La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NUOVO REGIME IVA per CASSA: art. 32-bis, Decreto Legge 83 del 22/06/2012 (c.d. Decreto Sviluppo) conv. in legge 134 del 07/08/2012 + Decreto del Ministero.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NUOVO REGIME IVA per CASSA: art. 32-bis, Decreto Legge 83 del 22/06/2012 (c.d. Decreto Sviluppo) conv. in legge 134 del 07/08/2012 + Decreto del Ministero."— Transcript della presentazione:

1 NUOVO REGIME IVA per CASSA: art. 32-bis, Decreto Legge 83 del 22/06/2012 (c.d. Decreto Sviluppo) conv. in legge 134 del 07/08/ Decreto del Ministero dellEconomia e delle Finanze dell11 ottobre Circolare n. 27 Assonime del 10 ottobre 2012 CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/ Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati

2 contenuti In aderenza alla Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010; Il cedente di beni (o prestatore di servizi) NON deve anticipare il versamento dellIVA nellipotesi di mancato pagamento del corrispettivo da parte del cessionario / committente (che deve essere necessariamente un soggetto passivo di imposta); LIVA diviene esigibile allatto del pagamento dei relativi corrispettivi o comunque decorso un anno dalleffettuazione delloperazione. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 2

3 ambito soggettivo e oggettivo di applicazione della normativa Cessioni di beni e prestazioni di servizi: 1)effettuate da soggetti passivi IVA; 2)nei confronti di cessionari o committenti soggetti passivi IVA; 3)non superiori a 2 milioni di euro annui (volume daffari complessivo dellesercizio precedente); 4)e previo esercizio di apposita opzione. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 3

4 decorrenza delle novità normative -Solo per il 2012 => operazioni effettuate a decorrere dall1 dicembre 2012; -In generale, lopzione ha effetto dall1 gennaio dellanno in cui è esercitata, ovvero dalla data di inizio dellattività (se si tratta di primo esercizio); -MANCA AD OGGI ( ) il provvedimento del Direttore dellAgenzia delle Entrate che individui le modalità per lesercizio dellopzione sopraccitata. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 4

5 limpatto sullIVA in detrazione Per chi esercita lopzione, il diritto alla detrazione dellIVA sugli acquisti di beni o servizi sorge al momento del pagamento dei corrispettivi, o comunque decorso un anno dal momento in cui limposta diviene esigibile; Per chi riceve la fattura (committente o cessionario), che non abbia a sua volta esercitato lopzione in argomento, il diritto alla detrazione dellIVA sorge al momento di effettuazione delloperazione, indipendentemente dal pagamento. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 5

6 operazioni attive escluse -Regimi speciali ai fini IVA (senza separazione contabile ex art. 36 DPR 633/72); -Operazioni effettuate verso committente o cessionario NON soggetto passivo di imposta ai fini IVA; -Operazioni effettuate nei confronti di soggetti che assolvono lIVA mediante il meccanismo c.d. del reverse charge; -Operazioni ex art. 6, comma 5, DPR 633/72 (fatture verso EEPP). CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 6

7 operazioni passive escluse (dal differimento del diritto alla detrazione) -Acquisti di beni o servizi soggetti ad IVA secondo il metodo c.d. del reverse charge; -Acquisti intracomunitari di beni; -Importazioni di beni; -Estrazioni di beni dai depositi IVA. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 7

8 alcune annotazioni operative Le fatture emesse in aderenza al regime citato debbono, a pena di sanzione per violazione formale, recare lannotazione IVA per CASSA ex art. 32-bis, DL 83 del 22 giugno 2012 Le operazioni in argomento hanno rilevanza, per quantificare il volume daffari e per determinare un eventuale pro-rata di detraibilità, nellanno in cui le operazioni sono effettuate indipendentemente dal pagamento. CNEC – Convegno Nazionale – Roma 26/10/2012 Dott.ssa Laura Torella / Studio Corbella Dottori Commercialisti Associati 8


Scaricare ppt "NUOVO REGIME IVA per CASSA: art. 32-bis, Decreto Legge 83 del 22/06/2012 (c.d. Decreto Sviluppo) conv. in legge 134 del 07/08/2012 + Decreto del Ministero."

Presentazioni simili


Annunci Google