La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Comprensivo di Montecarlo Offerta formativa A.S. 2011-2012 Spunti per un consuntivo e nuove proposte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Comprensivo di Montecarlo Offerta formativa A.S. 2011-2012 Spunti per un consuntivo e nuove proposte."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Comprensivo di Montecarlo Offerta formativa A.S Spunti per un consuntivo e nuove proposte

2 Che cosa si propone lofferta formativa LOfferta formativa si propone il raggiungimento del successo scolastico di tutti gli alunni attraverso percorsi formali di istruzione, tiene conto delle caratteristiche e dei bisogni dei singoli e per questo mette in atto strategie didattiche mirate a garantire lo sviluppo delle possibilità personali di ciascuno, fino alleccellenza. Lofferta formativa dellIstituto si articola in un complesso di discipline e attività, diversamente strutturate, ma tutte inserite in un percorso educativo coerente e in linea con la visione pedagogica e culturale adottata ed esplicitata nel quadro di finalità e competenze. La segmentazione delle attività educative e didattiche non vuole significare frammentarietà e dispersione, bensì lattivazione di percorsi complementari, fondati su metodologie alternative e su risorse integrative, interne ed esterne alla scuola, che arricchiscono la proposta formativa, la personalizzano e la completano proprio mentre la diversificano.

3 I nuclei portanti dellofferta formativa Sono le aree di indirizzo intorno alle quali costruire la proposta educativa e culturale dellistituto. La loro definizione (sintetica e soggettiva) tiene conto: - dei compiti e delle attese istituzionali (ciò verso cui è opportuno e obbligatorio dirigersi, in quanto scuola delloggi e del territorio, e scuola statale); - di quanto è avvenuto e avviene nella programmazione delle attività, nella storia e nella tradizione dellistituto; - degli orientamenti e delle preferenze culturali delle professionalità coinvolte nel processo educativo, nei vari ordini scolastici.

4 1. ATTUAZIONE DEL CURRICOLO Progettazione di un percorso formativo – in continuità tra i diversi ordini di scuola – finalizzato allo sviluppo delle competenze necessarie a rendere gli alunni cittadini consapevoli e attivi, e a favorire la maturazione personale e la promozione sociale.

5 2. SCUOLA NEL TERRITORIO SCUOLA OLTRE IL TERRITORIO Interazione e collaborazione con famiglie, enti e associazioni territoriali, per conoscere e vivere il proprio territorio. Dimensione europea: introduzione della lingua inglese a partire dalla scuola dellinfanzia e potenziamento negli anni successivi del percorso scolastico. Scambi culturali, gemellaggio.

6 3. CITTADINANZA, AUTOCONOSCENZA, PREVENZIONE DEL DISAGIO Attenzione ai bisogni individuali: accoglienza, ascolto, integrazione. Percorsi in continuità. Attività finalizzate alla conoscenza di sé, dei diritti e doveri alla base di una cittadinanza consapevole. Valorizzazione delle diversità. Spazi interculturali.

7 4. PROGETTUALITA Formazione, ricerca, innovazione metodologico- didattica. Strategie multimediali e informatiche. Sviluppo e potenziamento dei vari linguaggi espressivi.

8 Come è composta lofferta formativa Aree disciplinari del curricolo Aree di ampliamento formativo: a ttività che vogliono costituire un completamento e/o un approfondimento della didattica per discipline, sviluppate attraverso percorsi metodologici alternativi, spesso in collaborazione con enti e agenzie formative esterne e confluenti in progetti di istituto. Area del recupero – alfabetizzazione

9 Impostazione curricolare e progettuale: aree diverse ma complementari Questa distinzione tra le diverse aree dellofferta formativa ha una sua ragion dessere soprattutto in riferimento ad unalternanza di metodologie didattiche e stili di insegnamento/apprendimento. Pur evitando un eccesso di schematismo (la differenza di approccio, nel caso di impostazione curricolare e progettuale non è detto che sia così diversificata), una proposta che voglia essere di ampliamento dovrebbe aggiungere sollecitazioni nuove e diverse, oppure produrre un arricchimento, in aree – per esempio le lingue straniere – nelle quali il curricolo risulti carente, o dove sia opportuno orientare su contenuti di particolare rilievo formativo o potenziare lo sviluppo di determinate competenze.

10 Fasi e documenti per la costruzione dei percorsi La progettazione tiene conto dei compiti specifici di ciascun ordine di scuola e si articola in riferimento ai traguardi di sviluppo delle competenze. Il curricolo verticale è il documento che descrive e supporta il processo di apprendimento-insegnamento nello sviluppo in continuità tra i livelli scolastici. Gli obiettivi di apprendimento hanno valenza disciplinare e allineano il lavoro dei docenti, Con la certificazione delle competenze si realizza la sintesi tra processo educativo e valutazione.

11 Riflessione Una migliore conoscenza e condivisione, o revisione critica, dei documenti esistenti della progettazione, potrebbe essere utile allo scopo di: Monitorare il percorso didattico; Verificare luniformità dei riferimenti teorici dellazione didattica dellistituto; Ripassareil linguaggio e i presupposti pedagogici.

12 Un progetto dovrebbe avere queste caratteristiche: Focalizzazione: essere centrato su un tema o unattività chiaramente identificata; Impostazione problematizzante: stimolare la ricerca- scoperta di conoscenze: Approccio interdisciplinare: facilitare la connessione fra ambiti e linguaggi diversi; Tempi circoscritti e definiti; Articolazione organizzativa; Evidenza /verificabilità del risultato/prodotto.

13 La verifica dei progetti a. documentazione Poiché la riuscita di un progetto dipende in gran parte dalla possibilità/capacità di gestirne le fasi, rendendole produttive, un tipo di verifica può avvenire in relazione allo svolgimento: descrivere il percorso di attuazione, cioè documentare e diffondere la conoscenza dellattività. b. pubblicizzazione In vista di un utilizzo funzionale del sito web, la diffusione di informazioni attinenti allesito dei progetti può esservi collocata in uno spazio apposito. c. analisi Il risultato finale può essere oggetto di analisi, allinterno dellistituto, fra insegnanti coinvolti e gruppi di interesse, al fine di constatare la validità del progetto.

14 Quali progetti Caratterizzanti – storici In sintonia con i nuclei di indirizzo Attinenti ad aree di progetto già presenti nellistituto, per le quali ci sia un investimento formativo Adatti, per contenuti e metodologie, a corrispondere ai bisogni dei nuovi contesti educativi Compatibili con i tempi e le risorse

15 Proposte Dare spazio alla formazione, nella fase di avvio del prossimo a.s.,sia per trovare linee condivise, sia per verificare la congruità del nostro modello di scuola e riflettere sui contesti sociali e culturali in cui operiamo. Concordare i temi intorno ai quali approfondire la riflessione (strategie di sviluppo del pensiero logico-scientifico, ambiente e territorio, uso delle nuove tecnologie nelle diverse aree disciplinari…, tra i possibili argomenti, emersi nellambito della commissione Pof). Definire ed estendere le potenzialità di uso del sito web dellistituto.


Scaricare ppt "Istituto Comprensivo di Montecarlo Offerta formativa A.S. 2011-2012 Spunti per un consuntivo e nuove proposte."

Presentazioni simili


Annunci Google