La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIANO DI AZIONE del DIRIGENTE SCOLASTICO a.s. 2012/2013 Paolo A. SANTELLA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore F. D Ovidio Larino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIANO DI AZIONE del DIRIGENTE SCOLASTICO a.s. 2012/2013 Paolo A. SANTELLA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore F. D Ovidio Larino."— Transcript della presentazione:

1 PIANO DI AZIONE del DIRIGENTE SCOLASTICO a.s. 2012/2013 Paolo A. SANTELLA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore F. D Ovidio Larino

2 PRINCIPI UNIVERSALI RISPETTO DELLA DIGNITA DELLA PERSONA RISPETTO DELLE LEGGI E DEI REGOLAMENTI VIGENTI

3 AZIONI INDEROGABILI Integrazione alunni disabili e in disagio Attuazione dei piani di azione previsti dalle norme per i D.S.A. Accoglienza e integrazione alunni stranieri Ampliamento dell Offerta Formativa Condivisione della Visione e della Missione dell Istituto

4 AZIONI INDEROGABILI Trasformazione della didattica in conformità con le indicazioni dettate dalle norme Europee e dal MIUR. Potenziamento delle Tecnologie dellInformazione e della Comunicazione Progettualità peculiare agli indirizzi di studio ed Europea. Formazione continua del Personale.

5 FUNZIONE del D.S. Gestione unitaria dellistituzione Rappresentanza legale Responsabilità finanziaria, strumentale e dei risultati del servizio del personale Rispetto delle competenze degli OO.CC. Potere autonomo di direzione, coordinamento e valorizzazione delle risorse umane Organizzazione delle attività secondo i criteri di economicità, efficienza ed efficacia formativa Titolarità delle relazioni sindacali Adozione di provvedimenti relativi alla gestione e alle attività del personale e delle risorse interne ed esterne.

6 VISIONE - SISTEMA SCOLASTICO DI QUALITA - CLASSE DOCENTE DA VALORIZZARE - CURRICOLO ATTENTO ALLE ESIGENZE PSICO- PEDAGOGICHE DELLALUNNO - RAGGIUNGIMENTO DEGLI STANDARD DI APPRENDIMENTO, STABILITI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI ED EUROPEE, EQUILIBRATO E CALIBRATO SUL CONTESTO SOCIO-CULTURALE DI RIFERIMENTO

7 MISSIONE - Innalzamento della qualità e dei processi didattici - Formazione, sperimentazione, innovazione, ricerca-azione - Organizzazione, partecipazione e realizzazione di competizioni sulle discipline - Realizzazione dei progetti nazionali ed europei - Interazione con le componenti culturali, professionali, sociali ed economiche del territorio - Attenzione alla mediazione e alla risoluzione di situazioni problematiche e conflittuali

8 IMPEGNI del Docente - Ogni attività di servizio e di formazione prevista dal CCNL. - Elaborazione del Documento di Programmazione e consegna al D.S. entro il 20 Ottobre Partecipazione agli incontri di informazione alle famiglie - Responsabilità diretta della valutazione delle interrogazioni e delle prove scritte e tecno-pratiche - Informazioni alle famiglie sulle interrogazioni e sulle prove scritte e tecno-pratiche tramite ogni mezzo messo a disposizione dalla scuola ( Libretto, Telefono, SMS, Telegramma, Lettera scritta)

9 STAFF DI GESTIONE LO STAFF DEL DIRIGENTE SCOLASTICO 2 COLLABORATORI del D.S. Nomina prevista dallart.25, c.5 del D.L.vo n°165/2001 e autonomamente scelti dal D.S. con compiti di collaborazione, gestione e coordinamento. Il 1° collaboratore sostituisce il D.S. durante le brevi assenze. - Il 2° collaboratore ( della sede staccata), sostituisce il D.S durante le attività. - (per il Liceo delega solo per la sostituzione del 1° collaboratore: Prof. PERROTTA). 1 RESPOSABILE DELLINNOVAZIONE DIDATTICA E T.I.C - 2

10 NATURA GIURIDICA DELLA COLLABORAZIONE CON IL D.S. - LA COLLABORAZIONE CON IL DIRIGENTE SCOLASTICO E DI NATURA FIDUCIARIA E SI INTERROMPE NEL MOMENTO IN CUI LA FIDUCIA VIENE MENO NATURA FIDUCIARIA E SI INTERROMPE NEL MOMENTO IN CUI LA FIDUCIA VIENE MENO Il 1° Collaboratore può intrattenere rapporti con la Segreteria Amministrativa e Didattica esclusivamente per lordinaria azione di monitoraggio delle attività legate alle mansioni di Collaboratore del D.S..

11 COMPITI DEL 1°COLLABORATORE (vicario) - Coordinamento del P.O.F. e dellOrientamento Gestione dellorario di servizio dei docenti stilato in base alle direttive del Dirigente Scolastico e dei criteri emersi nelle sedi collegiali Sostituzione dei docenti assenti su apposito registro con criteri di efficienza ed equità Controllo firme docenti alle attività collegiali programmate. Controllo del rispetto del Regolamento dIstituto da parte degli alunni (disciplina, ritardi, uscite anticipate, ecc.). Collaborazione alla diffusione delle comunicazioni ordinarie nonché alla circolazione delle informazioni riguardanti la vita scolastica. Delega a redigere comunicazioni ai docenti e/o circolari alunni su argomenti specifici. Partecipazione alle riunioni periodiche promosse dal Dirigente Scolastico. Supporto al lavoro del Dirigente Scolastico e sostituzione dello stesso per le brevi assenze

12 Compiti 1° collaboratore (continua) Coordinamento delle Funzioni Strumentali Coordinamento dei gruppi di lavoro, Cura dei rapporti con le Famiglie e gli Enti del Territorio

13 COMPITI DEL RESPONSABILE DELLINOVAZIONE DIDATTICA E T.I.C. Formazione docenti Innovazione -sperimentazione didattica e qualità Editoria digitale scolastica Coordinamento Dipartimento Linguistico Gestione sito Web Responsabile del Laboratorio Inform. Collaborazione con lo Staff di Presidenza

14 COMPITI DEL COLLABORATORE FIDUCIARIO (IPSCT Campomarino) - Coordinamento del P.O.F. e dellOrientamento Gestione dellorario di servizio dei docenti stilato in base alle direttive del Dirigente Scolastico e dei criteri emersi nelle sedi collegiali Sostituzione dei docenti assenti su apposito registro con criteri di efficienza ed equità Controllo firme docenti alle attività collegiali programmate. Controllo del rispetto del Regolamento dIstituto da parte degli alunni (disciplina, ritardi, uscite anticipate, ecc.). Collaborazione alla diffusione delle comunicazioni ordinarie nonché alla circolazione delle informazioni riguardanti la vita scolastica. Delega a redigere comunicazioni ai docenti e/o circolari alunni su argomenti specifici. Partecipazione alle riunioni periodiche promosse dal Dirigente Scolastico. Supporto al lavoro del Dirigente Scolastico e sostituzione dello stesso per la sede distaccata Cura dei rapporti con gli Studenti, le Famiglie e gli Enti del Territorio

15 GESTIONE DELLE RISORSE INTERNE INCARICHI SPECIFICI INCARICHI SPECIFICI NOMINATI DAL DIRIGENTE SCOLASTICO COORDINATORI DEI CONSIGLI DI CLASSE con compito di: - presiedere il Consiglio di classe in assenza del D.S. - organizzazione ed ordinazione delle attività di classe sul piano formale e sostanziale, nel pieno rispetto della libertà dinsegnamento dei colleghi. - mediazione e moderazione negli eventuali conflitti fra le componenti della classe - controllo puntuale delle assenze, dei ritardi degli studenti e di quanto previsto dai dispositivi del Dirigente e dal Regolamento dIstituto - Periodico contatto con il D.S. per riferire sullandamento della classe SEGRETARI VERBALIZZATORI DEI CONSIGLI DI CLASSE con compito di: - verbalizzazione corretta, puntuale ed esaustiva delle riunioni

16 GESTIONE DELLE RISORSE INTERNE PROPOSTE DI INCARICHI 1) COORDINATORE DELLE ATTIVITA DI ED. FISICA (Prof. Fucci) promozione e realizzazione delle attività proposte prioritariamente dal MIUR e CONI e selezione delle più significative attività proposte da gli altri enti del territorio. 2) RESPONSABILE DEI LABORATORI DINFORMATICA (Prof. Marchetti – Prof.ssa Ieronimo IPC) 3) con compito di: predisposizione e monitoraggio dellorario di utilizzo delle apparecchiature da parte delle classi dellIstituto; controllo della funzionalità delle apparecchiature e segnalazione al D.S. delle disfunzioni nel servizio al fine di renderlo economico, efficiente ed efficace; predisposizione di preventivi relativi ad apparecchiature integrative. Si avvale della collaborazione dell Assistente Tecnico di Laboratorio dInformatica nel rispetto delle norme contrattuali. 3) RESPONSABILE DEL LABORATORIO DI FISICA E CHIMICA (Prof. Colasurdo) 4) con compito di: predisposizione e monitoraggio dellorario di utilizzo delle apparecchiature da parte delle classi dellIstituto; controllo della funzionalità delle apparecchiature esistenti e segnalazione al D.S. delle disfunzioni del servizio; predisposizione di preventivi relativi alle apparecchiature integrative necessarie. Si avvale della collaborazione dellAssistente Tecnico di Fisica.

17 GESTIONE DELLE RISORSE INTERNE GRUPPI DI LAVORO GRUPPI DI LAVORO ai sensi dellart.86 del CCNL/93 - PROGETTI EUROPEI e Assistenti Linguistici (coordina F.S. Perrotta) - POF (coordina 1° Collaboratore) - DIPARTIMENTO LINGUISTICO E SCIENTIFICO (Coordina Prof.ssa Marchetti e Di Falco) - ORIENTAMENTO ( Collab.Vicario – Fiduciario IPC e Responsabile Innovazione – FF.SS.) - QUALITA (Responsabile Innovazione Prof. Marchetti) - ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (coordina Prof.ssa Lallo) - SICUREZZA (coordina Prof. Guglielmi) - ORARIO (Prof.sse Rinaldi- Di Falco-Giacomodonato-Olivieri e Di Lodovico) - SOSTITUZIONE DOCENTI ( Prof.ssa Rinaldi – Prof. Olivieri)

18 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO * Composizione del GRUPPO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Docente Tutor N° 1 Docente per classe interessata N°1 Assistente Amministrativo (o Tecnico) Dirigente Scolastico

19 GESTIONE DELLE RISORSE ESTERNE CONTRATTISTI PSICOLOGO SCOLASTICO -Sopperisce alle carenze istituzionali (ASL). -Supporta lazione educativa e formativa. -Suggerisce le strategie necessarie per superare i problemi legati alle relazioni, allapprendimento e al complessivo sviluppo psico-dinamico degli ST. -Collabora con il Dirigente, con i Collaboratori del D.S. con i docenti e con la F.S. studenti.

20 GESTIONE DELLE RISORSE ESTERNE CONTRATTISTI ASSISTENTI DI LINGUA INGLESE ASSITENTE DI LINGUA FRANCESE (eventuale) ASSITENTE DI LINGUA SPAGNOLA (eventuale) Coerentemente con le priorità indicate nel Piano dellOfferta Formativa, la presenza degli assistenti, madrelinguisti, consente di potenziare la competenza duso delle lingue straniere, anche in vista delle certificazioni esterne. DOCENTI ESTERNI IMPEGNATI NEL RECUPERO e/o in progetti e attività integrative del curricolo

21 SICUREZZA Dirigente Scolastico (in rappresentanza del datore di lavoro) R.S.P.P.(Responsabile servizio prevenzione e protezione) Responsabile Servizio Gestione Emergenza R.L.S.(Rapp.lavor.per la sicur.) Addetti al Servizio di prevenzione e protezione Servizio Prevenzione incendi e lotta antincendio Responsabili del Pronto Soccorso Ecc.

22 RETRIBUZIONE INCARICHI CCNL La retribuzione è imprescindibilmente legata alla presentazione di documentazione e firme di presenza e alle seguenti valutazioni: Valutazione del Dirigente -Collaboratori Vicario e Fiduciario -Coordinatori di classe e segretari -Coordinatori e gruppi di lavoro -Responsabile dellInnovazione Didattica Valutazione del Collegio Docenti Funzioni Strumentali al POF


Scaricare ppt "PIANO DI AZIONE del DIRIGENTE SCOLASTICO a.s. 2012/2013 Paolo A. SANTELLA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore F. D Ovidio Larino."

Presentazioni simili


Annunci Google