La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DALLA SEGNALAZIONE DSA AL PDP Calderoni Anna Maria

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DALLA SEGNALAZIONE DSA AL PDP Calderoni Anna Maria"— Transcript della presentazione:

1 DALLA SEGNALAZIONE DSA AL PDP Calderoni Anna Maria

2 DEFINIZIONE D.S.A. La Dislessia è una disabilità specifica dellapprendimento di natura neurobiologica. Essa è caratterizzata dalla difficoltà ad effettuare una lettura accurata e/o fluente e da abilità scadenti nella scrittura e nella decodifica. Queste difficoltà tipicamente derivano da un deficit nella componente fonologica del linguaggio che è spesso inattesa in rapporto alle abilità cognitive e alla garanzia di unadeguata istruzione scolastica.La Dislessia è una disabilità specifica dellapprendimento di natura neurobiologica. Essa è caratterizzata dalla difficoltà ad effettuare una lettura accurata e/o fluente e da abilità scadenti nella scrittura e nella decodifica. Queste difficoltà tipicamente derivano da un deficit nella componente fonologica del linguaggio che è spesso inattesa in rapporto alle abilità cognitive e alla garanzia di unadeguata istruzione scolastica. Conseguenze secondarie possono includere i problemi nella lettura e una ridotta pratica della lettura che può impedire la crescita del vocabolario e della conoscenza generaleConseguenze secondarie possono includere i problemi nella lettura e una ridotta pratica della lettura che può impedire la crescita del vocabolario e della conoscenza generale (Lyon, Shaywitz & Shaywitz 2003) (Lyon, Shaywitz & Shaywitz 2003)

3 DSA Il disturbo di apprendimento scolastico definisce una condizione in cui un bambino o un ragazzo mostrano evidenti difficoltà rispetto ad un singolo o a diversi ambiti specifici. Questi soggetti sono per definizione persone intelligenti che, spesso, mostrano risorse intellettive inaspettate in settori non propriamente valorizzati dalla scuolaIl disturbo di apprendimento scolastico definisce una condizione in cui un bambino o un ragazzo mostrano evidenti difficoltà rispetto ad un singolo o a diversi ambiti specifici. Questi soggetti sono per definizione persone intelligenti che, spesso, mostrano risorse intellettive inaspettate in settori non propriamente valorizzati dalla scuola

4 DIAGNOSI Per avere una diagnosi di DSA è necessaria una Per avere una diagnosi di DSA è necessaria unaSPECIFICITA intesa come disturbo che interessa uno specifico dominio di abilità in modo significativo ma circoscritto. Il disturbo si modifica nel tempo e può presentare comorbidità.

5 CRITERI DIAGNOSTICI un funzionamento intellettivo generale che ai test risulta nella normaun funzionamento intellettivo generale che ai test risulta nella norma lesclusione di deficit sensorialilesclusione di deficit sensoriali lesclusione di situazioni di svantaggio socio- culturalelesclusione di situazioni di svantaggio socio- culturale la diagnosi di DSA non può essere effettuata prima del completamento della seconda classe primariala diagnosi di DSA non può essere effettuata prima del completamento della seconda classe primaria

6 DSA Le difficoltà specifiche sono molteplici ma le possiamo dividere in due grandi categorie: Le difficoltà specifiche sono molteplici ma le possiamo dividere in due grandi categorie: Difficoltà fonologiche cioè difficoltà nella conversione/ associazione di uno o più fonemi rispetto ai grafemiDifficoltà fonologiche cioè difficoltà nella conversione/ associazione di uno o più fonemi rispetto ai grafemi Difficoltà lessicali e ortografiche cioè difficoltà nellaccesso e nel recupero della forma ortografica e fonologica della parola dal lessico mentaleDifficoltà lessicali e ortografiche cioè difficoltà nellaccesso e nel recupero della forma ortografica e fonologica della parola dal lessico mentale

7 MANUALI DSM e ICD-10 Questi manuali contengono i criteri condivisi dalla comunità scientifica per identificare i disturbi e il loro scopo è facilitare la comunicazione scientificaQuesti manuali contengono i criteri condivisi dalla comunità scientifica per identificare i disturbi e il loro scopo è facilitare la comunicazione scientifica Sono divisi in vari assi che comprendono le diverse categorie di patologieSono divisi in vari assi che comprendono le diverse categorie di patologie

8 DSM / ICD-10 Accuratezza: esprime lavvenuta stabilizzazione di un sistema di conversione tra unità grafiche e unità fonoligicheAccuratezza: esprime lavvenuta stabilizzazione di un sistema di conversione tra unità grafiche e unità fonoligiche Velocità: è considerato un parametro significativo perché esprime il valore temporale in cui viene realizzato un processoVelocità: è considerato un parametro significativo perché esprime il valore temporale in cui viene realizzato un processo Comprensione del testoComprensione del testo

9 CODICI ICD-10 F81.0 disturbo specifico della lettura (dislessia)F81.0 disturbo specifico della lettura (dislessia) F81.1 disturbo specifico della compitazione (solo disortografia)F81.1 disturbo specifico della compitazione (solo disortografia) F81.2 disturbo specifico delle abilità aritmetiche (discalculia)F81.2 disturbo specifico delle abilità aritmetiche (discalculia) F81.3 disturbi misti delle capacità scolastiche (dislessia e/o disortografia e/o discalculia)F81.3 disturbi misti delle capacità scolastiche (dislessia e/o disortografia e/o discalculia) F81.8 altri disturbi evolutivi delle capacità scolastiche (disgrafia)F81.8 altri disturbi evolutivi delle capacità scolastiche (disgrafia) F81.9 disturbi evolutivi delle abilità scolastiche non specificati (disturbo dellapprendimento non altrimenti specificato)F81.9 disturbi evolutivi delle abilità scolastiche non specificati (disturbo dellapprendimento non altrimenti specificato)

10 TEST WISC-III valuta la capacità cognitiva èWISC-III valuta la capacità cognitiva è Suddiviso in subtest verbali e subtest di performance. Suddiviso in subtest verbali e subtest di performance. LEITER valuta la capacità cognitiva che non richiede comunicazione verbale e scrittaLEITER valuta la capacità cognitiva che non richiede comunicazione verbale e scritta RAVEN valuta la capacità cognitiva non verbaleRAVEN valuta la capacità cognitiva non verbale

11 TEST TROGTROG RUSTIONIRUSTIONI TCGBTCGB sono test che permettono di fare una valutazione della comprensione grammaticale. sono test che permettono di fare una valutazione della comprensione grammaticale. PEABODY per valutare il vocabolario recettivoPEABODY per valutare il vocabolario recettivo

12 TEST Prove MT per valutare la comprensione di letturaProve MT per valutare la comprensione di lettura Prove MT per valutare la velocità e la correttezza di letturaProve MT per valutare la velocità e la correttezza di lettura Prove n°4 e 5 di TressoldiProve n°4 e 5 di Tressoldi

13 PROVE M.T. (CORNOLDI-COLPO) Prove suddivise per livello scolastico dalla prima elementare alla terza mediaProve suddivise per livello scolastico dalla prima elementare alla terza media Determinano il grado di accuratezza e di velocità di lettura nel branoDeterminano il grado di accuratezza e di velocità di lettura nel brano Determinano la capacità di comprensione del testo scrittoDeterminano la capacità di comprensione del testo scritto Permettono di quantificare la discrepanza della prestazione di lettura e comprensione del testo rispetto alla media della popolazione scolastica di riferimentoPermettono di quantificare la discrepanza della prestazione di lettura e comprensione del testo rispetto alla media della popolazione scolastica di riferimento La prestazione è deficitaria quando si colloca a -2DSLa prestazione è deficitaria quando si colloca a -2DS La diagnosi di DSA dovrebbe essere posta al termine della seconda elementare, quando si può considerare concluso il processo di acquisizioneLa diagnosi di DSA dovrebbe essere posta al termine della seconda elementare, quando si può considerare concluso il processo di acquisizione

14 PROVE MT

15

16 Completano il quadro diagnosticoCompletano il quadro diagnostico Permettono di definire con maggior precisione il profilo del bambino e le strategie che utilizza:Permettono di definire con maggior precisione il profilo del bambino e le strategie che utilizza: maggior velocità nella lettura di parole o frasi di senso compiuto rispetto a non parole o frasi di non senso compiuto, rispetto a non parole o parole a BF (a seguito dello sviluppo del lessico ortografico). maggior velocità nella lettura di parole o frasi di senso compiuto rispetto a non parole o frasi di non senso compiuto, rispetto a non parole o parole a BF (a seguito dello sviluppo del lessico ortografico). Il continuo impiego della via fonologica determinerà la mancanza di unapprezzabile differenza nella velocità di lettura per parole e non parole. Il continuo impiego della via fonologica determinerà la mancanza di unapprezzabile differenza nella velocità di lettura per parole e non parole. Limpiego prevalente della via lessicale determinerà la comparsa di anticipazioni ovvero la tendenza ad intuire la parola sulla base di pochi indici ortografici Limpiego prevalente della via lessicale determinerà la comparsa di anticipazioni ovvero la tendenza ad intuire la parola sulla base di pochi indici ortografici

17

18

19 TEST TEST DELLE CAMPANELLE per valutare la capacità attentivaTEST DELLE CAMPANELLE per valutare la capacità attentiva TORRE DI LONDRA misura le capacità di mettere in atto processi di decisioni strategica e pianificare soluzioniTORRE DI LONDRA misura le capacità di mettere in atto processi di decisioni strategica e pianificare soluzioni

20 TEST DDE permette di valutare il livello di competenza acquisita nella lettura e nella scritturaDDE permette di valutare il livello di competenza acquisita nella lettura e nella scrittura BVN batteria di test per la valutazione neuropsicologica delle principali funzione cognitive (lettura, scrittura, calcolo…..)BVN batteria di test per la valutazione neuropsicologica delle principali funzione cognitive (lettura, scrittura, calcolo…..) DETTATO ORTOGRAFICODETTATO ORTOGRAFICO AC-MC prova di matematicaAC-MC prova di matematica BDE prova di matematicaBDE prova di matematica

21 TEST BATTERIA AMOS: valuta e autovaluta le abilità di studio, degli stili di studio, e delle componenti motivazionali allapprendimentoBATTERIA AMOS: valuta e autovaluta le abilità di studio, degli stili di studio, e delle componenti motivazionali allapprendimento BATTERIA SDQ: raccoglie informazioni sui diversi aspetti psicologici del bambino (non può essere utilizzato come unico per formulare una diagnosi)BATTERIA SDQ: raccoglie informazioni sui diversi aspetti psicologici del bambino (non può essere utilizzato come unico per formulare una diagnosi)

22 lettura< 2d.S. rispetto alla media attesa per letà o per la classe frequentatalettura< 2d.S. rispetto alla media attesa per letà o per la classe frequentata Intelligenza non verbale adeguata, no danni neuroligici o sensorialiIntelligenza non verbale adeguata, no danni neuroligici o sensoriali Opportunità scolastiche nella normaOpportunità scolastiche nella norma Persistenza del disturbo nonostante interventi rieducativi e scolasticiPersistenza del disturbo nonostante interventi rieducativi e scolastici Conseguenze sul piano sociale e della vita scolasticaConseguenze sul piano sociale e della vita scolastica

23 PDP Nelle procedure di presa in carico dellalunno con DSA uno strumento per pianificare gli adeguati interventi metodologici e lapplicazione degli strumenti dispensativi e compensativi può essere individuato nel Piano Didattico IndividualizzatoNelle procedure di presa in carico dellalunno con DSA uno strumento per pianificare gli adeguati interventi metodologici e lapplicazione degli strumenti dispensativi e compensativi può essere individuato nel Piano Didattico Individualizzato

24 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "DALLA SEGNALAZIONE DSA AL PDP Calderoni Anna Maria"

Presentazioni simili


Annunci Google