La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gesù e le controversie Un altro modo di comunicare A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gesù e le controversie Un altro modo di comunicare A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione."— Transcript della presentazione:

1 Gesù e le controversie Un altro modo di comunicare A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

2 Le controversie Accenniamo a una terza forma tipica della comunicazione di Gesù, quella che traspare attraverso le controversie o le dispute o i conflitti. Da sempre infatti la dialettica ha la possibilità di far parlare, dona vigore alla voce, crea un clima di comunicazione che può essere pericoloso, e quindi domanda coraggio e libertà. Gesù ebbe molti conflitti con la categoria degli avversari, che sono sostanzialmente i capi religiosi, modelli di condotta per il popolo (scribi e farisei). A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

3 Sono radunati in due cicli: in Galilea (ad es. Marco 2, 1-3, 6) e a Gerusalemme (ad es. Marco 11-12). Ricordiamo il caso delle spighe strappate di sabato (Marco 2, 23-28) o della guarigione delluomo dalla mano paralizzata in giorno di sabato (Marco 3, 1-6). A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

4 Si noterà che il contenuto della comunicazione è ben nitido in tre direzioni: 1.le osservanze esteriori, rituali, Gesù le intende secondarie e da sottoporre al volere di Dio e concretamente al bene delluomo (il sabato è stato fatto per luomo); A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

5 2.Gesù vuole liberare da ogni impedimento una religione pura e senza macchia, smascherando un costume religioso e umano fatto di schematismi, di rigidità mentale, se non di ipocrisia, affermando che lui, il Figlio dellUomo è padrone del sabato (Marco 2, 28); A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

6 3.In terzo luogo Gesù comunica per sempre che luomo è misura del dono e vale di più del bue o asino caduto nel pozzo. Chi aiuta un uomo, dà una mano a Dio che vuol aiutare luomo attraverso limpegno delluomo. Intreccio profondo di divino e umano, di Dio per luomo, visto alla luce di Dio. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

7 Da quando Gesù è venuto tra di noi, dire comunicazione – per i suoi discepoli – non può che voler dire comunicazione della verità, quella che ultimamente ha la sua fonte in Dio e che possiamo recepire con la nostra leale apertura.

8 Altro cenno: Il vostro parlare sia sì, quando è sì, no quando è no. Il di più viene dal maligno (Matteo 5, 36-37). Per Gesù o passa la verità o non si dà vera comunicazione. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

9 È certamente un merito imperituro di Gesù laver proposto la comunicazione come servizio della verità e non come arte della persuasione (la retorica del mondo greco e dei moderni imbonitori). A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

10 Il che produce degli effetti o feedback: una comunicazione- risposta che può essere di conversione (Allora il Signore voltatosi, guardò Pietro... E Pietro uscito, pianse amaramente, Luca 22, 61-62)

11 … o una comunicazione- risposta che si fa opposizione, produce degli avversari (tennero consiglio per farlo morire, Marco 3, 6): una comunicazione alternativa, violenta o suadente, accompagnerà quella del Vangelo. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

12 Gesù invita espressamente a stare in guardia da una comunicazione clamorosa, ingannatrice: Sorgeranno falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti. Ecco, io ve lho predetto (Matteo 24, 24).

13 La comunicazione evangelica è crocifissa come il suo Comunicatore A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

14 Qualità rilevanti della comunicazione di Gesù a) La prima di tali qualità è la personalizzazione del rapporto, o il far leva su una pedagogia relazionale. Non vuol dire un processo di attenzione a pochi individui eletti. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

15 Gesù parla di vita: questo è il denominatore di base della gente comune per cui e intorno a cui Gesù comunica con le masse (cfr.Matteo 4, 22-25; 5, Isaia; Marco 6, 33-34). A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

16 Per Gesù non è il numero che conta come per i dittatori, anzi, non è tanto o solo importante ciò che dice o fa; prima del contenuto (del resto essenziale: la fede nellamore di Dio e la buona relazione con il prossimo) ci sono le persone, un tu cui rivolgersi. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

17 Per Gesù il processo di comunicazione è sempre sostenuto da un più profondo processo di misteriosa comunione, di amicizia: certamente da parte sua verso le persone, nellattesa che avvenga nella direzione persona- Gesù. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

18 b) Una seconda qualità categoriale della comunicazione di Gesù è quella della significatività. Anche Gesù poté dire buon giorno e buona sera... che tempo fa, però i Vangeli fanno di tutto per non dircelo, per proporci un Gesù comunicatore di cose decisive, escatologiche, proprie dellultima ora della storia e di vitale rilevanza per una persona. La sua è comunicazione di qualcosa-qualcuno che vale per la vita e recepito come tale. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

19 La comunicazione per parabole e tramite i miracoli abbiamo visto quanto sia drammaticamente impegnativa. Il suo messaggio porta a conoscenza di avvenimenti costitutivi per la vicenda del mondo e delluomo: il regno di Dio, la paternità di Dio e la nostra fraternità, il senso della storia e del futuro oltre la morte. È comunicazione di grandi pensieri nel perimetro piccolo del quotidiano. Il sublime nel semplice: ecco una eredità di Gesù. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

20 A rendere significativa la comunicazione, si propone una metodologia assai interessante e molto studiata nelle ricerche sulla pedagogia di Gesù. Non va dimenticato che la significatività della verità passa in ogni comunicazione dallatteggiamento del comunicatore. Per Cristo è la cordialità. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

21 Incoraggiare, invitare a non temere, perdonare (si pensi alladultera, al ladrone, al piccolo gregge). Il suo è sempre passare dal meno al più, mai al contrario. Il contrario, ossia la regressione, lo fa il peccatore (il figlio prodigo). Il Padre, Dio, riabilita sempre. E la parola di minaccia è sempre un monito vigoroso a non procedere con la testa nel sacco. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

22 c) Una terza qualità comunicativa di Gesù è esprimibile con il termine di globalità, che comprende parole e segni, lannuncio e lazione, anche miracolosa, il senso dei segni (la parola) e il segno del senso (il miracolo). A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

23 Qui si apre linteressante capitolo dei verbi espressivi del Cristo: dire, fare, camminare, mostrare, ascoltare, vedere, andare, venire, uscire, entrare, piangere, esultare, gridare, lamentarsi, affidarsi. Per Gesù la comunicazione, per la sua intrinseca importanza, tende a non escludere nessun linguaggio, secondo la grande tradizione profetica, semmai intende toccare tutte le potenze recettive della persona. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

24 d) E con questo perveniamo alla quarta qualità di comunicazione di Gesù: il coinvolgimento. Significa fondamentalmente almeno due cose: comunicare per Gesù è un chiamare, un appello a entrare nel disegno di Dio, nel Regno. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

25 La sua comunicazione è libera e liberamente va accolta; ma è anche oggettivamente necessaria, per cui rifiutarla significa non andare avanti, ma aver perso un appuntamento forse decisivo, come il giovane ricco, che andandosene rese triste Cristo e precaria la sua salvezza (Marco 10, 17-27). A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

26 Chi risponde positivamente non ha che una comunicazione da vivere: seguire Cristo, stare con lui, discepolo permanente con Maestro insostituibile, amico con Amico, come il pulcino con la chioccia (Matteo 23, 27), la pecora con il pastore. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

27 Il che mette in luce un secondo livello di coinvolgimento: la comunicazione tende a realizzarsi in comunione: Chi ascolta voi, ascolta me (Luca 10, 16). La Cena è la memoria di una comunicazione che si fa, effettiva comunicazione, anzi comunione con il Ricordato. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

28 Conclusione: Gesù non è un modello da copiare, ma da ricreare Più che imitazione che ricopia pedissequamente, deve essere sequela obbediente che fa nel proprio tempo quello che lui fece allora. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

29 Gesù dà direzioni di marcia, scelte di campo, non ricette infantili. Così non sarebbe buona comunicazione servirsi soltanto del suo immaginario, ma lo si dovrà arricchire con il nostro, tipico della civiltà industriale e post. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

30 Si dovrà tenere conto delle costanti della comunicazione di Gesù A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

31 A.un esplicito, vigoroso contenuto religioso, evangelico (nuova evangelizzazione), con ciò che comporta in termini di atteggiamento di fede sia in chi comunica sia in chi è comunicato (espliciti e coerenti) A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

32 B.una viva attenzione pedagogica, capace di utilizzare anche le risorse delle scienze delleducazione (che ci dicono come si comunica con adulti, con bambini, con in media). Ciò fa parte di quellumanità della comunicazione che diventa sacramento nelle mani di Dio A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

33 C.Il comunicatore cristiano alla scuola di Gesù le inventa tutte perché il Vangelo passi: è la straordinaria, efficace lezione dello stile ingegnoso e infaticabile di Gesù. Come lui assunse la totalità dei linguaggi, così tocca a noi realizzare tale totalità. Si pensi al riguardo, quale fronte enorme siano i media. A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

34 D.In particolare la comunicazione credente alla scuola di Gesù è comunicazione che vive di relazionalità interpersonale carica di cordialità, di accoglienza, di incoraggiamento; non è compiuta se non quando produce comunione, riconciliazione, fraternità e perciò si avvale della forza della carità-agape di Cristo. È comunicazione ecclesiale, di ecclesialità e nellecclesialità A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

35 E.la nostra comunicazione, per essere cristiana, non potrà non avere il segno dei chiodi, della croce, questo filtro necessario della buona comunicazione: è comunicazione umile perché dona Qualcuno di cui non disponiamo, ma che si offre; è comunicazione che conoscerà opposizione, rifiuto, comunicazioni alternative, silenzi sdegnosi, ribellione A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione

36 F.Ma non abbiate paura: quello che vi dico nelle tenebre ditelo nella luce, e quello che ascoltate allorecchio predicatelo sui tetti (Matteo 10, 27). La comunicazione credente domanda il coraggio, coraggio che ha concreto riscontro nella comunicazione fatta ai poveri, ai lontani, ai peccatori, agli ultimi, a quelli che non contraccambiano (Luca 14, 12-13) A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione


Scaricare ppt "Gesù e le controversie Un altro modo di comunicare A cura di don Mimmo Iervolino Gesù perfetto comunicatore seconda lezione."

Presentazioni simili


Annunci Google