La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTERVISTA AL GENIO DELLA PORTA ACCANTO. Presentazione Ho pensato molto a chi poter intervistare; alla fine mi sono accorta che lavevo proprio di fronte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTERVISTA AL GENIO DELLA PORTA ACCANTO. Presentazione Ho pensato molto a chi poter intervistare; alla fine mi sono accorta che lavevo proprio di fronte."— Transcript della presentazione:

1 INTERVISTA AL GENIO DELLA PORTA ACCANTO

2 Presentazione Ho pensato molto a chi poter intervistare; alla fine mi sono accorta che lavevo proprio di fronte. Si tratta del mio ragazzo Mattia. Penso che sia un genio dellinformatica, va sempre in giro con il suo PC ed ogni volta (spesso) che ci sono stati problemi con il mio computer è sempre riuscito a risolverli con grande abilità e velocità.

3 La scoperta del computer S: A che età hai scoperto l esistenza del computer? M: Mmm…non mi ricordo bene, comunque penso alle scuole medie, ricordo che aveva un bellissimo laboratorio. S: Attraverso quali esperienze? M: Mi ricordo che sono stato molto colpito da quel laboratorio. Linsegnante di matematica ci portava una volta alla settimana ed io mi divertivo a scoprire quali erano i programmi installati e che cosa permettevano di fare. S: Insieme con chi? Grazie a chi? M: Principalmente da solo, anche se giocavo con i miei compagni a scuola. In ogni caso preferivo utilizzare il computer da solo ed inizialmente lasciarmi guidare dalle istruzioni dellinsegnate. Solo inizialmente, perché una volta presa confidenza con questo meraviglioso aggeggio facevo di testa mia.

4 S: Che importanza ha avuto la scuola nella scoperta dellinformatica? M: È stata decisamente fondamentale, in quanto è lì che lho scoperta e soprattutto ho imparato cosè e come funziona un linguaggio di programmazione. S: Quali altre esperienze al di fuori della scuola/prima della scuola ti hanno fatto scoprire il computer? M: Non mi ricordo di nessun altra esperienza. S: Quando e come hai scoperto la tua passione per linformatica? M: Durante le scuole superiori, intuendo e sperimentando lapplicazione della matematica nellinformatica e viceversa. Già alle scuole medie mi ero appassionato, ma alle scuole superiori, avendo scelto lindirizzo programmatore ho finalmente toccato con mano il mistero del computer…insomma cosa cè alla base. È emozionante!!!

5 S: Come andavi in matematica/informatica a scuola? Sei sempre andato bene? M: Non sempre, dalla terza superiore in poi…prima avevo la sufficienza. Dalla terza in poi ho avuto uno professoressa che era molto brava a spiegare e mi sono appassionato sempre di più. S: A cosa è dovuto questo cambiamento? Allinsegnante? M: è molto probabile che sia dipeso dallinsegnante, prima della terza superiore non ho mai visto la matematica come qualcosa di utile nella vita di tutti i giorni…poi ho cambiato visione. S: Che ricordo hai dei tuoi insegnanti di matematica e informatica? Hanno riconosciuto il tuo talento? Ti hanno incoraggiato? M: Solo la professoressa dalla terza superiore in poi ha riconosciuto il mio talento e mi ha incoraggiato, tutti gli altri mi hanno trattato come uno che non si impegnava, anche se aveva le capacità.

6 Studi e curriculum S: Che tipo di studi hai svolto? M: Dopo le scuole medie ho scelto ragioneria, indirizzo programmatore ed ora ho quasi ultimato la laurea in informatica. S: Hai scelto tu questo tipo di studi? M: Sì, sono stato sempre libero di scegliere, per fortuna! S: Come andavi nelle altre materie? M: Non mi sono mai appassionato alle materie umanistiche, difatti non aprivo libro…quindi direi che ero molto insufficiente nei risultati scolastici. Nelle altre avevo la sufficienza o poco più. Insomma mi impegnavo solo in matematica e informatica: avevo sempre 9 o 10!

7 S: La passione per la matematica/informatica ha mai compromesso il rendimento nelle altre materie? M: Come ho detto prima, decisamente si! S: Come ti vedevano i tuoi professori? M: Bisognerebbe chiederlo a loro…in generale dicevano che potevo impegnarmi ma non lo facevo. Insomma la solita solfa dalle elementari.

8 Familiarità S: Nella tua famiglia ci sono altri geni dellinformatica? M: Che io sappia no, anzi mio papà è tutto furchè un genio dellinformatica…combina certi pasticci. S: Il tuo carattere (la tua personalità) sono caratteristici secondo te di un informatico o di uno che ama linformatica? Puoi descrivermi alcuni aspetti? M: Penso che la mia personalità sia caratteristica più di un informatico. Cerco di programmare, organizzare ciò che devo fare…quando discuto cerco di dimostrare logicamente quello che dico…insomma voglio sempre avere ragione…cioè dimostro allaltro che io ho ragione! Non basta amare linformatica per essere un informatico…ci volgiono delle basi.

9 Personalità S: Ti ritieni una persona socievole? M: Ho difficoltà a socializzare come primo approccio, ma una volta superato sono abbastanza socievole, alcuni dicono pagliaccio. S: Ritieni di essere creativo? M: Non eccessivamente, ma sì! S: Parlami della tua fantasia M: Più che di fantasia parlerei di fantascienza…mi piace molto immaginare quale potrebbe essere il futuro dellumanità aiutato dalla tecnologia. S: Ti piace giocare? Quali tipi di giochi? M: Giochi strategici, tipo Age of empire oppure giochi tipo Brain accademy o brain training

10 S: Ti piace leggere? M: Dipende…in generale un libro deve catturare la mia attenzione ed il mio interesse, altrimenti dopo le prime pagine chiudo e lo lascio impolverare… S: Ritieni di essere alternativo? M: Non so…forse, se alternativo vuol dire che non segue la massa, bhè credo di sì. S: Come ti giudicano i tuoi amici? M: non so…bisognerebbe chiederlo a loro. In generale sono una persona simpatica, disponibile…

11 Professione scelta S: Sotto quale aspetto la tua professione attuale ha una relazione con linformatica? M: Bhè facendo il programmatore e software architect direi che ho fatto centro! S: Cosa pensavi (sognavi) di fare da grande? M: Direi quello che sto facendo, anche se alle elementari volevo fare il poliziotto o il pompiere! S: Pensi di avere realizzato i tuoi sogni? M: Non tutti, ora ne ho altri che prima non avevo. S: Posso chiederti quali? M: Desidero molto crearmi una famiglia. A livello professionale, inoltre, vorrei crescere…in informatica bisogna essere sempre molto aggiornati e non si finisce mai di imparare…un po come in tutte le cose!

12 Informatica e società S: Qual è il ruolo dellinformatica nella società moderna? M: Linformatica è la base su cui poggia quasi tutto nella società odierna. Ormai chi non ha delle minime conoscenze a riguardo è tagliato fuori dal mondo S: Quindi un ruolo positivo o negativo? M: Linformatica è un mezzo, sono le persone che utilizzandola possono dare una ricaduta positiva o negativa nella società. In generale penso che il suo ruolo sia positivo….certo che se pensiamo ai programmi fatti per gli ordigni… S: Pensi che l insegnamento dellinformatica sia adeguato alle esigenze della nostra società? M: No. Dovrebbero esserci insegnanti più preparati e che siano appassionati alla materia che insegnano, oltre a scuole più attrezzate.

13 Computer ed internet S: Che rapporto hai con il computer? M: Penso quasi intimo, conosco quasi ogni aspetto del computer fino a come calcola il microprocessore! S: Che rapporto hai con internet? M: Direi un buon rapporto…tra le altre cose sviluppo siti e applicazioni web. S: Conosci qualche linguaggio di programmazione? M: Conosco diversi linguaggi di programmazione: Visual basic, Java, C, Ruby, (Html), (Xml), VB.NET, C#, Visual fox pro, (Sql), Javascript.

14 S: Che rapporto pensi che ci sia tra il computer e la matematica? M: Il computer funziona solo ed esclusivamente con la matematica, alla base sono tutti calcoli. S: Pensi che internet abbia rivoluzionato il modo di relazionarsi con gli altri? M: Ovviamente, anche se non lo intendo in senso negativo. Mi spiego…con internet puoi comunicare in tempo reale con gli amici, quando magari non hai loccasione per incontrarli di persona. Certo è che ci sono persone che si chiudono in casa, si costruiscono un alter-ego virtuale e si relazionano solo sul web. Ed è pericoloso dialogare con chi non si conosce…non puoi sapere chi cè dallaltra parte.

15 Posta elettronica S: Usi la posta elettronica? M: Altrochè!!! Praticamente la guardo ogni mezzora in ufficio…io ed i miei colleghi comunichiamo così più che con il telefono. Anche a casa la guardo spesso…è uno strumento direi fondamentale! S: La ritieni utile quindi? M: Certamente, credo che ormai nessuno possa farne a meno se vuole stare al passo con i nuovi modi di comunicare!

16 Facebook S: Usi facebook? M: Si, anche se non quotidianamente. Penso che sia stata una bella invenzione! S: Qualcuno lo ha criticato, sei daccordo? M: Come sempre è in base a come le persone lo usano che uno strumento diventa per scopi negativi. Se si usa facebook solo come un gioco, un modo per incontrare vecchi amici…bhè non cè nulla di male! Certo che se si creano gruppi mafiosi o di pedofili…sono io il primo a dire che questi gruppi vanno fermati e tolti da facebook.

17 Memoria S: Come consideri la tua memoria? (Normale, Buona, Ottima) M: Penso difettosa…ci sono cose che ricordo nei minimi dettagli anche dopo anni ed altre che dimentico totalmente anche dopo pochi minuti. S: Che tipo di memoria hai? (Uditiva, Visiva) M: Penso visiva…ricordo molto per immagini. S: Secondo te come deve essere la memoria di un informativo? M: Non è molto importante la memoria, è la capacità di ragionamento che è più importante…anche perché i calcoli li fa il computer!!! E direi che gli hard disk in merito alla memoria sono assai utili!!!

18 Sogni nel cassetto S: Quali sono i tuoi sogni nel cassetto, dal punto di vista informatico? M: Mi piacerebbe creare un programma che possa aiutare le persone a vivere meglio…per esempio qualche programma di domotica o bioinformatica. S: Grazie per questa intervista, vuoi fare qualche commento? M: Grazie a te per lintervista, rispondere alle domande mi ha fatto riflettere su alcuni aspetti a cui non pensavo da tempo. Sai noi informatici ormai molte cose le diamo per scontato…invece non per tutti lo sono.


Scaricare ppt "INTERVISTA AL GENIO DELLA PORTA ACCANTO. Presentazione Ho pensato molto a chi poter intervistare; alla fine mi sono accorta che lavevo proprio di fronte."

Presentazioni simili


Annunci Google