La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il sistema agroalimentare Riferimento: Materiale didattico fornito dal docente Malassis L., Ghersi G., Introduzione allEconomia Agroalimentare, 1995,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il sistema agroalimentare Riferimento: Materiale didattico fornito dal docente Malassis L., Ghersi G., Introduzione allEconomia Agroalimentare, 1995,"— Transcript della presentazione:

1 1 Il sistema agroalimentare Riferimento: Materiale didattico fornito dal docente Malassis L., Ghersi G., Introduzione allEconomia Agroalimentare, 1995, Il Mulino CAPITOLO 1 (escluso par , 1.1.2, 1.1.3, 2.1.2, 2.2, 2.2.1, 2.2.2, 2.2.3, 5.2.2) CAPITOLO 2 (escluso par , 1.2.6, 2.2, 2.3, 2.4, 2.5, 2.6, 3.6, 3.7, 4, 5)

2 2 I consumi alimentari

3 3 I caratteri della domanda dei prodotti alimentari: le relazioni domanda/reddito –lelasticità della domanda rispetto al reddito; –la Legge di Engel; –indicando la propensione media la consumo con la propensione marginale, lelasticità-reddito della domanda può essere scritta come:

4 4 Relazioni domanda/reddito

5 5 Classificazione dei beni in funzione dellelasticità rispetto al reddito

6 6 I caratteri della domanda dei prodotti alimentari: relazioni domanda/prezzo –lelasticità della domanda rispetto al prezzo; –la Legge di King;

7 7 Classificazione dei beni in funzione dellelasticità rispetto al prezzo

8 8 I caratteri della domanda dei prodotti alimentari: elasticità incrociata Le relazioni tra i prodotti: lelasticità incrociata; –la funzione di domanda di un prodotto x, a fronte di un prodotto y: x = f (Px, Py, R). –lelasticità parziale del bene x rispetto al prezzo di x sarà: –e lelasticità parziale del bene x rispetto al prezzo di y sarà: –beni sostituibili e beni complementari.

9 9 COMMODITIES: PRODOTTI DI MASSA Prodotti scarsamente differenziabili (bassa differenziabilità) Il prezzo è un dato del mercato Produttori: price taker La competitività si basa sui prezzi Bassa elasticità rispetto al prezzo e al reddito

10 10 SPECIALITIES: PRODOTTI TIPICI Prodotti altamente differenziabili (alta differenziabilità) Necessità di differenziazione Produttori: price maker La competitività si basa su fattori diversi dal prezzo Alta elasticità rispetto al prezzo e al reddito

11 11 Leffetto delle variazioni del reddito sulla domanda. L a legge di Engel (1857) Al crescere del reddito la proporzione di spesa delle famiglie destinata ai consumi alimentari decresce –Diminuzione proporzione non quantità –Saturazione dei consumi Alimento salute Alimento servizio Differenziazione e marketing

12 12 Leggi del consumo alimentare nella società in crescita Legge del consumo energetico –il consumo in calorie finali aumenta con il reddito, ma non in modo proporzionale, e tende verso un limite. Legge delle sostituzioni –quando il reddito si innalza, si modifica la struttura del consumo nutrizionale e per categorie di alimenti; –sostituzioni tra gruppi di alimenti (es. carne/grassi); –sostituzioni allinterno della stessa categoria di alimenti (es. carne/pesce); –sostituzione di prodotti industriali ai prodotti agricoli. Legge della spesa –quando il reddito aumenta, la spesa alimentare aumenta in valore assoluto e, in proporzione più del volume del consumo, poiché il prezzo medio della caloria è crescente; –tendenze: sostituzione da calorie meno costose a calorie più costose; sostituzione di calorie agroindustriali a calorie agricole; sostituzione verso prodotti di comodità a prodotti più semplici; ampliamento delle possibilità di scelta nel tempo e nello spazio.

13 13

14 14

15 15 Trasformazione dei consumi alimentari nel secondo dopoguerra Quantitativa (+217 % tra il 1951 e il 1997) –Aumento demografico –Aumento reddito –Elevata elasticità prezzi/reddito e variazioni prezzi Qualitativa –Importanza delle caratteristiche del prodotto –Trasformazione del prodotto, importanza dellindustria agroalimentare –Servizi incorporati (marketing, etichette, etc.)

16 16 I grandi cambiamenti socio-economici in Italia Incremento demografico seguito successivamente da un rallentamento del tasso di crescita e da un progressivo invecchiamento della popolazione Spostamenti campagna-città, Sud-Nord Aumento del flusso migratorio Rapido sviluppo economico Diffusione di nuove forme di lavoro Crescente terziarizzazione e coinvolgimento della manodopera femminile Aumento del reddito disponibile Ampliamento e unificazione del mercato interno Apertura ai mercati internazionali (1957, Comunità Economica Europea).

17 17 AttivitàModello tradizionaleModello agroindustriale (età moderna) Modello della sazietà (tarda modernità) Produzione - imprese agricole familiari di riproduzione semplice - gli occupati in agricoltura rappresentano una percentuale elevata della popolazione - industrializzazione degli input e della trasformazione dei prodotti agricoli - impresa agricola integrata allindustria agro-alimentare - gli occupati in agricoltura diminuiscono notevolmente - industrializzazione del processo produttivo agricolo; - limpresa agricola perde la sua specificità; - prospettive incerte nelle nuove tecnologie, in particolare le nuove biotecnologie Distribuzione - mercati locali - scambio allinterno della parentela e delle comunità - mercati internazionali, globali - accesso agli alimenti regolato dai mercati e dai titoli (redditi, proprietà della terra…) - ruolo attivo della grande distribuzione organizzata (GDO) Preparazione - in casa - anche fuori casa, nelle aziende (precotti), ristoranti, mense... - catering, alimenti servizio (industrializzazione della preparazione) Consumo - alternanza di abbondanza e scarsità, secondo le stagioni e il raccolto - scelta locale, dipendente dalle disponibilità e dallo status - disuguaglianza nutrizionali allinterno delle società - indipendenza dalle stagioni - varietà di scelta per chi può pagare - disuguaglianze nutrizionali tra società, più che al loro interno - de-strutturazione dei pasti - pasti fuori casa Base ideologica, identità dellalimento - luomo in cima alla catena alimentare - agricoltura come base integrata materiale e simbolica della vita - valore simbolico dellalimento, distintivo del noi e gli altri - lo sfruttamento della natura è ritenuto legittimo - lalimento come prodotto commestibile senza identità, proveniente da una filiera - pluralità di forme daccordo (visioni tecnocratiche, interesse per la conservazione delle risorse naturali, tra cui la biodiversità; alimenti-salute; ecc.) - lalimento in cerca di identità Caratteristiche dei principali modelli alimentari (Malassis e Gherzi 1996)

18 18 Il consumo alimentare Modello di consumo è un concetto collettivo, che fa riferimento ad un aggregato sociale (una comunità, una nazione) Stile di consumo si riferisce al comportamento individuale La tendenza odierna I modelli di consumo diventano quindi un modo di esprimere la propria personalità ed individualità, ovvero, degli stili di consumo (Bocock, 1993, in Beardsworth e Keil, 1997) Lindividuo, nel suo comportamento alimentare, perde ogni riferimento di appartenenza oggettiva ad un gruppo familiare, sociale ed è guidato semplicemente dalle proprie scelte soggettive, di natura ideologica, edonistica, ecc..

19 19 Leggi del consumo alimentare nel modello agroindustriale Il modello agroindustriale precede la società di sazietà Prodotto dello sviluppo delleconomia del mercato occidentale –Alto profilo energetico Alta percentuale di calorie animali presenti Sofisticazione dei prodotti agroindustriali Perdite e sprechi lungo la catena agroalimentare e sulla tavola

20 20 La catena del valore agroalimentare

21 21 Leggi del consumo alimentare nel modello agroindustriale –Internazionalizzazione dei consumi Integrazione e trasferimento di prodotti a livello mondiale Migrazioni Intensificarsi degli scambi –Consumi di massa di prodotti servizio ed alimenti Il consumatore ha a disposizione una grande quantità di prodotti standardizzati e con marchio I prodotti integrano una quantità crescente di attività secondarie e terziarie

22 22 Il modello della società di sazietà Eccessi del modello agroindustriale Sensibilizzazione agli aspetti salutistici Carattere edonistico Saturazione –Consumo energetico –Livello relativo della spesa alimentare (17%) –Saturazione assoluta spesa alimentare (sostituzione solo tra calorie costose)

23 23 Comportamenti alimentari nella società di sazietà Il reddito non è più lelemento esplicativo del consumo alimentare Emergono nel contempo variabili di natura socio- demografica e socio-economica Ricerca di beni di qualità (salute, sicurezza..) Aumento % prodotti agroindustriali su prodotti agricoli (verso 100%) Richiesta di prodotti sempre più elaborati e differenziati (time-saving)

24 24 I PRODOTTI AGROIALIMENTARI I prodotti agroalimentari possono essere tecnologicamente classificati in: Al crescere della gamma aumenta lapporto di tecnologia e servizi. Iª GAMMA IIª GAMMA IIIª GAMMA IVª GAMMA Vª GAMMA Prodotti freschi Prodotti in scatola Prodotti surgelati Prodotti pronti per il consumo Prodotti precotti

25 25 Rottura delle tendenze tradizionali Alimentazione come espressione della propria individualità e del proprio stile di vita Alimento salute. Aumenta la richiesta di alimenti light e arricchiti. Nuova consapevolezza dei rischi alimentari dopo la crisi BSE. Nuova attenzione ai processi di trasformazione degli alimenti Destrutturazione dei pasti tradizionali Aumenta limportanza delle consumazioni fuori casa

26 26 I consumi in Italia ( ) Fonte: ns. elaborazioni su dati Agrifit e Istat (aa. vv.)

27 27 I consumi alimentari in Italia: valore reale (a prezzi 1990) Fonte: ns. elaborazioni su dati Agrifit e Istat (aa. vv.)

28 28 Composizione spesa alimentare Fonte: ns. elaborazioni su dati Agrifit e Istat (aa. vv.)

29 29 Bilanci di approvvigionamento alimentare Bilanci contabili: sistema contabile che permette di conoscere la situazione alimentare su scala nazionale. La costruzione di un Baa: –conto approvvigionamento; –conto utilizzazione; –disponibilità alimentari interne nette (Din); –disponibilità alimentare per abitante; –tasso di copertura dei bisogni (tasso di autoapprovvigionamento).

30 30 Lofferta agro-alimentare

31 31 Sistema agroalimentare Sistema agroalimentare (Saa): insieme complesso di attività coinvolte nel flusso di beni e servizi dal punto iniziale delle aziende agricole fino ai consumatori finali. dal produttore al consumatore le attività devono essere opportunamente coordinate e caratterizzate da un precisa sequenza. Saa: sistema complesso. Il funzionamento del Saa è condizionato da variabili ambientali: –ambiente socio-istituzionale (trasporti, comunicazioni, regolamentazione, sistema monetari, politiche); –consuetudini, regole sociali, ecc.

32 32 Dallagricoltura allalimento Funzionamento dei sistemi economici e sociali: elevato numero di individui che li compongono, complessità delle relazioni. Nellanalisi dei sistemi agroalimentari bisogna tener conto dellelevato numero di attori economici e sociali che intervengono lungo le catene agroalimentari: –produttori, –consumatori, –intermediari commerciali, –trasformatori, –organismi di intervento, Istituzioni, ecc. Di fronte a tale complessità, è essenziale disporre di strumenti che permettono: –individuare le operazioni tecnologiche che conducono un prodotto (agricolo) dal produttore (azienda agricola) al consumatore (prodotto alimentare); –identificare ed osservare i diversi attori coinvolti nel sistema agroalimentare; –comprendere la natura delle relazioni tra gli attori; –simulare queste osservazioni per evidenziare le tendenze.

33 33 Le operazioni e gli attori del Saa Dallautosussistenza allinternazionalizzazione dellagricoltura e dellalimentazione: lagricoltura diventa maggiormente dipendente economicamente e tecnologicamente dalle altri componenti del Saa. Livelli di operazioni sempre più complesse e sempre più numerose (operazioni tecniche e commerciali): –Agricoltura e allevamento: aziende agricole produzione agricola; –Trasformazione: industria agroalimentare prodotti alimentari; –Funzione commerciale: grossista, dettagliante, GDO, ecc distribuzione alimentare (trasporto, commercializzazione). operazioni materiali operazioni commerciali –Consumo: consumatore. –Fornitura di mezzi e servizi collegati al sistema agroalimentare: industria di mezzi tecnici e società di servizi al settore agroalimentare mezzi tecnici e servizi. Le operazioni: la filiera industriale. Circuiti brevi e circuiti lunghi

34 34 IL CIRCUITO BREVE E IL CIRCUITO LUNGO

35 35 CIRCUITI BREVICIRCUITI LUNGHI Vendita diretta in fattoria o presso il luogo di produzione, compresa vendita ai turisti Vendita per corrispondenza Vendita via Internet Negozio di propriet à diretta di produttori Consegna a domicilio Vendita ai ristoranti locali Vendita a mense e spacci aziendali Vendita nell ambito di fiere, mercati locali, mostre Vendita da parte del produttore presso stand separato all interno di ipermercati di prossimit à Vendita su scaffale allinterno di grandi e medie superfici Vendita ai grossisti Rivendita a commercianti al dettaglio Esportazione

36 36 La filiera agroalimentare Fonte: Malassis, Ghersi, 1995.

37 37 Sistema agroalimentare e agroindustriale

38 38 Le componenti e i livelli di analisi dei Saa Le unità socioeconomiche di produzione (Usep). Due gruppi di caratteristiche: –le caratteristiche tecniche dellimpresa: fattori della produzione, organizzazione del processo produttivo, … –i rapporti sociali allinterno dellimpresa. Catena e filiere agroalimentari: –ogni Usep intrattiene rapporti a monte (fornitori) e a valle (clienti); –filiera ( Malassis ): itinerario seguito da un prodotto (o da un gruppo di prodotti) allinterno dellapparato agroalimentari. Essa riguarda linsieme degli agenti (imprese e amministrazioni) e delle operazioni (di produzione, di ripartizione e di finanziamento) che concorrono alla formazione e al trasferimento del prodotto fino al suo stadio finale di utilizzo, come pure i meccanismi di adeguamento dei flussi dei fattori e dei prodotti lungo la filiera e nella sua fase finale. –Due componenti fondamentali: lidentificazione di una filiera: prodotti, itinerari, operazioni, agenti. Lidentificazione di una filiera avviene sulla base di un prodotto (filiera del frumento, filiera della carne bovina, ecc.); lo studio dei meccanismi di regolazione: comportamento dei diversi agenti lungo la filiera e meccanismi di aggiustamento (struttura e funzionamento dei mercati, meccanismi di formazione dei prezzi, politiche governative, ecc.).

39 39 Le unità di produzione Classificazione per sistemi di produzione: –sistema artigianale; –sistema manufatturiero; –sistema industriale. Classificazione per forme di organizzazione della produzione: –impresa familiare: capitale e lavoro fornito dal titolare e/o dalla sua famiglia; –impresa capitalistica: separazione tra capitale e lavoro; –impresa cooperativa: produttori, compratori o fornitori mettono in comune lavoro o mezzi di produzione o capitale; –impresa statale: i mezzi di produzione sono di proprietà della collettività.

40 40 Diversificazione socioeconomica e funzionale dei sistemi agroalimentari

41 41 Il collegamento tra impresa agricola e mercato

42 42 La formazione dei prezzi sul mercato agricolo alla produzione (1) Vendite dirette propriamente dette = circuito breve: –livello alto dei prezzi e stabilità delle vendite a condizione che il rapporto produttore-consumatore sia impostato in maniera adeguata (qualità/prezzo, prezzo/servizi). Vendite spot (scambi istantanei): –mercato destrutturato, ampie oscillazioni di prezzo; –mercato destrutturato: mercato nel quale non essendo svolte le funzioni di definizione dellofferta e della domanda si generano fenomeni di inefficienza legati allassenza di una programmazione dei tempi di immissione e delle quantità da vendere delle diverse produzioni.

43 43 La formazione dei prezzi sul mercato agricolo alla produzione (2) Mercati allingrosso: strutture nelle quali le transazioni sono articolate su contratti di vendita riferite a partite ben definite di prodotto. Si basano su partite esposte in appositi stands. Generalmente servono per la distribuzione di prodotti alimentari a forte deperibilità. –mercati agricoli alla produzione: tra produttori agricoli e grossisti; –mercati al consumo (mercato annonari) annonari: tra grossisti e dettaglianti. Centri alimentari o centri commerciali allingrosso. Vendite allasta: –asta allinglese; –asta di tipo olandese. Mercati a termine: –mercato a termine e mercato a pronti o delleffettivo; –mercato di copertura (Borsa merci): gli scambi avvengono anche senza esposizione di merci; –incontro, a termine, fra domanda e offerta, su una determinata merce-tipo; –contratto a termine: unobbligazione legale a vendere o ad acquistare una determinata qualità e quantità di prodotto ad una scadenza prefissata, ma al prezzo stabilito nel momento dellacquisto presso lasta pubblica svoltasi nella Borsa merci.

44 44 Margini di mercato e prezzi agricoli alla produzione Margine totale di mercato o margine di commercializzazione, trasformazione e distribuzione: differenza rilevabile tra il prezzo pagato dal consumatore per ottenere un prodotto nei tempi e nei modi desiderati (Pc) e quello ricevuto per lo stesso dal produttore agricolo (Pa). E espresso in termini assoluti o percentuali,. Formazione dei prezzi sul mercato di consumo: –comportamento degli operatori al dettaglio; –modalità delle determinazione dei prezzi in funzione delle strutture di vendita utilizzate: negozi tradizionali, supermarket, GDO. Normalizzazione e livellamento dei prezzi al consumo: –normalizzazione: pratica attraverso il quale il venditore al dettaglio ammortizza gli aumenti di prezzo di alcuni prodotti, effettuando carichi differenziati sui diversi prodotti con tecniche diverse in modo da stabilire il proprio ricavo totale. Uso di prodotti bianchi (senza marca) o con il marchio del dettagliante (private labelling). –livellamento: pratica attraverso il quel i dettaglianti tendono a stabilizzare il prezzo di acquisto dei propri clienti, mediante prezzi più contenuti e stabili per i prodotti di largo consumo.

45 45 Lintegrazione verticale

46 46 Lintegrazione verticale Unità tecniche di produzione e stadi produttivi Integrazione: –combinazione, allinterno di una stessa impresa, di più stazioni di lavoro fisicamente vicine; –combinazione, coordinata in termini economici e gerarchici, di processi economici tra di loro tecnologicamente distinti. Integrazione orizzontale. Integrazione verticale: ascendente e discendente.

47 47 Lintegrazione verticale e limpresa agricola Lintegrazione in agricoltura: –integrazione orizzontale: scarso successo; –integrazione verticale discendente: molto sviluppata (cooperazione); –integrazione verticale ascendente: poco sviluppata (consorzi agrari). Differenze tra impresa capitalistica e impresa cooperativa. –impresa capitalistica: la titolarità e il controllo è nelle mani dei proprietario del capitale oppure di un gruppo di managers; –impresa cooperativa: la titolarità e il controllo è attribuita ai proprietari dei fattori della produzione (lavoro, fornitori di materie prime) o clienti (consumatori, risparmiatori). Cooperative: –carattere mutualistico; –obiettivo della cooperativa = massimizzare il valore aggiunto: differenza tra il valore di vendita del prodotto e il costo dei fattori di produzione diversi da quello che garantisce la titolarità dei soci; –le cooperative hanno assunto forme istituzionali diversi da Paese e Paese, in funzione del regime economico (liberista e socialista).

48 48 Limpresa cooperativa in agricoltura Limpresa cooperativa è tale se detiene i principi mutualistici determinati dallAlleanza Cooperativa Internazionale: principi di Rochdale. Principi della cooperazione: –limitazione quantitativa del capitale monetario versato dai soci; –assenza di limiti alle adesioni alla cooperativa (principio della porta aperta); –gestione democratica (regola un uno – un voto); –prefissazione rigida degli eventuali utili dimpresa, che devono essere destinati al consolidamento del capitale proprio (riserva) e non possono essere distribuiti ai soci; –carattere mutualistico della gestione cooperativa. Diffusione del cooperativismo in Europa e in Italia. Diffusione del cooperativismo nel settore agroalimentare. Le conseguenze della gestione democratica e del carattere mutualistico.

49 49 Tipi di cooperative ed organi di gestione Tipi di principali di cooperazione agricola: –Cooperative di servizi per la vendita dei prodotti e lacquisto dei mezzi di produzione (Consorzi Agrari); –Cooperative di trasformazione dei prodotti (cantine sociali, oleifici sociali, ecc.); –Cooperative di lavoro (braccianti agricoli); –Cooperative di conduzione associata dei terreni; –Cooperative di credito (Casse rurali); –Cooperative di lavorazione dei terreni (gestione associata di macchine). Il movimento cooperativo è rappresentato da Confederazioni Nazionali, con articolazioni a livello regione e provinciale: –Confederazione Cooperative Italiane (Confcooperative); –Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue; –Unione Nazionale Cooperative Italiane (UNCI); –Associazione Generale delle Cooperative Italiane; Gli organi statutari dellimpresa cooperativa. –Assemblea dei soci; –Consiglio di Amministrazione; –Collegio dei Sindaci o dei Revisori dei Conti; –Collegio dei Probiviri (facoltativo).

50 50 Lanalisi economica dellimpresa cooperativa di trasformazione dei prodotti agricoli Obiettivo della cooperativa di trasformazione: Max VUT = valore unitario di trasformazione La massimizzazione nel breve periodo: –confronto con limpresa capitalistica; –in un mercato concorrenziale il comportamento dellimpresa cooperativa è inefficiente; –diverso il discorso in un mercato monopolistico; –dibattito sulle performance del settore cooperativo rispetto a quello capitalistico: superiorità sociale dellimpresa cooperativa; forte componente ideologica nel dibattito; dibattito moderno sullimpresa cooperativa e analisi recente. Vantaggi e limiti dellimpresa cooperativa.

51 51 Le altre forme di collegamento (diverse da quella cooperativa) tra limpresa agricola e il mercato

52 52 Le Associazioni dei produttori agricoli (APA) Le APA sono sorte in Italia per lo stimolo della Comunità Europea tramite uno specifico regolamento comunitario (Reg. CEE 1360/78). Il modello delle APA è quello delle veilingen olandesi e dei Groupments des producteurs francesi. Veilingen olandesi: strutture cooperative che facilitano la vendita di alcuni prodotti (soprattutto ortofrutticoli). Groupments des producteurs: sono associazioni di produttori che svolgono funzioni di concentrazione, normalizzazione, condizionamento e commercializzazione delle produzioni agricole. Funzioni potenzialmente svolte dalle APA: –funzioni normative: programmazione della produzione (informazione di mercato); normalizzazione; incontro di domanda e offerta fissazione di regole di vendita del prodotto; –funzioni operative: concentrazione della produzione; condizionamento ed eventuale trasformazione; trasporto e commercializzazione.

53 53 Larticolazione istituzionale delle APA (1) Le Apa furono create per per il settore ortofrutticoli (reg. CEE1035/72); ancora oggi esistono nel settore ortofrutticoli (Reg. CE 2200/96), anche se la normativa si è evoluta (nel settore ortofrutticolo vengono chiamate OP = Organizzazioni dei Produttori). Successivamente la CEE ha ampliato la normativa a favore delle Apa per tutti gli altri settori Le Apa sono organismi volontari, la cui costituzione è stata favorita (fino al 1999) mediante incentivi alla costituzione e allavviamento. Hanno lo scopo di: –promuovere le concentrazione dellofferta degli associati;; –porre a disposizione dei soci le strutture più adeguate per il condizionamento, la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti; –commercializzare il prodotto; –adeguare lofferta degli associati alla domanda, stabilire regole di immissione della produzione sul mercato, stabilire norme di qualità, ecc.

54 54 Larticolazione istituzionale delle APA (2) I soci delle Apa sono: –produttori singoli; –produttori associati (es. cooperative). Le Apa possono riunirsi in Unioni regionali e nazionali. Le Apa e le Unioni sono riconosciute dallAutorità pubblica (Regioni per le Apa, Mipaf per le Unioni nazionali) e iscritte in un apposito albo. La condizione essenziale per il riconoscimento è una dimensione economica minima. Le funzioni tipiche delle Apa, secondo il Reg. CEE 1360/78 sono: –determinare norme comuni di produzione; –immissione del prodotto sul mercato.

55 55 Il funzionamento delle APA Il dibattito sul ruolo delle Apa in Italia, in relazione allesistenza della cooperative: –funzioni normative, funzioni operative o entrambe? –ruolo delle Apa: gestire il piano di marketing dellofferta aggregata; –contrapposizione in Italia sul ruolo delle Apa, aumento del numero, scarso funzionamento. Il funzionamento delle Apa: –piani di produzione; –concentrazione, classificazione, normalizzazione, eventuale conservazione, preparazione e/o condizionamento; –vendita o autorizzazione alla vendita; –il percorso dei ritiri dal mercato; –il percorso degli accordi interprofessionali. Il cattivo funzionamento delle Apa in Italia è derivato dal timore che potessero funzionare da alternativa alla cooperazione. Dal 2000, sono cessati gli incentivi a favore delle Apa.

56 56 I vantaggi dellaggregazione della produzione agricola I vantaggi dellaggregazione della produzione agricola e della sua commercializzazione in comune: –acquisizione di una massa critica che consenta di poter attuare e gestire il marketing-mix della produzione aggregata in modo da qualificare il prodotto, renderlo più confacente alle attese degli utilizzatori, pubblicizzarlo nei modi e nei tempi più adeguati; –determinare un volume di affari che consenta di investire in attività di ricerca e sviluppo, internalizzando le innovazioni di processo e di prodotto; –possibilità di utilizzare con maggiore facilità e più a buon mercato alcune attività come il credito e linformazione di mercato; –possibilità di programmare lofferta in modo da adeguarla – nei tempi, modi e quantità – alla domanda.

57 57 Leconomia contrattuale (1) Economia contrattuale: è una forma di integrazione verticale. Per economia contrattuale si intende linsieme delle strutture organizzative che, attraverso forme di contratto volontario, consentono il coordinamento delle decisioni di imprenditori proprietari di due o più stadi diversi, ma successivi della produzione e del mercato. La tipologia delleconomia contrattuale: –leconomia contrattuale è una metodologia organizzativa degli scambi tra i produttori agricoli e le imprese acquirenti del suo prodotto; –esistono diversi tipi di contratti; –I punti salienti del contratto sono: il prodotto; la durata del contratto; le modalità di cessione del prodotto; il prezzo di cessione: –prezzo garantito fisso; –prezzo minimo garantito; –prezzo di riferimento; –prezzo di trasformazione.

58 58 Esempio di matrice delle decisioni aziendali per aree funzionali StrategicheTatticheOperative PRODUZIONE 1.Innovazioni di processo e di prodotto 2.Acquisto fattori 3.Magazzino fattori 4.Attività produttiva Piani di ricerca Valutazione canali acquisto Scelta criteri gestione Scelta ordinamenti Stadio avanzamento progetti Valutazione fornitori Inventario periodico Piani di produzione Utilizzazione innovazione Ordini acquisto Disponibilità effettive Attività produttiva p.d. MERCATO 1.Stoccaggio e conservazione 2.Commercializzazione 3.Marketing Scelta criteri conservazione e stoccaggio Scelta mercati e clienti Scelta investimenti in distribuzione e commercializzazione Inventario periodico Piani raccolta e vendita Piani di marketing Disponibilità stoccaggio Modalità consegna Ordini vendite GESTIONE/AMMINIST. 1.Contabilità 2.Finanza 3.Gestione forza lavoro Piani di investimento Scelta saggio investimento Scelta numero unità Conti e budgets Scelta di finanziamento Trattative salariali Spese, costi Flusso di cassa Costo, produttività

59 59 Leconomia contrattuale (2) La matrice delle decisioni di impresa: –decisioni strategiche, tattiche ed operative; –funzioni produttive, di mercato e della gestione/amministrazione; –La matrice delle decisioni di impresa: per aree funzionali e decisioni. La classificazione funzionale dei contratti: contratti orientati prevalentemente al prezzo di cessione del prodotto; contratti orientati al prezzo e alla produzione del prodotto; contratti orientati al prezzo e alla commercializzazione del prodotto; accordi di quasi-organizzazione; accordi di quasi-mercato. Vantaggi e svantaggi delleconomia contrattuale. Gli accordi interprofessionali.


Scaricare ppt "1 Il sistema agroalimentare Riferimento: Materiale didattico fornito dal docente Malassis L., Ghersi G., Introduzione allEconomia Agroalimentare, 1995,"

Presentazioni simili


Annunci Google