La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le Delivery Unit Regionali Monitoraggio della documentazione degli istituti tecnici Rete Qualità e Istruzione Tecnica - Ischia 27-28 settembre 2010 Antonella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le Delivery Unit Regionali Monitoraggio della documentazione degli istituti tecnici Rete Qualità e Istruzione Tecnica - Ischia 27-28 settembre 2010 Antonella."— Transcript della presentazione:

1 Le Delivery Unit Regionali Monitoraggio della documentazione degli istituti tecnici Rete Qualità e Istruzione Tecnica - Ischia settembre 2010 Antonella Zuccaro Agenzia per lo sviluppo dellAutonomia Scolastica (Ansas)

2 Attuare le principali innovazioni organizzative, metodologiche e didattiche previste dal riordino degli istituti tecnici in Lazio, Lombardia, Sicilia, Puglia, Veneto Delivery Unit Nazionale Supportare operativamente la Delivery Unit Nazionale Nucleo Operativo Supporto Delivery Unit Nazionale Abruzzo, Lazio, Lombardia, Puglia, Sicilia, Veneto Coordinare la sperimentazione del riordino degli istituti tecnici a livello territoriale N. 126 Istituti tecnici in sperimentazione a.s. 2009/2010 Riordino istruzione tecnica a.s. 2009/2010 Puglia n. 16 Lazio n. 10 Lombardia n. 20 Sicilia n. 12 Veneto n. 66 Delivery Unit Regionali Pubblicazione dei materiali prodotti dalle scuole Scambio delle conoscenze

3 Delivery Unit Regionali: modelli organizzativi Veneto Protocollo dintesa tra USR, Regione e Confindustria Costituzione Delivery Unit 3 unità regionali di progetto 5 gruppi di lavoro provinciali/interprovinciali Piano regionale a sostegno innovazione Misure di accompagnamento/ orientamento Linee guida Sicilia Protocollo dintesa tra USR, Regione e Confindustria Costituzione Delivery Unit Azioni informative/ Orientamento Linee guida Lombardia Laboratorio di sviluppo e sostegno Costituzione Delivery Unit Team di supporto Gruppi di ricerca ed innovazione: settore (indirizzi),progetto, singola scuola Tavolo ambito organizzativo Formazione, workshop a supporto delle scuole del laboratorio Linee guida Puglia Costituzione Delivery Unit 3 gruppi di lavoro Azioni informative di orientamento istituti di I° grado Formazione Linee guida Lazio Costituzione Delivery Unit Team di regia Supporto tecnico Gruppo di settore Azioni informative/ Orientamento Linee guida

4 I documenti on line a sostegno dellinnovazione

5 Il monitoraggio dellANSAS: Esperienze per listruzione tecnica realizzate dalle Delivery Unit Regionali e dalle Scuole pubblicate sul sito

6 Alcune aree tematiche... (Linee guida.., d.p.r. 15 marzo 2010) Organizzazione scolastica possono dotarsi, [di] un comitato tecnico-scientifico, composto da docenti e da esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica, con funzioni consultive e di proposta per lorganizzazione delle aree di indirizzo …. Didattica laboratoriale … al centro delle strategie didattiche collegiali, [cè] il laboratorio e la didattica laboratoriale, la costruzione dei percorsi di insegnamento/apprendimento in contesti reali, quali lAlternanza. Scienze integrate … vanno intese … come lambito di sviluppo e di applicazione di una comune metodologia di insegnamento delle scienze … Orientamento … diventa essenziale sviluppare una cultura dellorientamento che, privilegiando la dimensione formativa e operativa …, accolga gli studenti e li accompagni lungo lintero percorso di studi… Attività e insegnamenti generali comuni agli indirizzi Hanno lobiettivo di fornire ai giovani - una preparazione adeguata su cui innestare conoscenze teoriche e applicative nonché abilità cognitive proprie dellarea di indirizzo …. Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo..Le discipline di indirizzo sono presenti nel percorso fin dal primo biennio in funzione orientativa e concorrono a far acquisire agli studenti i risultati di apprendimento dellobbligo di istruzione..

7 Dallanalisi dei documenti … Organizzazione scolastica: Organizzazione scolastica: il CTS Sembrano emergere modelli diversi per composizioni, costituzione e funzioni. Cè un interesse della scuola verso la costituzione dei CTS! (una domanda di maggiore controllo e rigore scientifico rispetto alle innovazioni da introdurre nella scuola? La necessità di rendere effettive le partnership soprattutto con il mondo del lavoro?) Occorrerà indagare il tipo di lavoro che fa il CTS, come lo fa: i documenti non entrano nel merito della loro operatività. Come si incarna effettivamente nella scuola e come, il CTS, si raccorda con gli OO.CC. Didattica laboratoriale Didattica in laboratorio o fuori dal laboratorio? Sembra emergere più una accezione metodologica del laboratorio meno quella di utilizzo di strutture e strumentazioni. Non sempre sono presenti riferimenti alle pratiche: molte le dichiarazioni di intenzioni meno quelle tecniche sulle pratiche. Forse il problema è: come produrre la documentazione di pratiche spesso in capo a docenti diversi? Orientamento Lorientamento oscilla tra azioni mirate a gruppi, vissuto in modalità prevalentemente sociali, e interventi più personalizzati. Si percepisce che la documentazione è opera di professionisti dellorientamento come ad indicare consolidate presenze di figure di sistema dedite allorientamento.

8 Dallanalisi dei documenti … Scienze integrate In alcuni casi la preoccupazione che sembra prevalere è: come garantire ai ragazzi, comunque, lo sviluppo dei contenuti delle singole scienze? (O si tratta di una difficoltà ad integrarle?) L'integrazione avviene laddove si ricerca un ambito, una attività, un prodotto, un compito operativo capace di integrare esperienze riferite alle diverse scienze. In altri casi l'integrazione sembra esaurirsi nello sforzo di individuare obiettivi di apprendimento, competenze di sintesi comuni alle diverse scienze. Competenze Il peso, lo sforzo innovativo sembra oscillare tra: la ricerca di modelli descrittivi di competenze, di modalità per la progettazione per competenze, con una ricerca su compiti funzionali allo sviluppo di competenze … piuttosto che lindagine sullaccertamento, valutazione delle competenze, con lo sforzo di individuare strumenti e modalità per la rilevazione delle competenze. I descrittori sono di tipo diverso e non sempre la distinzione tra le diverse classificazioni concettuali (competenze/abilità /conoscenze) appare significativa.

9 La cultura della descrizione delle abilità/conoscenze/competenze: è importante raffinarla? Con che fine? In che modo? Quali sono le descrizioni di competenze che : risultano consistenti perché entrano nel merito e fanno capire che dietro ad una dichiarazione cè una didattica mirata allo sviluppo di quella competenza? Che rapporto cè tra: i dipartimenti di area ed una progettazione per attività – anche interdisciplinare -mirate allo sviluppo di competenze? tra i dipartimenti delle discipline afferenti alle competenze di base e quelle dei dipartimenti di indirizzo? Come sono integrate nei descrittori le diverse scienze? Quali sono i connettori per le diverse scienze? Come si colloca il CTS nella scuola? Quale modello organizzativo genera? Quale rapporto con gli organi collegiali? Come fare in modo che la scrittura sia generatrice di cambiamenti significativi allinterno delle organizzazioni scolastiche? Questioni da approfondire nellanalisi dei documenti

10 Gli istituti tecnici con documenti on line 1Istituto Cavanis Possagno TV 2IstitutoMajorana Brindisi BR 3IIS Perlasca Idro BS 4IIS Aprilia LT 5IIS 'Carlo e Nello Rosselli' Aprilia LT 6IIS- L. Pirelli- Roma 7IIS 'P Baffi' Fiumicino RM 8IIS Roma 9IIS Romani Casalmaggiore CR 10IISS Caramia Locorotondo BR 11IISS De Pace Lecce LE 12IISS Einaudi Canosa FG 13IISS Euclide Bari BA 14IT per il Turismo 'C. Colombo' Roma 15ITA Basile Caramia Locorotondo BR 16ITA 'E. Sereni'- Roma 17ITA 'Garibaldi'- Roma 18ITAS Deledda Lecce LE 19ITAS LECCE LE 20ITAS Roma RM 21ITC L. Sciascia Agrigento 22ITC Cassandro Barletta BA 23ITC De Felice Catania CT 24ITC Foserà Agrigento AG 25ITC L. Sturzo Bagheria PA 26ITC Romanazzi Bari BA 27ITC Archimede Modica RG 28ITC 'L. Einaudi' Padova PD 29ITC Padova 30ITCG Monnet Ostuni BR 31ITCS Primo Levi Bollate Bollate MI 32ITG M. Rutelli Palermo PA 33ITI Volta Palermo PA 34ITI Altamura Foggia FG 35ITI Cannizzaro Rho MI 36ITI Cassandro Barletta BA 37ITI Fermi Francavilla BR 38ITI Fermi Lecce LE 39ITI Marconi Catania CT 40ITI Mattei Maglie LE 41ITI Piamarta Brescia BS 42ITI Righi Taranto TA 43ITI Ruggiero D'Altavilla Mazara del Vallo TP 44ITI Altamura – Foggia 45ITI Castelfranco Veneto TV 46ITI 'E. Barsanti'- Castelfranco Veneto 47ITI Fermi Mantova 48ITI 'G. Segato'- Belluno 49ITI- Marconi Padova 50ITI Piamarta Brescia BS 51ITI R. d'Altavilla Mazara del Valllo TP 52ITIS Ferraris Molfetta BA 53ITIS 'E.Majorana' Torino TO 54ITIS G. Marconi Catania 55ITIS 'Giovanni XXIII' – Roma 56ITIS Hensemberger Monza 57ITIS Majorana Milazzo – ME 58ITIS Volta Lodi LO 59ITSOS Marie Curie Cernusco sul naviglio MI 60ITT Marco Polo Palermo PA

11 Organizzazione scolastica: il CTS Atto costitutivo, regolamento, relazione, delibera, incarico,.... Premessa Nomina, composizione e durata del CTS Costituzione, durata e convocazione del CTS Finalità, funzione, compiti del CTS Natura giuridica del CTS Organi del CTS Obiettivi Competenze, finalità, programma del CTS Durata e modalità di decisioni del CTS Competenze degli OO.CC. e del CTS Rapporto con gli EE.LL. Individuazione dei Componenti: criteri Riunioni del CTS Interlocutori istituzionali Indicatori di qualità del funzionamento Segretario Convocazione delle riunioni del CTS Approvazione degli ordini del giorno Gruppi di lavoro del CTS Partecipazione alle riunioni Disposizioni finali Comitato Tecnico scientifico

12 Organizzazione scolastica: il CTS Composizione membri di diritto: è formato dai 3 responsabili di dipartimento delle 3 specializzazioni dellIstituto … e dal collaboratore del DS incaricato delle attività progettuali e del raccordo con lesterno membri rappresentativi: in rappresentanza del territorio: rappresentante indicato da Confindustria Monza e Brianza, dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza, dal Collegio dei Periti e dallassessore alle attività produttive. (I.T.I.S. P. Hensemberger– Monza) E costituito da un n. di docenti esperti dellistituto non superiore a sei, nominati dal dirigente scolastico su proposta dei referenti di dipartimento, e in numero analogo dagli esperti esterni nominati dalle associazioni di categoria e dalle agenzie culturali interessate. (I.S. PiaMarta- ITI Artigianelli – Brescia) Composizione membri di diritto: dirigente scolastico, docenti coordinatori di area, presidente Consiglio dIstituto, rappresentante degli studenti (diplomato da non oltre 5 anni), associazione ex allievi dellItis Marconi. membri rappresentativi: 3 rappresentanti di Confindustria Padova (imprenditore del Gruppo Giovani, imprenditore Sezione Metalmeccanica indirizzo Meccanica e Elettrotecnica - elettronica) ; Camera di Commercio di Padova; Provincia di Padova; Regione del Veneto – Direzione Istruzione; Università di Padova - Facoltà di Ingegneria, collegio Periti Industriali. (I.T.I.- Marconi- Padova)

13 Organizzazione scolastica: il CTS Funzione … di raccordo tra gli obiettivi educativi della scuola, le esigenze del territorio e i fabbisogni professionali, educativi espressi dal mondo del lavoro, dal mondo della ricerca e delluniversità, favorendo quindi la realizzazione delle esperienze di alternanza degli allievi, di stage aziendali per i docenti, di rapporti più stretti, anche ai fini dellorientamento, con i centri di ricerca. (ITC – E. TosiBusto Arsizio) formula proposte e pareri al Consiglio di Istituto e al Collegio Docenti in ordine ai programmi e alle attività con riferimento alla flessibilità e alle innovazioni; definisce gli aspetti tecnici e scientifici dei piani delle attività con riferimento alluso e alle dotazioni dei laboratori; svolge funzioni di coordinamento tra le molteplici attività scolastiche: stage, alternanza scuola lavoro, orientamento, fabbisogni professionali del territorio; monitora e valuta le predette attività. (ITI 'G. Segato'- Belluno)

14 Organizzazione scolastica: il CTS Rispetto alle competenze degli OO.CC. Il CTS è nominato dal Consiglio di Istituto su proposta del dirigente scolastico, sentito il collegio dei docenti, …. ( ITIS Volta – Lodi) Il D.S. nomina i docenti e relaziona al C.I.; il consiglio di istituto, udita la relazione del D.S., ratifica la composizione del CTS (componente docenti) e prende atto della Componente indicata dalle Associazioni di categoria e dalle agenzie culturali; il consiglio di istituto delibera in ordine alle iniziative proposte dal CTS … ; il CTS, acquisiti anche i pareri dei Dipartimenti, elabora iniziative coerenti con le sue finalità e i suoi obiettivi tenuto conto della specifica realtà economica in cui è collocato listituto (I.S. Pia Marta-ITI Artigianelli- Brescia) Il Consiglio dIstituto delibera in ordine alle iniziative proposte dal C.T.S., volte a realizzare la funzione della scuola come centro di formazione culturale, sociale e civile. (I.I.S. Romani- Casalmaggiore (CR))

15 Regolamenti... Organizzazione scolastica: il CTS ITI E. Fermi – Mantova ITIS-Volta- Lodi ITIS P. Hensemberger - Monza (Mi) ART. 1 Natura giuridica del CTS Funzioni del CTS ART. 2 Composizione e nomina del CTS Finalità del CTS Composizione del CTS ART. 3 Competenze, finalità, programma del CTS Nomina, composizione e durata del CTS Riunioni del CTS ART. 4 Durata e modalità di decisioni del CTS Funzioni e compiti del CTS Interlocutori istituzionali ART. 5 Indicatori di qualità del funzionamento Adunanze del CTSNorma finale ART. 6Disposizioni finaliConvocazione del CTS

16 ITI PiaMarta-ITI Artigianelli - Brescia IIS Romani - Casalmaggiore (CR) ITIS Cannizzaro - Rho (Mi) ITSOS Marie Curie Cernusco sul Naviglio ITI 'G. Segato'- Belluno ITI- Marconi Padova PD Premessa art. 1 Natura giuridica e finalità del CTS Finalità e Funzione del CTS Finalità del CTS Natura giuridica del CTS Natura giuridica del CTSo art. 2 Composizione, Costituzione, durata e convocazione del CTS Composizione del CTS Composizione e criteri di nomina del CTS Composizione e nomina del CTS Composizione, nomina e durata del Comitato Tecnico Scientifico art. 3 Funzioni e compiti del CTS Procedura di individuazione dei Componenti CTS Obiettivi del CTS Funzioni e compiti del CTS Competenze, finalità, programma del CTS Competenze, Finalità e programma del CTS art. 4 Competenze degli OO.CC e del CTS Compiti del CTS Durata, convocazione, e modalità di decisioni del CTS Durata e modalità di decisioni del CTS Durata CTS art. 5 Rapporto con gli EE.LL. Individuazione dei Componenti: criteri Rapporto con gli OO.CC Indicatori di qualità del funzionamento Organi del Comitato Tecnico Scientifico art. 6 Componente docenti del CTS: procedura di individuazione Disposizioni finali Presidente. Incarichi e compiti art. 7 Competenze degli OOCC e del CTS Segretario art. 8 Durata del CTS Riunioni del Comitato Tecnico Scientifico art. 9 Rapporto con gli EE.LL. Convocazione delle riunioni del Comitato Tecnico Scientifico art.10 Approvazione degli ordini del giorno art.11 Gruppi di lavoro del CTS art.12 Partecipazione alle riunioni Organizzazione scolastica: il CTS Atti costitutivi...

17 Organizzazione scolastica: dipartimenti Secondo gli assi culturali previsti dallobbligo distruzione (IIS L. Pirelli -Roma) Umanistico; Scientifico; Tecnico- Economico (ITA- Garibaldi – Roma) Per assi disciplinari: Linguistico, Storico-Sociale, Scientifico, Tecnologico (IIS Via Capo Sperone- Roma) Umanistico-linguistico (religione, italiano, storia, diritto, inglese); Tecnologico (tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica, tecnologie informatiche); Scientifico (matematica, scienza della terra, chimica, fisica). (ITIS E. Majorana – Cassino (FR)) Biennio: area umanistica (italiano, storia, geografia, diritto, inglese, religione) area tecnico–scientifica (chimica, fisica, matematica, disegno, costruzioni, scienze, educazione fisica) (IIS Romani Casalmaggiore (CR)) DipartimentoMaterie informaticaInformatica, Sistemi, Elettronica elettrotecnica Elettrotecnica, Sistemi E Aut., T.D.P., Impianti meccanica Meccanica, Tecnologia, Disegno, Sistemi educazione fisica Educazione Fisica scienze sperimentali Scienze, Fisica, Chimica tecnologia e disegno Tecnologia e Disegno scienze matematiche Matematica, Statistica lettere e scienze umane Italiano, Storia, Geografia, Filosofia, Diritto, Religione Lingua Inglese Inglese (I.T.I.S. 'P. Hensemberger' – Monza)

18 Didattica laboratoriale Progetto, relazione, unità formativa, programmazione, … Per apprendimento di laboratorio listituto non ha inteso con la parola laboratorio solo le ore di presenza nei laboratori di informatica, ma ha elaborato dei laboratori in classe attraverso delle didattiche alternative... In sette classi si è sviluppato un progetto Narrando – io imparo, … dalla proposta e realizzazione da parte degli alunni di un cortometraggio, si sono sviluppate delle tematiche disciplinari che hanno arricchito la programmazione annuale dei singoli docenti.. (IIS 'P. Baffi' Fiumicino RM ) …. lespressione didattica laboratoriale non riguarda esclusivamente luso di strumenti di attrezzature ma piuttosto indica un modo di rapportarsi nel gruppo classe così da favorire la costituzione di un ambiente mentale e culturale condiviso (IT. G. L. Bernini- Roma) Progetto Vivaio d'imprenditori, si propone di costituire una società cooperativa a responsabilità limitata. ( IIS Cavanis - Possagno- TV)

19 Programmazione, relazione, modulo, competenze, unità didattica, unità formativa, video, format Scienze integrate Quanta chimica, fisica, scienze e matematica cè in una goccia dacqua, ovvero il mondo in una goccia dacqua. … attraverso principalmente lezione partecipativa ed attività di laboratorio; la formalizzazione è avvenuta attraverso lezione frontale supportata dallutilizzo di diapositive appositamente preparate; la verifica degli apprendimenti … attraverso sia la discussione (informale) sia la relazione di laboratorio (formale), sia test di verifica scritti. Gli studenti in laboratorio per familiarizzare con alcuni strumenti di misura e la vetreria di laboratorio. Per la vetreria è stata osservata direttamente la forma, discutendo il possibile utilizzo anche in base a tarature ed etichette presenti sulla stessa. Gli alunni sono stati invitati ad eseguire misure di massa utilizzando le differenti bilance presenti nel laboratorio di chimica. Hanno scelto oggetti presenti in laboratorio o personali (vetreria, barattoli di sostanze, viti, dadi e bulloni, accendino, fiammifero, lettore MP3 ). Hanno osservato che in alcuni casi e con alcune bilance non era possibile ottenere il valore della misura o perché la bilancia dava errore (sono arrivati da soli a stabilire il valore della portata) o perché la bilancia continuava a dare il valore zero (anche in questo caso confrontando la misura con diverse bilance sono arrivati da soli a stabilire il valore della sensibilità). ( Istituto C.e N. Rosselli Aprilia (LT).

20 Orientamento Relazione, Progetto, Scheda,..... La metodologia utilizzata … fa leva sulla risorsa gruppo (didattica laboratoriale) e.. riduce lutilizzo della lezione frontale a favore di attività che responsabilizzano gli allievi nel compito di apprendere. (…) Lattività orientativa integrata … anche uno spazio alla componente genitoriale, …. momento di confronto e di comprensione delle esigenze degli educandi Orientamento nel percorso scolastico: fornire allutenza unofferta più articolata di percorsi formativi per tecnici superiori di diverso livello realizzare una più stabile e produttiva collaborazione tra le diverse realtà del territorio sul quale opera la scuola mettere in atto attività di orientamento permanente dei giovani verso le professioni tecniche e le iniziative di informazione-formazione verso le scuole medie inferiori e le famiglie Lattività rivolta alla scuola medie: Creare una rete di collaborazione operativa e di continuità didattica con le scuole medie del territorio e dei territori limitrofi; Diffondere il POF dIstituto nelle scuole medie; Stabilire un contatto di tipo formativo con i docenti referenti per lorientamento delle scuole medie; Collaborare nella strategia orientativa con le funzioni strumentali delle scuole medie per la scelta della scuola superiore (I.T.L. Pirelli- Roma)

21 Cittadinanza e costituzione Modulo, progetto, unità formativa, scheda Un progetto articolato che affronta nei moduli, con attività curriculari ed extracurriculari, i temi dei diritti delluomo, la dichiarazione universale, i diritti negati, la libertà religiosa, la tolleranza verso lo straniero; interessante lattività: Prove di democrazia. Un argomento centrale è quello di attivare gli allievi su una proposta di testo legislativo sulle sostanze psicoattive da ideare con lintervento di figure esterne, un avvocato e di un medico della ASL, in aggiunta ai docenti. (ITC 'L. Sciascia'- Agrigento).

22 Attività ed insegnamenti generali comuni agli indirizzi Unità didattica, unità formativa, unità di apprendimento, unità per attività. Programmazione, piano di sviluppo, matrice, descrizione competenze, relazione, prove,… Piano di sviluppo della competenza, Gruppo Clas Il documento propone di far precedere la descrizione da interviste sul campo, in cui si chiede ai produttori di vino di quali competenze hanno bisogno che abbiano i tecnici che potrebbero lavorare con loro. Schede delle competenze suddivise in: processi di lavoro; principali attività; prestazioni attese. ( IISS Caramia Gigante, Locorotondo (BR))

23 Unità didattica, unità formativa, di apprendimento, per attività. Programmazione, piano di sviluppo, matrice, descrizione competenze, relazione, prove, … Unità didattica, unità formativa, di apprendimento, per attività. Programmazione, piano di sviluppo, matrice, descrizione competenze, relazione, prove, … Attività ed insegnamenti generali comuni agli indirizzi Prova di accertamento delle competenze acquisite nelle materie morfologia/istologia, microbiologia e inglese, e nei laboratori di morfologia/istologia e microbiologia. … La verifica di tale competenza avviene collocando il discente, attraverso i compiti che gli vengono affidati, in una situazione virtuale compatibile con la realtà di un laboratorio. ( ITCS Primo Levi – Bollate). Il progetto di formazione è stato promosso e finanziato dallUSR del Veneto con la collaborazione degli uffici scolastici provinciali di Padova e Rovigo nellambito del Piano dellInnovazione dellIstruzione Superiore. Sono stati prodotti diversi materiali relativi ai quattro assi culturali: Asse dei linguaggi, Asse Matematico, Asse Scientifico Tecnologico, Asse Storico Sociale. (Quaderno di lavoro per una didattica per competenze. Settore economico. ITCT 'L. Einaudi' Padova.)

24 Attività ed insegnamenti obbligatori di indirizzo (ITCG Monnet), Ostuni Descrizione delle competenze, unità formativa, prove, scheda, …


Scaricare ppt "Le Delivery Unit Regionali Monitoraggio della documentazione degli istituti tecnici Rete Qualità e Istruzione Tecnica - Ischia 27-28 settembre 2010 Antonella."

Presentazioni simili


Annunci Google