La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Contaminazione radioattiva la contaminazione ambientale da sostanze radioattivela contaminazione ambientale da sostanze radioattive la catena di misura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Contaminazione radioattiva la contaminazione ambientale da sostanze radioattivela contaminazione ambientale da sostanze radioattive la catena di misura."— Transcript della presentazione:

1 La Contaminazione radioattiva la contaminazione ambientale da sostanze radioattivela contaminazione ambientale da sostanze radioattive la catena di misura Betala catena di misura Beta lesperienza di Chernobyllesperienza di Chernobyl

2 La contaminazione radioattiva che cosè?

3 La contaminazione radioattiva –che cosè? perchè ci riguarda?

4 La contaminazione radioattiva –che cosè? –perchè ci riguarda? cosa fare?

5 La contaminazione radioattiva è inquinamento ambientale da isotopi radioattivi non sigillati sotto forma di polvere, liquidi, gas.

6 La contaminazione radioattiva cosa intendiamo per inquinamento ambientale?

7 La contaminazione radioattiva la dispersione non controllata di materiale radioattivo nellaria, nelle acque, sul territorio.

8 La contaminazione radioattiva –la dispersione non controllata di materiale radioattivo nellaria, nelle acque, sul territorio. lalterazione delle condizioni di vita delluomo che compromettono la sua integrità e salute

9 la contaminazione radioattiva esterna

10 la contaminazione radioattiva esterna interna

11 La contaminazione radioattiva è esterna quando nellambiente persistono radionuclidi non sigillati.

12 La contaminazione radioattiva –è esterna quando nellambiente sono presenti e persistono radionuclidi a lunga vita. il pericolo collegato allirraggiamento esterno dipende dalle radiazioni gamma.

13 La contaminazione radioattiva è interna quando i radionuclidi sono introdotti allinterno del nostro corpo.

14 La contaminazione radioattiva –è interna quando i radionuclidi sono dentro il nostro corpo. il pericolo collegato alla contaminazione deriva dalla introduzione di sostanze emittenti radiazioni alfa e beta.

15 La contaminazione radioattiva

16

17

18

19 viviamo in un ambiente contaminato?

20 la contaminazione radioattiva –viviamo in un ambiente contaminato? NO Se escludiamo gli eventi accidentali.

21 la contaminazione radioattiva Quando abbiamo contaminazione?

22 la contaminazione radioattiva –Quando abbiamo contaminazione? Ogni volta che cause accidentali alterano, innalzando significativamente, i valori del fondo naturale

23 la contaminazione radioattiva –Quando abbiamo contaminazione? In presenza di dispersione di sostanze radioattive nellambiente.

24 la contaminazione radioattiva

25 eventi accidentali possibili?

26 la contaminazione radioattiva –eventi accidentali possibili? Incidenti a centrali nucleari.

27 la contaminazione radioattiva –eventi accidentali possibili? Incidenti a centrali nucleari. Incendi in presenza di sostanze radioattive.

28 la contaminazione radioattiva –eventi accidentali possibili? Incidenti a centrali nucleari. Incendi in presenza di sostanze radioattive. Incidenti stradali durante il trasporto di materiale radioattivo.

29 la contaminazione radioattiva perchè ci riguarda?

30 la contaminazione radioattiva –perchè ci riguarda? Circolare M.I. n. 70 del 8 agosto 1973

31 la contaminazione radioattiva La circolare n.70/73 prevede:

32 la contaminazione radioattiva –La circolare n.70/73 prevede: La stesura, la revisione e laggiornamento di piani di emergenza nucleare esterna.

33 La contaminazione radioattiva –La circolare n.70/73 prevede: –La stesura, la revisione e laggiornamento di piani di emergenza nucleare esterna. La valutazione del rischio di radiazione mediante accertamenti diretti effettuati da squadre di rilevamento VVF.

34 Valutazione della concentrazione in aria di radionuclidi Valutazione della contaminazione superficiale da pulviscolo radioattivo Loperatività dei Vigili del Fuoco in caso di contaminazione

35 Verificare anomale variazioni del fondo naturale (0,2 cps) Identificare sostanze radioattive contaminanti Valutare il livello di contaminazione radioattiva mediante misura delle concentrazioni in aria o superficiali Gli obiettivi operativi dei VV.F. in caso di contaminazione

36 Prelievo campioni di aria Prelievo matrici ambientali (acqua, terreno, verdure, latte) Valutazione concentrazione in aria di I 131 Loperatività dei Vigili del Fuoco in caso di contaminazione

37 Valutazione contaminazione beta totale Valutazione contaminazione superficiale con tecnica Smear-test Loperatività dei Vigili del Fuoco in caso di contaminazione

38 Attività operativa principale incentrata su misurazione concentrazione in aria di I 131 ( derivante da incidente ad impianto nucleare ) mediante catena di misura beta La contaminazione dellaria

39 La contaminazione radioattiva lemergenza nucleare è riferita a gravi incidenti su impianti nucleari. Tali esperienze rendono credibile lipotesi di contaminazione in aria di Iodio 131.

40 la contaminazione radioattiva Gli accertamenti su Iodio 131 per il rischio inalazione vengono fatti con la procedura di misura nota come CATENA BETA

41 la catena di misura beta per effettuare la misura dobbiamo disporre di:

42 la catena di misura beta –per effettuare la misura dobbiamo disporre di: radiametro RA 141 B/F

43 la catena di misura beta –per effettuare la misura dobbiamo disporre di: radiametro RA 141 B/F sonda GF 145

44 la catena di misura beta –per effettuare la misura dobbiamo disporre di: radiametro RA 141 B/F sonda GF 145 pozzetto KS 101

45 la catena di misura beta –per effettuare la misura dobbiamo disporre di: radiametro RA 141 B/F sonda GF 145 pozzetto KS 101 aspiratore e unità volumetrica AM3

46 la catena di misura beta –per effettuare la misura dobbiamo disporre di: radiametro RA 141 B/F sonda GF 145 pozzetto KS 101 aspiratore e unità volumetrica AM3 –prefiltro SS589 (bianco)

47 la catena di misura beta –per effettuare la misura dobbiamo disporre di: radiametro RA 141 B/F sonda GF 145 pozzetto KS 101 aspiratore e unità volumetrica AM3 prefiltro SS589 (bianco) – filtro SS508 (nero)

48 la catena di misura beta –per effettuare la misura dobbiamo disporre di: radiametro RA 141 B/F sonda GF 145 pozzetto KS 101 aspiratore e unità volumetrica AM3 prefiltro SS589 (bianco) filtro SS508 (nero) pinzette, guanti, buste....

49 Concentrazione in aria di I 131 misurata in Bq/m 3 (c.p.s.) x - (c.p.s.) f C = x x V La contaminazione dellaria

50 (c.p.s.) x = impulsi al secondo misurati sul filtro al carbone attivo (c.p.s.) f = impulsi al secondo relativi al fondo naturale misurati in precedenza sul filtro al carbone attivo in condizioni normali (media nazionale circa 0,2 c.p.s.) efficienza di conteggio della catena di misura beta verificata per le radiazioni beta con sonda GF 145 (0,07) mentre con sonda GF 132 (0,05) rendimento di raccolta del filtro al carbone attivo (80% = 0,8) V = volume di aria aspirato espresso in metri cubi La contaminazione radioattiva

51 Limiti di concentrazione dello I 131 lavoratori esposti 700 Bq/mc pubblico 3 Bq/mc (40000 Bq/anno limite annuale di introduzione per inalazione ipotizzando una frequenza di respirazione media di 1,5 mc ora di aria a persona) La contaminazione radioattiva

52 La sensibilità della catena beta valore minimo rilevabile = 0,9 Bq/mc La sensibilità della spettrometria gamma valore minimo rilevabile = 0,1 Bq/mc La contaminazione radioattiva

53 la catena di misura beta ed ora andiamo a vedere!

54 Nel comparare una contaminazione superficiale rimovibile ad una contaminazione in aria è ragionevole assumere un fattore di risospensione in aria di 1 x (1 particella in aria ogni particelle su una superficie) La contaminazione superficiale

55 Il fattore di risospensione consente di passare dal valore di contaminazione superficiale rimovibile a quello di contaminazione volumetrica in aria La contaminazione superficiale

56 Alle seguenti condizioni è possibile impiegare la catena beta per valutare la contaminazione superficiale: radionuclide che emette radiazioni beta e gamma; radionuclide che emette una radiazione beta e una radiazione gamma per ogni disintegrazione; energia massima delle particella beta emesse pari a 600 Kev. La contaminazione superficiale

57 La tecnica dello SMEAR TEST prelievo su una superficie di 100 cmq del pulviscolo contaminato, mediante un filtro di quelli utilizzati per la catena beta La contaminazione superficiale

58 Misurazione dei conteggi sul filtro mediante catena beta Calcolo della concentrazione superficiale in Bq/cmq mediante la seguente relazione: La contaminazione superficiale

59 (c.p.s.) x - (c.p.s.) f C = x A x F La contaminazione superficiale Bq/cmq

60 (c.p.s.) x = impulsi al secondo misurati sul filtro strofinato sulla superficie contaminata (c.p.s.) f = impulsi al secondo relativi al fondo naturale misurati sullo stesso tipo di filtro strofinato in superficie analoghe ma non contaminate efficienza di conteggio della catena di misura beta verificata per le radiazioni beta con sonda GF 145 (0,07) mentre con sonda GF 132 (0,05) F fattore di rimozione del filtro che può assumersi pari al 10% = 0,1 V = volume di aria aspirato espresso in metri cubi La contaminazione superficiale

61 Limiti massimi ammissibili di contaminazione superficiale (derivati da normative sui trasporti) La contaminazione superficiale

62 Emettitori beta, gamma e alfa di bassa tossicità 0,4 Bq/cmq Emettitori alfa di alta tossicità 0,04 Bq/cmq La contaminazione superficiale

63 Dalla contaminazione superficiale è possibile risalire con buona approssimazione alla contaminazione volumetrica in aria C (Bq/cmq) x = C (Bq/m 3 ) La contaminazione

64 Limiti massimi ammissibili di contaminazione superficiale (derivati da normative sui trasporti) La contaminazione superficiale

65 Fattori di introduzione delle sostanze radioattive nel corpo umano : inalazione ingestione diretta o indiretta assorbimento cutaneo La decontaminazione

66 Indumenti utilizzati da conservare entro contenitori resistenti e stagni di polietilene per poi essere smaltiti come rifiuti radioattivi protezione di eventuali abrasioni o ferite della pelle (favorire la fuoriusciuta di sangue) Azioni decontaminanti

67 lavaggio completo della superficie epidermica con abbondante acqua corrente e uso di detergente verifica della contaminazione epidermica con sonda F 118 alfa e gamma nonché GF 145 per le beta eventuale ripetizione della doccia in caso di sospetta contaminazione interna, spettrometria corpo intero Azioni decontaminanti

68 lesperienza di Chernobyl

69 Lincidente.

70 lesperienza di Chernobyl –Lincidente. I rilasci radioattivi.

71 lesperienza di Chernobyl –Lincidente. –I rilasci radioattivi. I limiti di concentrazione.

72 lesperienza di Chernobyl Lincidente. –Aumento di potenza del reattore non controllato. –Interruzione del sistema di raffreddamento. –Formazione di vapore, di idrogeno ed aumento della temperatura. –Esplosione ed incendio.

73 lesperienza di Chernobyl I rilasci radioattivi. –Le traiettorie delle emissioni sono state condizionate dalle condizioni meteorologiche. –Le precipitazioni atmosferiche hanno determinato valori al suolo dipendenti dalla intensità della pioggia.

74 lesperienza di Chernobyl 26 aprile 27 aprile 28 aprile 29 aprile 30 aprile 1 maggio


Scaricare ppt "La Contaminazione radioattiva la contaminazione ambientale da sostanze radioattivela contaminazione ambientale da sostanze radioattive la catena di misura."

Presentazioni simili


Annunci Google