La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Avv. Ubaldo Sassaroli 17 maggio 2005 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI REVISIONE AZIENDALE LA CERTIFICAZIONE SECONDO LA NORMA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Avv. Ubaldo Sassaroli 17 maggio 2005 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI REVISIONE AZIENDALE LA CERTIFICAZIONE SECONDO LA NORMA."— Transcript della presentazione:

1 Avv. Ubaldo Sassaroli 17 maggio 2005 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI REVISIONE AZIENDALE LA CERTIFICAZIONE SECONDO LA NORMA VISION 2000

2 2 UNI EN ISO 9001 (dicembre 2000) Sistemi di gestione per la qualità La norma specifica i requisiti di un modello di sistema di gestione per la qualità per tutte le organizzazioni, indipendentemente dal tipo e dimensione delle stesse e dai prodotti forniti. Essa può essere utilizzata per uso interno, per scopi contrattuali e di certificazione. La norma sostituisce le: EN ISO 9001:1994 EN ISO 9002:1994 EN ISO 9003:1994

3 3 (Applicazione) Qualora alcuni requisiti della presente norma internazionale non possano trovare applicazione a causa della natura dellorganizzazione e dei suoi prodotti, può essere esaminata la possibilità di una loro esclusione. Qualora alcuni requisiti vengano esclusi dallapplicazione, le dichiarazioni di conformità alla presente norma internazionale non sono accettabili a meno che queste esclusioni siano limitate ai requisiti del punto 7 e che esse non abbiano influenza sulla capacità della organizzazione, o sulla sua responsabilità, di fornire prodotti che siano conformi ai requisiti del cliente e a quelli cogenti applicabili.

4 4 Esclusioni ammesse MODULO E Pianificazione della realizzazione del prodotto. Comunicazione con il cliente. Progettazione e sviluppo. Approvvigionamento. Tenuta sotto controllo delle attività di produzione e di erogazione di servizi. Validazione dei processi di produzione e di erogazione di servizi. Identificazione e rintracciabilità MODULO D Progettazione e sviluppo MODULO H Nessuna esclusione ammessa

5 5 Lo scopo e il campo di applicazione dei sistemi qualità richiesti dai moduli comprende rispettivamente: E) controlli e prove finali, D) fabbricazione, controlli e prove finali, H) progettazione, fabbricazione, controlli e prove finali. Le esclusioni hanno implicazioni riguardo alla decisione del Consiglio 93/465/CEE del 22 luglio 1993 (regole per apporre e utilizzare la marcatura di conformità CE). Nei moduli E, D e H non esistono requisiti espliciti che si riferiscono ai concetti di soddisfazione del cliente e di miglioramento continuo. Quindi la non conformità ai requisiti della norma che si riferiscono esplicitamente a questi concetti, non infrange la presunzione di conformità al modulo considerato.

6 6 In tutto il testo della presente norma internazionale, ogni volta che viene utilizzato il termine prodotto esso può significare anche servizio. (Generalità) Ladozione di un sistema di gestione per la qualità dovrebbe essere una decisione strategica per la organizzazione.

7 7 Approccio per processi (1) La presente norma internazionale promuove ladozione di un approccio per processi nello sviluppo, attuazione e miglioramento dellefficacia del sistema di gestione per la qualità, al fine di accrescere la soddisfazione del cliente mediante losservanza dei requisiti del cliente stesso. (1) Applicazione di un sistema di processi nellambito di unorganizzazione, unitamente allidentificazione e alle interazioni di questi processi, nonché alla loro gestione.

8 8 Sistema di gestione per la qualità Lorganizzazione deve stabilire, documentare, attuare e tenere aggiornato il sistema di gestione per la qualità e migliorarne, con continuità, lefficacia in accordo con i requisiti della presente norma internazionale. Qualora lorganizzazione scelga di affidare allesterno processi che abbiano effetti sulla conformità del prodotto ai requisiti, essa deve assicurare il controllo di tali processi.

9 9 Manuale della qualità Lorganizzazione deve preparare e tenere aggiornato un manuale della qualità che includa: a)il campo di applicazione del sistema di gestione per la qualità, nonché dettagli sulle eventuali esclusioni e le relative giustificazioni; b)le procedure documentate predisposte per il sistema di gestione per la qualità o i riferimenti alle stesse, c)una descrizione delle interazioni tra i processi del sistema di gestione per la qualità.

10 10 Responsabilità della direzione Lalta direzione deve fornire evidenza del suo impegno nello sviluppo e nella messa in atto del sistema di gestione per la qualità e nel miglioramento continuo della sua efficacia: comunicando allorganizzazione limportanza di ottemperare ai requisiti del cliente ed a quelli cogenti applicabili; stabilendo la politica per la qualità; assicurando che siano definiti gli obiettivi per la qualità; effettuando i riesami da parte della direzione; assicurando la disponibilità di risorse.

11 11 Attenzione focalizzata al cliente Lalta direzione deve assicurare che i requisiti del cliente siano definiti e soddisfatti allo scopo di accrescere la soddisfazione del cliente stesso.

12 12 Politica per la qualità Lalta direzione deve assicurare che la politica per la qualità: a)sia appropriata agli scopi dellorganizzazione; b)sia comprensiva dellimpegno al soddisfacimento dei requisiti ed al miglioramento continuo dellefficacia del sistema di gestione per la qualità; c)preveda un quadro strutturale per definire e riesaminare gli obiettivi per la qualità; d)sia comunicata e compresa allinterno della organizzazione; e)sia riesaminata per accertarne la continua idoneità.

13 13 Gli obiettivi per la qualità devono essere misurabili e coerenti con la politica per la qualità. Lalta direzione deve designare un componente della propria struttura direzionale, che, indipendentemente da altre sue responsabilità, abbia al responsabilità e lautorità per: assicurare la predisposizione, lattuazione e laggiornamento dei processi necessari per il sistema di gestione per la qualità; riferire sulle prestazioni del sistema e su ogni esigenza di miglioramento; assicurare la promozione della consapevolezza dei requisiti del cliente.

14 14 Riesame da parte della direzione Lalta direzione deve, ad intervalli prestabiliti, riesaminare il sistema di gestione per la qualità dellorganizzazione per assicurarsi della sua continua idoneità, adeguatezza ed efficacia. Questo sistema deve comprendere la valutazione delle opportunità per il miglioramento e le esigenze di modifiche del sistema di gestione per la qualità, politica ed obiettivi per la qualità inclusi.

15 15 Gestione delle risorse Lorganizzazione deve individuare e rendere disponibili le risorse necessarie per: attuare e tenere aggiornato il sistema di gestione per la qualità e migliorare in modo continuo la sua efficacia; accrescere la soddisfazione dei clienti, ottemperando ai requisiti del cliente. Il personale che esegue attività che influenzano la qualità del prodotto deve essere competente sulla base di un adeguato grado di istruzione, addestramento, abilità ed esperienza.

16 16 Determinazione dei requisiti relativi al prodotto Lorganizzazione deve determinare: a)i requisiti specificati dal cliente, compresi quelli relativi alle attività di consegna e di assistenza dopo vendita; b)i requisiti non precisati dal cliente, ma necessari per luso specificato o per quello atteso, dove conosciuto; c)i requisiti cogenti relativi ai prodotti; d)ogni altro requisito aggiuntivo stabilito dalla organizzazione stessa. Dove il cliente non fornisca indicazioni documentate, i requisiti del cliente devono essere confermati dalla organizzazione prima della loro accettazione.

17 17 Riesame della progettazione e dello sviluppo In fasi opportune devono essere effettuati riesami sistematici della progettazione e dello sviluppo, in accordo con quanto pianificato, al fine di: a)valutare la capacità dei risultati della progettazione e dello sviluppo di ottemperare ai requisiti; b)individuare tutti i problemi e proporre le azioni necessarie.

18 18 Processo di approvvigionamento Il tipo e lestensione del controllo eseguito sul fornitore e sul prodotto acquistato deve essere correlato agli effetti che il prodotto acquistato potrà avere sulla successiva realizzazione del prodotto e sul prodotto finale. Lorganizzazione deve valutare e selezionare i fornitori in base alla loro capacità di fornire prodotti conformi ai requisiti dellorganizzazione stessa.

19 19 Identificazione e rintracciabilità Lorganizzazione, ove appropriato, deve identificare i prodotti con mezzi adeguati lungo tutte le fasi per la realizzazione del prodotto. Lorganizzazione deve identificare lo stato di avanzamento dei prodotti in relazione ai requisiti di monitoraggio e di misurazione. Quando la rintracciabilità è un requisito, lorganizzazione deve tenere sotto controllo e registrare lidentificazione univoca del prodotto.

20 20 Soddisfazione del cliente Lorganizzazione deve monitorare le informazioni relative alla percezione del cliente su quanto lorganizzazione stessa abbia soddisfatto i requisiti del cliente medesimo, rappresentando questo monitoraggio come una delle misure delle prestazioni del sistema di gestione per la qualità.

21 21 Verifiche ispettive interne Lorganizzazione deve effettuare ad intervalli pianificati verifiche ispettive interne per stabilire se il sistema di gestione per la qualità: a)è conforme a quanto pianificato, ai requisiti della presente norma internazionale ed ai requisiti del sistema di gestione per la qualità stabiliti dallorganizzazione stessa; b)è stato efficacemente attuato e mantenuto aggiornato.

22 22 Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi Lorganizzazione deve assicurare che i prodotti non conformi ai relativi requisiti siano identificati e tenuti sotto controllo per evitare lo loro involontaria utilizzazione e consegna. Lorganizzazione deve trattare i prodotti non conformi in uno più dei seguenti modi: a)adottando azioni atte ad eliminare le non conformità rilevate; b)autorizzandone lutilizzazione, il rilascio o laccettazione con concessione da parte delle autorità aventi titolo e, quando applicabile, del cliente; c)adottando azioni atte a precludere lutilizzazione o lapplicazione originariamente previste per il prodotto.

23 23 Miglioramento continuo Lorganizzazione deve migliorare con continuità lefficacia del sistema di gestione per la qualità, utilizzando la politica per la qualità, gli obiettivi per la qualità, i risultati delle verifiche ispettive, lanalisi dei dati, le azioni correttive e preventive ed i riesami da parte della direzione.

24 24 Azioni correttive Lorganizzazione deve attuare azioni per eliminare le cause delle non conformità al fine di prevenire il loro ripetersi. Le azioni correttive devono essere appropriate agli effetti delle non conformità riscontate.

25 25 Azioni preventive Lorganizzazione deve individuare le azioni per eliminare le cause delle non conformità potenziali, onde evitare che queste si verifichino. Le azioni preventive attuate devono essere appropriate agli effetti dei problemi potenziali.


Scaricare ppt "Avv. Ubaldo Sassaroli 17 maggio 2005 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI REVISIONE AZIENDALE LA CERTIFICAZIONE SECONDO LA NORMA."

Presentazioni simili


Annunci Google