La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Itinerario Piccolo di apprendimento attraverso il linguaggio Prof. Cecilia Vetturini delle immagini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Itinerario Piccolo di apprendimento attraverso il linguaggio Prof. Cecilia Vetturini delle immagini."— Transcript della presentazione:

1 itinerario Piccolo di apprendimento attraverso il linguaggio Prof. Cecilia Vetturini delle immagini

2 Introduzione Sappiamo che il bambino impara le immagini ancor prima delle parole alle quali seguirà la conoscenza dei concetti. La didattica, utilizzando il linguaggio delle immagini, rispetta questordine naturale. Il presente lavoro analizza quattro diversi livelli di lettura delle immagini partendo dal concreto per giungere allastrazione. Sono immagini e attività presenti nel libro di testo di religione cattolica: Credenti in dialogo di Pasquale Troìa e Cecilia Vetturini. Il testo è edito dalla Edmund Le Monnier ed è adottato nelle scuole secondarie di primo grado a partire dallanno scolastico 2006/07. La pagina Giochiamo per imparare è stata pensata per gli alunni diversamente abili. Le pagine in appendice illustrano gli orizzonti educativi e didattici che gli Autori hanno privilegiato nelle scelte di testi, documenti, immagini e attività. (questa è una presentazione per linsegnante infatti ci puoi trovare le risposte scritte in rosso, ma cliccando sulla freccia puoi collegarti alla pagina relativa alla versione pensata esclusivamente per lalunno)

3 lo Stupore le Attività la Meraviglia Sono i sentimenti della novità lAttenzione La via alla comprensione delle immagini: dallo Stupore alle Attività le Operazioni intellettuali la Comprensione La parola deriva dalla radice indoeuropea steup che significa battere. Stupore indica appunto leffetto di essere metaforicamente battuti, colpiti da unesperienza. la Motivazione Ciò che produce movimento allapprendimento

4 I livello di lettura delle immagini (individuare elementi familiari allalunno: lespressione di un volto, il significato di un gesto, la posizione del corpo …) Langelo a destra: lo Spirito Santo e la sua relazione con il Padre e il Figlio. Ora dovrai focalizzare lattenzione sullangelo di destra: lo Spirito Santo. Osserva e rispondi: 1. Il suo corpo: * disegna una curva simile a quella degli altri due angeli? No è più ampia. * è inclinato verso gli altri? Si. * potrebbe trattarsi di un atteggiamento di attesa, di chi sta ricevendo dagli altri? Si. 2. Il suo sguardo: * dove è rivolto? E chinato a guardare il tavolo. *e se quel tavolo fosse una altare, secondo te cosa potrebbe comunicare langelo di destra a chi guarda licona? Che è invitato a partecipare alla celebrazione. 3. Descrivi lo sguardo dellangelo di sinistra verso di lui: Langelo di sinistra lo guarda amorevolmente. 4. La posizione del corpo dellangelo al centro comunica qualche rapporto con lui? Langelo al centro ha il petto rivolto verso di lui. 5. Sottolinea nel Credo riportato nel documento n. 10, la parte che riguarda lo Spirito Santo. 6. Ora che sai tutto su questa icona, osserva la copertina del tuo libro e scoprirai che… Individuare relazioni espresse in forma simbolica. abilità

5 Il livello di lettura delle immagini (individuare elementi familiari allalunno: lespressione di un volto, il significato di un gesto, la posizione del corpo …) In questa immagine: 1. Verso chi è rivolto lo sguardo di Gesù? Verso gli apostoli. 2. Quali personaggi comunicano il valore dellaccoglienza? Gli angeli, il bambino, gli apostoli. 3. Con quale gesto Gesù dimostra di prediligere i bambini? Gli mette una mano sulla testa. 4. Quali elementi comunicano lautorità del maestro Gesù? Il rotolo nella sua mano, la centralità di Gesù nellimmagine. Individuare relazioni espresse in forma simbolica. abilità

6 II livello di lettura delle immagini (lalunno è guidato alla ricerca di simbologie specifiche e del loro significato teologico anche consultandola lampia decodifica presente nel testo) abilità Interpretare le simbologie veicolate dai colori di unicona ed espresse in un testo liturgico. Osserva ancora licona della Trinità: scrivi il colore degli abiti dei tre angeli: Ora, guidato dalla simbologia dei colori qui accanto, completa le frasi e rispondi alle domande: 1. Dio Padre ha un abito trasparente perché Dio non lha mai visto nessuno. 2. Il Figlio ha un abito rosso perché è Dio fatto uomo. 3. Lo Spirito Santo ha un mantello verde perché è colui che dà la vita. 4. In relazione alla risposta precedente, individua nel TS 6 almeno due qualità dello Spirito Santo: E luce dellintelletto; è acqua viva, fuoco. 5. Il colore blu è comune alle tre persone perché ogni persona è Dio. 6. Scopri altri elementi comuni ai tre angeli: * Si somigliano? Si. * Sono giovani tutti e tre? Si. * Tutti e tre hanno il corpo allungato? Si. 7. Quale verità di fede ha voluto comunicare lartista mediante queste scelte? Il mistero della Trinità. 8. Nel TS 6 sottolinea le espressioni che indicano il rapporto dello Spirito Santo con il Padre e con il Figlio. * Verde * Blu * Rosso scuro * Blu * Oro e rosa trasparenti * Blu I colori degli abiti Simbologia dei colori delle icone: 1. Blu: la divinità 2. Rosso: lumanità 3. Trasparenza: linvisibilità 4. Verde: la vit a langelo di destra (Lo Spirito Santo) langelo al centro ( il Figlio) langelo di sinistra ( il Padre) le persone simbologie

7 II livello di lettura delle immagini (lalunno è guidato alla ricerca di simbologie specifiche e del loro significato teologico anche consultando lampia decodifica presente nel testo che descrive limmagine ed i suoi significati). Nellimmagine 1. Cosa cambia nella quinta e nella sesta formella rispetto alle precedenti? Gesù sembra uscire dal nimbo per chinarsi verso gli uccelli gli animali. 2. Cosa cambia nella settima? Perché? Gesù è uscito dal suo nimbo. E allo stesso livello delluomo perché lo crea simile a Lui. 3. Perché Gesù non è presente nellultima formella? Perché con il peccato gli uomini si sono allontanati da Lui. 4. Ricordando ciò che hai imparato nellunità 2: Gesù era presente durante lopera della creazione? Sì perché Gesù è Dio quindi eterno. abilità Rilevare messaggi teologici impliciti allinterno di una sequenza cronologica di immagini.

8 III livello di lettura delle immagini (lalunno riconosce i personaggi e i loro gesti mediante la consultazione di testi biblici di riferimento citati e spiegati nellampia decodifica presente nel testo). Descrivi in poche parole il problema: Un uomo che andava verso Gerico è stato spogliato, percosso e abbandonato in mezzo alla strada dai briganti che lo hanno ridotto in fin di vita. Ha bisogno di aiuto. Lo vede e ne ha compassione Gli si fa vicino e gli cura le ferite Lo porta in una locanda Paga lalbergatore perché si prenda cura di lui Un abitante della Samaria (i samaritani non avevano un buon rapporto con i giudei) Un samaritano Lo vede e passa oltre Rappresentante dei capi religiosi Aiutante nei servizi del tempio Un sacerdote Un levita Descrivi i comportamenti Chi sono?Passano di lì La domanda di Gesù: Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti? La risposta del dottore della Legge: Chi ha avuto compassione di lui. Linsegnamento di Gesù: Và e anche tu fa lo stesso La soluzione del problema è: Essere solidali con chi ha bisogno di aiuto anche se non è un nostro amico. abilità Rilevare insegnamenti evangelici allinterno di una sequenza cronologica.

9 IV livello di lettura delle immagini (richiede capacità di astrazione). Nelle immagini troviamo la storia dellumanità. Qui larte diventa anche interpretazione di sentimenti, di credenze, di umori; in sintesi del mondo in cui vive lartista. Nell immagine: individua le scelte pittoriche con le quali lartista vuole comunicare che il futuro: 1. è luce: il colore giallo. 2. è dinamismo: le vele sono spiegate al vento. 3. è velocità: tutte le vele sono spiegate al vento. 4. è nuove scoperte: la barca che naviga. 5. è nella cooperazione: le vele che si intersecano. 6. è responsabilità di ciascuno: nessuna vela si sovrappone allaltra. 7. coinvolge tutto luniverso: il mare e il cielo. In questa immagine: Come sono disposti i bambini che danzano? In cerchio Cosa immagini che potrebbe esserci al centro? Perché, secondo te,la danza dei bambini è simbolo di speranza nel futuro? Come interpreti la presenza dei fiori? Lo sfondo del quadro è luminoso: avrà un significato? abilitàInterpretare in unimmagine i sentimenti comunicati dallartista.

10 Qui è riportato il mosaico del catino dellabside della Basilica di San Clemente a Roma. Assegna un colore diverso ai rettangoli disegnati intorno al mosaico. Cerca i rispettivi simboli e personaggi nel mosaico e colorali con i colori corrispondenti. Per aiutarti puoi leggere alcuni indizi scritti in corsivo nei rettangoli. Betlemme ( in basso a sinistra) Gerusalemme ( in basso a destra) Gesù (non solo sulla croce, ma.. guarda lagnello in basso e guarda anche in alto) Dio Padre (cè una mano sopra la croce) Maria e Giovanni (a destra e a sinistra di Gesù) Gli apostoli (erano 12) Gli evangelisti (ai lati di Gesù in alto rappresentati da quattro simboli) S. Pietro e S. Paolo (ai lati del grande arco: puoi riconoscere anche le scritte) Conoscenza (OSA5). Riconoscere la persona di Gesù nellarte. Abilità (OSA8). Riconoscere vari modi di interpretare la vita di Maria, di Gesù e dei santi nellarte. OF. Saper decodificare alcune simbologie dellarte sacra.

11 Ciclicità e tipologia di compiti Motiva zione Volerlo fare Ciclicità e tipologia di contenuti Cercare come si può fare Imparare a fare Consapevolez za personale Fattibilità del compito Saper cosa fare Essere messi in condizione di fare Successo formativo Significatività dellapprendimento Domanda di apprendimento Efficace processo di apprendimento Per un efficace processo di apprendimento

12 didattica della personalizzazione capacità personali centralità dellalunno domanda educativa dellalunno recupero degli svantaggi prevenzione dei disagi apprendimento significativo sapere unitario mappe della conoscenza costruzione della conoscenza saperi essenziali Le parole della scuola formativa 2. competenze strumenti formativi imparare ad imparare orientamento educazione permanente obiettivi formativi autoapprendimento 3. personalizzazione 1.conoscenze, abilità

13 Conclusione Antidoto allignoranza è listruzione, della quale devono essere nutrite le menti di chi studia nelle scuole: unistruzione che sia, però, vera, completa, chiara ed esauriente. Sarà vera se si insegnerà e si imparerà ciò che è davvero utile alla vita perché non ci sia in seguito loccasione di lamentarsi dicendo: ignoriamo tutte le cose necessarie perché abbiamo imparato solo cose inutili… (Comenio, dalla prefazione allOrbis sensualium pictus, 1659)


Scaricare ppt "Itinerario Piccolo di apprendimento attraverso il linguaggio Prof. Cecilia Vetturini delle immagini."

Presentazioni simili


Annunci Google