La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 I contratti di lavoro tra flessibilità e tutela Scuola di Formazione Sociale e Politica per Giovani Arcidiocesi di Milano Milano, 12 novembre 2011 Prof.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 I contratti di lavoro tra flessibilità e tutela Scuola di Formazione Sociale e Politica per Giovani Arcidiocesi di Milano Milano, 12 novembre 2011 Prof."— Transcript della presentazione:

1 1 I contratti di lavoro tra flessibilità e tutela Scuola di Formazione Sociale e Politica per Giovani Arcidiocesi di Milano Milano, 12 novembre 2011 Prof. Matteo Corti

2 2 Piano del seminario Il dibattito sulla subordinazione degli anni 90 Il dibattito sulla subordinazione degli anni 90 Le diverse posizioni dei giuslavoristi Le diverse posizioni dei giuslavoristi Le proposte degli anni 90 sulla estensione/rimodulazione delle tutele Le proposte degli anni 90 sulla estensione/rimodulazione delle tutele Il dibattito sulla disciplina dei licenziamenti Il dibattito sulla disciplina dei licenziamenti Lo Statuto dei lavori Treu-Amato del 2002 Lo Statuto dei lavori Treu-Amato del 2002 La risposta della cd. Legge Biagi La risposta della cd. Legge Biagi Il dibattito sul contratto unico Il dibattito sul contratto unico I progetti di legge sul contratto unico I progetti di legge sul contratto unico Il progetto di contratto unico di Ichino del 2009 Il progetto di contratto unico di Ichino del 2009 Alla ricerca di una tutela inclusiva Alla ricerca di una tutela inclusiva

3 3 Il dibattito sulla subordinazione degli anni 90 Il dibattito sulla crisi del contratto di lavoro subordinato standard. Il dibattito sulla crisi del contratto di lavoro subordinato standard. Le ragioni della crisi Le ragioni della crisi 1. il cambiamento dei modelli produttivi/organizzativi 1. il cambiamento dei modelli produttivi/organizzativi a) dallintegrazione verticale a quella orizzontale; b) dal taylorismo-fordismo ai nuovi paradigmi produttivi/organizzativi (lean production, just in time, total quality management); 2. la fuga dalla subordinazione la crescita dei costi di subordinazione determinata da 2. la fuga dalla subordinazione la crescita dei costi di subordinazione determinata da a) globalizzazione e competizione internazionale; b)tendenza espansiva delle tutele lavoristiche, sia di carattere legale che previdenziale. Conseguenze: disoccupazione crescente e segmentazione del mercato del lavoro. Conseguenze: disoccupazione crescente e segmentazione del mercato del lavoro.

4 4 Le diverse opinioni dei giuslavoristi Le posizioni favorevoli allintroduzione di un tertium genus fra subordinazione e autonomia Flammia, Persiani, De Luca Tamajo Le posizioni favorevoli allintroduzione di un tertium genus fra subordinazione e autonomia Flammia, Persiani, De Luca Tamajo Le posizioni favorevoli alla riorganizzazione delle tutele sulla base di un continuum dal lavoro sans phrase al lavoro subordinato Le posizioni favorevoli alla riorganizzazione delle tutele sulla base di un continuum dal lavoro sans phrase al lavoro subordinato 1. Pedrazzoli 2. Alleva 3. DAntona 4. Ichino 5. Statuto dei lavori Biagi-Treu Limpostazione tradizionale che rivendica la persistente attualità della distinzione tra lavoro subordinato e lavoro autonomo, fornendo una lettura modernizzata della subordinazione (Mengoni, Napoli). Limpostazione tradizionale che rivendica la persistente attualità della distinzione tra lavoro subordinato e lavoro autonomo, fornendo una lettura modernizzata della subordinazione (Mengoni, Napoli).

5 5 Le proposte degli anni 90 sulla estensione/rimodulazione delle tutele Le proposte che miravano allestensione di gran parte delle tutele del lavoro subordinato anche al lavoro economicamente dipendente Alleva, d.d.l. Smuraglia Le proposte che miravano allestensione di gran parte delle tutele del lavoro subordinato anche al lavoro economicamente dipendente Alleva, d.d.l. Smuraglia I progetti che miravano alla rimodulazione delle tutele, in generale sottraendone alcune ai lavoratori subordinati la cui prestazione si svolge in condizioni di maggiore autonomia, e aggiungendone ai lavoratori coordinati (economicamente dipendenti) I progetti che miravano alla rimodulazione delle tutele, in generale sottraendone alcune ai lavoratori subordinati la cui prestazione si svolge in condizioni di maggiore autonomia, e aggiungendone ai lavoratori coordinati (economicamente dipendenti) 1. Progetto di Flammia, De Luca Tamajo, Persiani; 2. Proposta di Pedrazzoli; 3. Proposta di DAntona; 4. Proposta di Ichino; 5. Statuto dei lavori Biagi-Treu. La comparsa dei meccanismi di volontà assistita in funzione della disponibilità delle tutele v. ad es. la proposta di Ichino e lo Statuto dei lavori di Biagi-Treu. La comparsa dei meccanismi di volontà assistita in funzione della disponibilità delle tutele v. ad es. la proposta di Ichino e lo Statuto dei lavori di Biagi-Treu.

6 6 Il dibattito sulla disciplina dei licenziamenti La disciplina italiana dei licenziamenti come problema la reintegrazione come costo imposto alle imprese che favorisce la rigidità e la segmentazione del mercato del lavoro. La disciplina italiana dei licenziamenti come problema la reintegrazione come costo imposto alle imprese che favorisce la rigidità e la segmentazione del mercato del lavoro. La critica di Ichino alle operazioni giurisprudenziali in materia di licenziamento per giustificato motivo oggettivo la proposta di esplicitazione del firing cost. La critica di Ichino alle operazioni giurisprudenziali in materia di licenziamento per giustificato motivo oggettivo la proposta di esplicitazione del firing cost. La difesa della reintegrazione per il suo valore etico di tutela della persona che lavora gli argomenti di Napoli. La difesa della reintegrazione per il suo valore etico di tutela della persona che lavora gli argomenti di Napoli. I vincoli costituzionali alle operazioni sulla disciplina limitativa dei licenziamenti I vincoli costituzionali alle operazioni sulla disciplina limitativa dei licenziamenti 1. La sentenza della Corte costituzionale n. 46/2000 il rango costituzionale del principio di giustificazione del licenziamento, ma non della reintegrazione; 2. Art. 30 della Carta di Nizza ogni lavoratore ha diritto alla tutela contro ogni licenziamento ingiustificato, conformemente al diritto comunitario e alle legislazioni e prassi nazionali. Il dibattito avviato dalla Commissione europea con il Libro verde del 2006 sul diritto del lavoro e la comunicazione del 2007 sulla flexicurity linvito a rivedere la strict Employment Protection Legislation. Il dibattito avviato dalla Commissione europea con il Libro verde del 2006 sul diritto del lavoro e la comunicazione del 2007 sulla flexicurity linvito a rivedere la strict Employment Protection Legislation. Le lettere del 2011: la lettera della BCE del 5 agosto 2011 e la risposta del Governo del 26 ottobre Le lettere del 2011: la lettera della BCE del 5 agosto 2011 e la risposta del Governo del 26 ottobre 2011.

7 7 Lo Statuto dei lavori Treu-Amato del 2002 (1) Si colloca tra le proposte che distribuiscono le tutele secondo un continuum crescente diritti di base sono fissati per tutti i lavoratori che svolgono unattività prevalentemente personale, mentre ulteriori diritti specifici sono attribuiti ai lavoratori economicamente dipendenti e a quelli subordinati. Si colloca tra le proposte che distribuiscono le tutele secondo un continuum crescente diritti di base sono fissati per tutti i lavoratori che svolgono unattività prevalentemente personale, mentre ulteriori diritti specifici sono attribuiti ai lavoratori economicamente dipendenti e a quelli subordinati. Si colloca altresì tra le proposte che non rimodulano le tutele, ma accrescono quelle per il lavoro autonomo e quello economicamente dipendente. Si colloca altresì tra le proposte che non rimodulano le tutele, ma accrescono quelle per il lavoro autonomo e quello economicamente dipendente. Struttura Struttura 1. Capo I principi fondamentali; 2. Capo II diritti attribuiti a tutti i lavoratori che svolgono unattività prevalentemente personale, compresi i lavoratori economicamente dipendenti e quelli subordinati (divieti di discriminazione, salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, diritti nel mercato del lavoro, diritto allequo compenso); 3. Capo III diritti aggiuntivi attribuiti ai lavoratori economicamente dipendenti (art. 17) (diritto allequo compenso; alla sospensione della prestazione lavorativa in caso di gravidanza, infortunio, ecc.; tutela indennitaria in caso di recesso ingiustificato); 4. Capo IV diritti aggiuntivi attribuiti ai lavoratori subordinati (rispetto al quadro previgente vengono aggiunti diritti di informazione e consultazione, formazione continua e permanente).

8 8 Lo Statuto dei lavori Treu-Amato del 2002 (2) Il dibattito sul progetto di Statuto dei lavori Il dibattito sul progetto di Statuto dei lavori Le critiche della CGIL Le critiche della CGIL la proposta differenzia arbitrariamente la disciplina dei lavoratori economicamente dipendenti e quella dei lavoratori subordinati sulla base del criterio della modalità della esecuzione della prestazione (eterodirezione coordinazione), assunto come poco rilevante; la proposta differenzia arbitrariamente la disciplina dei lavoratori economicamente dipendenti e quella dei lavoratori subordinati sulla base del criterio della modalità della esecuzione della prestazione (eterodirezione coordinazione), assunto come poco rilevante; i singoli diritti attribuiti ai lavoratori economicamente indipendenti vengono considerati insufficienti per farli uscire dalla precarietà (ad es. la tutela meramente indennitaria per il recesso ingiustificato del committente). i singoli diritti attribuiti ai lavoratori economicamente indipendenti vengono considerati insufficienti per farli uscire dalla precarietà (ad es. la tutela meramente indennitaria per il recesso ingiustificato del committente). La controproposta della CGIL un unico contratto di lavoro connotato dalla dipendenza economica cui estendere le tutele fondamentali del lavoro subordinato, in primis quelle per il caso di risoluzione del rapporto (cfr. proposta di Alleva degli anni 90; p.d.l. sinistra DS e CGIL ). La controproposta della CGIL un unico contratto di lavoro connotato dalla dipendenza economica cui estendere le tutele fondamentali del lavoro subordinato, in primis quelle per il caso di risoluzione del rapporto (cfr. proposta di Alleva degli anni 90; p.d.l. sinistra DS e CGIL ). La contro-obiezione il diritto del lavoro non si esaurisce nella tutela economica del lavoratore debole, ma è anzitutto uno strumento di tutela della persona lavoratrice che mette la propria opera a disposizione del datore di lavoro. La contro-obiezione il diritto del lavoro non si esaurisce nella tutela economica del lavoratore debole, ma è anzitutto uno strumento di tutela della persona lavoratrice che mette la propria opera a disposizione del datore di lavoro. in questottica si giustifica la gradazione delle tutele (il lavoro coordinato è una species del lavoro autonomo, non di quello subordinato). in questottica si giustifica la gradazione delle tutele (il lavoro coordinato è una species del lavoro autonomo, non di quello subordinato).

9 La risposta della cd. Legge Biagi (1) Ulteriore arricchimento dellarticolazione tipologica del contratto di lavoro subordinato; lotta alla falsa autonomia; no alla flessibilità in uscita. Ulteriore arricchimento dellarticolazione tipologica del contratto di lavoro subordinato; lotta alla falsa autonomia; no alla flessibilità in uscita. 9 Contratto di lavoro subordinato Forme di lavoro a termine: 1.Contratto a termine; 2.Contratto di inserimento; 3.Lavoro a termine in somministrazione Forme di lavoro con orario modulato o flessibile: 1.Part-time; 2.Lavoro ripartito. Contratti con finalità formativa i tre tipi di apprendistato Forme di lavoro con prestazione eventuale: 1.Lavoro intermittente; 2.Lavoro a tempo indeterminato in somministrazione

10 La risposta della cd. Legge Biagi (2) 10 Contratti di lavoro autonomo Lavoro a progetto Collaborazioni coordinate e continuative occasionali Lavoro occasionale di tipo accessorio Associazione in partecipazione con adeguate erogazioni a chi lavora

11 11 Il dibattito sul contratto unico La proposta di Cahuc-Kramarz La proposta di Cahuc-Kramarz 1. un contratto di lavoro subordinato che assorbe il contratto a termine e offre tutele crescenti al crescere dellanzianità del lavoratore; 2. lindennità calcolata in questo modo è riservata soltanto al licenziamento economico, e ha il pregio di rendere prevedibile il costo del licenziamento in un sistema in cui la giurisprudenza non consente il licenziamento per incrementare i profitti e pone pesanti obblighi di riqualificazione e ricollocazione in capo alle imprese. Lo scarso successo delliniziativa oltralpe ripresa come cavallo di battaglia di Sarkozy, è osteggiata tanto dai sindacati che dal mondo imprenditoriale, che si accordano altrimenti allinizio del Lo scarso successo delliniziativa oltralpe ripresa come cavallo di battaglia di Sarkozy, è osteggiata tanto dai sindacati che dal mondo imprenditoriale, che si accordano altrimenti allinizio del 2008.

12 12 I progetti di legge sul contratto unico In particolare la proposta di Pallini-Leonardi In particolare la proposta di Pallini-Leonardi 1. estensione delle tutele del lavoro subordinato anche al lavoro coordinato e continuativo inserito organicamente nellorganizzazione produttiva; 2. abrogazione della disciplina del lavoro a progetto, del lavoro intermittente, del lavoro ripartito e del lavoro occasionale di tipo accessorio; 3. limitazione del contratto a termine ad esigenze predeterminate nel tempo e di carattere straordinario od occasionale; 4. allungamento del periodo di prova fino a dodici mesi per le professionalità più elevate; 5. previsione di unindennità economica di licenziamento per i licenziamenti per g.m.o., ma con la facoltà del lavoratore di rifiutarla e di chiedere la reintegrazione secondo la disciplina attualmente vigente ( alla riforma della disciplina dei licenziamenti tedeschi introdotta dalla riforma Hartz).

13 13 Il progetto di contratto unico di Ichino del 2009 (1) I punti cardine: I punti cardine: 1. focus sulla disciplina del recesso; 2. applicazione di tale disciplina a tutti i rapporti connotati dalla dipendenza economica (art. 5); 3. mantenimento dellattuale disciplina dei licenziamenti soltanto per quelli disciplinari, per quelli discriminatori o per motivi capricciosi; 4. per i licenziamenti per motivi economici, tecnici od organizzativi sono previsti 4. per i licenziamenti per motivi economici, tecnici od organizzativi sono previsti a) un preavviso pari a tanti mesi quanti quelli alle dipendenze del datore, con un minimo di 3 e un massimo di 12; il lavoratore può però optare per la cessazione immediata del rapporto e la percezione dellindennità sostitutiva; b) unindennità pari a un mese di retribuzione ogni anno alle dipendenze del datore, diminuita della retribuzione corrispondente al preavviso o allindennità sostitutiva; c) solo nel caso di anzianità superiore a 20 anni alle dipendenze del medesimo datore di lavoro, si presume il carattere discriminatorio del licenziamento con applicazione della tutela reintegratoria, salva la possibilità del datore di provare il giustificato motivo economico, tecnico o organizzativo; 5. in caso di applicazione dellart. 18 SL, possibilità del giudice di optare per la reintegrazione + il risarcimento del danno, oppure solo per luna o per laltro.

14 14 Il progetto di contratto unico di Ichino del 2009 (2) 6. Il contratto di ricollocazione nel caso di licenziamento incolpevole il lavoratore a diritto ad un nuovo sistema di ammortizzatori sociali particolarmente generoso (4 anni con indennità di disoccupazione decrescente), accompagnato però da un meccanismo di attivazione particolarmente pervasivo; 7. Il finanziamento degli ammortizzatori sociali è affidato ad enti bilaterali e congegnato in modo da rendere lonere più costoso alle imprese i cui lavoratori più ne fruiscono; 8. Il contratto collettivo di transizione 8. Il contratto collettivo di transizione a.il requisito del contratto collettivo stipulato con un sindacato per la costituzione dellente bilaterale incaricato del nuovo sistema di ammortizzatori sociali, e il passaggio alla nuova disciplina di protezione dai licenziamenti per i neoassunti; b. il requisito del contratto collettivo stipulato con unorganizzazione sindacale maggioritaria nellimpresa o ratificato con referendum per estendere il nuovo regime di protezione dai licenziamenti a tutti i lavoratori dellimpresa stessa.

15 Alla ricerca di una tutela inclusiva La piccola rivoluzione del Diritto del lavoro del La piccola rivoluzione del Diritto del lavoro del Lart. 8, d. l. n. 138/2011 e la derogabilità collettiva al Diritto del lavoro, salvi i principi costituzionali, i vincoli internazionali e il diritto dellUnione europea. 2. La riapertura del cantiere dei licenziamenti verso più sicurezza per il lavoratore e più flessibilità per le imprese. 15


Scaricare ppt "1 I contratti di lavoro tra flessibilità e tutela Scuola di Formazione Sociale e Politica per Giovani Arcidiocesi di Milano Milano, 12 novembre 2011 Prof."

Presentazioni simili


Annunci Google