La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

5. Strategie di marca nei mercati internazionali Marketing Internazionale Prof.ssa Roberta Pezzetti Dipartimento di Economia - a.a. 2008-2009

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "5. Strategie di marca nei mercati internazionali Marketing Internazionale Prof.ssa Roberta Pezzetti Dipartimento di Economia - a.a. 2008-2009"— Transcript della presentazione:

1 5. Strategie di marca nei mercati internazionali Marketing Internazionale Prof.ssa Roberta Pezzetti Dipartimento di Economia - a.a Orario di ricevimento: martedì ore – studio n. 11

2 Marketing Internazionale 2 Le funzioni della marca per il cliente nei mercati B2C. Le funzioni della marca per il produttore nei mercati B2C. Le funzioni della marca nei mercati B2B.

3 Marketing Internazionale 3 Funzione di orientamento Il cliente percepisce la marca come un messaggio che racchiude uno specifico assortimento di attributi, tangibili e intangibili; queste informazioni sono utilizzate per orientare e guidare le proprie scelte di acquisto Funzione di praticità Se ben concepita, è facilmente memorizzabile e riconoscibile e permette comportamenti di acquisto abitudinari che riducono i tempi di selezione e scelta Funzione di garanzia Rendendo riconoscibile il produttore, e il messaggio che veicola, lo responsabilizza nei confronti dei clienti e del mercato; lopposizione dei movimenti dei consumatori ai prodotti senza marca si spiega in questi termini

4 Funzione di personalizzazione Attraverso la scelta di una marca, il cliente comunica socialmente il suo sistema di valori, di preferenze, lo stile di vita… Funzione ludica Il lancio di una nuova marca è anche associato a dare al consumatore la possibilità di sperimentare, nelle società opulente, nuovi prodotti, nuove emozioni, nuove sensazioni Marketing Internazionale 4

5 5 Funzione di posizionamento Corrisponde alla funzione di orientamento ma dal lato del produttore; la marca consente di posizionarsi rispetto ai concorrenti e di differenziare i propri prodotti; trova riflesso nella comunicazione pubblicitaria Funzione di comunicazione La marca consente di comunicare con i clienti a prescindere da azioni di comunicazione specifiche (forza del logo), riducendo il potere delle grandi catene distributive Funzione di protezione Attraverso i diritti di proprietà (marchi registrati, brevetti, copyright) limpresa si protegge da contraffazioni e imitazioni; dal 1993 è istituita a livello europeo una nozione comunitaria di marca

6 Funzione di capitalizzazione La marca, nel tempo, rappresenta un patrimonio intangibile, frutto di svariati anni di investimenti pubblicitari, comunicativi, produttivi, di R&S…Conferisce stabilità e consente di pianificare investimenti a lungo termine Funzione di fedeltà La marca permette di creare una relazione fiduciaria con i clienti, orientata al lungo termine, basata sulla continua capacità dellimpresa di soddisfare le attese dei clienti (customer satisfaction) Funzione di barriera allentrata Linsieme delle precedenti funzioni trasforma la marca in una potente barriera allentrata nel mercato/settore/segmento da parte dei concorrenti che ne disincentivo lingresso Marketing Internazionale 6 Le funzioni della marca per il produttore nei mercati B2C

7 Marketing Internazionale 7 Sono simili a quelle delle marche dei prodotti di largo consumo, ad eccezione della funzione ludica. Caratteristiche proprie dei mercati industriali sono: lacquistabilità: possibilità per il grande pubblico di acquistare o meno il prodotto industriale, considerandolo isolatamente; nei due casi la marca industriale avrà un ruolo diverso, o persino limitato al cliente incorporatore la visibilità: possibilità per il grande pubblico di conoscere la marca di un bene industriale

8 Funzione di rintracciabilità: nei mercati B2B la marca ha una funzione di orientamento molto forte conferendo certezza dellautenticità del prodotto, qualità, sicurezza di riparazione sostituzione, assistenza post vendita estesa… La rintracciabilità rappresenta dunque la risposta della marca allaspettativa di rassicurazione del cliente per se stesso e per i suoi clienti Funzione di facilitazione: consistono nel soddisfacimento attraverso la marca di una serie di aspettative positive: 1. agevolazioni della performance di produzione del cliente 2. agevolazione della performance di innovazione del cliente 3. agevolazione della performance di marketing del cliente 4. agevolazione del processo decisionale del cliente (consenso più rapido dei centri di acquisto e maggiore accettazione di innovazione di prodotto/processo da parte del fornitore) Marketing Internazionale 8

9 Industria edile: Acova, Grohe, Lafarge, Llegrand, Somfy, Villeroy & Bosh Industria dellimballaggio: Ato, BSN, Combibloc, Elopack, Mead, Saint Gobain Emballages, Tetra Pack Industria degli accessori auto Bertrand Faure, Bosh, Michelin, Sommer Allibert, Valeo Industrial tessile DMC, Goro-Tecx, Lycra, Tactel, Tergal, Woolmark Si tratta di marche spesso sconosciute al grande pubblico, ma assai note alle imprese industriali Marketing Internazionale 9

10 Nei mercati globali, un brand vincente è la risorsa più pregiata di unazienda Marketing Internazionale 10

11 Marketing Internazionale 11 Con il concetto di brand equity si intende il capitale di goodwill accumulato da una marca, derivante dai precedenti investimenti di marketing attuati dallazienda Il termine esprime anche il valore supplementare percepito dal consumatore che si aggiunge al valore funzionale di un prodotto o servizio, quando questo è associato ad una marca specifica. Esso esprime pertanto la forza e il valore (finanziario e dal punto di vista dei consumatori) della marca

12 Parte I - Capitolo 112 MarcaPaeseValore (mld $) NokiaFinlandia35,04 MercedesGermania21,73 Coca ColaUSA60,00 Louis VittonFrancia7,05 IkeaSvezia6,01 GucciItalia5,36 ChanelFrancia4,27 ArmaniItalia1,49 BPUK3,25 ShellUK/Paesi Bassi2,84 Moet & ChandonFrancia2,43 AdidasGermania3,65 HeinekenPaesi Bassi2,27 GuinessUK1,36 CarlsbergDanimarca1,08

13 Le imprese internazionalizzate e globali sono oggi sempre più concentrate sulla creazione di marche internazionali o brand globali Marketing Internazionale Con il termine global brand si definisce luso su scala mondiale di un nome, un termine, un simbolo, un segno (visivo e/o acustico), un progetto o un design, o sempre più una combinazione di questi elementi predisposta al fine di identificare beni o servizi di un venditore e di differenziarli da quelli degli altri concorrenti

14 Marketing Internazionale attributi positivi Il nome della marca racchiude anni di comunicazione pubblicitaria, impegno e professionalità, valutazioni di qualità, product experience e tutto linsieme di quegli attributi positivi che il mercato, col tempo, associa al prodotto. identità strategia aziendale: La brand image rappresenta il nucleo, lelemento centrale dellidentità e dunque della strategia aziendale: i consumatori di tutto il mondo reagiscono a immagini, miti e metafore che li aiutano a definire la propria identità personale e nazionale allinterno di un contesto globale rappresentato dalle culture mondiali.

15 Marketing Internazionale I grandi gruppi multinazionali gestiscono un portafoglio spesso molto ampio di brand, ovvero creano marche locali per meglio posizionare i propri prodotti/servizi nei diversi mercati di riferimento Da alcuni anni, è in atto un processo di ristrutturazione del portafoglio, con la conseguenze eliminazione di brand locali, spesso forti e rilevanti sui mercati locali, ma che non permettono di sfruttare economie di scala a causa dei volumi di vendita contenuti Es. Procter & Gamble alla fine degli anni 90 stava valutando di eliminare il marchio Dash, leader italiano nel mercato dei detersivi, che a livello nazionale costituiva un brand molto forte e una buona fonte di redditività ma esistevano difficoltà a livello di costo, in quanto negli altri mercati europei la marca leader della P&G era Ariel

16 Esempi: Unilever, grande gruppo multinazionale diversificato, ha recentemente eliminato dal suo portafoglio marche, decidendo di concentrarsi solo su 400 brand globali Oréal ha costruito il suo successo su 16 marche globali, concentrando su esse tutte le risorse Nèstlé ha deciso di rafforzare 6 marche globali, tra cui Nescafé e Buitoni Marketing Internazionale 16

17 Marketing Internazionale 17 unimmagine mondiale Un brand globale (spesso il nome dellazienda o talvolta del prodotto capofila), unico per tutti i prodotti (in molti casi adattati ai gusti locali), fornisce allazienda unimmagine mondiale uniforme che accresce lefficienza e il risparmio sui costi di lancio dei suoi nuovi prodotti e di comunicazione: Sony, Adidas, Mercedes-Benz, Virgin, Heinz, Coca Cola, Gillette, Levis, Pampers, Gucci, McDonalds, General Electric, Nivea, …. Tutti i prodotti dellazienda beneficiano della fama e dellimmagine della marca capofila, utilizzata come marca ombrello

18 Lutilizzo di una marca globale e globalizzata determina significative riduzioni di costo anche in termini di R&S, di produzione, logistica, packaging, creando ununica immagine di marca globale La marca globale accellera la velocità di commercializzazione sui mercati internazionali di nuovi prodotti Una marca globale di successo rafforza nei clienti: la brand awareness, legata alla permanenza della marca sul mercato globale nel lungo termine la brand heritage, ovvero il patrimonio di notorietà conferito alla marca dalla sua presenza sul mercato da un lungo periodo di tempo la brand reputation, capitalizzandone la reputazione come marca-emblema Marketing Internazionale 18

19 Laffermazione nel tempo di una marca globale necessita di investimenti in comunicazione e pubblicità elevatissimi; lazienda deve poter stanziare annualmente budget molto consistenti per sostenere il brand name sui mercati internazionali; La marca globale è meno flessibile in termini di prezzi in quanto il prezzo riflette la forza della marca sul mercato; La marca globale è esposta a rischi globali, ove la reputazione venga intaccata da scandali, problemi aziendali …. Marketing Internazionale 19

20 Le marche locali presentano indubbi vantaggi: Sono conosciute nei rispettivi mercati e spesso hanno un legame duraturo e fiduciario con i consumatori locali; in Europa esistono molte più marche locali che globali che dominano in alcuni settori Britishis Petroleum ha acquistato e mantenuto la marca locale leader tedesca Aral In Francia le marche di whisky leader sono locali (Label 5, Clan Campbell, William Peel) In Belgio la marca leader nelle acque minerali non è Evian la Spa

21 Le marche locali rispondono meglio ai bisogni locali e ciò ne facilita il posizionamento Sono più flessibili in termini di prezzi in quanto permettono di offrire prezzi in linea con la forza della marca su quel mercato Sono più facilmente riposizionabili, senza seguire percorsi definiti a livello globale Consentono di equilibrare il portafoglio di marche, riducendo il rischio globale

22 Marketing Internazionale 22 Avvertenze: a. Le aziende che hanno già dei brand locali vincenti devono poter bilanciare i benefici di un brand globale con i rischi di perdere i benefici acquisiti di un brand consolidato localmente ( si pensi ad esempio a Vodafone in Italia con Omnitel). b. Alcuni nomi di brand non si riescono a tradurre efficacemente in più paesi contemporaneamente. La possibile soluzione potrebbe essere lacquisto di un brand locale e il suo adattamento alla famiglia dei brand dellimpresa. c. Lorgoglio nazionale può rappresentare un elemento di complessità nella gestione delle strategie di branding internazionale.

23 Marketing Internazionale

24

25 I nomi della marca e il posizionamento sono globalizzati: la marca fornisce in ogni paese gli stessi attributi (tangibili e intangibili) che possono essere innovazioni difficili da imitare (Pampers, iPod, fotocamere digitali Sony)n oppure fattori emotivi (Gucci, Cartier) Prevale in ambiente economico multinazionale, dove le forze globali sono forti e quelle locali deboli Una tipologia forte di posizionamento da sfruttare a livello globale è basata su stereotipi nazionali riconosciuti nel mondo: la qualità delle auto tedesche, lo stile francese nei profumi, la qualità del cibo italiano, il design svedese nellarredamento, la classicità dellabbigliamento inglese… Es.: Marlboro, Coca Cola, Gillette, Sony, Levis, Prada, Gucci, McDonanlds Nellambito del portafoglio marche di P&G: Oil of Olaz, Ariel, Clearasil, Vicks, Pampers Marketing Internazionale

26 Prevede la globalizzazione della marca e la localizzazione del suo posizionamento: prevale negli ambienti transnazionali, dove le forze – sia locali che globali – sono solide La localizzazione del posizionamento della marca globale si attua con ladattamento delle modalità comunicative e della pubblicità in base al singolo paese, per rispettarne la sensibilità e la cultura del posto Es. Bacardi, Volvo settore camion Marketing Internazionale

27 Armonizza (non standardizza) il posizionamento della marca mantenendo i nomi locali E la strategia adottata, ad esempio, da Unilever e Kraft che hanno sviluppato il loro portafoglio marche attraverso acquisizioni successive E una strategia molto adottata in Europa e meno negli Stati Uniti dove prevale la strategia 1 Idea di fondo: fino a quando è possibile armonizzare i valori di base della marca, il nome non ha grande importanza, a meno che non sia insignificante, in quanto tali nomi costituiscono parte integrante del valore della marca ES. UNILVER ammorbidente Cajoline in Francia, Coccolino in Italia, Mimosin in Spagna, Snuggle in UK; il nome cambia ma la sensazione trasmessa e comunicata è identica: morbidezza da coccolare! Utilizzo in tutti i paesi di un orsacchiotto parlante per spiegare le caratteristiche del prodotto Bastoncini di pesce: Findus in Italia, Birds Eye UK, Iglo Francia ma sempre rappresentato dal famoso capitano Marketing Internazionale

28 E adottata in ambienti in cui le forze locali sono solide mentre quelle globali deboli Prevale nel settore alimentare, dove gusti, aromi, colori sono fattori molto importanti E una strategia di decentralizzazione completa e sempre più difficile da sostenere da unimpresa multinazionale sia sotto il profilo dei costi che della velocità di ingresso nel mercato Es. Tè Lipton In Francia il tè freddo frizzante si chiama Liptonic, in Belgio Lipton Ice Tea, in UK Lipton Ice, in Italia Lipton Ice Tea è una bevanda liscia, e non gasataù Strategia 4. marca livello e posizionamento locale Marketing Internazionale

29 29 Leffetto del paese di origine può essere definito come linfluenza esercitata sulla percezione del consumatore dal paese di origine, nel quale ha luogo la concezione di un dato prodotto, la produzione, lassemblaggio, la progettazione o il design dello stesso: essa può operare sia in senso positivo sia negativo. è possibile che limmagine associata a ciascuno di questi paesi sia in grado di influenzare la percezione complessiva del prodotto o del brand rappresentato Lazienda che oggi compete a livello globale produce i suoi prodotti in tutto il mondo: quando il consumatore diventa consapevole del paese di origine, è possibile che limmagine associata a ciascuno di questi paesi sia in grado di influenzare la percezione complessiva del prodotto o del brand rappresentato.

30 30 si sono sviluppati dallesperienza diretta e indirettamiti I consumatori tendono ad avere degli stereotipi precisi per prodotti e per paesi che si sono sviluppati dallesperienza diretta e indiretta, nonché da veri e propri miti: esistono degli stereotipi diffusi, ma piuttosto vaghi, in merito ad alcuni paesi e ad alcune categorie di prodotti associate: il tè inglese il profumo francese la seta cinese la pelletteria italiana lelettronica giapponese il rum jamaicano e così via… a una categoria di prodottoestesa ad altre categorie di prodotti La natura di questi stereotipi è tipicamente riferita a una categoria di prodotto e solitamente non viene estesa ad altre categorie di prodotti. Marketing Internazionale

31 31 etnocentrismo Letnocentrismo può subire gli effetti del paese di origine; i sentimenti di orgoglio nazionale – leffetto del Buy American per esempio – possono influenzare gli atteggiamenti verso un prodotto straniero. Ad esempio si veda il caso di Honda, che produce quasi completamente negli USA uno dei suoi modelli, descrive quanti siano i componenti prodotti in America.


Scaricare ppt "5. Strategie di marca nei mercati internazionali Marketing Internazionale Prof.ssa Roberta Pezzetti Dipartimento di Economia - a.a. 2008-2009"

Presentazioni simili


Annunci Google