La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La valutazione dei rischi per le lavoratrici madri: il ruolo del medico competente dr.ssa Elisabetta Davanzo SPISAL ULSS 7 Susegana, 19/06/2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La valutazione dei rischi per le lavoratrici madri: il ruolo del medico competente dr.ssa Elisabetta Davanzo SPISAL ULSS 7 Susegana, 19/06/2010."— Transcript della presentazione:

1 La valutazione dei rischi per le lavoratrici madri: il ruolo del medico competente dr.ssa Elisabetta Davanzo SPISAL ULSS 7 Susegana, 19/06/2010

2 D.Lgs. 81/08 art.17 Obblighi del datore di lavoro non delegabili 1. Il DL non può delegare le seguenti attività: a) la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dallart. 28; D.Lgs. 81/08 art. 25 Obblighi del medico competente 1. Il medico competente: a) collabora con il DL e con il SPP alla valutazione dei rischi, … alla predisposizione dellattuazione delle misure per la tutela della salute e dellintegrità psico-fisica dei lavoratori, allattività di formazione e informazione nei confronti dei lavoratori per la parte di competenza …

3 D.Lgs. 81/08 art.18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente c)nellaffidare i compiti ai lavoratori, tenere conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e sicurezza; (art. 6 D. Lgs 151/01 … misure per la tutela della sicurezza e della salute delle lavoratrici durante il periodo di gravidanza e fino a sette mesi di età del figlio, che hanno informato il datore di lavoro del proprio stato,… fatto salvo quanto previsto dallart. 8 c.2 ) g) … richiedere al MC losservanza degli obblighi previsti a suo carico nel presente decreto; l) adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento; n)consentire ai lavoratori di verificare mediante RLS lapplicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; v) nelle unità produttive con più di 15 lavoratori convocare la riunione periodica (art. 35 D.Lgs 81/08 … nelle unità produttive che occupano fino a 15 dipendenti è facoltà dellRLS chiedere la convocazione di unapposita riunione)

4 D.Lgs. 81/08 art. 28 Oggetto della valutazione dei rischi … deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi … quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal D.Lgs 151/01 … la scelta dei criteri di redazione del documento è rimessa al DL che vi provvede con criteri di semplicità, brevità e comprensibilità … D.Lgs. 151/01 art. 11 Valutazione dei rischi … il DL valuta i rischi per la sicurezza e la salute delle lavoratrici, in particolare i rischi di esposizione ad agenti fisici, chimici o biologici, processi o condizioni di lavoro di cui allallegato C …

5 D.Lgs. 81/08 art. 29 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 1. Il DL effettua la valutazione ed elabora il documento in collaborazione con RSPP e MC, nei casi di cui allart. 41 (sorveglianza sanitaria) D.Lgs. 81/08 art. 41 Sorveglianza sanitaria 1. È effettuata dal MC : a) nei casi previsti dalla normativa vigente b) su richiesta del lavoratore … 3. Le visite mediche non possono essere effettuate per accertare stati di gravidanza

6 D.Lgs. 81/08 art. 183 Lavoratori particolarmente sensibili 1. Il DL adatta le misure di cui allart. 182 ( disposizioni miranti ad eliminare o ridurre i rischi da esposizione ad agenti fisici ) alle esigenze dei lavoratori appartenenti a gruppi particolarmente sensibili al rischio, incluse le donne in stato di gravidanza ed i minori. D.Lgs. 81/08 art. 190 Valutazione del rischio 1. Il DL valuta lesposizione dei lavoratori al rumore durante il lavoro prendendo in considerazione … c) tutti gli effetti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori particolarmente sensibili al rumore, con particolare riferimento alle donne in gravidanza e i minori

7 D.Lgs. 81/08 art. 202 Valutazione dei rischi 1. … il DL valuta e, quando necessario, misura i livelli di vibrazioni meccaniche cui i lavoratori sono esposti; 5.ai fini della valutazione di cui al c. 1 il DL tiene conto … c) degli eventuali effetti sulla salute e sicurezza dei lavoratori particolarmente sensibili al rischio con particolare riferimento alle donne in gravidanza e ai minori Allegato IV Requisiti dei luoghi di lavoro Le donne incinte e le madri che allattano devono avere la possibilità di riposarsi in posizione distesa e in condizioni appropriate

8 Caso 1 Lavoratrice di 29 aa gravida alla 7 ª sett. si reca allo SPISAL su indicazione del ginecologo Attività lavorativa svolta Comparto: metalmeccanica Mansione: addetta reparto coniatura Rischi lavorativi rilevati:- stazione eretta prolungata - movimentazione manuale di carichi - rumore - chimico Rischi lavorativi confermati dal DL che dichiara altresì di non poter adibire la lavoratrice ad altra mansione in quanto non disponibili posti alternativi compatibili con lo stato di gravidanza Si ritiene che sussistano le condizioni previste dal D.Lgs 151/01 per proporre alla DPL la concessione della interdizione dal lavoro fino al congedo obbligatorio e si invia la documentazione per il proseguo di competenza. La DPL emette il provvedimento. Si invita la lavoratrice a ripresentarsi allo SPISAL ad 1 mese di vita del bambino per valutare un eventuale prolungamento dellinterdizione fino al 7° mese. La lavoratrice si ripresenta, viene ricontattata lazienda che per il periodo post partum propone un cambio mansione, individuata congiuntamente da DL, RSPP, MC

9

10 Tra quelle individuate compatibili, risulta disponibile la mansione di add. confezione manuale a banco o add. confezione con macchine insacchettatrici – inscatolatrici. Lo SPISAL effettua un sopralluogo per verificare ladeguatezza della mansione e ritiene che la stessa sia compatibile con il periodo post partum. Viene data comunicazione alla DPL, a DL e alla lavoratrice che il cambio mansione proposto risulta adeguato. Risultato: buona la sinergia fra le parti!

11 Caso 2 Lavoratrice di 32 aa gravida alla 10 ª sett. si reca allo SPISAL su indicazione del MMG Attività lavorativa svolta Comparto: metalmeccanica (produzione forni per cucine) Mansione: addetta premontaggio lavaggi e sfiati Rischi lavorativi rilevati:- stazione eretta prolungata - urti e vibrazioni (uso di trapani, avvitatori e martello) - chimico Il DL segnala di aver già adeguato la mansione con esclusione delluso di silicone e delluso frequente di martello inviando a supporto la valutazione del rischio relativa alla tutela delle lavoratrici madri. Lo SPISAL effettua un sopralluogo per verificare che la mansione proposta sia effettivamente compatibile con lo stato di gravidanza rilevando che: - la lavoratrice è stata dotata di un sedile ergonomico ma che adattato allaltezza del banco di lavoro la costringe a postura affaticante con le braccia in elevazione; - è stato escluso luso frequente di martello, ma non viene presa in considerazione lesclusione delluso di trapani ed avvitatori pur essendo emerso dalla valutazione dei rischi, il rischio di vibrazioni meccaniche per la mansione in oggetto; - è stato escluso luso di silicone che però viene utilizzato da un altro operatore nello stesso banco di lavoro in posizione contigua.

12

13

14

15 La mansione proposta non risulta complessivamente adeguata allo stato di gravidanza. Il documento di valutazione dei rischi lavoratrici gestanti rimanda il giudizio di incompatibilità della mansione per la presenza di rischi vibrazioni e chimico all idoneità del MC che non è stato interpellato. Sinergia fra le parti?

16 Caso 3 Lavoratrice di 24 aa gravida alla 7 ª sett. si reca allo SPISAL su indicazione del ginecologo Attività lavorativa svolta Mansione: apprendista parrucchiera Orario di lavoro giornaliero Rischi lavorativi rilevati:- stazione eretta prolungata e postura incongrua - chimico Rischi lavorativi confermati dal DL che dichiara altresì di non poter individuare una mansione alternativa compatibile con lo stato di gravidanza in quanto tutte le attività vengono svolte in stazione eretta. Si ritiene che sussistano le condizioni previste dal D.Lgs 151/01 per proporre alla DPL la concessione della interdizione dal lavoro fino al congedo obbligatorio e si invia la documentazione per il proseguo di competenza. La DPL emette il provvedimento. Si invita la lavoratrice a ripresentarsi allo SPISAL ad 1 mese di vita del bambino per valutare un eventuale prolungamento dellinterdizione fino al 7° mese. La lavoratrice si ripresenta, viene ricontattata lazienda che per il periodo post partum propone un cambio mansione: addetta lavateste, centralinista, addetta semplici pieghe, addetta alle pulizie (spazzare i capelli, sistemare asciugamani ecc).

17 Lo SPISAL effettua un sopralluogo per verificare ladeguatezza della mansione e valutata la postazione di lavoro rileva che trattasi di ambiente unico, non compartimentato, non dotato di sistemi di aspirazione o estrattori daria. Presenza di vasistas che vengono aperti al bisogno. Anche se la lavoratrice venisse adibita ad attività che non comportano lutilizzo di prodotti chimici, non è escludibile a priori unesposizione indiretta derivante dalluso dei prodotti in postazioni contigue. Si richiede di visionare il documento di VR. Il DL fornisce lautocertificazione.

18

19

20 Lo SPISAL effettua un sopralluogo per verificare ladeguatezza della mansione e valutata la postazione di lavoro rileva che trattasi di ambiente unico, non compartimentato, non dotato di sistemi di aspirazione o estrattori daria. Presenza di vasistas che vengono aperti al bisogno. Anche se la lavoratrice verrebbe adibita ad attività che non comportano lutilizzo di prodotti chimici, non è escludibile a priori unesposizione indiretta derivante dalluso dei prodotti in postazioni contigue. Si richiede di visionare il documento di VR. Il DL fornisce lautocertificazione. Si chiede di poter visionare le schede di sicurezza dei prodotti in uso che però il DL non ha a disposizione. Lo SPISAL chiede le schede di sicurezza e dispone ladozione di un estrattore daria nel locale.

21 Conclusioni: 1. Aziende in cui è nominato il MC: è indispensabile la partecipazione attiva di tutte le figure aziendali della prevenzione, ivi compreso il MC, al fine di individuare reali misure di tutela per la lavoratrice gestante e in allattamento. E opportuno che la valutazione sia fatta sempre a priori, prima cioè che si verifichi una gravidanza in modo tale da poter prevedere in anticipo quali misure di protezione adottare ed effettuare una corretta informazione e formazione della lavoratrice circa i rischi per la gravidanza e lallattamento in relazione allattività lavorativa svolta. 2. Aziende in cui non è nominato il MC: essenziale il ruolo dello SPISAL nel supportare il DL nella gestione della tutela della lavoratrice nei casi di lavoro a rischio e nellaccertare la corretta applicazione della normativa. Prezioso il contributo di ginecologi e medici di medicina generale nellinviare le lavoratrici allo SPISAL


Scaricare ppt "La valutazione dei rischi per le lavoratrici madri: il ruolo del medico competente dr.ssa Elisabetta Davanzo SPISAL ULSS 7 Susegana, 19/06/2010."

Presentazioni simili


Annunci Google