La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Sistema tributario in Italia Le norme costituzionali rilevanti Lapplicazione dei principi costituzionali Il sistema tributario italiano (nelle grandi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Sistema tributario in Italia Le norme costituzionali rilevanti Lapplicazione dei principi costituzionali Il sistema tributario italiano (nelle grandi."— Transcript della presentazione:

1

2 Il Sistema tributario in Italia Le norme costituzionali rilevanti Lapplicazione dei principi costituzionali Il sistema tributario italiano (nelle grandi linee)

3 Le norme costituzionali rilevanti Art. 53 Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività Il sistema tributario è informato a criteri di progressività Art. 23 Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge Art. 75 Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie….. (referendum abrogativo) Artt. 114 ss. (Regioni, Provincie, Comuni)

4 Lapplicazione dei principi costituzionali I tributi servono a coprire spese pubbliche –s–s–s–sono destinati ad enti pubblici –g–g–g–gli enti pubblici agiscono in veste di autorità –l–l–l–lazione amministrativa deve agire in base a principi di imparzialità, trasparenza, collaborazione (L. 212/2000 : Lo Statuto del contribuente) La capacità contributiva è la capacità economica – I singoli contribuiscono secondo le proprie possibilità

5 Lapplicazione dei principi costituzionali Il sistema tributario tiene conto di criteri di progressività In materia tributaria vige il principio della riserva di legge (leggi in senso formale, decreti legge, decreti legislativi) –È una riserva relativa: la norma deve individuare i soggetti passivi, il presupposto dell imposta (manifestazione di capacità contributiva cui si collega il prelievo),i criteri per la determinazione dell imponibile, laliquota, le sanzioni; –I dettagli possono essere stabiliti da atti normativi secondari (atti regolamentari) spesso delegati dal legislatore (modalità di dichiarazione, riscossione e accertamento dei tributi); –Se il regolamento non rispetta la legge o regola questioni che non gli erano state attribuite può essere disapplicato dal giudice tributario (limitatamente al caso deciso) o annullato erga omnes dal giudice amministrativo.

6 Lapplicazione dei principi costituzionali Le Regioni hanno costituzionalmente potestà, legislativa, ma in materia di legislazione concorrente: –I –I principi del sistema tributario devono discendere dalla legge statale –Le –Le leggi regionali hanno funzione di coordinamento della finanza regionale e locale Le Province e i Comuni Comuni non hanno costituzionalmente potestà legislativa, legislativa, ma hanno spazio nella gestione di tributi locali (introdotti da leggi statali o regionali);

7 Lapplicazione dei principi costituzionali Le normative comunitarie non possono introdurre tributi nel singolo Paese, ma possono influenzarne le scelte di politica tributaria: –Il trattato istitutivo della Comunità Europea vieta le imposte doganali : –LIVA è lunica imposta generale sui consumi; occorre una armonizzazione delle norme –I regolamenti comunitari sono direttamente esecutivi nel nostro ordinamento –Le direttive devono essere recepite negli ordinamenti nazionali (ma se le direttive sono molto dettagliate e non lasciano spazio alla discrezionalità, ed è scaduto il termine per il loro recepimento, è giurisprudenza costante della Corte di Giustizia affermarne la diretta applicabilità; –La giurisprudenza interna ed internazionale è costante nell affermare che: il giudice interno disapplica il diritto interno contrastante con quello comunitario; in caso di dubbio contrasto investe la corte di Giustizia Europea. Le convenzioni internazionali devono essere ratificate da una legge interna

8 Il sistema tributario italiano (nelle grandi linee) Imposte, tasse e contributi –Imposte –Imposte dirette indirette –Tributi –Tributi minori (tasse, contributi, tributi locali)

9 Imposte dirette Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) –c–c–c–colpisce le persone fisiche, –i–i–i–imponibile è il reddito, –è–è–è–è personale (in quanto considera la situazione personale del contribuente prevedendo oneri deducibili e detraibili, detrazioni per familiari a carico, ecc.) –a–a–a–aliquote progressive per scaglioni.

10 Ires (Imposta sul reddito delle società) –C–C–C–Colpisce le società di capitali –I–I–I–Imponibile è il reddito delle società –A–A–A–Aliquota proporzionale

11 Irap (Imposta regionale sulle attività produttive) Imposta locale sulle attività produttive (esercizio abituale di attività autonome) Colpisce società (di capitali e di persone), enti pubblici e privati che esercitano principalmente attività commerciali, persone fisiche titolari di reddito dimpresa o di lavoro autonomo; Imponibile è il valore della produzione (con criteri diversi a seconda dei soggetti) Aliquota proporzionale

12 Ici (Imposta Comunale sugli Immobili) –I–I–I–Imposta patrimoniale –C–C–C–Colpisce i possessori di immobili (a titolo di proprietà, leasing, usufrutto, uso, ecc. Sono esclusi linquilino, il nudo proprietario, il comodatario) –i–i–i–imponibile é il valore degli immobili (sulla prima casa dal 2008 non si paga lICI) –a–a–a–aliquota proporzionale

13 Imposte indirette Sui trasferimenti di ricchezza Imposta di registro Imposta di registro Imposta di successione e donazione Imposta di successione e donazione Sui consumi Iva (imposta sul valore aggiunto) Iva (imposta sul valore aggiunto) Imposte di fabbricazione (accise) Imposte di fabbricazione (accise)

14 Tributi minori (tasse, contributi, tributi locali )

15 Tributi minori imposta di bollo imposte ipotecarie e catastali imposta sui trattenimenti imposta sulle assicurazioni tasse sulle concessioni governative tasse sulle emissioni inquinanti contributi di riciclaggio e di risanamento ambientale

16 Imposta comunale sulla pubblicità Diritti sulle pubbliche affissioni Tassa comunale sui rifiuti (Tarsu) Canone per occupazione di spazi e aree pubbliche Tassa per occupazione di spazi o aree pubbliche (alternativa ai canoni) Diritto annuale CCIIAA Canone per la raccolta e trattazione delle acque Tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi Imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche Imposta regionale sulle e missioni sonore degli aeromobili Tasse sui veicoli Imposta provinciale di trascrizione nel PRA

17 LAmministrazione Finanziaria Il Ministero dell Economia e delle Finanze Il Ministero dell Economia e delle Finanze Le Agenzie fiscali Le Agenzie fiscali

18 LAmministrazione Finanziaria Il Ministero dell Economia e delle Finanze percorso evolutivo: dal Ministero delle Finanze alle Agenzie

19 LAmministrazione Finanziaria Competenze Competenze (politiche e tecniche) Scelte Scelte strategiche e organizzative Gestione Gestione delle entrate Criticità Criticità Assoggettamento Assoggettamento a norme rigide (di contabilità e di gestione) scarsa scarsa flessibilità frammentazione frammentazione delle competenze difficoltà difficoltà nella gestione delle risorse nella valorizzazione delle persone Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento Dipartimento delle Finanze del Tesoro Ministero delle Finanze

20 LAmministrazione Finanziaria Le Agenzie fiscali Quali sono e cosa fanno le Agenzie Agenzia delle Entrate (gestisce le Imposte dirette e indirette e le altre entrate) Agenzia delle Dogane (gestisce i diritti doganali, le accise sulla produzione e consumi, esclusi i tabacchi lavorati -di competenza dell Amministrazione dei Monopoli) Agenzia del Territorio (servizi di catasto, conservazione registri immobiliari, osservatorio del mercato immobiliare) Agenzia del Demanio (amministra i beni immobili dello Stato, gestisce i beni confiscati)

21 LAmministrazione Finanziaria Cosa sono le Agenzie Enti con personalità giuridica di diritto pubblico (dal 2003 lAgenzia del Demanio è un Ente pubblico economico) - Sono pubbliche Amministrazioni non statali - Operano dal 1° gennaio Separare la gestione politica (linee guida del Ministero) dalla gestione tecnico operativa (delle Agenzie) - Poter utilizzare strumenti gestionali (flessibilità e autonomia) per migliorare lefficacia e lefficienza del sistema fiscale Motivazione della loro istituzione

22 LAmministrazione Finanziaria Le caratteristiche delle Agenzie regole più flessibili (manageriali) rispetto a quelle ministeriali (burocratiche) statuto proprio e propri regolamenti di amministrazione e di contabilità autonomia organizzativa (sui propri Uffici), gestionale (valutazione in base ad obiettivi e risultati); autonomia contabile (bilancio proprio, non devono sottostare a controlli esterni) autonomia finanziaria hanno funzione pubblica, ma operano con regole gestionali di impronta privatistica (gestione delle risorse umane: contratto separato da quello dei Ministeri)

23 LAmministrazione Finanziaria I rapporti fra Agenzie e Ministero La Convenzione triennale (con adeguamento annuale) fissa: - Assegnazione di risorse ed obiettivi - I servizi che le Agenzie devono fornire - Le modalità di verifica dei risultati (ex post) - LAgenzia è autonoma ma responsabile

24 LAgenzia delle Entrate

25 Le due missioni dell Agenzia La logica del servizio Ascoltare le richieste Adeguare i servizi Il cliente interno ed il cliente esterno Il ruolo del cittadino Il cittadino-suddito (contribuente) Il cittadino fruitore di servizi (utente) il cittadino che chiede i servizi (cliente) La logica del servizio Ascoltare le richieste Adeguare i servizi Il cliente interno ed il cliente esterno Il ruolo del cittadino Il cittadino-suddito (contribuente) Il cittadino fruitore di servizi (utente) il cittadino che chiede i servizi (cliente)

26 LAgenzia delle Entrate Le due missioni dell Agenzia I due clienti dell Agenzia Il cittadino (chiede servizi al singolo: assistenza, informazione, rimborsi) lo Stato (chiede servizi alla collettività dei cittadini: accertamento, contenzioso, riscossione) La tax compliance e la coscienza fiscale Ladempimento tributario spontaneo La percezione del dovere fiscale I due clienti dell Agenzia Il cittadino (chiede servizi al singolo: assistenza, informazione, rimborsi) lo Stato (chiede servizi alla collettività dei cittadini: accertamento, contenzioso, riscossione) La tax compliance e la coscienza fiscale Ladempimento tributario spontaneo La percezione del dovere fiscale

27 LAgenzia delle Entrate La struttura organizzativa Le strutture centrali e periferiche La coerenza fra la struttura organizzativa degli Uffici e le missioni dell Agenzia Le attività esternalizzate Le strutture centrali e periferiche La coerenza fra la struttura organizzativa degli Uffici e le missioni dell Agenzia Le attività esternalizzate

28 La struttura organizzativa Le strutture centrali e periferiche Gli organi dell Agenzia Gli organi dell Agenzia Il Direttore (rappresenta lAgenzia e la dirige) Il Comitato di gestione (delibera lo Statuto, i Regolamenti, i bilanci e gli altri atti che regolano il funzionamento dell Agenzia) Il Comitato di gestione (delibera lo Statuto, i Regolamenti, i bilanci e gli altri atti che regolano il funzionamento dell Agenzia) Il Collegio dei Revisori dei conti (organo di controllo)

29 La struttura organizzativa Le strutture centrali e periferiche Le strutture centrali e periferiche Le Direzioni centrali e gli Uffici di staff Le Direzioni regionali e provinciali Gli Uffici locali, sezioni staccate e sportelli I centri di assistenza multicanale (CAM) I centri operativi di Venezia e Pescara Le Direzioni centrali e gli Uffici di staff Le Direzioni regionali e provinciali Gli Uffici locali, sezioni staccate e sportelli I centri di assistenza multicanale (CAM) I centri operativi di Venezia e Pescara

30 La struttura organizzativa La coerenza fra la struttura organizzativa degli Uffici e le missioni dell Agenzia La coerenza fra la struttura organizzativa degli Uffici e le missioni dell Agenzia LArea Servizi L Area Controllo L unità di Direzione e Segreteria LArea Servizi L Area Controllo L unità di Direzione e Segreteria

31 La struttura organizzativa Le attività esternalizzate Riscossione spontanea delle imposte (banche, Poste, pagamento per via telematica) Riscossione coattiva (affidata a Equitalia spa > società a capitale Pubblico: Agenzia e Inps) Trasmissione telematica delle dichiarazioni (Caf - professionisti) Gestione Anagrafe Tributaria (affidata a Sogei spa > società a capitale pubblico: Ministero Economia e Finanze)

32 Le attività degli Uffici I principi organizzativi Le attività di accertamento, contenzioso e riscossione I servizi

33 Le attività degli Uffici I principi organizzativi - integrazione delle attività per processi - gli obiettivi ed i risultati - la polivalenza - il lavoro in team

34 Le attività di accertamento, contenzioso e riscossione Le attività di accertamento, contenzioso e riscossione Accertamento la liquidazione delle dichiarazioni i controlli formali i controlli sostanziali laccertamento con adesione lautotutela Accertamento la liquidazione delle dichiarazioni i controlli formali i controlli sostanziali laccertamento con adesione lautotutela

35 Le attività degli Uffici Le attività di accertamento, contenzioso e riscossione Le attività di accertamento, contenzioso e riscossione Contenzioso Le Commissioni tributarie La Corte di cassazione La conciliazione giudizialeRiscossione Lautoliquidazione ed il versamento spontaneo La riscossione coattivaContenzioso Le Commissioni tributarie La Corte di cassazione La conciliazione giudizialeRiscossione Lautoliquidazione ed il versamento spontaneo La riscossione coattiva

36 Le attività degli Uffici I SERVIZI I SERVIZI Lassistenza e le informazioni Il tutoraggio L interpello Lassistenza e le informazioni Il tutoraggio L interpello


Scaricare ppt "Il Sistema tributario in Italia Le norme costituzionali rilevanti Lapplicazione dei principi costituzionali Il sistema tributario italiano (nelle grandi."

Presentazioni simili


Annunci Google