La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’Estremo Oriente Dalle brulicanti città della Cina alle foreste vergini delle numerosissime isole dell’Indonesia, alla piccola città-stato di Singapore,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’Estremo Oriente Dalle brulicanti città della Cina alle foreste vergini delle numerosissime isole dell’Indonesia, alla piccola città-stato di Singapore,"— Transcript della presentazione:

1 L’Estremo Oriente Dalle brulicanti città della Cina alle foreste vergini delle numerosissime isole dell’Indonesia, alla piccola città-stato di Singapore, L’Estremo Oriente presenta un abbagliante assortimento di lingue e culture. Le migrazioni preistoriche, l’ascesa e la caduta di antichi regni, gli spostamenti di popoli alla ricerca di nuovi commerci o di conquiste e, più recentemente, il colonialismo e la nascita delle nazioni indipendenti, tutto ciò ha contribuito a realizzare il mosaico culturale che possiamo ammirare oggi Matteo Marco Loris

2 Gli stati dell’Estremo Oriente

3 La Cina Governo repubblica popolare cinese; Capitale Pechino;
Lingua Cinese o Mandarino (e alcune minoranze linguistiche) Religione Taoista Città più importanti Shanghai, Pechino, Chongqing, Shenzhen, Guangzhou Popolazione (1° posto nella classifica mondiale) Età media 35,5 anni Densità 137 ab./km²

4 Aspetto Fisico Confini Afghanistan, Bhutan, Burma, India, Kazakhstan, Corea del Nord, Mongolia, Nepal, Pakistan, Russia, Vietnam, Oceano Pacifico Clima tropicale nella zona meridionale, artico in quella settentrionale Territorio ( km², a occidente: monti, deserti e altipiani, verso oriente i monti diradano in pianure dove sorgono i principali centri urbani Cinesi I Fiumi la Cina è solcata da numerosissimi fiumi fra i quali: Huang He o fiume giallo, Chang Jiang o fiume azzurro, Zhu Jian o fiume delle perle, Xi Jiang, li Jiang I laghi Poyang Hu, Dongting Hu e alcuni bacini di acqua salata come il Qinghai, il Tarim e lo Xinjiang I Rilievi la catena montuosa dell’ Himalaya che tocca il suo picco con l’Everest (8.850 m), altopiano de Tibet e la catena meridionale dei monti Kunlun. FIUME GIALLO

5 Economia Dalla fine del 1970 la Cina ha attuato graduali riforme in campo economico e oggi gioca un ruolo principale al livello del mercato mondiale, nel 2010 la Cina è divenuta il principale stato esportatore del mondo. SETTORE PRIMARIO tra i prodotti dell’agricoltura vanno citati: riso, grano, patate, mais, arachidi, tè, miglio, orzo, mele, cotone. Bachicoltura e pesca SETTORE SECONDARIO tra le produzioni industriali: tessile e abbigliamento, fertilizzanti, elettronica, mezzi di trasporto, e industrie pesanti. SETTORE TERZIARIO negli ultimi 20 anni il valore in dollari delle esportazioni cinesi è aumentato di 8 volte. Le principali borse sono quelle di Hong Kong, Shanghai e Shenzhen. DATI SIGNIFICATIVI: PIL (pro-capite)$8400, Forza lavoro16,2 milioni

6 Un po’ di storia… Origini nel bacino del fiume giallo
Ideogrammi cinesi, scrittura pittografica Durante l’epoca degli Han occidentali si ha la prima grande espansione economica Dottrina del confucianesimo Il «medioevo cinese» fra II e VI secolo, pressioni esterne, e rinascita dell’impero cinese Impero fortemente centralizzato con la dinastia dei Sui e dei Tang Massimo splendore con la dinastia Song IDEOGRAMMI CINESI

7 Hong Kong Governo democrazia limitata (democrazia amministrativa speciale della Cina) Lingua cantonese e inglese (ufficiali), mandarino e altri dialetti cinesi. Religione cristiana (10%), e altre religioni locali Popolazione Età media 43,4 anni Densità ab./km²

8 Aspetto Fisico Confini Cina, oceano pacifico
Clima subtropicale monsonico: fresco e umido in inverno, caldo e piovoso in primavera ed estate, soleggiato in autunno Territorio(1.104 km²), formato da una piccola penisola della costa cinese e da 236 isole nel mar Cinese Meridionale I fiumi Shing Mun I laghi lago artificiale, Hong Kong Park. I palazzi di Hong Kong Le ninfee del lago artificiale

9 Economia L'economia di Hong Kong è dinamica e profondamente legata al commercio internazionale. Hong Kong riveste un ruolo di elevata importanza anche nel settore bancario. SETTORE PRIMARIO Non è affatto sviluppato, rappresenta infatti meno dell’1% del PIL totale della nazione. SETTORE SECONDARIO nemmeno il settore secondario è il più sviluppato nel territorio di Hong Kong, rappresentando infatti soltanto una piccola parte del PIL totale. Vanno citate l’industria tessile ed elettronica SETTORE TERZIARIOÈ il settore terziario il più sviluppato, rappresenta infatti il 92,6% del PIL dell’intera nazione ALCUNI NUMERI: PIL(pro-capite)$49,300 Forza lavoro milioni

10 Un po’ di storia… Primi insediamenti risalenti al neolitico
Territorio ai margini della storia fino al XIX 1841 conquista di Hong Kong da parte del regno unito 19 dicembre 1984 Hong Kong diventa una regione amministrativa speciale (SAR) della repubblica popolare cinese 1 luglio 1997 accordo «un paese, due sistemi» (fino al 2047)

11 Malesia DATI SIGNIFICATIVI:
Governo monarchia costituzionale, guidata da un parlamento bicamerale. Lingua Bahasa Malaysia (ufficiale), inglese, cinese, e altri dialetti minori e linguaggi indigeni nell’est della Malesia Capitale Kuala Lumpur (1.493 milioni ab.) Religione Islam (ufficiale – 60,4%), Buddismo (19,2%), Cristianesimo (9,1%), Indusimo (6,3%), taoismo e altre minori. Città più importanti Klang, Johor Bahru Popolazione ab. Età media 26,8 anni Densità 88,5 ab/km²

12 Aspetto fisico Confini Thailandia, Singapore, Indonesia, Mar Cinese
Clima tropicale da Aprile a ottobre e Monsonico da ottobre a Febbraio Territorio km², pianure costiere che si innalzano in colline e montagne Fiumi Rajang, Kinabatangan, Kelantan, Pahang, Belum, Muar Rilievi Gunong Tahan (2190 m)

13 Economia Negli ultimi 30 anni la Malesia ha conosciuto un fortissimo sviluppo economico trasformandosi da un paese in via di sviluppo ad uno dei paesi più ricchi del sud est asiatico non più dipendente solo dalla produzione e dall’esportazione delle materie prime. SETTORE PRIMARIO agricoltura di sussistenza, i prodotti principali sono: olio di palma, gomma, cacao, riso, legno, pepe, caffè, tabacco, canna da zucchero e frutti tropicali. SETTORE SECONDARIO Il territorio della Malesia è particolarmente ricco di petrolio e gas naturale, sono presenti anche giacimenti di stagno, argento, ferro, oro, carbone e Bauxite. Industria pesante SETTORE TERZIARIO grande esportatore di apparecchiature elettroniche e materie prime. I suoi principali partner commerciali sono Singapore, Giappone e Stati Uniti. DATI SIGNIFICATIVI: PIL (pro-capite) $15600 Forza lavoro 12 milioni

14 Storia e attualità Prime forme di vita risalenti a 40.000 anni fa
1405 Cheng difende il paese da un tentativo di invasione 1838 Brooke fonda una nuova dinastia Dopo la seconda guerra mondiale il potere passa in mano ai britannici 1957 indipendenza a partire dal 1981 fortissima crescita economica Oggi società multiculturale Attualmente il primo ministro è Abdulah Bin Ahmad Badawi

15 IL Giappone Governo monarchia costituzionale con un governo parlamentare Capitale Tokyo ( milioni ab.) Lingua Giapponese Religione Shintoismo, Buddismo, Cristianesimo e altre religioni minori Città più importanti Osaka, Nagoya, Fukuoka, Sapporo Popolazione Età media 44,8 anni Densità 337 ab./km²

16 Aspetto Fisico Confini oceano pacifico e mar del Giappone
Clima clima vario, dal tropicale del sud al temperato del nord Territorio ( km²) il Giappone è un arcipelago formato da 4 isole principali e 3400 isole minori territorio aspro e prevalentemente montuoso, vulcanico e altamente sismico. Fiumi lunghezza breve e corso ripido, I principali fiumi sono: Hokkaido, Tohoku, Kanto, Chubu, Kansai, Chugoku, Shikoku, Kyushu Laghi povero di laghi, sono presenti solo il Kawaguchi e il lago Biwa Rilievi Alpi Giapponesi, con vette aguzze che sfiorano i 3000 metri, il monte più alto è il Fuji-San.

17 Economia Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale il Giappone ha sviluppato un economia tecnologicamente avanzata. A partire dal 1960 si ha una impressionante crescita economica che rallenta sensibilmente dopo il 1990 SETTORE PRIMARIO Il paese non è autosufficiente, le colture principali sono: riso, frumento, soia, patate; tè. Allevamento di bovini, suini e bachi da seta. Pesca delle balene SETTORE SECONDARIO povero di risorse minerarie. Produzione di energia nucleare, industria pesante, automobilistica, chimica e aereospaziale SETTORE TERZIARIO terzo esportatore di merci al mondo, quinto esportatore di servizi, terzo per importazione di gas e petrolio La borsa di Tokyo resta nelle principali piazze affari mondiali. DATI SIGNIFICATIVI: PIL (pro-capite) $34.300 Forza lavoro 64,97 milioni

18 Corea del Nord Governo repubblica popolare a partito unico;
Capitale Pyongyang; Città importanti Kaesong, Sinuiju, Wonsan, Hamhung. Lingua Coreano Religione Buddista, Taoista, cristiana, confuciana Popolazione ab. Età media 32,9 anni Densità 204 ab./km²

19 Aspetto fisico Confini Cina, Korea del sud, Russia
Clima temperato con piogge concentrate nel periodo estivo Territorio ( km²) circondata da mar giallo e mar del Giappone, prevalentemente montuosa I Fiumi Amnok (790 km) I laghi Sijung I Rilievi monti Myohyang, monti Kuwol, monte Baekdu Monte Baekdu

20 Economia L’economia della Corea del Nord è in una situazione drammatica, gli investimenti stranieri sono limitati a causa del regime che governa il paese SETTORE PRIMARIO coltivati miglio, avena, orzo, frumento, mais e riso. Pesca importante nell’economia, allevamento poco sviluppato, legname dalle foreste. SETTORE SECONDARIO E TERZIARIO industria pesante altamente sviluppata, produzione di energia nucleare (2 centrali nucleari), estrazione di carbone e lignite. La Cina è il primo partner commerciale. DATI SIGNIFICATIVI: PIL (pro-capite) $1800 Forza lavoro 12,2 milioni

21 Un po’ di storia… Influenze sia della Cina che del Giappone
Divisione in tre regni (Kogutyo, Silla, Paikche) dagli inizi dell’epoca del volgare 935 dinastia dei Koryo 1592 invasione da parte del generale giapponese Hideyoshi e reazione della Corea 1876 nuova invasione da parte dei Giappone 1910 annessione come provincia da parte del Giappone 1948 divisione fra Corea del nord e Corea del sud 1950 I nord Coreani varcano il confine della Corea del sud e dopo tre anni di guerra…. 1953 armistizio che sancisce la divisione fra le due Coree

22 Attualità 1948/1994 dittatura di Kim II Sung
8 ottobre 1997 Kim Jong II Sabato 17 dicembre 2012 morte Kim Jong II, fine della dittatura personale ma non del regime stato «prigione» Isolamento totale dei cittadini

23 Corea del Sud Governo repubblica Capitale Seoul Lingua Coreano
Religione Buddhista, taoista, confuciana, cristiana Città più importanti Busan, Incheon, Daegu, Daejon Popolazione abitanti Età media 38,4 Densità 489 ab./km²

24 Aspetto fisico Confini Corea del Nord, mare del Giappone, mare Giallo
Clima temperato con precipitazioni maggiori in estate Territorio (99.720km²), prevalentemente montuoso, in oriente e pianeggiante a occidente I Fiumi Nakktong, Han I laghi Jinyang, Anapji I Rilievi monti Taebaek

25 Economia Negli ultimi quattro decenni la Corea del sud ha dimostrato un incredibile crescita di integrazione globale, attualmente è tra le prime 20 maggiori economie SETTORE PRIMARIO si coltivano cereali, patate, importante il settore della pesca, di scarsa rilevanza quello dell’allevamento SETTORE SECONDARIO produzione di energia nucleare, sviluppata l’industria pesante, importante settore automobilistico e elettronico. SETTORE TERZIARIO la Banca di corea svolge le funzioni di banca centrale, Seoul la sede della borsa valori DATI SIGNIFICATIVI: PIL (pro-capite) $31.700 Forza lavoro 25,1 milioni

26 Storia e attualità La storia fino al 1953 coincide con quella della corea del Nord Governo semi-democratico fino al 1972 Paese chiuso in se stesso per 15 anni 1980Massacro di Kwangju, uccisione di 200 studenti 1988 elezione del presidente della repubblica Roh tae-woo 1992 Kim Young-Sam presidente 1998 fase di stallo dell’economia Giugno 2002 scontro navale fra le due coree 15 settembre 2003 volo commerciale fra le due coree, per la prima volta dopo 50 anni

27 Bibliografia e sitografia
TESTI DI RIFERIMENTO: M. Bettini – M. Lentano – D. Puliga, Il nuovo ‘Sulle spalle dei giganti’, B.Mondadori, 2010 IMMAGINI E INFORMAZIONI DAI SITI: https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/


Scaricare ppt "L’Estremo Oriente Dalle brulicanti città della Cina alle foreste vergini delle numerosissime isole dell’Indonesia, alla piccola città-stato di Singapore,"

Presentazioni simili


Annunci Google