La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ricerca operativa Teoria delle decisioni Sommario Introduzione Fasi di uno studio di ricerca operativa Definizione di ricerca operativa Premesse Problemi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ricerca operativa Teoria delle decisioni Sommario Introduzione Fasi di uno studio di ricerca operativa Definizione di ricerca operativa Premesse Problemi."— Transcript della presentazione:

1

2 Ricerca operativa Teoria delle decisioni

3 Sommario Introduzione Fasi di uno studio di ricerca operativa Definizione di ricerca operativa Premesse Problemi di scelta Esempi Chiudi

4 Introduzione Uno dei fenomeni caratteristici di questo secolo è la rapida espansione delle organizzazioni umane, sia nelle loro dimensioni sia nella loro complessità. organizzazioni umane, sia nelle loro dimensioni sia nella loro complessità. Viste le dimensioni delle imprese moderne, le scelte direzionali possono coinvolgere quantità notevoli di capitali e risorse umane. quantità notevoli di capitali e risorse umane. Le conseguenze di una scelta sbagliata possono mandare in fumo anni di lavoro Le conseguenze di una scelta sbagliata possono mandare in fumo anni di lavoro ed ingenti capitali; Daltro canto il ritmo della vita e delleconomia attuali esigono decisioni in tempi rapidi. Per questi motivi sono nati metodi e tecniche capaci di dare una base più obbiettiva e meno frammentaria alle decisioni che si devono prendere in qualsiasi campo dellattività umana. La ricerca operativa si occupa delle tecniche e dei metodi che sono di supporto alle decisioni in campo economico ed organizzativo. Sommario

5 Premesse Il termine RICERCA OPERATIVA sembra sia stato usato per la prima volta nel 1939, ma una volta individuata e definita la RO, le sue origini furono fatte risalire a tempi molto lontani della scienza e della società. Fra gli esempi isolati, ma importanti di anticipazione dei metodi della RO possiamo ricordare i seguenti : Fra gli esempi isolati, ma importanti di anticipazione dei metodi della RO possiamo ricordare i seguenti : Nel 1776 il matematico G.MONGE ha affrontato un problema di trasporti esaminandone con metodi analitici gli aspetti economici. Nel 1776 il matematico G.MONGE ha affrontato un problema di trasporti esaminandone con metodi analitici gli aspetti economici. Nel 1885 F.W. TAYLOR ha pubblicato uno studio sui metodi di produzione Nel 1885 F.W. TAYLOR ha pubblicato uno studio sui metodi di produzione Nel 1908 A.K. ERLANG ha studiato il problema della congestione del traffico telefonico. Nel 1908 A.K. ERLANG ha studiato il problema della congestione del traffico telefonico. Tuttavia il progresso della RO non si sarebbe forse verificato se non fosse stato per i suoi sviluppi nelle organizzazioni militari durante la seconda guerra mondiale.Continua Tuttavia il progresso della RO non si sarebbe forse verificato se non fosse stato per i suoi sviluppi nelle organizzazioni militari durante la seconda guerra mondiale.ContinuaContinua

6 I responsabili militari inglesi si rivolsero agli scienziati per chiedere il loro aiuto, quando iniziò lattacco aereo tedesco sulla Gran Bretagna. Laiuto specifico chiesto agli scienziati riguardava ladozione del radar nella strategia di difesa aerea. Laiuto specifico chiesto agli scienziati riguardava ladozione del radar nella strategia di difesa aerea. Piccoli gruppi di scienziati, provenienti da diverse discipline, lavorarono su questi problemi con notevole successo nel 1939,1940. Questi gruppi di scienziati venivano generalmente assegnati i responsabili delle operazioni militari e quindi il loro lavoro divenne noto come Ricerca Operativa. Questi gruppi di scienziati venivano generalmente assegnati i responsabili delle operazioni militari e quindi il loro lavoro divenne noto come Ricerca Operativa. Durante la guerra altri gruppi di scienziati fiancheggiarono i responsabili militari americani, è da ricordare lo studio fatto per approvvigionare i reparti militari che Durante la guerra altri gruppi di scienziati fiancheggiarono i responsabili militari americani, è da ricordare lo studio fatto per approvvigionare i reparti militari che operavano in Africa od in Europa, in modo da rendere minime le perdite causate dagli attacchi aerei tedeschi durante lattraversamento dellOceano Atlantico. operavano in Africa od in Europa, in modo da rendere minime le perdite causate dagli attacchi aerei tedeschi durante lattraversamento dellOceano Atlantico. Si trattava di scegliere tra convogli di grosse dimensioni e superdifesi e piccoli convogli con una difesa più agile e meno dispendiosa. Per la cronaca fu scelta questa seconda via. Dopo la guerra, questi operatori vennero, poco a poco, assorbiti dallindustria, dalle aziende di consulenza, da università e da organizzazioni statali. Oggi la maggior parte delle grandi imprese si serve della RO. Nel 1957 fu stabilita la International Federation of Operational Research Premesse (continua) Sommario

7 Definizione di ricerca operativa Dare una definizione di RO per dichiararne gli scopi e farne intendere la natura non è facile. Si potrebbe definire: L arte di rispondere male a quei quesiti a cui altrimenti si risponderebbe peggio L arte di rispondere male a quei quesiti a cui altrimenti si risponderebbe peggio Questa definizione, più che una battuta, vuole mettere in evidenza la difficoltà di applicazione, ma nello stesso tempo, la necessità della ricerca operativa. Fra le molte definizioni che si sono date la migliore è da ritenere questa: La Ricerca Operativa è la preparazione scientifica delle decisioni La Ricerca Operativa è la preparazione scientifica delle decisioni Più precisamente: La Ricerca operativa è lapplicazione del metodo scientifico da parte di gruppi interdisciplinari a problemi che implicano il controllo di sistemi organizzati (uomo-macchina) allo scopo di fornire soluzioni che meglio servano alle finalità dellorganizzazione nel suo insieme. La Ricerca operativa è lapplicazione del metodo scientifico da parte di gruppi interdisciplinari a problemi che implicano il controllo di sistemi organizzati (uomo-macchina) allo scopo di fornire soluzioni che meglio servano alle finalità dellorganizzazione nel suo insieme. Sommario

8 Fasi di una ricerca operativa 1 – Formulazione del problema 2 – Raccolta dei dati 3 – Costruzione del modello matematico 4 – Ricerca di una soluzione 5 – Controllo del modello e della soluzione 6 – Attuazione e aggiornamento della soluzione Sommario

9 Formulazione del problema Contrariamente agli esempi didattici, i problemi pratici sono comunicati ad un gruppo di RO in modo vago ed impreciso. E quindi necessario ben determinare gli obbiettivi appropriati, i vincoli da porre, le intercorrelazioni tra il settore da studiare e gli altri settori dellorganizzazione ecc… Questa fase è fondamentale, perché influenza molto le conclusioni dello studio e sfocia nella seconda fase dello studio cioè la raccolta dei dati. Fasi

10 Costruzione del modello matematico I modelli matematici sono rappresentazioni astratte di situazioni reali espresse in termini di simboli ed espressioni matematiche. Ci sarà sempre una funzione obbiettivo (o funzione di utilità, o funzione economica) da massimizzare(ricavi, profitti, vendite) o minimizzare(costi, perdite, macchinari, infrastrutture); tale funzione dipenderà da una o più variabili dazione (o variabili di decisione) di cui si dovranno determinare i rispettivi valori. Le variabili spesso sono legate tra di loro, e devono sottostare a determinate limitazioni. Tutto questo sarà rappresentato nel modello da equazioni e da disequazioni. Fasi

11 Ricerca di una soluzione Creato il modello matematico, si cerca, se esiste, la soluzione ottimale, o con i metodi della matematica classica, o con metodi di analisi numerica, oppure con tecniche di iterazione partendo da una soluzione e cercando di migliorarla. Una soluzione ottimale è quella che massimizza o minimizza (a seconda dei casi) la misura del rendimento in un modello. Lottimizzazione produce, quindi, la soluzione ottima del problema che viene formulato sotto forma di modello. Poiché un modello non è mai una rappresentazione perfetta del problema reale, la soluzione non è mai la migliore soluzione del problema, ma tanto più si avvicinerà alla migliore soluzione quanto più il modello sarà ben costruito. Fasi

12 Controllo del modello e della soluzione Trovata la soluzione ottimale nel modello, bisogna verificare la corrispondenza tra il modello e la realtà e la soluzione deve essere valutata. In pratica il funzionamento del modello deve essere confrontato con la politica o la procedura che deve sostituire. Alcuni controlli utili per il modello sono questi : Controllare se esistono errori banali ( di trascrizione, di calcolo, …), se si sono dimenticati fattori o relazioni importanti. Controllare che tutte le espressioni matematiche siano dimensionalmente coerenti con le unità di misura usate. Variare i parametri di input, le variabili di decisione e controllare se i risultati sono attendibili. Fasi

13 Attuazione e aggiornamento della soluzione Dato che lobbiettivo della RO non è solo quello di produrre rapporti ma, soprattutto, di migliorare il comportamento di sistemi, i risultati devono essere praticamente attuati, dopo essere stati accettati da coloro che devono prendere delle decisioni. A questo punto si fa l ultima prova e valutazione della ricerca. Infine, se la decisione oggetto dello studio dovrà essere presa più volte, bisognerà controllare il modello in modo che si adegui sempre più alla realtà, e se occorre, aggiornarlo. Fasi

14 Problemi di scelta Condizioni di certezzaCondizioni di incertezza Effetti ImmediatiEffetti differiti Campo di scelta discreto Campo di scelta continuo Ogni via dà un risultato In funzione di una variabile Ogni via dà un unico risultato Ad una variabile dazioneA più variabili d azione Investimenti finanziariInvestimenti industriali Effetti immediati Effetti differiti Sommario

15 Esempi Effetti Immediati Effetti differiti Condizioni Certezza Condizioni Incertezza Effetti Immediati Effetti differiti Campo di scelta Discreto Campo di scelta Continuo Sommario 1 Variabile 2 o più Variabili

16 Campo scelta discreto Ad una industria viene richiesta la fornitura di un prodotto fabbricato in serie di 200 pezzi ciascuna, in quantità non inferiore a 1200 pezzi giornalieri. Il prezzo per la fornitura di una sola serie al giorno è di L , per due serie è di L ciascuna, per tre serie di L ciascuna, e cosi via. Il costo di fabbricazione è di L per ogni serie, più L giornaliere fisse. Determinare il numero più conveniente di serie da fabbricare ogni giorno, tenendo presente che esso non può essere maggiore di 15. Soluzione Soluzione Per trasportare della merce, ci si può servire di 3 imprese A, B, C, le quali offrono i loro servizi alle seguenti condizioni : A) L a tonnellata B) L fisse, più L a tonnellata C) L fisse, più L a tonnellata Determinare quando sarà più conveniente servirsi di ciascuna delle tre imprese. Soluzione Per il noleggio di un autocarro è previsto un compenso di L 80 al Km più un canone fisso giornaliero. L utente può scegliere il canone tra i seguenti : A) L con 100 Km gratuiti B) L con 200 Km gratuiti C) L con 300 Km gratuiti Determinare l alternativa più conveniente a seconda della distanza giornaliera da percorrere. Soluzione Esempi

17 Campo scelta

18 Fino a 100 tonnellate Impresa A Campo scelta Tra 100 e 200 Impresa B Oltre 200 impresa C Impresa A Impresa B Impresa C

19 Campo scelta Canone B fino a 262,5Fino Km 162,5 canone APoi canone C

20 Campo Scelta continuo con una variabile azione Un industria può produrre al massimo litri di birra al giorno.Il prezzo unitario base di vendita è L 250 al litro, e diminuisce proporzionalmente alla quantità x venduta secondo la seguente relazione 250 – 0,002 x, cioè del 2 per 1000 per ogni litro venduto. Il costo di produzione giornaliera comporta una spesa di L più 40 – 0,001x per ogni litro prodotto. Determinare la quantità di birra da produrre per ottenere il massimo guadagno supponendo che tutta la produzione venga venduta. Soluzione I dati relativi a un magazzino di una industria sono i seguenti a) Consumo giornaliero di materia prima : 100 q b) Costo di magazzinaggio : L 5 al q/giorno c) Spesa fissa per ordinazione : L Determinare il Lotto economico di acquisto ed il numero di ordinazioni annue Teoria Teoria SoluzioneSoluzione In una fabbrica di scarpe si sostiene una spesa fissa giornaliera di L più una spesa per ogni paio di scarpe, variabile secondo la legge ,4 x Dove x è il numero di paia di scarpe prodotto giornalmente. Determinare x in modo tale che il costo di un paio di scarpe sia minimo, nelle due ipotesi : a) Che la massima capacità produttiva sia di paia al giorno b) Che la massima capacità produttiva sia di paia al giorno. Soluzione Esempi

21 Funzione obbiettivo P(x)=R(x)-C(x)= - 0,0019x^ x – (Parabola) Massimo nel Vertice x = Campo scelta continuo

22 Problema delle scorte di magazzino (Lotto economico dacquisto) Un tipico problema di scelta nel continuo è il problema delle scorte di magazzino. Si tratta di minimizzare i costi di approvvigionamento e di stoccaggio di materia prima che occorre ad una impresa nel suo ciclo di produzione. Dobbiamo considerare tre tipi di costo : Costi della materia prima Costi fissi per ogni ordinazione Costi di magazzinaggio Osserviamo subito che, per limitare i costi di ordinazione, bisognerebbe fare poche ordinazioni ma di grosse quantità, questo però aumenterebbe i costi di magazzino. Infatti i costi di magazzinaggio dipendono dalla quantità immagazzinata. Per costruire il modello matematico (in questo caso il modello sarà una iperbole non equilatera) facciamo alcune astrazioni : Il consumo di materia prima sia costante nellunità di tempo Il prezzo unitario di acquisto sia costante (non ci siano sconti di quantità) Le spese di magazzinaggio siano direttamente proporzionali alla quantità immagazzinata La funzione obbiettivo Y, da minimizzare, è il costo complessivo (Costo della materia prima + Costi fissi per tutte le ordinazioni annuali + Costi per lo stoccaggio ). Essa dipende dalla quantità X di materia prima di ogni ordinazione e dal numero di ordinazioni. Indicato con Q il fabbisogno annuo di materia prima, il numero di ordinazioni è Q/X. Chiamiamo C1 il costo fisso di ogni ordinazione Chiamiamo C2 il costo di stoccaggio espresso in L/unità-giorno(Es. L 5 al quintale per ogni giorno) Avendo supposto che il consumo sia costante nel periodo di tempo la giacenza in magazzino sarà X all inizio del periodo e nulla cioè 0 alla fine. Mediamente sarà (X+0)/2, cioè X/2. ( Grafico)Grafico Continua

23 Problema delle scorte di magazzino (continua) Troviamo, ora, il costo totale da minimizzare, esso è dato da : Costo totale di ordinazione C1*(Q/X) Costo di magazzinaggio (x/2)*C2*360 = 180 * C2 * X Y = 180*C2*X + C1*(Q/X) Funzione del tipo Y=aX + b/X Per trovare il Minimo vediamo dove si annulla la derivata prima: La soluzione negativa per x non va accettata perché nel nostro caso è priva di significato. Campo scelta continuo

24 Il lotto economico dacquisto è 2000 e si fanno 18 ordinazioni allanno. Derivata prima Valori che annullano la derivata prima Minimo

25 La funzione obbiettivo è il costo medio, da minimizzare Ipotesi A: Per minimizzare il costo medio bisogna produrre fino al massimo della capacità produttiva, paia al giorno con il costo di L al paio. Ipotesi B: Per minimizzare il costo medio bisogna produrre paia al costo di L al paio. Campo scelta continuo Capacità Produttiva Ipotesi A Capacità Produttiva Ipotesi B Derivata prima Valori che annullano la Derivata prima

26 Problemi tipici di questo tipo sono quelli risolvibili con la programmazione lineare Esempi In un deposito, di una casa editrice, che può portare 120 q, si possono immettere per un volume massimo di 16 m cubi, due tipi di pacchi contenenti rispettivamente 10 dizionari di formato piccolo e 10 di formato grande: Ogni pacco del primo tipo ha volume di 0,01 m cubi e pesa 5 Kg Ogni pacco del secondo tipo ha volume di 0,02 m cubi e pesa 20 Kg Nellipotesi che tutti i pacchi siano venduti e che il prezzo di ogni dizionario piccolo sia di L e quello di formato grande sia di L , determinare la ripartizione dei pacchi che consenta il massimo ricavo. Soluzione Soluzione Facciamo ora un esempio di funzione obbiettivo non lineare Un impresa produce due beni x ed y, la funzione costo è data da C = 140x + 190y I prezzi di vendita sono p1 e p2 rispettivamente per x e per y, dove p1 = 660 – 0,8x – 0,2y e p2 = 620 – 0,6x – 0,4y. Determinare la quantità di x e quella di y che massimizzano il profitto. Soluzione Soluzione Unindustria fabbrica due tipi di prodotto A e B che richiedono rispettivamente 20 e 30 minuti di macchina e 20, 10 minuti di lavoro manuale. La fabbrica può disporre al massimo di 1200 ore-macchina e di 800 ore-operaio. Determinare le quantità dei due prodotti che conviene produrre giornalmente per avere il massimo utile, sapendo che la vendita di una unità di A procura un utile di L ed una unità di B L SoluzioneSoluzione

27 Regione ammissibile Vertici z(0,0)=0 z(0,2400)= z(2400,0)= z(1800,1200)= Massimo Programmazione lineare Modello Matematico A(0,0); C(2400,0);D(1800,1200) B(0,2400); Valori

28 Modello matematico Regione ammissibile Vertici z(0,0)=0 z(1600,0)= z(0,600)= z(800,400)= Massimo Programmazione lineare A(0,0); B(1600,0); C(0,600); D(800,400). 6

29 z= z= ,5 425 Evidenziamo solo la parte positiva della funzione obiettivo, in quanto la parte negativa non ci interessa Tracciamo le curve di livello con z=0 z= z= z= z= Massimo x=112,5 y=425 Programmazione lineare

30 Problema delle scorte di magazzino (Lotto economico dacquisto)


Scaricare ppt "Ricerca operativa Teoria delle decisioni Sommario Introduzione Fasi di uno studio di ricerca operativa Definizione di ricerca operativa Premesse Problemi."

Presentazioni simili


Annunci Google