse per il testo Il grado di interesse per il testo differenziava significativamente linterpretazione del punto di vista dellautore [ F (4, 134) = 3.52, p <.01] e dei simboli [ F (4, 134) = 6.52, p <.001], così come lelaborazione della base del testo [ F (4, 134) = 3.51, p =.01] e lesplicitazione dellinteresse personale per quanto letto [ F (4, 134) = 2.62, favorendo gli studenti maggiormente interessati p =.05], favorendo gli studenti maggiormente interessati.

13 condizionegenericaspecifica La condizione, generica o specifica, di sollecitazione dei commenti differenziava la produzione di informazioni tematiche [ F (1, 134) = 4.31, p <.05], linterpretazione di simboli [ F (1, 134) = 4.82, p <.05], la produzione di ipotesi e spiegazioni [ F (1, 134) = 7.07, p <.01], lesplicitazione dellinteresse per il testo [ F (1, 134) = 7.68, p <.01], a favore di quella specifica a favore di quella specifica.

14 scuola scuola medialiceo scientificoistituto tecnico La scuola frequentata ( scuola media, liceo scientifico o istituto tecnico ), differenziava la comprensione profonda del testo [ F (2, 134) = 7.48, p <.001], linterpretazione del punto di vista dellautore [ F (2, 134) = 8.42, p <.001], linterpretazione di simboli [ F (2, 134) = 6.23, p <.01], lelaborazione della base del testo [ F (2, 134) = 8.42, p <.001], la produzione di informazioni tematiche [ F (2, 134) = 3.29, p <.001], la produzione di reazioni critiche [ F (2, 134) = 11.33, p <.001], la produzione di reazioni cognitive [ F (2, 134) = 6.39, p <.01], la produzione di reazioni personali [ F (2, 134) = 19.30, p <.001]- sempre a favore degli studenti di liceo.

15

16 Discussione generale credenze di transazione credenze di trasmissione Le credenze di transazione, ossia essere convinti di avere un ruolo attivo nella lettura di un testo, portano soprattutto a saper elaborare e interpretare in termini più appropriati il significato di un testo letterario nel suo complesso e ad essere più pronti a coglierne gli aspetti simbolici rispetto alle credenze di trasmissione, ossia essere convinti che il significato si trasmetta direttamente dallautore al lettore. alto interesse Un alto interesse nei confronti del testo porta a migliori interpretazioni olistiche e dei simboli, ad elaborare maggiormente la base del testo e a produrre più interpretazioni personali. condizione specifica La condizione specifica di sollecitazione dei commenti porta a produrre più interpretazioni tematiche e personali. liceo scientifico La frequenza del liceo scientifico è legata ad una comprensione più profonda del testo, nonché a una migliore interpretazione complessiva, così come sui piani tematico, critico e personale. Poche differenze emergono fra studenti di seconda media e di terza Istituto Tecnico.

17 Implicazioni educative Si sottolinea lesigenza di individuare e misurare le convinzioni degli studenti sul processo di costruzione di significato tramite lettura, particolarmente richiesto a scuola. coinvolgimento cognitivo emotivo Appare evidente limportanza di predisporre interventi per modificare le credenze meno adatte a favorire il coinvolgimento cognitivo ed emotivo nella lettura di testi letterari, che garantisce livelli più raffinati di interpretazione, nonché di piacere nella fruizione della narrativa. Va data agli studenti la possibilità di scegliere, almeno in parte, i testi da leggere per favorire una risposta coinvolta.


Scaricare ppt "CREDENZE SULLA LETTURA E COMPRENSIONE - INTERPRETAZIONE DEL TESTO NARRATIVO."

Presentazioni simili


Annunci Google