La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Proviamo a semplificare unimposta complicata… Maggio 2012 – Servizio Tributi e Tariffe Comunità della Vallagarina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Proviamo a semplificare unimposta complicata… Maggio 2012 – Servizio Tributi e Tariffe Comunità della Vallagarina."— Transcript della presentazione:

1 Proviamo a semplificare unimposta complicata… Maggio 2012 – Servizio Tributi e Tariffe Comunità della Vallagarina

2 COSÈ LIMUP LImposta Municipale Propria (I.MU.P.) è in vigore dall (art. 13 del D.L. n. 201/2011). Si paga per il possesso di fabbricati ed aree edificabili, come già avveniva per lI.C.I. La nuova imposta sostituisce lI.C.I. e lI.R.Pe.F. sui terreni agricoli e sui fabbricati non locati.

3 CHI DEVE PAGARE Come accadeva per lI.C.I., deve pagare l'I.MU.P. il possessore, ossia il proprietario o il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, superficie, enfiteusi e leasing sui beni immobili e cioè: a) I fabbricati (abitazioni, garage, posti macchina, cantine, soffitte, depositi, negozi, uffici); b) le aree edificabili. Come per lI.C.I., se limmobile è posseduto da più persone, ciascuno è tenuto al versamento della propria quota.

4 SONO ESENTI: i terreni non edificabili; i terreni edificabili posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori agricoli iscritti alla previdenza agricola I.N.P.S.; i fabbricati strumentali allattività agricola se accatastati in categoria D/10. ATTENZIONE: La Provincia di Trento ha la possibilità, con propria legge, di considerare questi fabbricati soggetti allImposta. Non è prevista nessuna esenzione per le abitazioni e relative pertinenze degli agricoltori; le O.N.L.U.S. di cui al D.L.vo n. 460/1997 (esenzione decisa nel Regolamento comunale); labitazione di proprietà (parziale o completa) del coniuge che, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, non ne risulti assegnatario.

5 IL REGOLAMENTO I 9 Comuni che fanno capo al Servizio Tributi e Tariffe della Comunità (BESENELLO, CALLIANO, NOGAREDO, NOMI, POMAROLO, RONZO CHIENIS, TERRAGNOLO, TRAMBILENO E VOLANO) hanno adottato un unico regolamento I.MU.P. Con esso hanno stabilito (oltre ai casi evidenziati singolarmente): che il Comune può determinare i valori standard delle aree fabbricabili nelle diverse zone del territorio comunale ai fini delle verifiche; che non vi è alcun obbligo di presentare dichiarazione I.MU.P.

6 I SINGOLI CASI: labitazione principale Per abitazione principale si intende lUNICA unità immobiliare catastale di tipo abitativo (inclusa nelle categorie catastali A/1, A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7, A/8, A/9, A/11) allinterno della quale il contribuente ha la propria residenza anagrafica e dimora abitualmente. Laliquota e la detrazione (vedi Tabella) si applicano anche: alle pertinenze dellabitazione principale e cioè garage, box, cantine, depositi, magazzini, tettoie (C/6,C/2 e C/7) nel limite massimo di una unità per ciascuna delle categorie catastali indicate nella parentesi; alla casa coniugale del soggetto passivo che, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, ne risulti assegnatario (deve versare lI.MU.P. anche se non è proprietario dellabitazione); allabitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata; La sola detrazione si applica alle unità immobiliari (abitazioni) assegnate ai soci a proprietà indivisa ma ancora intestate alla Cooperativa. ATTENZIONE: per tutti i casi compresi in questa tipologia (abitazione principale) lI.MU.P. va versata solo al Comune, senza alcuna quota in favore dello Stato.

7 I SINGOLI CASI: gli altri immobili Le altre abitazioni. Tutte le unità immobiliari ad uso abitativo che non hanno i requisiti di abitazione principale pagano lI.MU.P. come altri fabbricati, e cioè con laliquota ordinaria (vedi Tabella). ATTENZIONE: Non è più considerata abitazione principale (e deve quindi pagare come altra abitazione) labitazione data in uso gratuito ai parenti, né labitazione posseduta da cittadini italiani residenti allestero. I fabbricati di tipo produttivo. I fabbricati non abitativi pagano lI.MU.P. con le stesse modalità già in vigore per lI.C.I., e quindi usando la rendita catastale rivalutata con i coefficienti specifici o, se il fabbricato è privo di rendita, usando i valori contabili dellazienda (rivalutati con i coefficienti approvati dal Ministero dellEconomia e delle Finanze). Le aree edificabili. Come per lI.C.I., un terreno è edificabile se il Piano Regolatore comunale lo qualifica come idoneo (anche solo potenzialmente) alla realizzazione di un fabbricato (anche da parte di un Ente pubblico previo esproprio). Come per lI.C.I., il Comune può determinare valori delle aree edificabili per lattività di controllo (le tabelle sono pubblicate sul sito internet indicato di seguito).

8 COME SI CALCOLA L'imposta si calcola applicando al valore dell'immobile l'aliquota decisa dal Comune (vedi Tabella). Il valore delle aree fabbricabili è quello venale in comune commercio. Il valore dei fabbricati è dato dalla rendita catastale, prima rivalutata del 5% e poi moltiplicata per: 160 per le abitazioni e relative pertinenze (C/6, C/2,C/7) 55 per i negozi (C/1) 80 per gli uffici (A/10) 60 per gli immobili speciali (D) 140 per i laboratori artigianali (C/3) 80 per i fabbricati della categoria (D/5)

9 LE ALIQUOTE E LE DETRAZIONI Le aliquote e le detrazioni decise da ogni Comune sono riportate nella Tabella. Le detrazioni per abitazione principale e per i figli vanno calcolate per i mesi nel corso dei quali il contribuente ha diritto di usufruirne (il mese deve essere considerato per intero se il diritto di detrazione supera il periodo di giorni 15). E prevista la detrazione del 50% per i fabbricati: dichiarati inagibili ed inabitabili (come per lI.C.I.); per i quali vi è la dichiarazione di bene di interesse storico, artistico e culturale.

10 COME E QUANDO SI PAGA Limposta è ad autoliquidazione, e quindi chi deve pagare è tenuto ad effettuare il calcolo e a versare. Il pagamento deve essere effettuato solo usando il modello F24 (Banche o Posta - il codice dei singoli Comuni ed i codici tributo sono riportati nella Tabella). Limposta non è dovuta quando l'importo annuo complessivo è inferiore a 12 Euro. Entro il 18 giugno 2012 deve essere pagata la prima rata pari al 50% dellimposta, entro il 17 dicembre 2012 deve essere pagata la rata a saldo. Il pagamento può essere effettuato anche in ununica soluzione entro il 18 giugno Per la sola abitazione principale, è possibile (a scelta del contribuente) pagare anche in tre rate (18 giugno, 17 settembre, 17 dicembre: 1/3, 1/3, saldo). ATTENZIONE: per gli immobili diversi dallabitazione principale, limporto corrispondente allaliquota dello 0,38% va versato allo Stato e non al Comune usando sempre lo stesso modello F24 ed i codici specifici dello Stato (vedi Tabella).

11 COME E DOVE INFORMARSI: CALCOLO AUTOMATICO ON LINE Il Servizio Tributi e Tariffe della Comunità della Vallagarina è a disposizione per ogni informazione: Telefono: 0464/ / / Sito internet: al link -> tributi e tariffe. Sul sito è presente un programma che consente il calcolo automatico dellI.MU.P. dovuta inserendo i dati degli immobili e la situazione personale del contribuente. Il calcolatore indica la quota da versare al Comune e quella da versare allo Stato, sia del singolo immobile che totale, con calcolo annuale, e la stampa del mod. F24.

12 ESEMPIO DI CALCOLO: LABITAZIONE PRINCIPALE Casa di categoria catastale A/2 con rendita catastale di 570,68 e relativa pertinenza C/6 (garage) con rendita catastale di 59,50. La famiglia comprende 2 figli di età inferiore a 26 anni. Totale rendite catastali: 570, ,50 = 630,18 Rendita catastale rivalutata del 5%: ( 630,18 + 5% di 630,18) = 661,69 Applicazione del coefficiente moltiplicatore 160: X 160 = ,4 I.MU.P lorda: 0,4% di ,4 = 423,48 Detrazione ABITAZIONE PRINCIPALE: 423, ,00 = 223,48 Detrazione figli: 223,48 – 100 ( 50,00 x 2 figli) = 123,48 I.MU.P. netta Versamento prima rata 62 entro 18 giugno Versamento seconda rata 62 entro 17 dicembre con mod. F24 oppure versamento unica rata 123 entro 18 giugno, oppure in tre rate (18 giugno, 17 settembre, 17 dicembre).

13 ESEMPIO DI CALCOLO: ALTRO FABBRICATO ABITATIVO Categoria catastale A/2 con rendita catastale di 494,23 Rendita catastale rivalutata del 5%: ( 494,23 + 5% di 494,23) = 518,94 Applicazione del coefficiente moltiplicatore 160: 518,94 X 160= ,40 Il comune applica laliquota dello 0,76 per cento. I.MU.P. complessiva: 631,04. Una quota di questo importo va versata direttamente allo Stato, e pertanto si scompone il calcolo dellI.MU.P. in A) Quota statale: 0,38% di ,40 = 315,52 B) Quota comunale: 0,38% di ,40 = 315,52 Versamento 631 con mod. F24 (entro le date sopra indicate)


Scaricare ppt "Proviamo a semplificare unimposta complicata… Maggio 2012 – Servizio Tributi e Tariffe Comunità della Vallagarina."

Presentazioni simili


Annunci Google