La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lazione di mobilità: istruzioni per luso La gestione delle azioni di mobilità Leonardo da Vinci Seminario Progetti Approvati Annualità di Selezione 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lazione di mobilità: istruzioni per luso La gestione delle azioni di mobilità Leonardo da Vinci Seminario Progetti Approvati Annualità di Selezione 2009."— Transcript della presentazione:

1 Lazione di mobilità: istruzioni per luso La gestione delle azioni di mobilità Leonardo da Vinci Seminario Progetti Approvati Annualità di Selezione 2009 Roma, 8 settembre 2009 Centro Congressi Cavour

2 2 CALENDARIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIVISIONE DEI COMPITI E DELLE RESPONSABILITÀ ALLINTERNO DELLA RETE PROMOZIONE INFORMAZIONE E SELEZIONE PREPARAZIONE ALLA MOBILITÀ ORGANIZZAZIONE DEL TIROCINIO/SCAMBIO AVVIO E REALIZZAZIONE DEL TIROCINIO/SCAMBIO VALUTAZIONE DELLESPERIENZA DI MOBILITÀ E DELLINTERO PROGETTO VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE DIFFUSIONE DEI RISULTATI Le attività

3 Calendarizzazione delle attività calendarizzazione Realizzare una calendarizzazione delle attività significa definire e valutare : le attività da svolgere le responsabilità delle parti gli eventuali rischi le risorse necessarie gli obiettivi intermedi i risultati che si vogliono raggiungere 3

4 Calendarizzazione delle attività Strumenti di supporto alla pianificazione: un esempio il diagramma di GANTT 4

5 Divisione dei compiti e della responsabilità Il partenariato dopo lapprovazione della proposta La formalizzazione: Gli accordi di partenariato Il contratto Limpegno di qualità Training agreement Workprogramme

6 1. RIFERIMENTI DELLAZIONE Titolo riferimento al programma nominativi referenti nei singoli organismi 2. COMPITI E RESPONSABILITÀ Obiettivi e descrizione dellazione di mobilità Target di destinatari Funzione e ruolo di ciascun partner 3. OBIETTIVI DELLA RETE Definizione obiettivi della rate di partenariato 4. ACCORDI FINANZIARI Modalità di pagamento anticipi, saldi, tempi di erogazione specifiche esigenze fiscali, standard per lelaborazione di documenti finanziari (note, fatture) 5. GARANZIE SPECIALI Nel caso di gravi inadempienze Annullamento contratto 6. MODALITÀ OPERATIVE Seminari Riunioni Organizzazione reporting 7. PROGRAMMA DETTAGLIATO Definizione dettagliata dei tempi e dei contenuti della cooperazione (cosa /chi /quando) 6 Divisione dei compiti e della responsabilità Gli accordi di partenariato

7 Divisione dei compiti e della responsabilità Il partenariato dopo la stipula della convenzione di sovvenzione LE MODIFICHE Recesso e esclusione Adempimenti formali Comunicazione a firma del L.R. Esclusione partner eventuale nuova distribuzione partecipanti Sostituzione e ampliamento Comunicazione a firma del L.R. nuova distribuzione partecipanti Allegati Lettera di intenti in originale (carta intestata, timbro e firma del L.R.) Impegno di qualità

8 Divisione dei compiti e della responsabilità Suggerimenti per la ricerca di nuovi partner Far riferimento ad esperienze già realizzate Consultare sintesi e/o compendium di progetti di progetti finanziati, banche dati, ecc. Partecipare a seminari di contatto Informarsi presso il proprio comune di residenza se sono previsti gemellaggi con altre città europee Pubblicizzare il proprio organismo e la propria idea progettuale tramite una breve presentazione che potrebbe essere inviata per o fax a tutti i possibili interessati.

9 Promozione, informazione e selezione Strategie di informazione e comunicazione dellazione di mobilità Quando informare e comunicare? allavvio delle attività in corso di realizzazione delle attività a conclusione delle attività 9

10 Promozione, informazione e selezione Strategie di informazione e comunicazione dellazione di mobilità I principali canali sono: brochure depliant stampa locale avvisi pubblici incontri di socializzazione colloqui individuali rete web convegni e seminari 10

11 11 Promozione, informazione e selezione Nella Convenzione AN-Beneficiario si precisa che ogni comunicazione e pubblicazione relativa al progetto deve: riportare la menzione del sostegno finanziario della Comunità europea (Condizioni Particolari – art. XI.2; Condizioni Generali – art.5.1); specificare che la responsabilità ricade esclusivamente sullautore (Condizioni Particolari – art. XI.2; Condizioni Generali – art.5.1); Le informazioni sono disponibili al seguente indirizzo web: s/progr_en.html

12 Promozione, informazione e selezione Il bando di selezione Sia che si tratti di unazione IVT che di progetti PLM o VETPRO, è necessario, in ogni caso, che la compagine di partenariato predisponga un bando di selezione che contenga più informazioni possibili riguardo al Programma comunitario e al progetto 12

13 Promozione, informazione e selezione La struttura del bando di selezione Il bando di selezione è di norma strutturato in tre parti: Testo del bando Appendice Allegati 13

14 Promozione, informazione e selezione Metodologie e tecniche di selezione I criteri di selezione, sui quali il processo di selezione dei candidati di unazione di mobilità deve, di norma, basarsi sono: livello linguistico competenze e saperi professionali aspetti attitudinali e motivazionali Le modalità con cui si dovranno verificare sono: la valutazione linguistica lanalisi del curriculum vitae lanalisi della sfera motivazionale 14

15 Promozione, informazione e selezione Il Beneficiario non può assegnare il contributo comunitario, nello stesso target group, a colui che abbia già preso parte, in qualità di partecipante, ad unesperienza di mobilità Leonardo da Vinci. 15

16 Promozione, informazione e selezione La predisposizione delle graduatorie e la fase di post- selezione Una volta terminata la fase di selezione, è necessario predisporre la graduatoria dei candidati vincitori della borsa di mobilità. Nel predisporre le graduatorie, è, inoltre, sempre bene prevedere una lista di riserva a cui poter attingere nel caso di rinuncia della borsa da parte di uno o più candidati vincitori. 16

17 Preparazione alla mobilità I contenuti Preparazione culturale Preparazione pedagogico-professionale Preparazione linguistica

18 Preparazione alla mobilità Gli strumenti Lezioni frontali Giochi di ruolo Seminari tematici Gruppi di lavoro

19 Preparazione alla mobilità Gli attori organismo beneficiario partenariato locale partenariato transnazionale

20 Organizzazione del tirocinio/scambio Dal piano di apprendimento al patto formativo obiettivi e contenuti del tirocinio/scambio attività e fasi operative misure di accompagnamento modalità di valutazione modalità di validazione 20

21 Organizzazione del tirocinio/scambio Il supporto pratico logistico

22 Organizzazione del tirocinio/scambio Suggerimenti per un kit del partecipante Il kit informativo potrebbe contenere: numeri e recapiti utili dizionario tascabile della lingua locale guida del paese e della città mappa dei trasporti pubblici (percorsi, orari, abbonamenti) vouchers, prenotazioni, conferme

23 Avvio e realizzaione del tirocinio/scambio Le attività di monitoraggio e tutoraggio Le figure coinvolte sono: il tutor dellente di invio/proponente il tutor dellente ospitante il tutor aziendale o mentore 23

24 Avvio e realizzazione del tirocinio/scambio Le attività di monitoraggio e tutoraggio Gli strumenti sono: Questionari Griglie di osservazioni Colloqui Agende settimanali 24

25 Avvio e realizzazione del tirocinio/scambio Le attività di monitoraggio e tutoraggio Il sistema di monitoraggio deve essere in grado di percepire i vincoli che si frappongono alla fattibilità dellazione formativa 25

26 Valutazione dellesperienza di mobilità e dellintero progetto Lapproccio da adottare è di tipo partecipativo prevede di volta in volta il coinvolgimento e la partecipazione di diversi soggetti. Nessuna valutazione può dirsi ben fatta se non include la più vasta articolazione possibile di pareri tra cui certamente quelli degli organismi appartenenti alla rete di partenariato, ma anche degli operatori, dei decisori e di altri soggetti terzi. 26

27 Valutazione dellesperienza di mobilità e dellintero progetto Gli ambiti di intervento della valutazione valutazione del tirocinio/scambio e dellesperienza di permanenza allestero valutazione del progetto, nei suoi aspetti procedurali e gestionali 27

28 Valutazione dellesperienza di mobilità e dellintero progetto Gli indicatori per la valutazione del tirocinio/scambio Per la valutazione del tirocinio si possono adottare, ad esempio, indicatori quali: livello di gradimento dei partecipanti allesperienza di mobilità transnazionale coerenza del contenuto formativo del tirocinio con il percorso scolastico o formativo seguito dal partecipante pertinenza dellesperienza lavorativa svolta rispetto al fabbisogno formativo del partecipante capacità dei partecipanti di dimostrare le nuove competenze e/o conoscenze acquisite in una specifica area professionale efficacia dellattività di tutoring e mentoring presenza di criticità 28

29 Valutazione dellesperienza di mobilità e dellintero progetto Gli indicatori per la valutazione del progetto Per la valutazione del progetto si possono adottare, ad esempio, indicatori quali: interesse suscitato sul target di riferimento del progetto livello di coinvolgimento dei partner grado di interesse suscitato allesterno tasso di realizzazione delle borse rispetto del programma di lavoro la funzionalità e lefficienza del raccordo tra i diversi attori coinvolti nella rete di partenariato, i partecipanti e le imprese presenti sul territorio 29

30 Valutazione dellesperienza di mobilità e dellintero progetto Alcuni esempi di strumenti Questionario da compilarsi a cura del partecipante Questionario a cura del tutor dellente ospitante e/o aziendale insieme alla relazione finale del partner ospitante e alla griglia di valutazione del partecipante Questionario a cura dellente dinvio 30

31 Validazione delle competenze acquisite Lattestato di partecipazione allesperienza di mobilità Lattestato è rilasciato dallorganismo ospitante, di concerto con quello dinvio, deve poter rendere trasparente il percorso di formazione/lavoro realizzato dal partecipante Elementi Minimi dellAttestato indicazione dellorganismo ospitante; indicazione temporale del periodo effettivo nel quale si è svolta lesperienza di mobilità; indicazione del settore/area professionale in cui si è svolta lesperienza; contenuti formativi dellesperienza emansioni svolte durante il tirocinio; obiettivi formativi e/o professionali raggiunti; eventuali criticità/ostacoli emersi 31

32 Validazione delle competenze acquisite Lattestazione della preparazione linguistica Al fine di rendere trasparente il percorso di apprendimento linguistico effettuato dal partecipante, si può prevedere il rilascio, da parte dellorganismo cha ha impartito la preparazione, di un attestato nel quale vengano indicati il programma svolto, in termini di contenuti, obiettivi e durata. Per indicare il livello di conoscenza linguistica posseduta dal partecipante è bene utilizzare la scala di valori proposta dal Quadro Comune Europeo di riferimento per le lingue adottato con Decisione del Consiglio europeo. 32

33 Validazione delle competenze acquisite Europass Mobilità La gestione di Europass Mobilità è affidata al Centro Nazionale Europass (NEC) istituito presso l´ISFOL Il NEC coordina tutte le attività connesse all´applicazione del portafoglio Europass, garantisce che i documenti Europass siano accessibili a tutti i cittadini e siano rilasciati conformemente alla decisione e alle disposizioni nazionali. Il benficiario del progetto di mobilità deve contattare il NEC per richiedere il rilascio del libretto. 33

34 34 Diffusione dei risultati È bene individuare: un partner responsabile del coordinamento delle attività di disseminazione un referente per lattività allinterno di ogni organismo partner coinvolto nel progetto

35 35 Diffusione dei risultati Mezzi e canali di disseminazione sito web dedicato al progetto depliant, brochure o pieghevoli comunicati stampa conferenze, convegni, seminari, workshop newsletter acquisto di spazi su quotidiani/free press articoli su riviste specializzate/quotidiani/testi scientifici Auspicabile inoltre realizzare una versione multilingue dei materiali prodotti per garantire laccesso allinformazione in maniera più ampia possibile.

36 GRAZIE PER LATTENZIONE !


Scaricare ppt "Lazione di mobilità: istruzioni per luso La gestione delle azioni di mobilità Leonardo da Vinci Seminario Progetti Approvati Annualità di Selezione 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google