La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Classificare la varietà della vita. Classificare significa ordinare gli organismi viventi sulla base dellanalisi morfologica, genetica, della strutturale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Classificare la varietà della vita. Classificare significa ordinare gli organismi viventi sulla base dellanalisi morfologica, genetica, della strutturale."— Transcript della presentazione:

1 Classificare la varietà della vita

2 Classificare significa ordinare gli organismi viventi sulla base dellanalisi morfologica, genetica, della strutturale e del confronto, in un sistema gerarchico. In un sistema gerarchico ogni categoria comprende tutte quelle successive. In Biologia le principali categorie sono: Regno Phylum Classe Ordine Famiglia Genere Specie

3 Linneo nel 1753 propose la nomenclatura binomia che ha permesso di attribuire ad un essere vivente un nome che lo potesse univocamente identificare. Il primo nome indica il genere, mentre il secondo termine indica la specie. Due organismi appartengono alla stessa specie se, accoppiandosi, danno origine a prole feconda NOMENCLATURA BINOMIA

4 Esempio di classificazione gerarchica di Linneo

5 Tutte le specie conosciute appartengono a uno dei tre domini al vertice del sistema gerarchico di classificazione

6 Caratteristiche: - assenza di nucleo e DNA nel citoplasma senza essere delimitato da alcuna membrana - assenza di organuli cellulari ad eccezione dei ribosomi, preposti alla sintesi delle proteine - funzioni cellulari effettuate da complessi enzimatici analoghi a quelli delle cellule eucarioti Procarioti

7 Eucarioti Caratteristiche: - presenza del nucleo ossia di una membrana che racchiude e protegge il DNA - presenza di organuli cellulari cioè di strutture con specifiche funzioni, immersi nel citoplasma Cellula vegetaleCellula animale

8 Gli organismi unicellulari eucarioti costituiscono il regno dei Protisti

9 Funghi Caratteristiche: Corpo formato da strutture filamentose dette IFE, che crescono aggrovigliandosi in un MICELIO Parete esterna delle cellule ricoperta da CHITINA Eteretrofi Svolgono limportante funzione di decompositori (ma esistono anche funghi parassiti e simbionti)

10 Le Piante Caratteristiche: Organismi pluricellulari fotosintetici Posseggono particolari organelli detti CLOROPLASTI Parete esterna delle cellule ricoperta da CELLULOSA Autotrofi

11 Gli invertebrati: poriferi, celenterati, anellidi, molluschi Molluschi Anellidi CelenteratiPoriferi

12 Gli invertebrati: artropodi, echinodermi, cefalocordati, tunicati Artropodi: InsettiArtropodi: Crostacei

13 Gli invertebrati: artropodi, echinodermi, cefalocordati, tunicati Artropodi: MiriapodiArtropodi: Aracnidi

14 Gli invertebrati: artropodi, echinodermi, cefalocordati, tunicati Gli echinodermi comprendono stelle marine e ricci di mare Cefalocordati e tunicati appartengono al phylum dei cordati

15 I vertebrati: pesci, anfibi I pesci privi di mandibola (agnati)

16 I vertebrati: pesci, anfibi I pesci cartilaginei (condroitti)

17 I vertebrati: pesci, anfibi I pesci ossei (osteitti)

18 I vertebrati: pesci, anfibi Gli anfibi: fasi di sviluppo

19 Dai Pesci in poi : Pressioni ambientali indussero dei Vertebrati dotati di opportune caratteristiche a spostarsi verso gli ecosistemi terrestri. Problemi da risolvere sulla terra: Sostegno del corpo: modificazioni delle strutture scheletriche (vertebre, cinti, appendici) Respirazione e circolazione del sangue: modificazioni del cuore e dei vasi arteriosi e delle strutture respiratorie Disidratazione: adattamenti della pelle, corneificazione, per prevenire la disidratazione Raccolta dei segnali acustici e visivi: modificazioni dellorgano delludito e della vista Modalità di riproduzione e di sviluppo della progenie

20 Uovo amniotico Il completo distacco dallambiente acquatico è stato reso possibile dalla comparsa delluovo amniotico. Lamnios è un annesso embrionale che ricostituisce lambiente acquatico durante lo sviluppo e consente allembrione di svilupparsi in ambiente terrestre. Rettili, Uccelli e Mammiferi appartengono al gruppo degli Amnioti

21 I vertebrati: rettili, uccelli, mammiferi I rettili sono animali eterotermi

22 OMEOTERMI: Uccelli -Mammiferi Acquisizione dellomeotemia La temperatura influenza fortemente i processi biologici che sostengono i vertebrati e i meccanismi di termoregolazione sono ampiamente diffusi fra di essi, ma sono diversi fra eterotermi ed endodermi omeotermi. I meccanismi di termoregolazione degli ETEROTERMIsi basano fondamentalmente su: Lento metabolismo Scarso isolamento del corpo Rapido scambio di calore con lambiente Le caratteristiche della termoregolazione degli ENDOTERMIsono opposte e prevedono: Elevato metabolismo basale Isolamento del corpo per trattenere il calore generato

23 Elementi alla base della termoregolazione Negli UCCELLI - presenza delle penne per la conservazione del calore - ventilazione polmonare (sacchi aeriferi) per la dispersione del calore Nei MAMMIFERI Per conservare il calore: - presenza dei peli - spesso strato di grasso sottocutaneo - contrazione muscolare (brivido) - vasocostrizione periferica Per disperdere il calore: - ghiandole sudoripare della pelle - iperventilazione polmonare - Vasodilatazione periferica

24 I vertebrati: rettili, uccelli, mammiferi Gli uccelli sono animali omeotermi

25 I vertebrati: rettili, uccelli, mammiferi I mammiferi si dividono in tre gruppi

26 Mammiferi Sono animali omeotermi, ricoperti di pelo, e allattano la prole per la presenza di ghiandole mammarie con capezzoli. Lattività intellettiva, per un grandissimo sviluppo della corteccia cerebrale, può essere considerata a ragione la caratteristica fondamentale della evoluzione dei mammiferi. Hanno un efficiente sistema circolatorio (come gli uccelli) e il cuore diviso in quattro cavità. Monotremi: ovipari, hanno un becco, non hanno capezzoli, mantengono la cloaca, non hanno paglione auricolare, sono omeotermi imperfetti; hanno ghiandole mammarie e peli. Marsupiali: vivipari con caratteristico marsupio per contenere i piccoli appena nati, in cui cè lo sbocco delle ghiandole mammarie. Placentati: vivipari, con formazione di una vera placenta comprendono il maggior numero di specie viventi.

27 FINE


Scaricare ppt "Classificare la varietà della vita. Classificare significa ordinare gli organismi viventi sulla base dellanalisi morfologica, genetica, della strutturale."

Presentazioni simili


Annunci Google