La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Paolo Pedrinelli Carrara IL SISTEMA QUALITÀ NELLA SCUOLA DELLA RIFORMA Caserta 20-04-2001.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Paolo Pedrinelli Carrara IL SISTEMA QUALITÀ NELLA SCUOLA DELLA RIFORMA Caserta 20-04-2001."— Transcript della presentazione:

1 Paolo Pedrinelli Carrara IL SISTEMA QUALITÀ NELLA SCUOLA DELLA RIFORMA Caserta

2 FASI EVOLUTIVE DELLA QUALITÀ NEL MONDO OCCIDENTALE L'ABILITA' ARTIGIANALE (fino al 1910 circa) IL COLLAUDO (fino al 1920 circa) IL CONTROLLO QUALITA (dal 1920 circa) IL SISTEMA QUALITA (dal 1940 circa) LA GARANZIA DELLA QUALITA (dal 1970 circa) LA QUALITA' TOTALE (dal 1970 circa) 1 a Fase 2 a Fase 3 a Fase 4 a Fase 5 a Fase 6 a Fase

3 SCHEMATIZZAZIONE DI UN SISTEMA QUALITÀ DOCUMENTATO 009 PROCEDURE TECNICHE O ISTRUZIONI ORIENTAMENTO SCOLASTICO MANUALE DELLA QUALITA' PROCEDURE GESTIONALI DELLA QUALITA' ATTIVITÀ DIDATTICA ECONOMATO MAGAZZINO QUALITÀ

4 NORME di RIFERIMENTO INTERNAZIONALI SERIE ISO COMUNITA' EUROPEA SERIE EN ISO NAZIONALI SERIE UNI EN ISO

5 UNI EN ISO : 1994 Norme di gestione per la qualità e di assicurazione della qualità - Guida per la scelta e l'utilizzazione. UNI EN ISO 9001 : 1994 Sistema Qualità - Modello per l'assicurazione della qualità nella progettazione, sviluppo, fabbricazione, installazione ed assistenza. UNI EN ISO 9002 : 1994 Sistema Qualità - Modello per l'assicurazione della qualità nella fabbricazione, installazione ed assistenza. UNI EN ISO 9003 : 1994 Sistema Qualità - Modello per l'assicurazione della qualità nelle prove, controlli e collaudi finali. UNI EN ISO : 1994 Gestione per la qualità ed elementi del Sistema Qualità - Guida generale.

6 DEFINIZIONE DI SISTEMA QUALITÀ SECONDO LA NORMA UNI EN ISO IL SISTEMA QUALITÀ È LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA, LE PROCEDURE, I PROCESSI E LE RISORSE NECESSARI AD ATTUARE LA GESTIONE PER LA QUALITÀ

7 DEFINIZIONE DI GARANZIA DELLA QUALITÀ SECONDO LA NORMA UNI EN ISO TUTTE LE ATTIVITÀ PIANIFICATE E SISTEMATICHE, ATTUATE NELLAMBITO DEL SISTEMA QUALITÀ E DI CUI, PER QUANTO OCCORRE, VIENE DATA DIMOSTRAZIONE, MESSE IN ATTO PER DARE ADEGUATA CONFIDENZA CHE UNA ENTITÀ SODDISFERÀ I REQUISITI DI QUALITÀ

8 PRODOTTO SECONDO LA NORMA UNI EN ISO RISULTATO DI ATTIVITÀ O DI PROCESSI

9 CONTROLLO DELLA QUALITÀ SECONDO LA NORMA UNI EN ISO LE TECNICHE E LE ATTIVITÀ A CARATTERE OPERATIVO MESSE IN ATTO PER SODDISFARE I REQUISITI PER LA QUALITÀ

10 POLITICA DELLA QUALITÀ SECONDO LA NORMA UNI EN ISO OBIETTIVI ED INDIRIZZI GENERALI DI UNORGANIZZAZIONE RELATIVI ALLA QUALITÀ ESPRESSI IN MODO FORMALE DALLALTA DIREZIONE

11 DEFINIZIONE DI QUALITÀ SECONDO LA NORMA UNI EN ISO LINSIEME DELLE CARATTERISTICHE DI UNENTITÀ CHE NE DETERMINANO LA CAPACITÀ DI SODDISFARE ESIGENZE ESPRESSE ED IMPLICITE

12 MANUALE DELLA QUALITÀ SECONDO LA NORMA UNI EN ISO DOCUMENTO CHE ENUNCIA LA POLITICA PER LA QUALITÀ E DESCRIVE IL SISTEMA QUALITÀ DI UNORGANIZZAZIONE

13 PROCEDURE GESTIONALI DELLA QUALITÀ Sono disposizioni scritte che disciplinano le attività, in genere di più enti, al fine di coordinare le azioni tese a garantire la fabbricazione di un prodotto di qualità. Tali disposizioni esplicitano in sostanza la politica aziendale per il settore preso in considerazione e definiscono le sostanze (cosa) dellattività da eseguire e gli enti (chi) che devono operare.

14 PROCEDURE TECNICHE O ISTRUZIONI Sono disposizioni scritte che specificano e/o descrivono le modalità (come) di esecuzione di una attività specifica. In tali disposizioni vengono indicati anche i metodi, le apparecchiature e la sequenza delle operazioni da adottare.

15 PERCHÉ UN SISTEMA QUALITÀ? PER CREARE UNORGANIZZAZIONE CHE CREI VALORE AGGIUNTO

16 PERCHÉ UN SISTEMA QUALITÀ NELLA SCUOLA? È uno strumento che garantisce levoluzione continua La scuola crea la società di domani La qualità dei docenti è la qualità della scuola Lalunno è il vero protagonista della scuola

17 I PROTAGONISTI DI UN SISTEMA QUALITÀ CLIENTE / COMMITTENTE FORNITORE / ORGANIZZAZIONE PRODOTTO/SERVIZIO

18 I PROTAGONISTI DI UN SISTEMA QUALITÀ NELLA SCUOLA CLIENTE / COMMITTENTE Famiglia, Mondo del lavoro Società FORNITORE / ORGANIZZAZIONE Scuola PRODOTTO/SERVIZIO Individuo formato

19 I PUNTI CRITICI DI UN SISTEMA QUALITÀ - Volontà della dirigenza scolastica - Coinvolgimento di tutti - Non perseguire solo il bollino blu

20 NESSUN SISTEMA QUALITÀ VA AD INFICIARE LA SOVRANITÀ DEL DOCENTE

21 Indice delle norme ISO /UNI EN ISO Responsabilità della direzione Sistema qualità Riesame del contratto Controllo della progettazione Controllo dei documenti e dei dati Approvvigionamento Controllo del prodotto fornito dal committente Identificazione e rintracciabilita' del prodotto Controllo del processo Prove, controlli e collaudi Controllo delle apparecchiature per prova, misurazione e collaudo Stato delle prove, controlli e collaudi Controllo del prodotto non conforme Azioni correttive e preventive Movimentazione, immagazzinamento, imballaggio, Conservazione e consegna Controllo delle registrazioni della qualità Verifiche ispettive interne della qualità Addestramento Assistenza Tecniche statistiche

22 ITER di CERTIFICAZIONE RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE VALUTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE VISITA PRELIMINARE VISITA ISPETTIVA INIZIALE AZIONI CORRETTIVE NO SI NO SI EMISSIONE DEL CERTIFICATO CHIUSURA AZIONI CORRETTIVE NO SI ATTUAZIONE AZIONI CORRETTIVE ATTUAZIONE AZIONI CORRETTIVE ATTUAZIONE AZIONI CORRETTIVE

23 La decisione 85/368/CEE del 16 luglio 1985 Tale decisione è relativa alla corrispondenza delle qualifiche di formazione professionale tra gli stati membri della Comunità

24 Sono di seguito illustrati i livelli individuati dalla decisione 85/368/CEE

25 Livello 1 Formazione che dà accesso a questo livello: istruzione obbligatoria e preparazione professionale.

26 Livello 1 - Requisiti Questa preparazione professionale è ottenuta sia a scuola, sia nellambito di strutture extrascolastiche, sia nellazienda. Le conoscenze teoriche e le capacità pratiche sono molto limitate. Questa formazione deve permettere principalmente lesecuzione di un lavoro relativamente semplice, la cui acquisizione può essere abbastanza rapida.

27 Livello 2 Formazione che dà accesso a questo livello: istruzione obbligatoria e professionale (compreso in particolare lapprendistato).

28 Livello 2 - Requisiti Questo livello corrisponde ad una qualifica completa per lesercizio di una attività ben definita con la capacità di utilizzare i relativi strumenti e tecniche. Si tratta principalmente di un lavoro esecutivo che può essere svolto in modo autonomo e/o comporta altre responsabilità come quelle di programmazione e coordinamento

29 Livello 3 Formazione che dà accesso a questo livello: istruzione obbligatoria e/o formazione tecnica complementare o formazione tecnica scolastica o altra, di livello secondario.

30 Livello 3 - Requisiti Questa formazione implica maggiori conoscenze teoriche del livello 2. Questa attività riguarda prevalentemente un lavoro tecnico che può essere svolto in modo autonomo e/o comporta altre responsabilità come quelle di programmazione e coordinamento

31 Livello 4 Formazione che dà accesso a questo livello: studi secondari (Scuola media o ad indirizzo tecnico/professionale) e formazione tecnica secondaria superiore.

32 Livello 4 - Requisiti E una specializzazione tecnica di livello superiore che può essere acquisita in strutture scolastiche o extra-scolastiche. La qualifica ottenuta al termine della formazione ricevuta include conoscenze ed attitudini di livello superiore senza però esigere la padronanza dei fondamenti scientifici delle varie materie. Queste attitudini e conoscenze permettono in particolare di assumere un lavoro di responsabilità nel complesso autonomo o indipendente per una attività di concetto (programmazione e/o amministrazione e/o gestione.

33 Livello 5 Formazione che dà accesso a questo livello: studi secondari (scuola media o ad indirizzo tecnico/professionale) e formazione superiore completa.

34 Livello 5 - Requisiti Questa formazione porta chi lha ricevuta ad esercitare unattività professionale - retribuita od indipendente - ed implica la padronanza dei fondamenti scientifici della professione. Le qualifiche richieste per esercitare unattività professionale possono essere integrate ai diversi livelli.

35 LIVELLI DI CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE

36 La conoscenza del computer - La Patente Europea del Computer Concetti teorici di base Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Foglio elettronico Basi di dati Strumenti di presentazione Reti informatiche

37 La CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE Il TOEFL è un test di conoscenza della lingua inglese. Si compone di quattro sezioni: LISTENING, STRUCTURE, READING E WRITING


Scaricare ppt "Paolo Pedrinelli Carrara IL SISTEMA QUALITÀ NELLA SCUOLA DELLA RIFORMA Caserta 20-04-2001."

Presentazioni simili


Annunci Google