La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Antonio Gelati AUSL Mo Area Territoriale di Mirandola Dipartimento Sanità Pubblica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Antonio Gelati AUSL Mo Area Territoriale di Mirandola Dipartimento Sanità Pubblica."— Transcript della presentazione:

1 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Antonio Gelati AUSL Mo Area Territoriale di Mirandola Dipartimento Sanità Pubblica Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Servizio Veterinario – Area Centro-NordSede legale: Via S. Giovanni del cantone, Modena Via Smerieri, MirandolaT F T F Partita IVA Dipartimento Sanità Pubblica Servizio Veterinario – Area Centro-Nord Sede di Mirandola

2 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia

3 La natura non fa niente di inutile (Aristotele)

4 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Il ruolo degli uccelli selvatici nel migliorare la condizione igienico sanitaria di una città

5 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Gelati Antonio Giannella Carlo Studio di una siepe di km uno nella periferia di un centro abitato

6 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia

7

8

9 Un uccello mangia giornalmente il 30% del proprio peso di prede. Abbiamo calcolato che una comunità ornitica come quella descritta mangia circa 435 kg di prede in 90 giorni.

10 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Studio di un nido artificiale di cinciallegra Il genitore torna al nido almeno una volta ogni cinque minuti. Ogni volta porta almeno un bruco o un pari quantitativo di insetti. Lattività dallevamento è di 15 ore/die. Quanti bruchi al giorno?

11

12 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Risposta 180

13 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia I fattori limitanti la presenza di uccelli sono: Il cibo Siti dove poter nidificare

14 Cibo Le siepi offrono Bacche Semi Insetti Altri invertebrati Giovane merlo su sambuco

15 Cibo Le siepi offrono Codirosso spazzacamino su Elaeagnus umbellata

16 Cibo Le siepi offrono Capinera su biancospino

17 Cibo Le siepi offrono Pettirosso

18 Cibo Le mangiatoie offrono

19 Cinciarella

20 Bird feeding ovvero la piacevole emozione di dar da mangiare agli uccelli Disegno di L. Starnini

21 Siti dove poter nidificare Le siepi offrono protezione, rifugio ma anche siti dove poter nidificare. Gli uccelli che nidificano nelle cavità, colonizzano i nidi artificiali

22 Siti dove poter nidificare SiepiNidi artificiali Rondine

23 Codirosso dentro un nido artificiale

24 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Cloredendron trichotomun Cornus sanguinea Crataegus oxiacanta-monogyna Daphne mezereum-laureum Elaeagnus umbellata Euonymus europeus Hedera elix Ilex aquifolium Laurus nobilis Ligustrum vulgare-ovalifolia Lonicera caprifolium Mahonia aquifolium Phitolacca americana Ribes rubrum-nigrum Rubus idaeus Sambucus nigra Sorbus aucuparia Taxus baccata Viburnum tinum Morus nigra-alba Melo campanino Girasole Arbusti e alberi che producono bacche che attirano gli uccelli

25 BiancospinoMahonia AgrifolioFitolacca

26 SanguinelloSorbo degli uccellatori Edera

27 Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Piante che attirano le Farfalle e le Falene Buddleia davidii Cloredendron trichotomun Daucus carota Lavandula spica Petrosélinum hortense (prezzemolo) Urtica dioica

28 Ortica Clorodendro

29 Per attirare farfalle si possono costruire muretti attrezzati dove il rampicante delezione è il caprifolio, mentre nelle aiuole si può piantare la lavanda, ma anche la carota selvatica e lortica su cui si riproducono rispettivamente il macaone e le vanesse.

30 I rapaci in città Falco pellegrino Allocco Barbagianni Civetta Si nutrono di animali sinantropi spesso non graditi alluomo: ratti, topi ma anche colombi

31 Falco pellegrino Si nutre per un 98% di uccelli, dalle dimensioni di un passero sino al germano reale. Ha una bassissima densità per km quadrato: non si avranno mai concentrazioni di rapaci tali da impedire il formarsi colonie numerose di colombi; la distanza minima tra due aree occupate contemporaneamente,per il falco pellegrino, è di uno due km in Sardegna nelle aree più favorevoli. Tratto da Chiavetta M.- I Rapaci dItalia e dEuropa. Rizzoli

32 Il falco pellegrino è presente in molti centri urbani: ha nidificato recentemente nel quartiere Fiera di Bologna. E una specie molto elusiva Falco pellegrino sulla Ghirlandina a Modena

33 Alimentazione dei rapaci notturni Tratto da Chiavetta M., guida ai rapaci notturni, Zanichelli Allocco: roditori 65-70%; uccelli 5-20% (passeri, storni, fringillidi); anfibi 3-12%. Barbagianni: piccoli mammiferi 87-97%; piccoli uccelli < 5%. Civetta: roditori, piccoli uccelli, rettili, anfibi, insetti, falene.

34 Allocco Strix aluco

35 Allocco Strix aluco Le striges della mitologia romana erano demoni alati notturni, dotati di artigli, che si nutrivano del sangue e viscere dei fanciulli. Il nome striges deriva dal fatto che di notte stridono orrendamente Strix a luco = strega che viene dal bosco. Le streghe sono vestite di scuro, hanno lunghe unghie, si radunano nei boschi dove lanciano urla. La superstizione popolare ha trasformato gli allocchi in streghe

36 Barbagianni Tyto alba

37 Barbagianni Tyto alba Il barbagianni è un grande cacciatore di topi che in passato depredavano i granai (normalmente collocati nei sottotetti delle case). Questo uccello notturno bianco, che fluttua nellaria senza far rumore ed ha un canto composto da soffi e cigolii simili al battere delle catene, ha dato luogo alla superstizione del fantasma, descritto come un lenzuolo bianco che trascina delle catene.

38 Civetta Athene noctua In Grecia era considerata uccello sacro ad Atena, dea della saggezza. LEuro greco riporta il disegno della civetta, che in Grecia, a quanto pare, non porta sfortuna….. Locchio della civetta brilla nelle tenebre come la gloria del sapiente in mezzo al volgo.

39 Testi consultati Barbara and David Snow, 1988 – Birds and Berries. T & AD POYSER Renzo Rabacchi ( a cura di ) – CISNIAR, Siepi nidi artificiali e mangiatoie. Edizioni CIERRE.

40 Ringrazio per la collaborazione Cerè Giordano Cianchi Fabio CISNIAR Corsinotti Paolo Ferri Mauro Fiocchi Carlo Andrea Giannella Carlo Mantovani Franca Mazzali Marco Rabacchi Renzo Serafini Giuseppe Tutta la presentazione è visibile sul sito


Scaricare ppt "Siepi Urbane e Nidi Artificiali Argomenti sullutilità della zoofilia Antonio Gelati AUSL Mo Area Territoriale di Mirandola Dipartimento Sanità Pubblica."

Presentazioni simili


Annunci Google