La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COORDINAMENTO NAZIONALE COUNSELLOR PROFESSIONISTI Regione Lombardia Il counselling nel lavoro di rete COUNSELLING E SVILUPPO DI RETE INTERFUNZIONALE IN.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COORDINAMENTO NAZIONALE COUNSELLOR PROFESSIONISTI Regione Lombardia Il counselling nel lavoro di rete COUNSELLING E SVILUPPO DI RETE INTERFUNZIONALE IN."— Transcript della presentazione:

1 COORDINAMENTO NAZIONALE COUNSELLOR PROFESSIONISTI Regione Lombardia Il counselling nel lavoro di rete COUNSELLING E SVILUPPO DI RETE INTERFUNZIONALE IN AZIENDA Mirko Zilia – Scuola Strategie Creative 2° incontro regionale Sabato 24 novembre 2012 Milano

2 Direttore Logistica Customer Service PlanningDistribuzioneQualitàMagazzino RETE DI TEAM RETE INTERFUNZIONALE LA RETE IN AZIENDA La rete in azienda è intesa come l insieme di tutte le relazioni nel sistema azienda o nei suoi sotto sistemi. Rete di I° Livello >>> insieme delle relazioni all interno di un team Rete di II° Livello >>> insieme delle relazioni tra team o funzioni diverse (Rete Interfunzionale) AZIENDA MULTINAZIONALE Sono Responsabile del Team di Controllo Magazzino. Ho introdotto un Focus Group come tirocinio del II° anno del Corso di Counselling

3 MACRO SISTEMA: AZIENDA DIRETTORE DIRIGENTI DI AREA RESPONSABILI DI FUNZIONE TEAM LEADER OPERATIVI INFORMAZIONI SU OBIETTIVI INFORMAZIONI SULLE PERSONE Ansie Frustrazioni Idee Strategia Obiettivi Decisioni

4 INQUADRAMENTO DEL FOCUS GROUP NEL SISTEMA AZIENDA Obiettivi aziendali -Specializzazione -Produttività -Efficienza Persone -Motivazione -Proattività -Disagio -Insoddisfazione Focus Group Ascolto delle persone finalizzato al benessere del team nel rispetto dei compiti e delle responsabilità aziendali

5 Introduzione del Focus Group in azienda Counsellor costruisce rete nell azienda Negoziazione con il Management a) Possibilità di svolgere il focus group durante l orario lavorativo; b) Inquadramento del focus group come progetto e comunicazione dei risultati attesi; c) Ottenimento di una sponsorizzazione da parte del management d) Chiarire modalità di applicazione (no standardizzazione) Negoziazione con il Team a) Possibilità di introdurre il focus group come attività extra da svolgere durante l orario lavorativo; b) Ascolto delle reazioni delle persone per capire la reale motivazione Team Leader >>> COUNSELLOR Getta le basi per aprire un canale di comunicazione tra management e persone. Obiettivi e Modalità del focus group sono chiari a tutti

6 Presentazione del Focus Group al Team Counsellor costruisce rete nel team RESPONSABILE DI FUNZIONE Persona 1Persona 2Persona 3Persona 4Persona 5Persona 6Persona 7 TEAM LEADER Counsellor Persona 1 Persona 2 Persona 3 Persona 4 Persona 5 Persona 6 Persona 7 COUNSELLOR ALL INTERNO DEL TEAM -Introduzione - Programma del focus group - Definizione degli obiettivi Modello Lineare Modello Circolare

7 Primo e secondo incontro: analisi dei bisogni e discussione degli stati d animo a)Condivisione di bisogni, emozioni, stati d animo; b)Ascolto degli altri c)Rispetto reciproco (tempo che ognuno prende nella discussione) Counsellor Persona 1 Persona 2 Persona 3 Persona 4 Persona 5 Persona 6 Persona 7 Primi incontri di Focus Group: Le persone acquisiscono individualità nel sistema team Solitudine Mi inserisco in un team dove posso condividere ansie e frustrazioni Consapevolezza Esplicitazione e condivisione stati d animo Monotonia Ampliamento visione individuale del proprio lavoro Valore del lavoro Dare significato al proprio lavoro

8 Rete di primo livello Costruzione della rete all interno del team Terzo incontro: definizione delle azioni a)Partecipazione: Incontri di aggiornamento quotidiano b)Riconoscibilità: Pubblicizzazione all esterno delle aree di competenza c)Controllo: Mappatura condivisa delle attività/progetti con relativo owner Counsellor Persona 1Persona 2Persona 3Persona 4Persona 5Persona 6Persona 7 Alignment In ogni momento le persone sono aggiornate Engagement Maggior coinvolgimento e entusiasmo Empowerment Responsabilizzazione delle persone MODELLO INTERLOCUTORIO

9 Osservazione dei comportamenti nella quotidianità Crescita della rete di primo livello a)Ruolo del team leader >>> da DECISORE a COUNSELLOR/COACH/FACILITATORE DI RELAZIONI b)Ruolo dei componenti >>> da ESECUTORI a RESPONSABILI c)Relazione >>> Viva, quotidiana, dinamica >>> Genera ENERGIA d)Attività >>> da COMPITI SPECIFICI a PROCESSI Counsellor Persona 1Persona 2Persona 3Persona 4Persona 5Persona 6Persona 7 Sinergie Conoscenza reciproca Risparmio attività ridondanti Collaborazione Condivisione obiettivi Creazione nuova Energia Ampliamento competenza Proattività Entusiasmo Condivisione idee DELEGA Autonomia Crescita del TL e dei componenti Flessibilità FIDUCIA

10 Direttore Logistica Customer Service PlanningDistribuzioneQualitàMagazzino Counselor Persona 1Persona 2Persona 3Persona 4Persona 5Persona 6Persona 7 Negoziazione Obiettivi contrastanti Priorità diverse Energia Trasferimento energia positiva Condivisione idee e competenze Progetti interfunzionali Risoluzione contrasti Sinergie Co-costruzione Rete di secondo livello: Rete interfunzionale

11 Rete Aziendale Team Leader Persona 1 Persona 2 Persona 3 Persona 4 Persona 5 Persona 6 Persona 7 Team Leader Persona 1 Persona 2 Persona 3 Persona 4 Persona 5 Persona 6 Persona 7 Team Leader Persona 1 Persona 2 Persona 3 Persona 4 Persona 5 Persona 6 Persona 7 Team Leader Persona 1 Persona 2 Persona 3 Persona 4 Persona 5 Persona 6 Persona 7 Team Leader Persona 1 Persona 2 Persona 3 Persona 4 Persona 5 Persona 6 Persona 7 Team Leader Persona 1 Persona 2 Persona 3 Persona 4 Persona 5 Persona 6 Persona 7 SUPPLY PRODUZIONE AMMINISTRAZIONE MARKETING VENDITE MANAGEMENT Team Leader Persona 1 Persona 2 Persona 3 Persona 4 Persona 5 Persona 6 Persona 7 FINANZA


Scaricare ppt "COORDINAMENTO NAZIONALE COUNSELLOR PROFESSIONISTI Regione Lombardia Il counselling nel lavoro di rete COUNSELLING E SVILUPPO DI RETE INTERFUNZIONALE IN."

Presentazioni simili


Annunci Google