La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Magg. Franco Colombo Cell. 338-9839885.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Magg. Franco Colombo Cell. 338-9839885."— Transcript della presentazione:

1 1 Magg. Franco Colombo Cell

2 2 Temperatura ed energia La pressione – I venti

3 3 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento La temperatura di un corpo è una misura di quanta energia di moto (energia cinetica) le molecole di un materiale possiedo Più alta è la temperatura, maggiore è la velocità media delle molecole Allo zero assoluto, lenergia cinetica delle molecole è nulla.

4 4 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Le scale di temperatura -I termometri misurano la temperatura dei corpi -Le scale termometriche maggiormente utilizzate sono: -Celsius o Centigrada °C -Fahrenheit °F -Kelvin K Formule di conversione °C= 5/9 (°F-32) °F= (9/5 °C) +32 K= °C + 273

5 5 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Il processo di trasferimento di calore Conduzione : le molecole trasferiscono energia per contatto diretto; Convezione: il trasferimento di calore avviene per mezzo di un fluido (aria o acqua) interposto tra corpi a temperature differenti. - In meteorologia, la convezione è generalmente associata ai moti verticali del fluido - Lavvezione ha lo stesso significato della convezione, solo che si manifesta sul piano orizzontale. Irraggiamento: Il trasferimento di calore non richiede un contatto tra i corpi che scambiano calore, e non richiede la presenza di un fluido interposto

6 6 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Alcuni importanti concetti termodinamici: il calore latente 1 caloria = quantità di energia necessaria per aumentare la temperatura di un grammo dacqua da 14,5°C a 15,5°C

7 7 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Alcuni importanti concetti termodinamici: il processo adiabatico È un processo che avviene senza trasferimento di calore tra il sistema (es. una particella daria) e lambiente circostante. In un processo adiabatico ad una compressione corrisponde sempre un riscaldamento e ad una espansione corrisponde sempre un raffreddamento. Tutti i processi che avvengono nellatmosfera possono essere considerati adiabatici.

8 8 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Alcuni importanti concetti termodinamici: la radiazione elettromagnetica Legge di Stefan- Boltzman: (costante di Stefan) E = energia radiante

9 9 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Alcuni importanti concetti termodinamici: la radiazione elettromagnetica Legge di Wien: Esempio: 2897 Spettro elettromagnetico del Sole

10 10 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Spettro elettromagnetico del Sole e della Terra

11 11 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Il sole, a circa 5700°C, emette circa 4x10 26 Watt La terra, a circa 15°C, emette circa 2x10 17 Watt che è esattamente lenergia che riceve dal sole: la terra è quindi in EQUILIBRIO TERMICO cioè emette tanta energia quanta ne riceve (altrimenti si scalderebbe disastrosamente) ma mentre la riceve come luce visibile dal sole, la riemette come raggi infrarossi (invisibili) in tutte le direzioni. Anche la luna fa lo stesso ma è molto diversa dalla terra: perché? Perché non ha unatmosfera!!

12 12 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Leffetto serra naturale

13 13 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento

14 14 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Laria nella bassa atmosfera è riscaldata dal basso. Il sole riscalda la terra; laria al di sopra si riscalda per conduzione, convezione ed irraggiamento. Un ulteriore riscaldamento si verifica a causa del rilascio di calore latente allinterno della nube durante il processo di condensazione.

15 15 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento

16 16 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Visto che le latitudini polari ricevono un numero maggiore di ore durante lestate, perché non hanno anche le temperature più alte? Perché le temperature massime non si registrano al solstizio destate? Che cosa succederebbe se cambiasse linclinazione dellasse polare? (avremo più o meno stagionalità con un angolo maggiore? E cosa succederebbe con linclinazione a 0° e 90°?)

17 17 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento

18 18 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Temperatura media alla superficie terrestre in gennaio (SX) e luglio (DX) Isoterma = linea che unisce i punti alla stessa temperatura

19 19 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Variazione termica stagionale

20 20 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento

21 21 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento La pressione atmosferica è causata dal peso della colonna daria sovrastante su una superficie unitaria Essa, di conseguenza diminuisce con la quota A parità di pressione al suolo, la colonna di aria fredda sarà più bassa della colonna di aria più calda La pressione varia enormemente con la quota, ma sono le più piccole variazioni di pressione sul piano orizzontale a determinare i venti e i sistemi meteorologici.

22 22 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Gli strumenti per la misura della pressione sono i barometri a mercurio La pressione si ricava misurando il peso della colonna di mercurio dove è la densità del mercurio g è la gravità h laltezza della colonna di mercurio Al livello del mare la pressione media è: hpa = 76 cm Hg = inch Hg

23 23 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Isobara= linea che congiunge i punti aventi la stessa pressione

24 24 Data e ora del rilevamento Ente che ha prodotto la mappaValidità Tipo di mappa

25 25 Configurazioni bariche: AnticicloneDepressione = promontorio 2 = saccatura 3 = sella

26 26 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Le carte in quota sono mappe a pressione costante e mostrano la variazione dellaltezza di una superficie isobarica. Le linee su una mappa in quota rappresentano laltezza della superficie isobarica a cui la mappa si riferisce e sono quindi delle ISOIPSE. Tale altezza in termini meteorologici si chiama GEOPOTENZIALE indicato con la lettera z (si misura in dam geop) Le superfici isobariche standard maggiormente utilizzate in meteorologia sono: 850 hpa; 700 hpa; 500 hpa; 300 hpa

27 27 Individuare Isoipsa 5520 metri geopotenziali; promontorio e saccatura 1 2

28 28 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Il vento Le differenze di temperatura tra oceani e continenti provoca delle variazioni di pressione Le differenze di pressione danno origine alle forze che provocano i moti atmosferici La forza di gradiente (PGF) si esercita ortogonalmente alle isobare ed è uguale a : Più vicine sono le isobare maggiore è la forza di gradiente

29 29 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Le altre forze che agiscono sul vento sono: La forza di Coriolis (CF) La forza centripeta (c) La forza di gravità (g) Lattrito (F)

30 30 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento I venti che spirano a quote superiori ai 1000 metri sono il risultato degli effetti della forza di gradiente (PGF) e della forza di Coriolis (CF) Questo vento viene definito VENTO GEOSTROFICO f = parametro di Coriolis che dipende dalla latitudine; = densità dellaria

31 31 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Nelle vicinanze del suolo, bisogna tenere in considerazione lattrito esercitato dal terreno. Questo riduce lintensità del vento, riducendo anche la forza di Coriolis che non risulterà più opposta alla forza di gradiente. Il risultato è una deviazione verso le basse pressioni del vento. Nel caso di configurazioni chiuse, il risultato sarà un flusso convergente intorno ai cicloni e un flusso divergente intorto agli anticicloni.

32 32 Venti in quota Venti al suolo

33 33 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento La forza del vento dipende dal gradiente di pressione I venti in quota spirano parallelamente alle isobare Nellemisfero nord i venti spirano in senso orario intorno alle alte pressioni e in senso antiorario intorno alle depressioni I venti al suolo sono leggermente deviati verso le basse pressioni Essendo un elemento vettoriale il vento va definito usando la direzione di provenienza e lintensità espressa in metri/secondo o nodi (Kts) 1 Kts = 1,852 Km/h = 0,5 m/s

34 34 Lezione 2: Temperatura, pressione, vento Gli strumenti per misurare il vento sono gli ANEMOMETRI I più comuni sono a coppe di Robinson. Le coppe girano in maniera proporzionale alla velocità del vento. Altri anemometri sono a eliche. Una banderuola indica invece la direzione di provenienza del vento.


Scaricare ppt "1 Magg. Franco Colombo Cell. 338-9839885."

Presentazioni simili


Annunci Google