La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RAPPRESENTAZIONE SOCIALE DELLO STRANIERO E PREGIUDIZIO ETNICO TEORIA SOCIOLOGICA E STRUMENTI DI RICERCA di ROBERTA CIPOLLINI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RAPPRESENTAZIONE SOCIALE DELLO STRANIERO E PREGIUDIZIO ETNICO TEORIA SOCIOLOGICA E STRUMENTI DI RICERCA di ROBERTA CIPOLLINI."— Transcript della presentazione:

1 RAPPRESENTAZIONE SOCIALE DELLO STRANIERO E PREGIUDIZIO ETNICO TEORIA SOCIOLOGICA E STRUMENTI DI RICERCA di ROBERTA CIPOLLINI

2 LA SOCIOLOGIA DELLO STRANIERO LA RAPPRESENTAZIONE SOCIALE DELLO STRANIERO IL SISTEMA DI RELAZIONI TRA STRANIERO E GRUPPO INTEGRATO LE DINAMICHE DI RELAZIONE TRA GRUPPI INTEGRATI ED OUTSIDERS

3 G. SIMMEL Excursus sullo straniero in Sociologia (ed. or. 1908) RAPPRESENTAZIONE SOCIALE DELLO STRANIERO MOBILITA LIBERTA AMBIVALENZA OGGETTIVITA ESTRANEITA MOLTEPLICITA DELLO STRANIERO COME FORMA SOCIALE: STRANIERO COME METAFORA DELLA DIVERSITA SISTEMA DI RELAZIONI COINVOLGIMENTO/MINACCIA PERCEZIONE COLLETTIVA NON INDIVIDUALE STRANIERO E CONTESTO

4 W. SOMBART Gli stranieri in Il capitalismo moderno (ed.or. 1916) Rappresentazione sociale dello straniero INNOVAZIONE OGGETTIVITA SPIRITO PRATICO COSCIENZA MUTILATA Sistema di relazioni BASATO SU SCAMBI UTILITARISTICI

5 R. MICHELS Materialen zu einer Soziologie des Fremdem (1925) Rappresentazione dello straniero Straniero come figura sociale emergente della mobilità territoriale Condizione di straniero basata sullappartenenza Sistema di relazioni condizionato dalla saldezza del sistema di appartenenza del gruppo integrato Tipologia dello straniero Nuova cittadinanzaVecchia cittadinanza Appartenenza psicologicaIntegratoMarginale Estraneità psicologica DivisoEscluso

6 R.E. PARK Migrazione umana e luomo marginale (ed. or.1928) Rappresentazione dello straniero Figura sociale emergente dalle grandi migrazioni moderne Crisi del sistema di appartenenza Instabilità psicologica uomo marginale Oggettività Mutamento sociale Cosmopolitismo Sistema di relazioni Modificato dallinterazione tra straniero e società ospitante Nellinterazione sociale lo straniero trasmette nuove funzioni

7 F. ZNANIECKI Studja nad Antagonizmen do Obcych (1931) RAPPRESENTAZIONE DELLO STRANIERO ESTRANEITA FONDATA SULLA DIVERSITA DEL SISTEMA DI VALORI (MODELLO CULTURALE) SISTEMA DI RELAZIONI ANTAGONISMO VERSO LO STRANIERO FORME GRADUALMENTE CRESCENTI DI ANTAGONISMO ANTAGONISMO DIFENSIVO: ISOLAMENTO SPAZIALE ISOLAMENTO MAGICO: PREDISPOSIZIONE DI CODICE DI COMUNICAZIONE SEGRETO INACCESSIBILE ALLO STRANIERO VIOLENZA PSICOLOGICA ISOLAMENTO SPIRITUALE: DENIGRAZIONE DEL SISTEMA DI VALORI DEL GRUPPO STRANIERO ANTAGONISMO AGGRESSIVO: TENTATIVO DI DISTRUZIONE PARZIALE O TOTALE DEL GRUPPO STRANIERO E DEL SUO SISTEMA DI VALORI PERCHE CADA PER SEMPRE NELLOBLIO (p.208)

8 M. M. WOOD The Stranger. A Study in Social Relationships, 1934 Rappresentazione dello straniero Molteplicità della condizione di straniero: metafora della condizione delluomo moderno Percezione dello straniero collettiva e non individuale psicologia sociale categorizzazione Sistema di relazioni Appartenenza al gruppo psicologia sociale Identificazione sociale psicologia sociale Variazione al variare del contesto

9 A.SCHUTZ Lo straniero. Saggio di Psicologia sociale (ed.or. 1944) Rappresentazione dello straniero Metafora della diversità Profilo psicologico Dubbia lealtà Sistema di relazioni Condizionato dal modello culturale e dalle forme di identificazione

10 N.ELIAS The Established and the Outsiders. A Sociological Inquiry into Community Problems ( ) Sistema di relazioni: modello unico di relazione E/O Approccio di figurazione: approfondimento dei due poli dellinterazione Caratteristiche Basato sull asimmetria di potere identificazione nel gruppo (ideale del Noi) doppio legame distorsione percettiva distorsione pars pro toto: autorappresentazione del gruppo sulla base delle caratteristiche più prestigiose della propria minoranza maggiormente nomica e rappresentazione degli outsiders sulla base delle caratteristiche più negative della loro minoranza anomica Stigmatizzazione Basata sulla condivisione del prestigio del gruppo integrato Proiezione sugli outsiders di immagini di inferiore valore umano Interiorizzazione dellimmagine dellimmagine negativa da parte degli outsiders Ostracismo verso relazioni interpersonali con gli outsiders, distanza sociale conflitto Sistema E/O estensibile a unità sociali ampie rapporto tra le nazioni Sistema di relazioni universale circolo vizioso: se variano gli equilibri di potere il gruppo di precedenti outsiders tende a riprodurre il modello verso i nuovi outsiders Il corto circuito: si realizza attraverso il ridimensionamento dei sistemi di identificazione nel gruppo e un nuovo equilibrio Lopinione oggi diffusa che lindividuo equilibrato possa diventare totalmente indipendente dalla sua appartenenza di gruppo e in questo senso assolutamente autonomo è ingannevole così come lopposta opinione che lautonomia delle persone possa interamente scomparire allinterno di un collettivo di automi (p.XL-XLI)

11 Al termine del suo percorso intellettuale N. Elias, massimo studioso del processo di civilizzazione, pone implicitamente il modello unico di relazioni E/O, definito già nel 1965 un tema umano universale, al centro del processo di civilizzazione dellumanità, operando una sintesi ed una integrazione di piani di riflessione teorica apparentemente autonomi. In La teoria dei simboli (1991) così si esprime: Alla luce di un futuro diviso fra la possibilità dellautodistruzione e quella di milioni di anni di vita, la visione diffusa che considera i tempi moderni uno stadio di sviluppo relativamente avanzato ha bisogno di una correzione. Il fatto che non abbiamo ancora imparato a controllare le guerre, le reciproche distruzioni di massa fra i membri di stati differenti e altre forme di comportamento che non si possono che definire barbarie, danno credito allassunto che nel contesto complessivo del possibile sviluppo del genere umano quelli che definiamo tempi moderni rappresentino uno stadio non avanzato, bensì molto iniziale. Preferisco lipotesi che i nostri successori, se lumanità sarà in grado di sopravvivere alla violenza di questa epoca, possano considerarci come tardi barbari. N. Elias, Teoria dei simboli, 1991 (trad.it. in J. Goudsblom, S. Mennel (a c. di), Norbert Elias, Tappe di una ricerca, 2001, Il Mulino, p.363)

12 Z. Bauman La società dellincertezza (1999) Società post moderna e straniero Rappresentazione dello straniero Straniero come metafora della condizione umana Dissolvimento delle specificità dello straniero: figura liquida che attraversa lo spazio sociale Ambivalenza Esotico portatore di novità Minaccia Straniero ante portas delle dimora sicura Strategie di relazione fluidità del sistema di relazioni Assimilazione Indifferenza: relazioni basate su assenza di significato attribuito al contatto Segregazione simbolica: antropoemia della seconda modernità Creazione di no goes out areas e no goes in areas : territori della città dai quali è impossibile uscire e che i cittadini della metropoli escludono dalla propria rotta di navigazione

13 Psicologia sociale del pregiudizio Aspetti cognitivi processo di categorizzazione formazione di 1. stereotipi (Allport,1954; Tajfel,1981; Brown, 1995) 2. Rappresentazioni sociali (Moscovici, 1984; Jodelet, 1989) Dinamiche della personalità (Adorno e coll., 1949) Teoria dellIdentità sociale (Tajfel) Dinamica delle relazioni intergruppo (Allport, Tajfel, Brown) Fattori socio-culturali influenti Pregiudizio come atteggiamento

14 Processo di categorizzazione Allport, La natura del pregiudizio (ed.or.1954); Tajfel, Gruppi umani e categorie sociali (ed or. 1981) Categorie: sistemi di classi e raggruppamenti predefiniti connessi a risparmio cognitivo Si formano massimizzando le caratteristiche ritenute comuni agli oggetti sociali che ad esse appartengono e minimizzando le caratteristiche individuali Assimilano quanto più possibile la complessità e variabilità della realtà e dei soggetti sociali entro uno schema Permettono di identificare tutti gli oggetti che siano riferibili alla categoria attribuendo ad essi le caratteristiche predefinite della categoria Contribuiscono alla stabilità cognitiva e affettiva Contribuiscono alladattamento allambiente Regolano il comportamento sociale Sono resistenti alla correzione Sono alla base della costruzione di rappresentazioni sociali e stereotipi

15 Stereotipi Definizione di stereotipo: Immagine nella mente (Lippman, 1921) è una opinione esagerata in associazione ad una categoria. La sua funzione è quella di razionalizzare la nostra condotta in relazione a quella categoria (Bettelheim, Janowitz,1950, accolta da Allport) Caratteristiche: Non corrisponde alla categoria ma è unidea fissa che laccompagna E riferibile ad una immagine delloggetto sociale rappresentazione E uno schermo selettivo per conservare la chiarezza della percezione e del pensiero Guida la reazione emotiva e comportamentale Resistente al cambiamento anche in presenza di esperienza che contraddice

16 Le rappresentazioni sociali Definizione: sistemi di valori, idee e pratiche composti di quadri ideativi simbolici che si formano allinterno e grazie alla comunicazione interpersonale e sociale. Durkheim, Rappresentazioni individuali e rappresentazioni collettive (1898) La vita collettiva – al pari della vita mentale dellindividuo - è costituita da rappresentazioni sociali Immagini, idee sociali formate allinterno di gruppi umani e rielaborate dagli individui Sono sociali per tre motivi: 1. origini; 2. oggetto; 3. per essere comuni ai membri di una società o gruppo; Sono immagini plastiche, mobili, continuamente rielaborate che si formano, si trasformano, scompaiono Condizionano il comportamento sociale Moscovici, Il fenomeno delle rappresentazioni sociali, (1984) Sono alla base del processo di categorizzazione Rappresentano un sistema di credenze condivise (teoria del senso comune) Sono generate da particolari ambienti sociali (idee e credenze di sottogruppi in un determinato contesto sociale) Sono rielaborate individualmente Formano opinioni e agevolano la decodifica della realtà Rendono familiare ciò che è estraneo, distante, non conforme Condizionano il comportamento sociale La nozione di rappresentazione sociale è presente anche nella riflessione teorica di Elias = fantasie individuali e collettive che regolano il comportamento sociale

17 Dinamiche della personalità Meccanismi di frustrazione-aggressività- proiezione-dislocazione (Creazione di capri espiatori) (J. Dollard, Caste and Class in a Southern Town, 1937) Meccanismi di formazione e dinamiche della personalità (T.W Adorno e coll., La personalità autoritaria, ed or 1949) Struttura dellidentità (L. Sciolla, Identità. Percorsi di analisi in Sociologia, 1983; P.L. Berger, B. Berger, H. Kellner,The Homeless Mind, 1973; Beck, La società del rischio, ed. or.1986; I rischi della libertà, ed. or. 1994; Inglehart, La rivoluzione silenziosa, ed. or.1977; La società post-moderna, ed. or. 1996; Z.Bauman, cit., 1999) Meccanismi e dinamiche del conformismo (Adorno e coll., 1949) Meccanismi e dinamiche dellautoritarismo (Adorno e coll., 1949)

18 Dinamiche di relazione inter-gruppo G.W. Allport (1954): ingroup e outgroup Sumner: concetto di etnocentrismo (Folkways, 1906) Gruppo interno è quello a cui diversi individui percepiscono di appartenere in un rapporto con altri individui, condividendo i valori e le norme che regolano il comportamento del gruppo Appartenenza territoriale Appartenenza sociale Appartenenza etnica Appartenenza culturale (storia, memoria, tradizioni, valori, stili di vita, rappresentazioni sociali= modello culturale) Egli distingue dal gruppo interno il gruppo di riferimento definito come " un gruppo interno accettato di buon grado, o al quale l'individuo desidera appartenere ". Gruppi esterni che non condividono il modello culturale o sono portatori di un modello diverso " …sebbene non si possano percepire i propri gruppi interni se non in contrasto con quelli esterni, essi sono tuttavia primari sul piano psicologico. Noi viviamo in essi, da essi, e, talvolta, per essi. L'ostilità verso i gruppi esterni ci aiuta a rinforzare il nostro senso di appartenenza, ma non è un elemento strettamente necessario ". Dinamiche: Coesione intragruppo e contrapposizione /conflitto intergruppo Rafforzamento dellidentità sociale per differenza Stigmatizzazione delloutgroup Forme gradualmente crescenti di conflitto: rifiuto verbale; discriminazione; violenza fisica; sterminio

19 COMPORTAMENTO SOCIALE INTERGRUPPI ( Tajfel,cit. 1981) Distinzione del comportamento interindividuale e intergruppo (Idealtipi) Continuum Comportamento Interindividuale Intergruppo C.interindividuale : persone agiscono in base a caratteristiche individuali C. intergruppo: Il comportamento è determinato dalle reciproche appartenenze di gruppo Le normali situazioni sociali ricadono allinterno del continuum più esse si avvicinano al polo Intergruppi maggiore sarà luniformità del comportamento dellingroup verso loutgroup più esse si avvicinano al polo interdindividuale maggiore sarà la variabilità comportamentale verso loutgroup Caratteristiche del comportamento sociale nelle relazioni intergruppo: Confini del gruppo rigidi e immutabili mutamento sociale conseguibile solo allinterno del gruppo coesione intragruppo e ostilità intergruppo formazione di rappresentazioni sociali e stereotipi negativi verso loutgroup favoritismo nei confronti dellingroup e denigrazione delloutgroup

20 Tajfel, Gruppi umani e categorie sociali, ed.or.1981 Identità sociale : parte dellidentità di un individuo si fa di se stesso, che deriva dalla consapevolezza di appartenere ad un gruppo (o a gruppi) sociale, unita al valore e al significato emozionale associati a tale appartenenza Comportamento dellindividuo come membro di un gruppo Comprende tre componenti: Cognitiva = consapevolezza dellappartenenza al gruppo; Valutativa = connotazione positiva o negativa dellappartenenza Emozionale: sentimenti ed emozioni positive o negative verso il proprio gruppo e verso i gruppi che interagiscono con esso Caratteristiche orientata allo sviluppo e al mantenimento di una identità positiva orienta al/nel confronto e al/nella competizione intergruppo orienta al favoritismo verso ingroup e contrapposizione verso outgroup (aumento dellautostima e del prestigio per differenza) Richiede lealtà verso il gruppo interno Proietta sullindividuo il prestigio di cui gode in gruppo E tutelata attraverso sanzioni Norbert Elias Teoria dellidentità sociale

21 Pregiudizio come atteggiamento Componenti Aspetti Cognitiva Affettiva Attiva Processi socio- psicologici nella formazione della componente Modello culturale Ruolo dei valori personali Tendenza alla categorizzazione Emozioni suscitate dalloggetto Sentimenti rispetto alloggetto Influenza del sistema sociale Influenza dei fattori culturali Influenza di fattori socio-psicologici Aspetti osservabili Opinioni Rappresentazioni sociali Stereotipi Natura dello stimolo emotivo Persistenza dello stimolo emotivo Motivazione dello stimolo emotivo valutazioni che orientano il comportamento (pregiudizio-ideologia) comportamento di accettazione/rifiuto (distanza sociale) Valenza accettazione/rifiuto

22 Fattori socio-psicologici influenti sul pregiudizio Attinenti al sistema sociale Attinenti alla culturaAttinenti ad aspettisocio- psicologici 1.Eterogeneità della popolazione 1.Barriere di comunicazione 1.Razionalizzazione ex –post di orientamenti allo sfruttamento 2.Mobilità sociale2.Tipo di contatto2.Meccanismi di frustrazione- aggressività- proiezione- dislocazione (Creazione di capri espiatori) 3.Rapido mutamento sociale e conseguente sviluppo di anomia 3.Competizione e conflitto a carattere religioso 3.Meccanismi di formazione e dinamiche della personalità 4.Numerosità e visibilità del gruppo di minoranza 4.Struttura del modello culturale del gruppo integrato 4. Struttura dellidentità 5. Condizioni di incertezza di status(incongruenza di status; deprivazione relativa) 5.Orientamenti verso il multiculturalismo del gruppo integrato e dei gruppi di minoranza 5. Meccanismi e dinamiche del conformismo 6.Competizione e conflitto a carattere economico 6. Meccanismi e dinamiche dellautoritarismlo

23 Fig.1. Modello teorico della ricerca Stranieri. Percezione dello straniero e pregiudizio etnico (2002) Componente cognitiva pregiudizio Modello culturale Valori personali Categorizzazione Rappresentaz. Sociali Identità Stereotipi Straniero

24 MODELLO TEORICO DELLA RICERCA STRANIERI NELLA METROPOLI (2007) Componente cognitiva-attiva Pregiudizio-ideologia Componente Sistema Caratteristiche Identità Cognitiva relazioni individuali Rappresentazione Visibilità Riferimenti ideologico Valori Sociale Contatto valoriali Comunicazione Condizioni status socio- Orientamento economico-culturale integrazione Identità sociale Stili di vita

25 Tav. 1. Aree problematiche e concetti – Stranieri nella metropoli Aree problematicheConcetti Relazione con gli stranieri immigrati - Visibilità - Contatto - Comunicazione - Percezione degli orientamenti allintegrazione stranieri immigrati B. Componente cognitiva del pregiudizioRappresentazione -Conflittuale sociale dello -Perturbante/contaminante straniero -Invadente/intrusivo -Poco leale -Deviante -Portatore di mutamento C. Componente cognitiva attiva del pregiudizio- Finalità dellincontro interetnico - Strategie dellincontro interetnico D. Identità Individualistico/ Utilitaristici Valori di Riferimento Individualistico/ espressivi Solidaristici E.Caratteristiche sociologiche- Genere - Età - Condizioni di status - Incongruenza di status - De privazione relativa - Identità sociale - Orientamento politico - Orientamento religioso - Partecipazione sociale - Livello di informazione - Stili di vita

26 Strumenti di analisi empirica Procedure tecnico-metodologiche di operativizzazione A. Relazione con gli stranieriModello operativo di Lazarsfeld - Concetto - Dimensioni - Indicatori - Indici B. Componente cognitiva del pregiudizio Tecniche di scaling Scala su modello Likert C. Componente cognitiva-attiva (ideologica) Tecniche di scaling Scala su modello Likert D. IdentitàTecniche di scaling Scala autoancorante C. Caratteristiche sociologicheModello operativo di Lazarsfeld - Concetto - Dimensioni - Indicatori - Indici

27 Procedure di costruzione della scala relativa alla componente cognitiva del pregiudizio Operazionalizzazione della componente cognitiva del pregiudizio Due passaggi procedurali 1.macro dimensioni della componente cognitiva del pregiudizio (T. van Dijk, Communicating racism. Ethnic Prejudice in Thought and Talk 1987) 2.operazionalizzazione della rappresentazione sociale dello straniero (Sociologia dello straniero)

28 Tav.2. Operazionalizzazione della componente cognitiva del pregiudizio Dimensioni concettuali Items Minaccia economica 1. Gli stranieri immigrati sottraggono il lavoro agli italiani. 2. Accettando lavori non regolamentato gli stranieri immigrati, di fatto, contribuiscono alla diffusione del lavoro non regolamentato anche per gli italiani. 3. Gli stranieri Immigrati usufruiscono abusivamente dei nostro sistema dassistenza Minaccia sociale 4. Gli stranierI immigrati rendono più difficile la ricerca di abitazioni In affitto. 5. Gli stranieri immigrati Introducono malattie prima inesistenti. 6. Con la loro presenza gli stranieri immigrati degradano il quartiere 7. Gli stranieri Immigrati hanno troppi figli. 8. Gli stranieri Immigrati diffondono malattie sessuali 9. Gli stranieri immigrati introducono comportamenti sessuali troppo liberi Minaccia culturale 10. GlI stranieri Immigrati diffondono comportamenti In contrasto con le nostre tradizioni 11. Gli stranieri Immigrati sono troppo legati alle proprie tradizioni 12. Gli stranieri immigrati sono spesso troppo critici nel confronti della società Italiana 13. GlI stranieri immigrati introducono nel paese ideologie pericolose 14. Gli stranieri immigrati non rispettano le regole della convivenza civile 15. Gli stranieri immigrati aggravano i problemi dellordine Caratteristiche personali 16. Molto spesso gli stranieri immigrati non sono persone pulite 17. GlI stranieri Immigrati badano solo ai propri interessi. 18. Gli stranIeri immigrati hanno spesso comportamenti invadenti 19. Gli stranieri immigrati non sanno stare al loro posto 20. Gli stranieri Immigrati spesso disturbano con il loro comportamento 21. Generalmente gli stranieri immigrati hanno poca voglia di lavorare. Aspetti attinenti al mutamento sociale 22. Gli stranieri immigrati apportano nuovi stimoli culturali. 23. Gli stranieri immigrati contribuiscono allo sviluppo culturale del paese 24. Gli stranieri Immigrati sono spesso persone originali 25. GlI stranieri immigrati contribuiscono allo sviluppo economico del paese 26. Gli stranieri immigrati introducono nuove mode

29 Tav Tav. 3. Operazionalizzazione della rappresentazione sociale dello straniero Dimensioni della rappresentazionedello straniero Items Conflittuale 1. Gli stranieri immigrati sottraggono lavoro agli italiani 2. Gli stranieri immigrati usufruiscono abusivamente del nostro sistema di assistenza 3. Accettando lavori non regolamentati, gli stranieri immigrati, di fatto, contribuiscono alla diffusione del lavoro non regolamentato anche per gli italiani 4. Gli stranieri immigrati rendono più difficile la ricerca di abitazioni in affitto Perturbante /contaminante 5. Gli stranieri immigrati diffondono comportamenti in contrasto con le nostre tradizioni 6. Gli stranieri Immigrati sono troppo legati alle proprie tradizioni 7. Gli stranieri immigrati diffondono relazioni sessuali promiscue 8. Gli stranieri immigrati introducono nel paese ideologie pericolose 9. Gli stranieri Immigrati introducono malattie prima inesistenti 10. Con la loro presenza, gli stranieri immigrati degradano Il quartiere 11. Molto spesso gli stranieri immigrati non sono persone pulite 12. Gli stranieri Immigrati hanno troppi figli 13. Gli stranieri immigrati diffondono malattie sessuali Invadente 14. Gli stranieri immigrati hanno spesso comportamenti invadenti 15. Gli stranieri immigrati spesso disturbano con Il loro comportamento 16. Gli stranieri immigrati non rispettano le regole della convivenza civile 17. Gli stranieri immigrati non sanno stare al loro posto Poco leale 18. Gli stranieri immigrati sono troppo critici nel confronti della società Italiana 19. Gli stranieri Immigrati badano solo al propri interessi Deviante 20. Gli stranieri immigrati aggravano i problemi di ordine pubblico 21. Generalmente gli stranieri immigrati hanno poca voglia di lavorare Mutamento sociale 22. Gli stranieri immigrati apportano nuovi stimoli culturali 23. Gli stranieri Immigrati contribuiscono allo sviluppo economico del paese 24. Gli stranieri immigrati sono spesso persone originali 25. Gli stranieri immigrati contribuiscono allo sviluppo culturale del paese 26. Gli stranieri immigrati introducono nuove mode

30 Procedure di somministrazione della scala Registrazione del grado di accordo/disaccordo scelta degli intervalli /gradienti 6 intervalli Del tutto prevalentemente parzialmente parzialmente prevalentemente del tutto Daccordo daccordo daccordo in disaccordo in disaccordo in disaccordo ________________________________________________________________________________ Soppressione del punto intermedio neutrale Problemi metodologici del punto intermedio 1. Ambiguità della risposta lungo il continuum accordo/disaccordo 2. Response set 3. Problemi nel trattamento delle variabili quasi-cardinali derivate dagli items Inversione dei punteggi : punteggio deve essere crescente nella direzione della misurazione dellatteggiamento (pregiudizio nella componente cognitiva) Presentazione casuale dellordine degli items

31 PRESENTAZIONE CASUALE DEGLI ITEMS DELLA SCALA LIKERT RELATIVA ALLA COMPONENTE COGNITIVA DEL PREGIUDIZIO (Stranieri nella metropoli, 2007) a. Gli stranieri immigrati apportano nuovi stimoli culturali b. Gli stranieri immigrati hanno spesso comportamenti invadenti c. Gli stranieri immigrati diffondono comportamenti in contrasto con le nostre tradizioni d. Gli stranieri immigrati sottraggono lavoro agli italiani e. Gli stranieri immigrati rendono più difficile la ricerca di abitazioni in affitto f. Gli stranieri immigrati generalmente non rispettano le regole della convivenza civile g. Gli stranieri immigrati spesso disturbano con il loro comportamento h. Gli stranieri immigrati contribuiscono allo sviluppo culturale del paese i. Gli stranieri immigrati diffondono malattie sessuali j. Accettando lavori non regolamentati, gli stranieri immigrati, di fatto, contribuiscono alla diffusione del lavoro non regolamentato anche per gli italiani k. Gli stranieri immigrati introducono malattie prima inesistenti l. Gli stranieri immigrati sono troppo legati alle proprie tradizioni m. Gli stranieri immigrati badano solo ai propri interessi n. Gli stranieri immigrati sono spesso persone originali o. Molto spesso gli stranieri immigrati non sono persone pulite p. Gli stranieri immigrati introducono nel paese ideologie pericolose q. Gli stranieri immigrati usufruiscono abusivamente del nostro sistema di assistenza r. Gli stranieri immigrati aggravano i problemi di ordine pubblico s. Gli stranieri immigrati non sanno stare al loro posto t. Gli stranieri immigrati diffondono relazioni sessuali promiscue u. Gli stranieri immigrati contribuiscono allo sviluppo economico del paese v. Con la loro presenza, gli stranieri immigrati degradano il quartiere w. Gli stranieri immigrati hanno troppi figli x. Gli stranieri immigrati introducono nuove mode y. Generalmente gli stranieri immigrati hanno poca voglia di lavorare z. Gli stranieri immigrati spesso sono troppo critici nei confronti della società italiana

32 ESEMPIO DI INVERSIONE DEI PUNTEGGI ACCORDO DISACCORDO Del tutto Prevalent. Parzialm. Parzial. Prevalent. Del tutto daccordo daccordo daccordo In disacc. in disacc. In disacc. _____________________________________________________________________________________________________________ a. Apportano nuovi stimoli culturali b. Hanno spesso comporta menti invadenti c. Diffondono comporta- menti in contrasto con le nostre tradizioni d. Sottraggono il lavoro agli italiani e. Rendono più difficile la ricerca di abitazioni in affitto f. Generalmente non rispettano le regole della convivenza civile g. Disturbano con il loro comportamento h. Contribuiscono allo sviluppo culturale

33 MODELLO DI ANALISI DEI DATI Procedure di controllo della coerenza della scala Statistiche descrittive: andamento degli items (per ogni items si calcola la M e scarto quadratico medio σ ) Costruzione di un indice di sintesi (indice cumulativo) Misura del pregiudizio (Scala di pregiudizio) Analisi della varianza Analisi in componenti principali (ACP) Cluster Analysis Proiezione dei clusters sugli assi fattoriali

34 Tab 1.PROCEDURE DI CONTROLLO DELLA COERENZA DELLA SCALA (Stranieri nella metropoli, 2007) ItemsCorrelazione "corretta" α di Cronbach elemento scala se l'elemento viene rimosso Apportano stimoli culturali 0,631 0,938 Comportamenti invadenti 0,585 0,938 Comportamenti in contrasto con le tradizioni 0,652 0,938 Sottrazione lavoro 0,625 0,938 Difficoltà ricerca abitazioni in affitto 0,574 0,939 Mancato rispetto delle regole 0,784 0,936 Comportamenti di disturbo 0,738 0,937 Contributo allo sviluppo culturale 0,573 0,939 Diffusione malattie sessuali 0,683 0,937 Diffusione lavoro irregolare 0,530 0,939 Introduzione nuove malattie 0,549 0,939 Troppo legati alle tradizioni 0,565 0,939 Interessi personali 0,653 0,938 Originalità -0,057 0,946 Mancanza di igiene 0,680 0,937 Introduzione ideologie pericolose 0,736 0,937 Fruizione abusiva sistema di assistenza 0,722 0,937 Problemi di ordine pubblico 0,700 0,937 Non sanno stare al loro posto 0,779 0,936 Diffondono relazioni sessuali promiscue 0,666 0,937 Contributo sviluppo economico 0,486 0,940 Degrado del quartiere 0,700 0,937 Hanno troppi figli 0,590 0,938 Introduzione nuove mode 0,217 0,943 Scarsa voglia di lavorare 0,643 0,938 Sono troppo critici 0,564 0, α di Cronbach su tutti gli items della scala 0,941

35 Tab. 2. Statistiche descrittive (Stranieri nella metropoli, 2007) Dimensioni Item rappresentazione straniero M σ DGeneralmente gli stranieri immigrati hanno poca voglia di lavorare2,461,40 P/CGli stranieri immigrati diffondono relazioni sessuali promiscue2,491,49 IGli stranieri immigrati non sanno stare al loro posto2,671,44 P/CGli stranieri immigrati hanno troppi figli2,711,60 P/CGli stranieri immigrati introducono ideologie pericolose2,711,52 P/CGli stranieri immigrati diffondono malattie sessuali2,721,51 CGli stranieri immigrati usufruiscono abusivamente del nostro sistema di assistenza2,791,64 CGli stranieri immigrati sottraggono lavoro agli italiani2,841,53 P/CGli stranieri immigrati introducono malattie prima inesistenti2,861,60 P/CCon la loro presenza, gli stranieri immigrati degradano il quartiere2,871,48 CGli stranieri immigrati rendono più difficile la ricerca di abitazioni in affitto2,891,63 MGli stranieri immigrati apportano nuovi stimoli culturali2,931, IGli stranieri immigrati generalmente non rispettano le regole di convivenza civile3,061,45 MGli stranieri immigrati contribuiscono allo sviluppo economico del paese3,131,47 MGli stranieri immigrati contribuiscono allo sviluppo culturale del paese3,141,39 IGli stranieri immigrati spesso disturbano con il loro comportamento3,151,42 P/CGli stranieri immigrati diffondono comportamenti in contrasto con le nostre tradizioni3,251, CAccettando lavori non regolamentati, gli stranieri immigrati, di fatto, contribuiscono alla diffusione del lavoro non regolamentato anche per gli italiani3,461,74 DGli stranieri immigrati aggravano i problemi di ordine pubblico3,461,49 IGli stranieri immigrati hanno spesso comportamenti invadenti3,461,35 P LGli stranieri immigrati spesso sono troppo critici nei confronti della società italiana3,471,47 P/CMolto spesso gli stranieri immigrati non sono persone pulite3,481,49 MGli stranieri immigrati sono spesso persone originali3,611,39 PLGli stranieri immigrati badano solo ai propri interessi3,631,55 MGli stranieri immigrati introducono nuove mode3,821,53 P/CGli stranieri immigrati sono troppo legati alle proprie tradizioni3,981,48 Media totale items 3,119

36 COSTRUZIONE DI INDICE SINTETICO (SCALA DI PREGIUDIZIO) Campo di variazione dei punteggi per ogni items Da 1(minimo pregiudizio) a 6 (massimo pregiudizio) Minimo pregiudizio: tutti punteggi 1 registrati sui 26 items della scala per un punteggio totale = 26 Massimo pregiudizio: Tutti punteggi 6 registrati sui 26 items della scala per un punteggio totale di 26. Campo di variazione della somma dei punteggi: Si effettua una partizione in 5 intervalli corrispondenti a 5 livelli di espressione del pregiudizio Basso = da 26 a 52 Medio-basso = da 53 a 78 Medio = da 79 a 104 Medio-alto = da 105 a 130 Alto = da 131 a 156 Dopo aver sommato i punteggi di ogni intervistato su tutti gli items si distribuiscono i casi lungo il punteggio di scala.

37 Bibliografia essenziale T. W. Adorno, E. Fränkel-Brunswich, D. J. Levinson, R. Nevitt Sanford, 1950, The Authoritarian Personality, New York, Harper; tr.it., 1973, La personalità autoritaria, Milano, Ed. di Comunità. M.S. Agnoli (a c. di), 2004, Lo straniero in immagine. Rappresentazione degli immigrati e pregiudizio etnico tra gli studenti del Lazio, Milano, Angeli. G. W. Allport, 1954, The Nature of Prejudice, Cambridge, Addison Wesley Publishing Company; tr.it.,1973, La natura del pregiudizio, Firenze, La Nuova Italia. L. Arcuri, M. R. Cadinu, 1998, Gli stereotipi, Bologna, Il Mulino. Z. Bauman, 1999a, La società dellincertezza, Bologna, Il Mulino. Z. Bauman, 2001a, The individualized Society, Cambridge, Polity Press; tr. it., 2002, La società individualizzata, Bologna, Il Mulino. U. Beck 1986, Risikogesellschaft: auf dem Weg in eine andere Moderne, Suhrkamp, Frankfurt a. M.; tr. it., 2000, La società del rischio: verso una seconda modernità, Roma, Carocci. U. Beck, 1994, Riskante Freiheiten: individualisierung in modern Gesellschaften, Frankfurt a M.; tr. it., 2000, I rischi della libertà. Lindividuo nellepoca della globalizzazione, Bologna, Il Mulino. R. Benedict, 1934, Patterns of culture, Boston, New York, Houghton Mifflin Company; tr. it., 1960, Modelli di cultura, Milano, Feltrinelli. P.L. Berger, B. Berger, H. Kellner, 1973, The Homeless mind; the modernization and consciousness, New York, Vintage Books.

38 B. Bettelheim, M. Janovitz, 1950, Dynamics of Prejudice, New York, Harper. R. Brown, 1995, Prejudice. Its Social Psychology, Oxford, Blackwell; tr. it., 1997, Psicologia sociale del pregiudizio, Bologna, Il Mulino. R. Caccamo, 1998, Sociologi in azione. Storia, teoria e ricerca a Chicago ( ), Roma, Eucos. E. Campelli, 2004, Figli di un dio locale. Giovani e differenze culturali in Italia, Milano, Angeli. E. Campelli, R.Cipollini, 1984, Contro il seme dAbramo. Indagine sullantisemitismo a Roma, Milano, Angeli. F. Cassano, 1989, Approssimazioni. Esercizi di esperienza dellAltro, Bologna, Il Mulino. R. Cipollini (a c. di), 2002a, Stranieri, percezione dello straniero e pregiudizio etnico, Milano, Angeli. R. Cipollini, 2002b, Lineamenti per una sociologia dello straniero, in R. Cipollini (a c. di), 2002, pp R. Cipollini, 2004, La componente cognitiva del pregiudizio etnico: cognizioni, credenze e conoscenze sugli stranieri immigrati. Il contesto metropolitano, in M. S. Agnoli (a c. di),2004, pp R. Cipollini, 2004, Nota Metodologica integrativa, in M. S. Agnoli (a c. di), 2004, pp E. Colombo, 1999, Rappresentazioni dellAltro. Lo straniero nella riflessione sociale occidentale, Milano, Guerini. V. Cotesta, 2002, Lo straniero. Pluralismo culturale e immagini dellAltro nella società globale, Roma-Bari, Laterza. A. Dal Lago, 1999, Non-persone. Lesclusione dei migranti in una società globale, Milano, Feltrinelli. M. Delle Donne (a c. di), 1998, Relazioni etniche. Stereotipi e pregiudizi. Fenomeno immigratorio ed esclusione sociale, EdUP, Roma J. Dollard, 1937, Caste and Class in a Southern Town, New York, Doubleday. E. Durkheim, 1895, Le Règles de la Méthode Sociologique, Paris, F. Alcan; tr. it., 1963 e 1996, Le regole del metodo sociologico, Sociologia e Filosofia, Milano, Ed. di Comunità. E. Durkheim, 1898, Répresentations individuelles et répresentations collectives, Paris, Presses universitaires de France; tr. it. in, Durkheim, 1963 e 1966.

39 N. Elias, , Über den Prozess der Zivilisation. I. Wandlungen des Verhaltens in den Weltlichen Oberschichten des Abendlandes; II. Wandlungen der Gesellschaft. Entwurf zu einer Theorie der Zivilisation, Frankfurt, Suhrkamp; tr. it., 1988, Il processo di civilizzazione, Bologna, Il Mulino. N. Elias, 1977, A Theoretical Essay on Established and Outsiders Relations, in N. Elias, J.L. Scotson, 1994, pp. XV-LII. N. Elias, 1987, Die Gesellschaft der Individuen, Frankfurt, Suhrkamp; tr. it., 1990, La società degli individui, Bologna, Il Mulino. N. Elias, 1998, The Norbert Elias Reader, Oxford, Blackwell; tr. it., 2001, Tappe di una ricerca, Bologna, Il Mulino. N. Elias, J. L.Scotson, 1965, The Established and the Outsiders: A Sociological Enquiry into Community Problems, London, F. Cass; 1994, London, Thousand Oaks- New Delhi, Sage; tr.it., 2004, Strategie dellesclusione, Bologna, Il Mulino. F. Fanon, 1961, Les damnés de la terre, Paris, Maspéro; tr. it., 1962, I dannati della terra, Torino, Einaudi. R. M. Farr, S. Moscovici (eds.), 1984, Social Representations, Cambridge, Cambridge University Press; tr. it., 1989, Rappresentazioni sociali, Bologna, Il Mulino. C. Geertz, 1973, The interpretation of cultures; selected essays, New York, Basic Books; tr. it., 1998, Interpretazione di culture, Bologna, Il Mulino. E. Goffman, 1959, The Presentation of Self in Everyday Life, New York, Doubleday; tr. it., 1969, La vita quotidiana come rappresentazione, Bologna, Il Mulino. E. Goffman,1963, Stigma: Notes on the Management of Spolied Identity, Englewood Cliffs, Prentice-Hall; tr. it., 1983, Stigma. Lidentità negata, Milano, Giuffrè. R. Inglehart, 1977, The Silent Revolution: Changing Values and Political Styles, Princeton, Princeton University Press; tr. it., 1983, La rivoluzione silenziosa, Milano, Rizzoli. R. Inglehart, 1996, Modernization and postmodernization. Cultural, Economic and Political change in 43 societies; tr. it., 1998, La società postmoderna. Mutamento, valori e ideologie in 43 paesi, Roma, Editori Riuniti.

40 D. Jodelet, 1989, Les Représentations sociales, Presses Universitaires de France ; tr. it., 1992, Le rappresentazioni sociali, Napoli, Liguori. J. Kristeva, 1988, Etrangers à nous-mêmes, Paris, Fayard; tr. it., 1990, Stranieri a se stessi, Milano, Feltrinelli. V. Lanternari, 1983, Lincivilimento dei barbari. Problemi di etnocentrismo e d identità, Bari, Dedalo. C. Lévy-Strauss, 1952, Race et Histoire, Paris, Unesco ; tr. it., 1967, Razza, storia e altri studi di antropologia, Torino, Einaudi. C. Lévy-Strauss, 1955, Tristes Tropiques, Paris, Plon; tr. it., 2004, Tristi tropici. Lavventura dell antropologo, Milano, Il Saggiatore. W. Lippmann, 1922, Public Opinion, New York, McMillan; tr. it., 1995, Lopinione pubblica, Roma, Donzelli. L. Lofland, 1973, A World of Strangers. Order and Action in Urban Public Space, New York, Basic Books. B. Mazzara, 1996a, Appartenenza e pregiudizio. Psicologia sociale delle relazioni etniche, Roma, Carocci. U. Melotti (a c. di), 2000a, Eticità, nazionalità e cittadinanza, Roma, Seam. A. Melucci, 2000, Identità, in A. Melucci, Parole chiave, Roma, Carocci, pp R. K. Merton, , Theory and Social Structure, New York, Free Press; tr. it., 1959 e 2000, Teoria e struttura sociale, Il Mulino, Bologna. R. K. Merton, 1972, Insiders and Outsiders: A Chapter on the Sociology of Science, in America Journal of Sociology, n.78, pp. 9-47; tr. it. 1986, in S. Tabboni (a c. di) 1986, pp R. Michels, 1925, Materialien zu einer Soziologie des Fremden, in, Jahrbuch für Soziologie, Erster Band, Karlsruhe, pp S. Moscovici, 1984, Il fenomeno delle rappresentazioni sociali, in R. M. Farr, S. Moscovici (a c. di), tr. it. 1989, pp G. Myrdal, 1944, An American Dilemma, New York, Harper & Row. A. Pagani (a c. di), 1963, Antologia di scienze sociali, Bologna, Il Mulino. R. E. Park, 1928, Human Migration and the Marginal Man, American Journal of Sociology, 6, Vol. XXXIII, pp ; tr. It. 1986, Migrazione umana e luomo marginale, in S. Tabboni (a c. di), 1986, pp

41 T. Parsons, 1937, The Structure of Social Action, New York, McGraw-Hill; tr. it., 1970, La struttura dell azione sociale, Bologna, Il Mulino. R. Rauty (a c. di), 1995, Società e metropoli. La scuola sociologica di Chicago, Roma, Donzelli. D. Riesman, 1950, The Lonely Crowd, A Study on the Changing American Character, New Haven, Yale University Press; tr. it., 1956, La folla solitaria, Bologna, Il Mulino. W. G. Runciman, 1966, Relative deprivation and social justice: a study of attitudes to social inequality in twentieth-century England, London, Routledge & Kegan Paul; tr. it., 1972, Ineguaglianza e coscienza sociale, Torino, Einaudi. A. Schutz, 1944, The Stranger: An Essay in Social Psychology, in American Journal of Sociology, 49, pp ; tr. it., 1979, Lo straniero. Saggio di psicologia sociale, in A. Izzo (a c.di), L. Sciolla (a c. di), 1983, Identità, Percorsi di analisi in sociologia, Torino, Rosenberg & Sellier. M. Sherif, 1966, Group conflict and Co-operation. Their Social Psychology, London, Routlendge & Kegan Paul. G. Simmel, 1903, Die Grosstädte und das Geistesleben, in Jahrbuch der Gehestiftung, IX; tr. it., 1991, Le metropoli e la vita spirituale, in T. Madonado (a c. di), pp G. Simmel, 1908, Exkurs über den Fremden, in Soziologie, Berlin, De Gruyter; tr. it., 1989, Excursus sullo straniero, in Simmel, Sociologia, Ed. di Comunità. W. Sombart, 1916, Gli stranieri, in Der Moderne Kapitalismus, Berlin, Duncker & Humblot; tr. it., Il capitalismo moderno ( a c. di A. Cavalli), 1967, Torino, Utet. E. Stonequist, 1937, The Marginal Man, New York, Scribners. G. A. Sumner, 1906, Folkways, New York, Gin; tr. it., 1962, Costumi di gruppo, Torino, Utet. S. Tabboni (a c. di), 1986, Vicinanza e lontananza. Modelli e figure dello straniero come categoria sociologica, Milano, Angeli. S. Tabboni, 1993, Norbert Elias. Un ritratto intellettuale, Bologna, Il Mulino. P. A. Taguieff, 1987, La force du préjugé, Paris, Ed. La Découverte: tr. it., 1994, La forza del pregiudizio, Bologna, Il Mulino. H. Tajfel, 1981, Human Groups and Social Categories. Studies in Social Psychology, Cambridge, Cambridge University Press, 1981, tr. it.,1995, Gruppi umani e categorie sociali, Bologna, Il Mulino. H. Tajfel (ed.), 1982, Social Identity and Integroup Relations, Cambridge, Cambridge University Press.

42 T. Todorov, 1989, Nous et les autres: la réflexion française sur la diversité humaine, Paris, Editions du Seuil ; tr. it., 1991, Noi e gli altri. La riflessione francese sulla diversità umana, Torino, Einaudi. F. Tönnies, 1887, Gemeinschaft und Gesellschaft, Lipzig, Reislad; tr. it., 1963, Comunità e Società, Milano, Ed. di Comunità. A. Touraine, 1997, Pourrons Nous vivre ensemble? Égaux et différents, Paris, Fayard ; tr. it., 1998, Libertà, uguaglianza, diversità. Si può vivere insieme?, Milano, Il Saggiatore. T. van Dijk, 1987, Communicating Racism. Ethnic Prejudice in Thought and Talk, London, Sage. R. A Wallace, A. Wolf, 1980, Contemporary Sociological Theory, Englewood Cliffs, Prentice-Hall; tr. it., 1985, La teoria sociologica contemporanea, Bologna, Il Mulino. M.Weber, Politik als Beruf, Wissenschaft als Beruf, Berlin, 1920, Duncker & Homblot; tr. it., 1980, Il lavoro intellettuale come professione, Torino, Einaudi. M. Wieviorka, 1991, Lespace du racisme, Paris, Ed. du Seuil; tr. it., 1993, Lo spazio del razzismo, Milano, Il Saggiatore. M. Wieviorka, 2001, La differénce, Paris, Balland; tr. it., 2002, La differenza culturale. Una prospettiva sociologica, Bari-Roma, Laterza. L. Wirth, 1928, The Ghetto, Chicago, Chicago University Press; tr. it., 1968, Il Ghetto, Milano, Ed. di Comunità. L. Wirth, 1938, Urbanism ad a Way of Life, in American Journal of Sociology, XLIV, July; tr. it., Lurbanesimo come modo di vita, in A. Pagani ( a c. di), 1963, pp M. M. Wood, 1934, The Stranger. A Study in Social Relationships, New York, Columbia University Press. F. Znaniecki, 1931, Studja nad Antagonizmen do Obcych, Przeglad Sociologiczny, Vol. 1, n. 2-4, pp , citato nella traduzione di Ewa Nadzeja Sinatra.


Scaricare ppt "RAPPRESENTAZIONE SOCIALE DELLO STRANIERO E PREGIUDIZIO ETNICO TEORIA SOCIOLOGICA E STRUMENTI DI RICERCA di ROBERTA CIPOLLINI."

Presentazioni simili


Annunci Google