La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE La certificazione ambientale di prodotto nel settore delle costruzioni: prospettive e opportunità Torino, 29.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE La certificazione ambientale di prodotto nel settore delle costruzioni: prospettive e opportunità Torino, 29."— Transcript della presentazione:

1 I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE La certificazione ambientale di prodotto nel settore delle costruzioni: prospettive e opportunità Torino, 29 Ottobre 2012 Arch. Stefano Dotta

2 Strumenti per incentivare ladozione di certificazioni ambientali di prodotti del settore edile 1)Lingresso della certificazione ambientale di prodotto nei sistemi di valutazione energetico ed ambientale degli edifici il protocollo ITACA la banca dati ITACA leco profilo ITACA 2)Opportunità per le aziende piemontesi di qualificare i propri prodotti edili il polo di innovazione sulledilizia sostenibile POLIGHT il progetto marie il prezzario regionale opere pubbliche

3 IL PROTOCOLLO ITACA Sistema di rating per gli edifici sostenibili basato sullSBTool di iiSBE promosso da ITACA. Approvato dal 2004 dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni Italiane. Adottato ufficialmente da 13 Regioni e dalla Provincia di Trento. Da Aprile 2011 disponibile a livello nazionale per le certificazioni di mercato oltre che pubbliche.

4 STRUMENTO PER MISURARE OGGETTIVAMENTE LA SOSTENIBILITA DI UN EDIFICIO ACQUA ENERGIA SERVIZIO COMFORT MATERIALI

5 5 aree di valutazione 19 categorie, 35 criteri A Qualità del sito A1 Selezione del sito A3 Progettazione dellarea

6 B Consumo di risorse –B1 Energia primaria non rinnovabile –B3 Energia da fonti rinnovabili –B4 Materiali eco-compatibili –B5 Acqua potabile –B6 Prestazioni dellinvolucro C Carichi ambientali –C1 Emissioni di CO2 –C3 Rifiuti solidi –C4 Acque reflue –C5 Impatto sullambiente circostante D Qualità ambientale indoor –D2 Ventilazione –D3 Benessere termoigrometrico –D4 Benessere visivo –D5 Benessere acustico –D6 Inquinamento elettromagnetico E Qualità del servizio –E1 Sicurezza in fase operativa –E2 Funzionalità ed efficienza –E6 Mantenimento delle prestazioni in fase operativa

7 ATTUALE VALUTAZIONE MATERIALI B4 Materiali eco-compatibili B4.1 Riutilizzo delle strutture esistenti B 4.6 Materiali riciclati/recuperati B 4.7 Materiali da fonti rinnovabili B 4.9 Materiali per finiture B 4.10 Materiali riciclabili o smontabili CRITERI QUASI OGGETTIVI

8 BANCA DATI LCA PER I MATERIALI DA COSTRUZIONE NECESSARIA UNA MAGGIORE OGGETTIVITA LCA – LIFE CYCLE ASSESSMENT (VALUTAZIONE IMPATTI NEL CICLO VITA)

9 NUOVI CRITERI - PROTOCOLLO ITACA –CO2 inglobata nella costruzione –Energia inglobata nella costruzione –Acidificazione –Eutrofizzazione –Tossicità umana –Ecotossicità

10 DATI DA SCHEDE MATERIALI

11 Bando Marche: Strumenti per la promozione della sostenibilità in campo delledilizia – Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale Accordo di Programma ITACA Regione Marche ITC-CNR Università Politecnica delle Marche Partenariato Armines – Ecole des Mines (Paris) iiSBE Italia 2B Environmental Consultants Environment Park Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale

12 Obiettivi di Progetto Strutturazione e definizione della prima banca dati LCA di materiali e prodotti per ledilizia Sviluppo ed applicazione di un sistema di valutazione della qualità ambientale di materiali e prodotti per ledilizia Bando Marche: Strumenti per la promozione della sostenibilità in campo delledilizia – Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale – Fase I

13 Categorie di impatto ambientale assunte come metodo di riferimento nazionale Categorie di impatto ambientale assunte come metodo di riferimento nazionale Bando Marche: Strumenti per la promozione della sostenibilità in campo delledilizia – Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale – Fase I

14 1. Definizione della struttura della banca dati Schematizzazione prezzario regionale Suddivisione dei materiali in categorie funzionali Bando Marche: Strumenti per la promozione della sostenibilità in campo delledilizia – Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale – Fase I

15 2. Esempi di schede tecniche di prodotto complete Bando Marche: Strumenti per la promozione della sostenibilità in campo delledilizia – Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale – Fase I

16 Bando Marche: Strumenti per la promozione della sostenibilità in campo delledilizia – Banca dati dei materiali di riferimento per costruzioni ad elevata prestazione ambientale – Fase I

17 POSSIBILITA DI INCLUDERE I PRODOTTI DI MERCATO NELLA VALUTAZIONE PROTOCOLLO ITACA ECOPROFILO PROTOCOLLO ITACA QUALIFICAZIONE PRODOTTI EDILI

18 ECO-PROFILO PROTOCOLLO ITACA

19 VALUTAZIONE PROTOCOLLO ITACA CO 2 INGLOBATA NELLEDIFICIO BANCA DATIECO-PROFILO

20 EN Sustainability of construction works Environmental product declarations Core rules for the product category of construction products Dichiarazioni ambientali di prodotto: -regole di calcolo LCA -struttura e contenuti EPD

21 PIATTAFORMA ECO ARMONIZZAZIONE EPD (INDICATORI COMUNI) ALLINEAMENTO CRITERI DI VALUTAZIONE SUI MATERIALI DA COSTRUZIONE NEI SISTEMI EUROPEI DI CERTIFICAZIONE

22 I Poli di Innovazione I Poli di innovazione sono raggruppamenti di imprese indipendenti (PMI, grandi imprese e organismi di ricerca, start up innovatrici) attivi in un particolare settore La loro mission è quella incoraggiare linterazione tra le imprese costituenti il Polo, luso in comune di installazioni e lo scambio di conoscenze ed esperienze, nonché di contribuire al trasferimento di tecnologie, alla messa in rete e alla diffusione delle informazioni tra le stesse imprese 12 poli di innovazione banditi dalla Regione Piemonte su 12 domini tecnologici diversi

23 POLIGHT Environment Park è soggetto gestore POLIGHT - Polo di Innovazione Edilizia Sostenibile e Idrogeno Ad oggi sono circa 140 gli aderenti al Polo uniti attraverso unAssociazione Temporanea di Scopo

24 Progetto Marie Descrizione generale: MARIE intende definire le condizioni socio-economiche per migliorare l'efficienza energetica (EE) del patrimonio immobiliare esistente nellarea europea mediterranea. Nel quadro degli obiettivi politici dell'UE, Il progetto MARIE indagherà le opportunità per superare le barriere e la creazione di sviluppo sostenibile nella regione del Mediterraneo. Sono previste attività pilota che testeranno le soluzioni e le misure sviluppate durante il progetto assicurando un impatto diretto sul territorio. I Risultati attesi dovranno generare sinergie pubblico- private a benefico dello sviluppo sostenibile della regione Mediterranea.

25 P.2 LIMA Association. Low Impact Mediterranean Architecture, Barcelona, (Spain) P.3 ACCIÓ. (WP3 coordinator) Agency to Support Catalan Companies, Barcelona, (Spain): P.4 IREC. Catalonian Institute for Energy Research, Sant Adrià del Besòs, (Spain) P.5 EPSA. Andalusia Land Public Company, Sevilla, (Spain) P.6 PACA REGION (WP2 coordinator)– PROVENCE ALPES CÔTE DAZUR, Marseille (France) P.7CRMA-PACA. Chambre Régionale de Métiers et de lArtisanat de Provence-Alpes-Côte dAzur, Marseille, (France) P.8 EFFINERGIE collectivity, Montpellier, (France) P.9 ANKO (WP4 coordinator) Regional Development Agency of Western Macedonia S.A. –, Kozani, (Greece) P.10 IASA Institute of Accelerating Systems and Applications., Athens, (Greece) P.11 PIEDMONT REGION,(WP.5 coordinator) Torino, (Italy) P.12 UMBRIA REGION, Perugia, (Italy) P.13 Consorzio per lAREA di Recerca Scientifica Tecnologica di Trieste – Area Scientific Park, Trieste, (Italy) P.14 UNIVERSITY OF EVORA, Evora, (Portugal) P.15 Basilicata Region, Potenza, (Italy) P.16 ARE Liguria, Regional Energy Agency of Liguria, Genova, (Italy) P.17 UMAR. Union of Mediterranean Architects, Gzira (Malta) P.18 LCA LOCAL COUNCIL ASSOCIATION OF MALTA., Balzan, (Malta) P.19 University of Ljubljana, Ljubljana, (Eslovenia) P.20 GOLEA - Goriška Local Energy Agency, Nova Gorica, (Slovenia) P.21 BAR Municipality, Bar, (Montenegro) P.22 Larnaca Municipality, Larnaca, (Cyprus) partenariato

26 Utilizzo dellanalisi LCA per la qualificazione dei prodotti delle PMI regionali del settore delle costruzioni Attività previste: 1.Prima selezione di prodotti innovativi per ledilizia 2.Studio del processo produttivo e raccolta attraverso questionari dei parametri ambientali 3.Per ogni prodotto selezionato verranno individuati i label di riferimento 4.Saranno selezionati cinque prodotti a cui verrà condotta lanalisi LCA

27 Sono state selezionate 5 prodotti innovativi di PMI associate al Polo di innovazione sulledilizia sostenibile POLIGHT su cui sono in corso le analisi LCA: NESOCELL isolante sfuso in cellulosa FRESIA ALLUMINIO telaio in alluminio per serramenti neoplanet 62 VIMARK termointonaco calcinto VASS TECNOLOGIES modulo prefabbricato per tetti FORNACE PILONE blocco in laterizio porizzato

28 Pilot activities MEDBEES 5* programs Measures Program Barriers definition *1.Interaction with target groups Program2.Training Program 3.Legislation Program4.SMEs support measures program 5.Financial Program

29 Al termine delle analisi le PMI potranno con i risultati ottenuti qualificare il loro prodotto attraverso: ECOPROFILO ITACA EPD PREZZARIO REGIONALE OPERE PUBBLICHE

30 GRAZIE PER LATTENZIONE !


Scaricare ppt "I VANTAGGI DELLA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE La certificazione ambientale di prodotto nel settore delle costruzioni: prospettive e opportunità Torino, 29."

Presentazioni simili


Annunci Google