La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le migrazioni nellUE dei 27 Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le migrazioni nellUE dei 27 Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010."— Transcript della presentazione:

1 Le migrazioni nellUE dei 27 Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010

2

3 Secondo i dati ufficiali diffusi dallEurostat, la popolazione straniera regolarmente presente nellUE al 1 gennaio 2008 ammontava a circa individui, il 6,2% della popolazione residente. Un terzo sono cittadini di altri Paese dellUE, i quali usufruiscono della politica europea di libera circolazione. La presenza straniera proveniente da Paesi non membri dellUE ammontava a circa ,000 individui.

4 Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010 Il 48, 6% della popolazione straniera in UE risiede in: Germania, residenti Regno Unito, residenti Francia, residenti

5 Limmigrazione in Italia Valentina Itri - Roma, 11 settembre milioni e 891mila gli immigrati regolari al 1 gennaio 2009 ovvero il 6,5% della popolazione italiana. Rispetto al 2008 lincremento della presenza straniera è del 13,4%. Un abitante su 14 è di cittadinanza straniera. Letà media degli stranieri è pari a 31 anni contro i 43 degli italiani. Il rapporto tra i sessi è sufficientemente equilibrato con una leggera maggioranza della componente femminile. Fonte: Dossier Statistico sullImmigrazione Caritas Migrantes 2009

6 Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010

7 Le cifre sono in migliaia di persone (es. 402 = 402mila persone) Fonte: Limes 2/09

8 Le rotte migratorie africane Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010 Dalla costa atlantica africana verso l'arcipelago spagnolo delle isole Canarie Dal Marocco e lAlgeria verso la costa spagnola dellAndalusia e delle isole Baleari oppure verso le due enclave spagnole di Ceuta e Melilla Dall'Algeria alla Sardegna Dalla Tunisia, la Libia e l'Egitto verso la Sicilia, Malta e le isole di Lampedusa e Pantelleria Dalla Turchia verso la Grecia

9 Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010 Rotte dallAfrica occidentale allUE

10 Frontex Agenzia europea per la gestione della cooperazione internazionale alle frontiere esterne degli Stati membri dellUE Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010 Nellottobre del 2004 il Consiglio dEuropa ha adottato una risoluzione al fine di creare un agenzia di coordinamento degli sforzi degli stati membri per la tutela dei confini esterni. L agenzia Frontex è diventata operativa nellottobre 2005 con i seguenti compiti: «coordinare la cooperazione operativa tra gli Stati membri in materia di gestione delle frontiere esterne; assistere gli Stati membri nella formazione di guardie nazionali di confine, anche elaborando norme comuni in materia di formazione; preparare analisi dei rischi; seguire levoluzione delle ricerche in materia di controllo e sorveglianza delle frontiere esterne; aiutare gli Stati membri che devono affrontare circostanze tali da richiedere unassistenza tecnica e operativa rafforzata alle frontiere esterne; fornire agli Stati membri il sostegno necessario per organizzare operazioni di rimpatrio congiunte.»

11 Valentina Itri - Roma, 11 settembre Con il sostegno di Frontex, gli arrivi dei barconi di migranti nelle isole Canarie sono scesi del 74 % rispetto al Operazione Hera: Frontex ha portato ufficiali mauritani e senegalesi a bordo di navi dell UE 2009 Operazione Nautilus: obiettivo deviare i barconi che dal Nord Africa cercavano di raggiungere lItalia e Malta. Il 18 giugno, per la prima volta nella storia dellAgenzia, unoperazione ha portato allintercettamento e respingimento verso la Libia di migranti nel Mediterraneo

12 Lamicizia italo - libica Valentina Itri - Roma, 11 settembre maggio LItalia ha iniziato UNILATERLAMENTE a intercettare migranti in alto mare, rinviandoli sommariamente in Libia. 14 maggio Inaugurazione ufficiale dei pattugliamenti congiunti in acque territoriali libiche e acque internazionali. Primi 6 mesi del Il numero di migranti diretti in Sicilia e Sardegna via mare si è ridotto del 55% Il 75% di coloro che sono arrivati in Italia via mare ha presentato richiesta di protezione internazionale (richiesta di asilo) e al 50% di loro è stata concessa una forma di protezione.

13 L'ingresso degli stranieri in Italia Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010 Lingresso degli stranieri provenienti dai Paesi dellUnione Europea è regolato dagli accordi di Schengen che hanno reso possibile la creazione di uno spazio comune di libera circolazione tra gli Stati aderenti ed eliminato i controlli alle frontiere. Lo straniero, in questo caso, è esente da visto per soggiorno non superiore a tre mesi. Lingresso degli stranieri provenienti dai Paese non membri dellUE deve possedere un visto che autorizza lingresso e che deve essere applicato sul passaporto o su un altro documento di viaggio. Alcuni Stati sono esenti dall'obbligo del visto per turismo. Il visto è rilasciato dalle ambasciate o dai consolati italiani nello stato di origine o nel Paese in cui lo straniero ha una residenza stabile. Gli stranieri che vengono in Italia per visite, affari, turismo e studio per periodi non superiori ai tre mesi, non devono chiedere il permesso di soggiorno.

14 Principali tipologie di permesso Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010 Studio. Un visto per motivi di studio può essere richiesto allAmbasciata italiana nel Paese di residenza dello straniero. Ha validità pari al corso che si intende seguire e si rinnova di anno in anno fino alla fine del corso di studi previsto. Questo permesso permette di svolgere attività lavorative part time, con contratto di lavoro non superiore alle 20 ore settimanali. Ricongiungimento familiare. Può essere richiesto da uno straniero regolarmente soggiornante, titolare di carta di soggiorno/permesso lungo soggiornanti o valido permesso di soggiorno per lavoro subordinato, per lavoro autonomo, per asilo, per studio, per motivi familiari o per motivi religiosi, di durata non inferiore ad un anno. Lavoro. Il cittadino straniero deve possedere al momento di ingresso in Italia un visto per motivi di lavoro a seguito del rilascio del nulla osta al lavoro da parte dello Sportello unico competente.

15 La pratica del Decreto Flussi Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010 Programmazione triennale della definizione annuale di quote massime di cittadini stranieri cui consentire lingresso per motivi di lavoro, tenendo conto dellincidenza dei ricongiungimenti familiari e delle misure di protezione eventualmente disposte sul mercato del lavoro. Con la legge 189/2002 (Bossi – Fini) si è stabilito: Termine del 30 novembre dellanno precedente a quello di riferimento dei flussi per la loro definizione e per linvio, da parte delle Regioni, del loro fabbisogno di manodopera. Facoltà per il Presidente del Consiglio, in caso di mancata pubblicazione del decreto di programmazione annuale, di provvedere in via transitoria con proprio decreto nel limite delle quote stabilite per lanno precedente.

16 La procedura Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010 Art. 18 della legge 189/2002 Istituzione dello Sportello Unico per limmigrazione presso ogni Prefettura/UTG demandato di gestire le interazioni tra le autorità amministrative coinvolte nel procedimento stesso. Fasi del procedimento: presentazione di richiesta di nulla osta al lavoro allo Sportello Unico trasmissione della documentazione alla Questura per gli accertamenti di competenza comunicazione della richiesta al Centro per l'impiego territorialmente competente, che deve trasmettere certificazione negativa trascorsi venti giorni senza che sia stata presentata alcuna domanda da lavoratore nazionale o comunitario rilascio di nulla osta da parte dello Sportello Unico nel limite delle quote disponibili nel caso di mancato reperimento di personale utile sul territorio nazionale, con validità per un periodo non superiore a sei mesi dalla data di rilascio, entro il termine massimo di quaranta giorni dalla presentazione della richiesta trasmissione della documentazione, compreso il codice fiscale, all'Ufficio consolare chiamato a rilasciare il visto di ingresso stipula del contratto di soggiorno che abilita lo straniero a permanere legalmente nel Paese rilascio del permesso di soggiorno per motivi di lavoro.

17 Valentina Itri - Roma, 11 settembre mila quote Decreto flussi 2007 Oltre 700mila richieste

18 Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010 Non ci sarebbe un confine senza qualcuno che lo attraversa ripetutamente. Ci sarebbe solo una linea, un fiume o un mare ma serve un movimento di persone per farne un confine. Ursula Biemann


Scaricare ppt "Le migrazioni nellUE dei 27 Valentina Itri - Roma, 11 settembre 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google