La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 IL CAMPIONAMENTO DEGLI ALIMENTI AUSL MODENA – 10 FEBBRAIO 2011.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 IL CAMPIONAMENTO DEGLI ALIMENTI AUSL MODENA – 10 FEBBRAIO 2011."— Transcript della presentazione:

1 1 IL CAMPIONAMENTO DEGLI ALIMENTI AUSL MODENA – 10 FEBBRAIO 2011

2 2 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate Verbale (doc. di accompagnamento) Verbale (doc. di accompagnamento) Matrice / Piano Matrice / Piano Determinazioni / matrice Determinazioni / matrice Conformità del campione relativamente ad Aliquote e Unità campionarie Conformità del campione relativamente ad Aliquote e Unità campionarie Modalità di trasporto Modalità di trasporto Integrità del campione Integrità del campione Quantità del campione Quantità del campione

3 3 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate VERBALE DI CAMPIONAMENTO VERBALE DI CAMPIONAMENTO DEVE ESSERE UTILIZZATO QUELLO PREVISTO DAL PIANO Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

4 4 Compilazione: Compilazione: Specificare correttamente la matrice / categoria per consentire una rapida attribuzione del campione nella fase della gestione dei risultati Specificare le determinazioni da effettuare in base a quanto previsto dal PRA ATTENZIONE: la Tabella 2 e la Tabella 3B hanno subito variazioni… (Rettifica del 26/06/2010) Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

5 5 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate Tabella 2 Tabella 2 Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

6 6 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate Tabella 3B Tabella 3B Alimenti a base di cereali e altri alimenti destinati a lattanti e bambini: Eliminata la ricerca Enterobacter sakazakii Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

7 7 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate 17/08/2010 Chiarimento relativamente alla ricerca E.sakazakii sulle matrici nellambito PRA Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

8 8 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione Considerazioni generali sul campionamento ai fini del PRA

9 9 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate Verifica Aliquote e unità campionarie: in base a quanto previsto dal PRA e dalla normativa Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

10 10 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate ALIQUOTA: PARTE ENNESIMA, a se stante, DI UN CAMPIONE LEGALE COSTITUITA DA UNA O PIU UNITA CAMPIONARIE. E RAPPRESENTATIVA DEL CAMPIONE NON DIFFERISCE dalle ALTRE ALIQUOTE CHE LO COSTITUISCONO CIASCUNA ALIQUOTA HA LA STESSA PROBABILITA DI ESSERE UTILIZZATA PER LE PROVE U.C. è la PARTE ENNESIMA, a se stante, DI UNA ALIQUOTA LE U.C. SONO DESTINATE AD ESSERE ESAMINATE CONTEMPORANEAMENTE PER OGNI ALIQUOTA CHE VANNO A COSTITUIRE Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

11 11 CAMPIONI UFFICIALI LEGALI MATRICI NON DETERIORABILI ai sensi della L. 283/62 e del D.P.R. n. 327/80 art.16 REGOLA: 4 ALIQUOTE (5 se prodotto confezionato) 1 per detentore 1 per detentore 1 per prima istanza 1 per prima istanza 1 per eventuale analisi di revisione 1 per eventuale analisi di revisione 1 a disposizione dellAutorità giudiziaria 1 a disposizione dellAutorità giudiziaria 1 per produttore (se prodotto confezionato) 1 per produttore (se prodotto confezionato) Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

12 12 CAMPIONI UFFICIALI LEGALI MATRICI DETERIORABILI Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

13 13 CAMPIONI UFFICIALI LEGALI MATRICI DETERIORABILI D.M. 16/12/1993 Art Prelievo di 4 aliquote: 1 al detentore 1 per analisi prima istanza 1 per eventuale analisi seconda istanza 1 per eventuale perizia disposta dallautorità giudiziaria 2. quinta aliquota per determinare la deteriorabilità 3. ripetizione del parametro non conforme 4. …. Le analisi devono essere effettuate entro un periodo di tempo commisurato alle caratteristiche di deteriorabilità del prodotto.. Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

14 14 CAMPIONI UFFICIALI LEGALI MATRICI DETERIORABILI D.M. 16/12/1993 Art.1 comma 1 a) Prodotti alimentari preconfezionati, destinati come tali al consumatore, … periodo di vita commerciale inferiore a 90 giorni, … da consumarsi entro…… b) Prodotti a base di carne che non abbiano subito un trattamento completo e presentino pertanto le seguenti caratteristiche fisico-chimiche: Aw > 0,95 e pH >5,2 oppure Aw > 0,91 oppure pH = o > 4,5 c) Prodotti alimentari sfusi e quelli posti in involucro protettivo destinati alla vendita previo frazionamento …. Non sottoposti a congelazione o a trattamenti atti a determinare la conservazione allo stato sfuso per periodi superiori a tre mesi (……..) costituiti in tutto o in parte da: latte, derivati del latte, carni fresche e preparazioni gastronomiche fresche a base di carni fresche, prodotti della pesca freschi….., prodotti duovo …, prodotti ortofrutticoli freschi…, paste fresche con ripieno…. Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

15 15 CAMPIONI UFFICIALI LEGALI MATRICI DETERIORABILI D.M. 16/12/1993 Art.1 comma 2 Per i prodotti individuati al comma 1 lettera c, qualora sorgano dubbi sulla deteriorabilità, laccertamento viene fatto in laboratorio, considerando come non deteriorabili gli alimenti che presentino pH = o < 4,5 e/o Aw = o < 0,85 pH = o < 4,5 e/o Aw = o < 0,85 (in tal caso prelevare una aliquota in più) Art.1 comma 3 I campioni vanno mantenuti dal momento del prelievo al momento in cui viene iniziata lanalisi ad una temperatura, ….., non superiore a +4 C e non inferiore a 0 C. I prodotti alimentari congelati vanno mantenuti a -15 C e quelli surgelati a -18 C. Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

16 16 CAMPIONI UFFICIALI LEGALI MATRICI DETERIORABILI D.M. 16/12/1993 Art.2 comma 4 Il laboratorio competente per leffettuazione degli accertamenti di cui allart.4 comma 1 del D.Legislativo 3 marzo 1993, n.123, è tenuto a conferire la massima priorità alleffettuazione delle analisi e delle eventuali ripetizioni nei casi di non conformità; le analisi in questione devono essere, in ogni caso, effettuate entro un periodo di tempo commisurato alla caratteristiche di deteriorabilità del prodotto in esame. Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

17 17 CAMPIONI UFFICIALI LEGALI MATRICI DETERIORABILI D.M. 16/12/1993 Modalità di conservazione del campione e problema della scadenza: - Scadenza definita e lunga….. Nessun problema….. - Scadenza definita ma troppo breve (in genere <10 giorni) per consentire la ripetizione di eventuale parametro non conforme CONTATTARE IL LABORATORIO NEI CASI DUBBI - Casi in cui non è definita……. e presumibilmente risulta inferiore a 10 giorni In questi casi si procede con ANALISI IN UNICA ISTANZA o NON RIPETIBILE Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

18 18 Dal Piano Regionale….. Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione Riferimento per la convocazione: Art.223 DLgs 28 luglio 1989, n.271 Precisazione: si parla di unica aliquota, ma, a parte casi estremi (quantità insufficiente), il numero di aliquote deve prevedere almeno quella per il detentore

19 19 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione Riferimento per la convocazione: Art.223 DLgs 28 luglio 1989, n.271

20 20 Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione In riferimento allArt.223 DLgs 28 luglio 1989, n.271

21 21 SI EFFETTUA IL COSIDETTO CAMPIONE IN UNICA ALIQUOTA MA……. Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

22 22 Campionamento con allestimento di aliquote/u.c. Alimenti sfusi o in piccole confezioni: - selezionare dal lotto di alimento oggetto del campionamento un campione casuale costituito da N x X ( N = numero aliquote; X = numero unità campionarie) porzioni o piccole confezioni - formare le 4 o 5 aliquote del campione identificandole con lettere (A,B,C,D,E) - contrassegnare ciascuna unità campionaria che andrà a costituire la singola aliquota con un numero dordine progressivo. Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

23 23 Allestimento di aliquote/u.c. per alimenti in grandi confezioni o in pezzature: Selezionare un N. pezzi o confezioni pari al numero di u.c. previste dal piano di campionamento. Identificare i pezzi o confezioni con un numero dordine progressivo. (= N u.c.) Eseguire con cautela in asepsi da ciascuno dei pezzi una serie di prelievi, pari al numero di aliquote, di non meno di 200g ciascuno, collocando ognuno di tali prelievi in un contenitore sterile. Contrassegnare tutti i contenitori dei prelievi provenienti da uno stesso pezzo o confezione con uno stesso numero. Formare le aliquote del campione in modo che ciascuna risulti costituita da un prelievo proveniente da ciascuna serie dei prelievi precedenti (ciascuna derivante da un pezzo o confezione). Ogni aliquota risulterà identificata con una lettera e sarà costituita da un numero di u.c. pari al numero di confezioni o pezzi scelti inizialmente; ciascuna u.c. è identificata con un numero (corrispondente alla serie di prelievi eseguita da un pezzo o confezione). Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

24 24 Numero pezzi/confezioni = Numero di U.C. N.prelievi/pz = N.aliquote CF 1CF 2CF 3CF 4CF 5 Aliquota Au.c.1u.c.2u.c.3u.c.4u.c.5 Aliquota Bu.c.1u.c.2u.c.3u.c.4u.c.5 Aliquota Cu.c.1u.c.2u.c.3u.c.4u.c.5 Aliquota Du.c.1u.c.2u.c.3u.c.4u.c.5 Aliquota Eu.c.1u.c.2u.c.3u.c.4u.c.5 Campionamento con allestimento di aliquote/unità campionarie Campionamento con allestimento di aliquote/unità campionarie Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione

25 25 MODALITA DI TRASPORTO Le modalità di trasporto (T) vengono rilevate indirettamente attraverso la rilevazione della Temperatura del campione sentinella Le modalità di trasporto (T) vengono rilevate indirettamente attraverso la rilevazione della Temperatura del campione sentinella Ideale : sistema di registrazione della T Ideale : sistema di registrazione della T TNC : impossibile rilevare la temperatura.. TNC : impossibile rilevare la temperatura.. Campioni congelati: rilevato lo stato fisico Campioni congelati: rilevato lo stato fisico In genere le Temperature rilevate sono adeguate In genere le Temperature rilevate sono adeguate ……VALUTARE SERIAMENTE LE CONDIZIONI DEL CAMPIONE SENTINELLA… Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate

26 26 Campioni limite: Aliquota piombata munita di cartellino contenente 5 u.c. anchesse singolarmente piombate e munite di cartellino Aliquota piombata munita di cartellino contenente 5 u.c. anchesse singolarmente piombate e munite di cartellino Campione in 4 aliquote: 1 aliquota piombata con 5 u.c. per il detentore; Campione in 4 aliquote: 1 aliquota piombata con 5 u.c. per il detentore; 3 aliquote costituite da 5 u.c. + verbale allinterno di un solo sacco piombato e munito di cartellino Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate INTEGRITA DEL CAMPIONE

27 27 Verbale Matrice / Piano Determinazioni / matrice Conformità Aliquote e U.C. Modalità di trasporto Integrità del campione Quantità del campione Modalità di campionamento per indagini microbiologiche e principali non conformità rilevate e principali non conformità rilevate QUANTITA DI CAMPIONE In generale, gr di prodotto sono quasi sempre sufficienti per eseguire tutte le principali determinazioni microbiologiche Per determinazioni microbiologiche su molluschi sono necessari almeno 500gr. I pesi sopracitati sono da intendersi riferiti ad ogni unità campionaria.

28 28 Nessuna regola standardizzata può in ogni caso prendere il posto del buon senso e dellesperienza degli operatori Nessuna regola standardizzata può in ogni caso prendere il posto del buon senso e dellesperienza degli operatori

29 PIANI DI CAMPIONAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISULTATI IN GENERALE, NEI PIANI DI CAMPIONAMENTO: IN GENERALE, NEI PIANI DI CAMPIONAMENTO: Aumentando il valore di n riduciamo il rischio per il consumatore; stesso effetto si ottiene riducendo il valore di c o diminuendo il valore di m (Piani più stringenti) Aumentando il valore di n riduciamo il rischio per il consumatore; stesso effetto si ottiene riducendo il valore di c o diminuendo il valore di m (Piani più stringenti) lopposto avviene diminuendo il valore di n e/o aumentando c ed m (Piani meno stringenti) lopposto avviene diminuendo il valore di n e/o aumentando c ed m (Piani meno stringenti) La scelta della combinazione più opportuna è un compromesso che tiene conto della tipologia di alimento e della severità del pericolo per la salute umana


Scaricare ppt "1 IL CAMPIONAMENTO DEGLI ALIMENTI AUSL MODENA – 10 FEBBRAIO 2011."

Presentazioni simili


Annunci Google