La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Autovalutazione dIstituto A. S. 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE «M. SOI» - LACONI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Autovalutazione dIstituto A. S. 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE «M. SOI» - LACONI."— Transcript della presentazione:

1 Autovalutazione dIstituto A. S. 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE «M. SOI» - LACONI

2 PARTECIPAZIONE GENITORI INFANZIA LACONIPRIMARIA LACONIPRIMARIA NURAGUS SECONDARIA I° LACONI - GENONI QUESTIONARI CONSEGNATI QUESTIONARI RESI PERCENTUALE PARTECIPAZIONE 66%83%70%75%

3 CRITERI DI VALUTAZIONE RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA AREA FORMATIVA ORGANIZZAZIONE, STRUTTURE E SERVIZI

4 La partecipazione dei genitori si aggira mediamente al 70%. La maggioranza partecipa alle riunioni, alle assemblee e ai colloqui e ritiene utile il coinvolgimento degli stessi nella vita scolastica. In base allindagine, lofferta formativa risponde alle aspettative delle famiglie. Complessivamente si ritengono soddisfatti della collaborazione scuola-famiglia, considerano efficace lattività di continuità e orientamento e valutano il servizio scolastico di buona qualità.

5 Suggerimenti Scuola dellInfanzia e Scuola Primaria Riunioni mensili con i genitori; Attività con genitori e figli; Corsi per attività laboratoriali; Più sport, lettura e teatro, più informatica e visite nel territorio, più contatti con la Chiesa; Più chiarezza sui progetti; Più flessibilità nei confronti dei bambini che non mangiano certi cibi volentieri; Far toccare con mano fuori dalla scuola ciò che si studia in classe; Proseguire le attività per tutto il mese di luglio con laboratori;

6 Scuola Secondaria di I^ grado Genoni Frazionare di più incontri coi docenti; Palestra idonea e più laboratorio di lettura, più attività fisica ed educazione ambientale. Laconi Esposizione più approfondita dei programmi, loro realizzazione e, meno compiti nei giorni del rientro. Almeno un incontro al mese : genitori- docenti. Maggiore varietà nei pasti della mensa. Prendere i dovuti provvedimenti nelle diverse situazioni. Classi più pulite. Rispettare i tempi. Si può sempre migliorare. Colloqui per singola classe. Riparare la sala computer, montare le lim e inserire nuove aule, quali arte e inglese e, far uscire gli alunni alla ricreazione in cortile. Informare tempestivamente i genitori (e non aspettare i colloqui programmati) dell'andamento scolastico dei figli. Aumentare i dialoghi scuola-famiglia. Sensibilizzare di più le famiglie che sembrano aver delegato completamente la scuola all'educazione dei figli. Curare molto la coesione e «amalgamento» fra compagni di classe, anche con aiuto pedagogico dal momento che l'individualismo e la prevaricazione del prossimo è la tendenza corrente.

7 PARTECIPAZIONE ALUNNI PRIMARIA LACONI PRIMARIA NURAGUS SECONDARIA LACONI SECONDARIA GENONI QUESTIONARI CONSEGNATI QUESTIONARI RESI PERCENTUALE PARTECIPAZIONE 97%93%98%

8 CRITERI DI VALUTAZIONE AREA FORMATIVA ORGANIZZAZIONE CLIMA RELAZIONALE

9 La partecipazione degli alunni è alta. Per quanto concerne la Scuola Primaria, la maggioranza dei bambini viene a scuola con piacere, una piccola percentuale risponde «in parte». Gli alunni si sentono apprezzati dagli insegnanti e non hanno avuto grosse difficoltà nel relazionarsi con gli stessi e con i compagni. A volte, i bambini, hanno difficoltà nel svolgere i compiti a casa e ritengono che alcuni giorni della settimana siano pesanti. Lindagine relativa agli alunni della Scuola Secondaria di I^ grado evidenzia un buon grado di soddisfazione relativa al rapporto insegnante-alunno poiché la maggior parte dichiara di aver ricevuto un adeguato aiuto nei momenti di difficoltà. I ragazzi hanno trovato a scuola un ambiente sereno e piacevole, hanno instaurato nuove amicizie. Buona parte ritiene di aver potuto sviluppare e valorizzare le proprie attitudini. I compiti a casa non sempre sono considerati in quantità adeguata e nell'orario settimanale le materie sono state distribuite in modo equilibrato, nell'arco della settimana solamente in parte.

10 Suggerimenti Scuola Primaria Meno compiti e più ricreazione; Migliorare l'attrezzatura della palestra, fornire un armadietto per ogni alunno, Tv in aula e giocattoli nuovi. Scuola Secondaria Meno compiti soprattutto il giorno del rientro e distribuzione più adeguata di materie pesanti come: spagnolo, geografia, italiano. Nei pomeriggi: materie meno pesanti di matematica e antologia. La ricreazione è troppo breve (anche nel dopo-mensa), non si fa in tempo a finire il panino. Vorremmo i banchi uniti e più puliti. Zaini esageratamente pesanti, soprattutto nei giorni di rientro. Le materie pesanti sono tutte lo stesso giorno. Si potrebbe lasciare qualche libro in classe e non mettere storia il giorno dopo. Più laboratori alla fine dellanno, quando si è più stanchi. Esistono anche le attività sportive.

11 Arieggiare di più i bagni dei maschi; A Genoni la palestra dovrebbe essere più agibile e si dovrebbe intensificare lattività fisica rispetto alla teoria. Ristrutturare aula arte; Meno compiti nei rientri e nel fine settimana; Gite interessanti e più durature, anche oltre mare; Istituire lavagne tecnologiche, dunque più tecnologia a scuola; Eseguire i lavori di ristrutturazione dei locali d'estate e non nel periodo scolastico, per avere la dovuta attrezzatura; Meno compiti nelle vacanze; I professori devono metterci più a nostro agio; Troppe ore di alcune materie, poche di altre, quali spagnolo. Si chiede cortesemente di sfruttare di più le aule computer, arte e gli spazi del cortile per la ricreazione. Riabilitare tutte le ali della scuola.

12 PARTECIPAZIONE INSEGNANTI INSEGNANTI PRIMARIA INSEGNANTI SECONDARIA QUESTIONARI CONSEGNATI 1719 QUESTIONARI RESI 1618 PERCENTUALE PARTECIPAZIONE 94%95%

13 CRITERI DI VALUTAZIONE CLIMA RELAZIONALE ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE

14 La partecipazione del personale docente è molto alta. Lambiente di lavoro nella Scuola Primaria risulta piacevole e sereno nella maggior parte delle risposte, qualche disagio è legato alle relazioni con lo staff e in rarissimi casi con la dirigenza e i genitori degli alunni. Tutti conoscono adeguatamente il POF e considerano adeguata lorganizzazione del Collegio dei docenti, del Consiglio di interclasse e la gestione dei processi allinterno dellIstituto da parte del Dirigente Scolastico. La maggior parte ritiene che i progetti cui ha aderito siano scaturiti dai bisogni degli alunni. Non tutti ritengono di essere opportunamente e tempestivamente informati su tutto ciò che avviene nellIstituto. Lo spazio a disposizione per alcuni non è sufficiente per la programmazione e lattuazione dell'attività didattica. Quasi tutti ritengono utili i corsi di formazione/aggiornamento professionale.

15 Nella Scuola Secondaria si I^ grado la quasi totale maggioranza degli insegnanti trova lambiente di lavoro piacevole e sereno; qualche disagio è legato al team di classe, alle relazioni con staff, dirigenza e genitori degli alunni. Tutti ritengono di essere informati tempestivamente e opportunamente informati su tutto ciò che avviene nellIstituto. Lo spazio e gli strumenti per la programmazione e lattuazione dellattività didattica sono considerati insufficienti. La maggioranza ritiene di conoscere adeguatamente il POF e che i progetti cui ha aderito siano scaturiti dai bisogni degli alunni. Lorganizzazione del Collegio Docenti e del Consiglio di classe è adeguata e la gestione/organizzazione dei processi allinterno dellIstituto sono, per la maggior parte delle risposte, coordinate dal Dirigente Scolastico in maniera appropriata. Quasi tutti ritengono utili i corsi di formazione/aggiornamento professionale.

16 Suggerimenti Scuola Primaria Sala giochi e spazi più confortevoli nella Scuola Primaria di Nuragus. Scuola Secondaria di I^ grado Genoni Dialogo per il superamento del disagio nell'ambiente di lavoro. Meno riunioni. Laconi Acquisto di materiale didattico e di facile consumo e apertura aule chiuse; Incontri separati per ordini di scuole e solo sporadici incontri unitari; curare l'accoglienza e il dialogo. Pubblicare e affiggere in bacheca eventuali impegni al momento in cui vengono confermati; Miglioramento dei finanziamenti e degli strumenti che il ministero non elargisce; meno progetti;

17 Cambiamento del documento di valutazione: tabelle, voti, discipline e comportamento compresi; Maggiore continuità nel seguire casi di alunni in difficoltà di vario tipo. Creare una rete d'utenza territoriale in riferimento a tipologie dei corsi, secondo l'interesse personale e le esigenze professionali; Maggiore partecipazione da parte di tutti i docenti e, continuità fra scuola, famiglia, assistenti sociali e psicologi.

18 PERSONALE ATA QUESTIONARI CONSEGNATI 12 QUESTIONARI RESI 7 PERCENTUALE PARTECIPAZIONE 58%

19 CRITERI DI VALUTAZIONE ORGANIZZAZIONE RAPPORTI E PARTECIPAZIONE ORGANIZZAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

20 INSUFF.SUFF.BUONOOTTIMO ORGANIZZAZIONE 1. È soddisfatto del suo orario di lavoro I carichi di lavoro sono divisi in modo equo e funzionale al servizio Ritiene che il materiale in dotazione sia sufficiente ed adeguato Ritiene che il materiale e gli strumenti di lavoro siano adeguati e funzionali Sono definite in modo adeguato le varie funzioni e le relative responsabilità 232 RAPPORTI E PARTECIPAZIONE 1. Collaborazione con i colleghi Rapporti con i docenti Rapporti con il Dirigente Rapporti con il DSA Il DSA traduce in soluzioni operative le decisioni prese in sede di riunione Il DSA promuove un clima di collaborazione tra il personale dei diversi profili Ritiene importante partecipare a corsi di formazione che favoriscono lo sviluppo professionale 214 SPAZI DELLA SCUOLA 1. Ritiene che i locali siano funzionali allo svolgimento delle sue attività Ritiene che il livello di pulizia dei locali e dei servizi sia adeguato 34 AUTOVALUTAZIONE 1. Ritiene che il suo contributo favorisca il buon andamento dellorganizzazione scolastica Ritiene di collaborare in modo efficace con le altre componenti dellorganizzazione scolastica 25

21 I rapporti di collaborazione con i colleghi, i docenti, il D. S. e il D. S. A. sono soddisfacenti. I locali sono considerati funzionali allo svolgimento delle attività, anche se non sempre gli strumenti sono sufficientemente adeguati alle funzioni e alle relative responsabilità. Generalmente si ritiene che il proprio contributo favorisca il buon andamento dellorganizzazione scolastica, grazie anche alla collaborazione efficace con le altre componenti dellIstituto.

22 GRAZIE PER LATTENZIONE! Le docenti: Laura Fontana e Luisa Manca


Scaricare ppt "Autovalutazione dIstituto A. S. 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE «M. SOI» - LACONI."

Presentazioni simili


Annunci Google