La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- " Certificare competenze Asse scientifico-tecnologico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- " Certificare competenze Asse scientifico-tecnologico."— Transcript della presentazione:

1 Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- " Certificare competenze Asse scientifico-tecnologico Docenti: Cipriani Anna, Ist. Mag. Berti - TO Del Sonno Antonio, IIS Moro, Rivarolo Canavese - TO Ficara Matilde, IIS Romero, Rivoli - TO Lanfranco Daniela, IIS Vittone, Chieri - TO Lora Maria Grazia, IIS Einaudi, Alba - CN Vio Elisabetta, IC Airasca – TO (a cura di Anna Cipriani)

2 Il contesto europeo LEuropa ha iniziato nel 1989 ad affrontare il problema della certificazione delle competenze La gestione delle competenze viene riconosciuta come uno dei fattori principali su cui investire per fare dellUnione europea la Società della conoscenza più competitiva e dinamica del mondo 1 Le competenze vengono considerate il capitale distintivo dellUE 1)Conclusioni del Consiglio europeo su occupazione, riforme economiche e coesione sociale, Lisbona marzo 2000

3 Il contesto europeo Con tre Direttive (D.CEE 89/48;D.CEE92/51;D CEE 99/42) lUE definisce tre principi: Reciproca fiducia tra i sistemi formativi-educativi tra i paesi membri Meccanismi di riconoscimento interpretati nel modo più favorevole alla persona Attestazioni di competenza

4 Il contesto europeo Le linee guida insistono su : Trasparenza attraverso la messa a punto di attestazioni Riconoscimento delle competenze Messa a punto di procedure di certificazione delle competenze

5 Il contesto europeo Lobiettivo da raggiungere è la realizzazione di un sistema di accreditamento delle competenze al fine del riconoscimento formale, per ogni individuo, del proprio patrimonio di competenze,abilità e conoscenze le linee guida per la definizione di standard per la certificazione sono state stabilite dalla Commissione delle Comunità Europea (Bruxelles giugno 2002)

6 Il contesto europeo Altro tassello per la certificazione delle competenze è costituito dalla Proposta di raccomandazione del Consiglio e del Parlamento europeo sulla costituzione del Quadro europeo delle qualifiche e dei titoli per lapprendimento permanente, presentata il 5 settembre 2006 Qualifica indica il risultato formale di un processo di valutazione e validazione, che viene rilasciato al momento in cui una persona ha conseguito i risultati dellapprendimento in base a standard predefiniti

7 Il contesto europeo un linguaggio comune per descrivere le qualifiche dei diversi sistemi di istruzione e formazione nellUE Gli intenti della proposta fornire assicurare La convalida delle esperienze formali e informali spostare Il focus della certificazione ai risultati dellapprendimento

8 Il contesto europeo Su tale base vengono descritti otto livelli di riferimento di complessità crescente. Per ciascun livello vengono descritti il profilo di competenza atteso, le conoscenze e le abilità ritenute necessarie. ConoscenzeAbilitàCompetenze Livello 1 Conoscenze generali di base Abilità di base necessarie a svolgere mansioni/ compiti semplici Lavoro o studio, sotto la diretta supervisione, in un contesto strutturato

9 Il contesto europeo La raccomandazione del Consiglio e del Parlamento Europeo n° 111/2008 è latto definitivo che istituisce il quadro delle qualifiche europee. Si legge: dovrebbe contribuire ad ammodernare i sistemi dell'istruzione e della formazione,a collegare istruzione, formazione e occupazione e a gettare un ponte fra l'apprendimento formale, non formale e informale la presente raccomandazione non sostituisce né definisce sistemi nazionali delle qualifiche e/o qualifiche nazionali……una particolare qualifica dovrebbe essere rapportata al livello corrispondente del Quadro europeo delle qualifiche tramite i sistemi nazionali delle qualifiche. di rapportare i loro sistemi nazionali delle qualifiche al Quadro europeo delle qualifiche entro il 2010

10 Il contesto italiano LItalia partecipa a questo processo e la norma. DM 139/07 ci dà indicazioni per la certificazione. Art.4,c.1 – La certificazione relativa alladempimento dellobbligo di istruzione…… è rilasciata a domanda. Per coloro che hanno compiuto il diciottesimo anno di età è rilasciata dufficio Art.4, c.3 Con decreto del MIUR,… Sono adottati dei modelli di certificazione dei saperi e delle competenze……. acquisite dagli studenti nellassolvimento dellobbligo di istruzione

11 Il contesto italiano Il certificato di competenze è un documento ufficiale rilasciato da un ente istituzionalmente legittimato che attesta ad un soggetto il possesso di determinate competenze sulla base di determinati standard di riferimento

12 Il contesto italiano Le linee guida del decreto del 22 agosto 2007 dicono il certificato deve essere uno strumento che consenta la lettura trasparente delle competenze acquisite, capace di sostenere i processi di orientamento, favorire il passaggio tra i diversi percorsi formativi. Quindi le competenze attestate possono essere trasferite, mobilizzate in contesti diversi da quelli in cui sono state acquisite

13 Il contesto italiano La certificazione delle competenze non sostituisce la valutazione finale La competenza non conseguita o non accertata non viene certificata

14 Certificazione delle competenze Il concetto di competenza viene posto al centro sia di processi di integrazione tra sistemi educativi e formativi sia del processo soggettivo di acquisizione di competenze nei diversi contesti di apprendimento formali, informali e non formali

15 Secondo ciclo Istruz. e formaz. prof. - agenzie 3 anni Ind. Liceali Corsi Integrati Ind. Profess. Ind. Tecnici Passaggi Scuole superiori 5 anni Apprendist ato 16 anni Integrazioni tra sistemi educativi e formativi italiani G.Roberi 18/11/09

16 Apprendimenti informali e non formali La funzione della certificazione delle competenze acquisite in contesti non istituzionali è svolta dalle Regioni che ne disciplinano le procedure di attuazione a seguito di atti deliberativi della giunta regionale La Regione Piemonte ha sviluppato strategie per la formalizzazione di un sistema regionale di certificazioni e di crediti formativi attraverso una maggiore permeabilità tra i sistemi della formazione professionale, dellistruzione scolastica ed universitaria e dei servizi per limpiego.

17 La certificazione delle competenze Certificare una competenza significa accertare il conseguimento di certe performance complesse e attese indipendentemente dallespressione di un giudizio di valore Rappresenta un saper fare efficace raggiunto dallallievo in relazione al contesto di uso

18 Certificazione delle competenze Con la certificazione delle competenze si descrive: Il percorso formativo svolto dallallievo Le competenze acquisite dallallievo Le attività che lallievo è in grado di svolgere e padroneggiare

19 Certificazione delle competenze Il perseguimento di una tale strategia presuppone la riconosciblità, la valutabilità e la certificabilità delle competenze attraverso criteri oggettivi e strumenti condivisi

20 Certificazione delle competenze Lattestazione avviene sulla base di livelli standard di riferimento Livelli EQF Sono otto livelli di complessità crescente, ciascuno definito da una serie di descrittori che indicano gli esiti dellapprendimento in termini di conoscenze e abilità

21 Livelli EQF

22

23 Certificazione delle competenze Grado di padronanza indicato con giudizi Es. basilare, adeguato,eccellente Numeri Lettere

24 Analisi di alcuni certificati

25 USP Treviso & CORTV

26

27

28

29 Relazioni… Competenze curricolari Competenze Asse dei linguaggi Competenze Asse storico-sociale Competenze Asse matematico Competenze Asse scientifico- tecnologico microcompetenze Competenze di cittadinanza

30

31 Le componenti di una rubrica Lesplicitazione della competenza sovradisciplinare I livelli di padronanza raggiunta dallo studente riguardo alla specifica competenza espressi da un numero,o una lettera o un giudizio o secondo livelli EQF I descrittori dichiarano il modo con cui il soggetto elabora la competenza. Sono modulati in modo da precisare il grado di raggiungimento della competenza.

32 Caratteristiche dei descrittori Devono essere efficaci e abbastanza dettagliati, sostenibili e comunicabili Devono essere modulati restringendo o allargando il contesto Es. - Conosce e utilizza i concetti di energia, temperatura, corrente elettrica applicandoli a problemi ricorrenti in un contesto noto - Conosce e utilizza i concetti di energia, temperatura, corrente elettrica anche in contesti non noti

33 Un esempio di certificazione Asse scientifico tecnologico Competenze disciplinariCompetenze di cittadinanzaLivelliABC 1 Osservare, descrivere e analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e complessità: 1.1 Descrivere correttamente un fenomeno naturale e artificiale1 1.2 Individuare gli aspetti fondamentali di un fenomeno, correlarli e modellizzare individualmente e in gruppo. 1.3 Utilizzare ed interpretare correttamente diverse forme di linguaggio simbolico Comunicare, acquisire e interpretare informazioni; Individuare collegamenti e relazioni; Collaborare e partecipare;Imparare ad imparare 1.1 A (Livello 1): Conosce e descrive gli argomenti in modo sostanzialmente corretto B (Livello 2): Conosce e descrive gli argomenti in modo sicuro C (Livello 3): Conosce gli argomenti in modo approfondito e li descrive correttamente 1.2A (Livello 1): Mette in relazione i concetti fondamentali di un fenomeno, in modo guidatoB (Livello 2): Individua e correla autonomamente i diversi aspetti di un fenomenoC (Livello 3): Individua e correla autonomamente gli aspetti di un fenomeno modellizzando 1.3A (Livello 1): Usa i linguaggi specifici in modo sostanzialmente corretto B (Livello 2): Usa i linguaggi specifici in modo correttoC (Livello 3): Usa i linguaggi specifici in modo rigorosamente corretto

34 Un esempio di certificazione FORMAT CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN USCITA DAL BIENNIO DELLOBBLIGO SUPERIORE DI II GRADO Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3)

35 Analisi I livelli sono espressi da numeri ed aggettivi Le competenze chiave di cittadinanza sono messe in relazione con le competenze dellasse che risultano articolate in diverse microcompetenze

36 Istituto Professionale di Stato per lIndustria e lArtigianato G.P. Romegialli- Morbegno (SO) Livello essenziale C La competenza è acquisita in modo essenziale: lalunno esegue i compiti in forma guidata e dimostra una basilare consapevolezza delle conoscenze. Ovvero quando lallievo raggiunge dal 50% al 65% degli esiti previsti nellasse culturale di riferimento. Livello soddisfacente B la competenza è acquisita in modo soddisfacente: lalunno esegue i compiti in modo autonomo, con discreta consapevolezza e padronanza delle conoscenze. Ovvero quando lallievo raggiunge dal 66% all85% degli esiti previsti nellasse culturale di riferimento Livello eccellente A La competenza è acquisita in modo eccellente: lalunno esegue compiti impegnativi in modo autonomo e responsabile con una buona consapevolezza e padronanza delle conoscenze. Ovvero quando lallievo supera l86% degli esiti previsti nellasse culturale di riferimento

37 Istituto Professionale di Stato per lIndustria e lArtigianato G.P. Romegialli- Morbegno (SO

38 Istituto Professionale di Stato per lIndustria e lArtigianato G.P. Romegialli- Morbegno (SO)

39

40 Analisi Il documento si compone di parti diverse: 1° parte ogni competenza dellasse è accompagnata dalle abilità specifiche 2°parte schema riassuntivo del livello raggiunto secondo una legenda prefissata 3° parte tabella di corrispondenza tra competenze chiave di cittadinanza, abilità e discipline

41 Istituto Omnicomprensivo D.Alighieri

42

43 Analisi Le competenze dasse vengono messe in corrispondenza con le abilità, le conoscenze, e i livelli prestabiliti enunciati attraverso indici numerici

44 Schema di certificato di competenza proposto dal Ministero

45 Continua

46 continua

47 PROPOSTA del Gruppo di lavoro provinciale a supporto dellobbligo di istruzione Torino maggio 2009 intestazione della scuola CERTIFICAZIONE OBBLIGO DI ISTRUZIONE ANNO SCOLASTICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto larticolo n. 1 comma 622 della legge 27 dicembre 2006 n. 296 Visto il decreto ministeriale 22 agosto 2007 n. 139 Visti gli artt. 5 e 8 del DPR … aprile 2009 n. (regolamento di coordinamento delle norme per la valutazione degli alunni) Visto il decreto ministeriale … (relativo alla certificazione delle competenze) Visti gli atti dufficio relativi alle valutazioni espresse dagli insegnanti e ai giudizi definiti dal Consiglio di classe certifica che lo studente (cognome, nome) nato/a il..../..../...., a iscritto presso questo Istituto nella classe sez......, indirizzo di studi ha effettuato nel corrente anno scolastico il seguente percorso formativo 1. Curricolo Denominazione materia (1) Monte ore annuale previsto dal POF Monte ore annuale frequentato

48 certifica che ha acquisito le seguenti competenze chiave di cittadinanza competenze chiave di cittadinanza dm 139/2007 livelloosservazioni Imparare ad imparare - organizza il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazioni – definisce le proprie strategie e il proprio metodo di lavoro e di studio in funzione dei tempi eccellente medio essenziale Elaborare progetti - elabora e realizza progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro, - utilizza le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorità, valutando i vincoli e le possibilità esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti. eccellente medio essenziale Comunicare a- comprende messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di diversa complessità, trasmessi utilizzando linguaggi diversi mediante diversi supporti (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali) eccellente medio essenziale Comunicare b- rappresenta eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati danimo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali). eccellente medio essenziale Collaborare e partecipare - interagisce in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo allapprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri. eccellente medio essenziale Agire in modo autonomo e responsabile: si sa inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e fa valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità. eccellente medio essenziale Risolvere problemi - affronta situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline. eccellente medio essenziale

49 La certificazione delle competenze è lultimo passaggio di un processo valutativo vasto e articolato che prevede Determinazione delloggetto Descrizione della competenza Rilevazione dei dati Documentazione della competenza Espressione del giudizio Parametri entro i quali apprezzare la competenza Comunicazione del giudizio Certificazione della competenza

50 Un modello progettuale a ritroso Definizione di competenza Costruzione di una rubrica valutativa Progettazione formativa Predisposizione strumenti valutativi

51 La certificazione delle competenze Quali vantaggi? Facilita la realizzazione dei processi di integrazione dei vari sistemi formativi (scuola, formazione professionale, università, istruzione e formazione tecnica superiore, apprendistato) Consente un maggior grado di trasparenza riguardo ai risultati dellapprendimento Consente la convalida di esperienze formative, informali realizzate dai soggetti nel loro percorso di crescita e di sviluppo Pone le proposte del Sistema scolastico italiano nel quadro europeo

52 Certificazione delle competenze Quali dubbi? Lattenzione alle competenze trasversali porta a una rivoluzione rispetto curricoli scolastici le discipline con le loro conoscenze e abilità che attualmente sono al centro vengono sostituite dalle competenze attorno alle quali ruotano i saperi disciplinari ricondotti agli assi culturali assetto organizzativo della scuola secondaria organizzato in cattedre e strutturato su percorsi disciplinari paralleli modello progettuale approccio per obiettivi che cambia in approccio per competenze La prospettiva è radicale cè il rischio che le competenze trasversali rimanga una sorta di atto dovuto nei confronti della Raccomandazione europea del dicembre 2006.

53 Bibliografia Il puntosu….. Certificazione delle competenze Leonardo Evangelista 21 gennaio 2007www.orientamento.it Linee guida Decreto 22 agosto 2007 Castoldi M. Valutare le competenze Carocci Proposta di raccomandazione del Parlamento e del Consiglio europeo Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio europeo n° C111/08 Roberi G. Lintegrazione fra istruzione e formazione professionale Torino Circolare n° USP Torino Tiriticco M.Lobbligo distruzione e le modifiche nei bienni del secondo ciclo Torino Zanchin M.R. Laboratorio RED USPTreviso & CORTV Laboratori per lo sviluppo della didattica per le competenze


Scaricare ppt "Azione di sistema per l'obbligo di istruzione e la continuità fra Secondarie di I e II grado - Fase 2- " Certificare competenze Asse scientifico-tecnologico."

Presentazioni simili


Annunci Google