La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il monitoraggio del servizio per i degenti di ristorazione ospedaliera in gestione appaltata Sebastiano De Maria La Rosa A.R.N.A.S Garibaldi –Catania 37°

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il monitoraggio del servizio per i degenti di ristorazione ospedaliera in gestione appaltata Sebastiano De Maria La Rosa A.R.N.A.S Garibaldi –Catania 37°"— Transcript della presentazione:

1 Il monitoraggio del servizio per i degenti di ristorazione ospedaliera in gestione appaltata Sebastiano De Maria La Rosa A.R.N.A.S Garibaldi –Catania 37° CONGRESSO NAZIONALE A.N.M.D.O. Bologna 8-11 giugno 2011

2 Obiettivo Soddisfazione del paziente e mantenimento degli standard bromatologici e di qualità che il servizio ha il dovere di assicurare

3 Sorveglianza igienico-qualitativa sulla ristorazione ospedaliera La ristorazione ospedaliera è parte integrante della terapia clinica e, nel suo aspetto nutrizionale, concorre in maniera sostanziale al miglioramento della qualità del percorso clinico assistenziale del paziente

4 Attori Direzione Medica di Presidio Direzione Medica di Presidio Commissione di vigilanza per il vitto Commissione di vigilanza per il vitto

5 Decreto 20 maggio 1996 (G.U.R.S. parte I N° 30 del 08/06/1996) ART.6 Istituisce in ogni plesso ospedaliero la COMMISSIONE DI VIGILANZA PER IL VITTO

6 Decreto 20 maggio 1996 (G.U.R.S. parte I N° 30 del 08/06/1996) ART.6 Composizione della Commissione Composizione della Commissione Compiti della Commissione Compiti della Commissione

7 Decreto 20 maggio 1996 (G.U.R.S. parte I N° 30 del 08/06/1996) ART.6 Composizione della Commissione nelle Aziende Ospedaliere 1. Direttore Sanitario o medico igienista 2. Tribunale per i diritti dellammalato 3. Sanitario del servizio di dietologia 4. U.R.P. 5. Capo dei servizi sanitari o capo sala

8 Decreto 20 maggio 1996 (G.U.R.S. parte I N° 30 del 08/06/1996) ART.6 Compiti della Commissione Controlli lungo tutto il processo Controlli lungo tutto il processo Degustazione degli alimenti Degustazione degli alimenti Verifica scadenza Verifica scadenza

9 Commissione di Vigilanza per il vitto nellAzienda Ospedaliera A.R.N.S. Garibaldi di Catania Delibera n° 485 del 21/11/2007 Commissione per il P.O. Garibaldi Centro Commissione per il P.O. Garibaldi Centro Commissione per il P.O. Garibaldi Nesima Commissione per il P.O. Garibaldi Nesima Commissione per il P.O. S.Luigi-Currò Commissione per il P.O. S.Luigi-Currò

10 Delibera n° 485 del 21/11/2007 Commissione per il P.O. Garibaldi Centro Dirigente Medico D.M.P (dr. S. De Maria) Dirigente Medico D.M.P (dr. S. De Maria) Dirigente Medico Dietologo (dr. V. Zanon) Dirigente Medico Dietologo (dr. V. Zanon) Rappresentante tribunale per i diritti del malato (sig. R. Palma) Rappresentante tribunale per i diritti del malato (sig. R. Palma) Dietista (sig.ra C. Sapienza) Dietista (sig.ra C. Sapienza) Referente U.R.P. (sig. A. Marchese) Referente U.R.P. (sig. A. Marchese)

11 Attività principali della Commissione acquisizione del capitolato relativo al servizio di ristorazione dei degenti acquisizione del capitolato relativo al servizio di ristorazione dei degenti verifica ispettiva al centro di cottura sito nel P.O. Garibaldi Nesima verifica ispettiva al centro di cottura sito nel P.O. Garibaldi Nesima istituzione e predisposizione di questionario di gradimento da somministrare ai pazienti istituzione e predisposizione di questionario di gradimento da somministrare ai pazienti degustazione degli alimenti così come previsto allart. 6 del Decreto 20/05/1996 degustazione degli alimenti così come previsto allart. 6 del Decreto 20/05/1996 attività formativa dei componenti della Commissione (incontri con i Medici del SIAN AUSL 3 Catania) attività formativa dei componenti della Commissione (incontri con i Medici del SIAN AUSL 3 Catania)

12 Verifica periodica del Centro di Cottura nel P.O. Garibaldi Nesima locali arrivo merci locali arrivo merci deposito alimenti deposito alimenti celle frigorifere celle frigorifere locali di preparazione e lavorazione degli alimenti locali di preparazione e lavorazione degli alimenti locali di cottura locali di cottura locali di confezionamento locali di confezionamento locali di lavaggio stoviglie e contenitori locali di lavaggio stoviglie e contenitori

13 QUESTIONARIO GRADIMENTO VITTO consumato il giorno precedente DATA ______ U.O. ________________ Età ________Sesso M F Che tipo di alimentazione le è stato assegnata durante il ricovero? normale speciale Che tipo di alimentazione le è stato assegnata durante il ricovero? normale speciale Ha potuto scegliere il pasto? SI NO Ha potuto scegliere il pasto? SI NO Se SI, il pasto corrispondeva a quello scelto? SI NO Se SI, il pasto corrispondeva a quello scelto? SI NO

14 QUESTIONARIO GRADIMENTO VITTO consumato il giorno precedente Per gusto: ottimo buono sufficiente insufficiente Per aspetto: ottimo buono sufficiente insufficiente Per aspetto: ottimo buono sufficiente insufficiente Per temperatura: ottimo buono sufficiente insufficiente Per temperatura: ottimo buono sufficiente insufficiente ottimo buono sufficiente insufficiente Per quantità: sufficiente insufficiente sufficiente insufficiente

15 Distribuzione per sesso del campione di pazienti intervistato

16 Confronto della distribuzione dei campioni di pazienti intervistato per classi di età

17 Il giudizio sulla colazione del campione di pazienti intervistato

18 Il giudizio sul pranzo del campione di pazienti intervistato

19 Il giudizio sulla cena del campione dei pazienti intervistato

20 Flusso informativo Copia dei verbali di ogni singolo incontro della Commissione viene inviata al Direttore Sanitario Aziendale Copia dei verbali di ogni singolo incontro della Commissione viene inviata al Direttore Sanitario Aziendale Relazione annuale entro gennaio dellanno successivo al Direttore Generale e, per conoscenza, allIspettorato Regionale Sanitario Relazione annuale entro gennaio dellanno successivo al Direttore Generale e, per conoscenza, allIspettorato Regionale Sanitario

21 Conclusioni Lattivita di vigilanza ha consentito nel triennio , ma anche a tuttoggi, di monitorare il servizio erogato dalla Ditta, permettendo di intervenire in via preventiva verificando la permanenza degli standard igienici della filiera alimentare. Lattivita di vigilanza ha consentito nel triennio , ma anche a tuttoggi, di monitorare il servizio erogato dalla Ditta, permettendo di intervenire in via preventiva verificando la permanenza degli standard igienici della filiera alimentare.

22 Conclusioni Aumento della qualità percepita da parte dei pazienti del servizio che è passata dal quasi 85% del febbraio 2008 al 97% del novembre 2010

23


Scaricare ppt "Il monitoraggio del servizio per i degenti di ristorazione ospedaliera in gestione appaltata Sebastiano De Maria La Rosa A.R.N.A.S Garibaldi –Catania 37°"

Presentazioni simili


Annunci Google