La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Teresa Alvaro Direttore Area Centrale Tecnologie per lInnovazione Teresa Alvaro Direttore Area Centrale Tecnologie per lInnovazione e customs.it La Facilitazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Teresa Alvaro Direttore Area Centrale Tecnologie per lInnovazione Teresa Alvaro Direttore Area Centrale Tecnologie per lInnovazione e customs.it La Facilitazione."— Transcript della presentazione:

1 Teresa Alvaro Direttore Area Centrale Tecnologie per lInnovazione Teresa Alvaro Direttore Area Centrale Tecnologie per lInnovazione e customs.it La Facilitazione del Commercio Internazionale Roma, 1 febbraio 2008 La Facilitazione del Commercio Internazionale Roma, 1 febbraio 2008

2 Le Dogane dellUnione Europea 27 amministrazioni doganali che operano secondo un quadro normativo comunitario

3 Tutelare la sicurezza dei cittadini Tutelare il bilancio comunitario/nazionale controllivelocità Facilitare il commercio legittimo Favorire la competitività delle imprese La missione delle dogane in un contesto globalizzato Trovare il punto di equilibrio tra controlli efficaci e velocità degli scambi.

4 il punto di equilibrio Semplificare e velocizzare le procedure doganali sfruttando le opportunità dellinnovazione tecnologica per ridurre costi e tempi per le imprese. Garantire la regolarità e la fluidità del commercio internazionale attraverso controlli mirati e selettivi per il contrasto ai traffici illeciti, alle frodi e alla contraffazione. controlli velocità

5 Come trovare il punto di equilibrio? Le strategie di sviluppo dei servizi ICT sono definite in stretto collegamento con gli organismi dellUnione Europea Nel quadro di e-Europe, la decisione su ecustoms recentemente pubblicata, individua nel miglior uso dellICT la leva fondamentale per la semplificazione delle procedure doganali, lottimizzazione della capacità di controllo e la riduzione dei costi per gli operatori economici e le amministrazioni Le strategie di sviluppo dei servizi ICT sono definite in stretto collegamento con gli organismi dellUnione Europea Nel quadro di e-Europe, la decisione su ecustoms recentemente pubblicata, individua nel miglior uso dellICT la leva fondamentale per la semplificazione delle procedure doganali, lottimizzazione della capacità di controllo e la riduzione dei costi per gli operatori economici e le amministrazioni

6 ecustoms Entro il 2010, anno in cui dovrebbe completarsi lintegrazione elettronica dei sistemi doganali di tutti gli Stati membri, non dovrebbero più effettuarsi operazioni doganali su carta. Le azioni da intraprendere sono identificate nel MASP (MultiAnnual Strategic Plan) piano comunitario per lattuazione di ecustoms. Laccordo politico sancito dalla decisione su ecustoms impegna la Commissione Europea e gli Stati membri allinstaurazione progressiva di una dogana elettronica paneuropea. Con la modernizzazione del codice doganale si definisce la base giuridica a sostegno delle nuove procedure. Tra il 2003 e 2007 sono stati stanziati dallU.E. oltre 100 milioni di euro. Tra il 2007 ed il 2013 oltre 300 milioni.

7 A.I.D.A. Automazione Integrata Dogane Accise e customs.it La declinazione italiana di ecustoms

8 Il sistema informatico A.I.D.A. è stato realizzato attraverso: un processo parallelo di telematizzazione e reingegnerizzazione dei processi di servizio e delle attività correlate per modellarli sulle esigenze e sulle opportunità di semplificazione derivanti dallICT; single-window/one-stop-shop (integrazione dei processi ed unificazione dei controlli) formazione/informazione on line; laccesso telematico generalizzato ai servizi erogati ed alle informazioni gestite un processo parallelo di telematizzazione e reingegnerizzazione dei processi di servizio e delle attività correlate per modellarli sulle esigenze e sulle opportunità di semplificazione derivanti dallICT; single-window/one-stop-shop (integrazione dei processi ed unificazione dei controlli) formazione/informazione on line; laccesso telematico generalizzato ai servizi erogati ed alle informazioni gestite COME

9 A.I.D.A. - Un sistema interattivo che collega operatori economici e enti Accise Dogane Ditte Utenti Operatori P.A. Governo Altri enti Partners europei Dogane EU EDI INFO ELABORAZIONE REPORTS Direzioni Regionali Laboratori chimici INFO Offre un servizio di sdoganamento on-line in cui sono integrati i controlli, trasmette agli enti ed alle le amministrazioni nazionali e comunitarie le informazioni desunte dai documenti doganali.

10 AIDA: Principali funzionalità e qualche cifra oltre 400 uffici circa funzionari doganali dichiaranti (INTRA/EXTRA U.E) DAU – INTRA Gestisce in tempo reale, per ogni anno, più di 10 milioni di dichiarazioni doganali (tutti i regimi doganali sono automatizzati). Solo il 4% delle dichiarazioni è presentato su carta. Qualità e quantità delle merci, valore, modalità di trasporto, paesi di provenienza e di destinazione, sono alcuni dei dati acquisiti poi utilizzati per il monitoraggio e lanalisi dei flussi commerciali e trasmessi via rete agli altri enti interessati come lIstituto Nazionale di Statistica o la Ragioneria Generale. Lo sdoganamento per le operazioni di esportazione transito in procedura domiciliata è eseguito completamente per via telematica. Documenti elettronici con firma digitale sostituiscono i documenti cartacei.

11 Ministero dello Sviluppo Economico Ministero della Salute Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Ministero delle Infrastrutture e Trasporti …sanitari e veterinari… …CITES… …marchi, qualità e sicurezza prodotti… …omologazioni…... AGRIM, AGREX... …autorizzazione per armamenti… Ministero degli Esteri La complessità operativa fino a 73 documenti per dichiarazione doganale, emessi da più di 20 enti Ministero del Commercio Internazionale

12 Sportello unico SW funge da catalizzatore per lintegrazione dei processi, la circolarità delle informazioni tra amministrazioni diverse e lunitarietà della P.A. nel rapporto con i cittadini e le imprese. Quadro normativo per lo sportello unico: Legge Finanziaria 2004 (art. 4 c. 57 e 58 L. 350/2003) Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 648/2005 Quadro normativo per lo sportello unico: Legge Finanziaria 2004 (art. 4 c. 57 e 58 L. 350/2003) Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 648/2005 WCO definisce la SW, riprendendo la REC n. 33 dellUN\CEFACT: una facilitazione che consente... di depositare informazioni e documenti presso un unico punto dingresso, per soddisfare le prescrizioni regolamentari inerenti import/export/transito

13 Sdoganamento Autorizzazioni … Procedura normale Procedura domiciliata DAU: informazioni codificate Servizi Codici identificativi dei documenti a sostegno Codici TARIC Provenienza della merce Destinazione della merce Single window Dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi e sdoganamento

14 DAU: informazioni codificate Codici identificativi dei documenti a sostegno Codici TARIC Provenienza della merce Destinazione della merce Verifica on line dei documenti a corrredo della dichiarazione Min. Esteri Min. Difesa CITES Single window Dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi e sdoganamento

15 DAU: informazioni codificate Codici identificativi dei documenti a sostegno Codici TARIC Provenienza della merce Destinazione della merce dai dati della dichiarazione si desume la lista dei documenti a sostegno Min. Esteri Min. Difesa CITES Single window Dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi e sdoganamento Lapproccio single window è determinante per ridurre la complessità operativa. I certificati/documenti sono controllati on-line accedendo alle basi dati della autorità emittenti. Il progetto di interoperabilità IM/EX è un modello di sportello unico estendibile a tutte le amministrazioni: Dogana, MinComEs e operatore economico possono verificare on-line lo stato di utilizzo del certificato.

16 La politica dei controlli Costante analisi dei flussi commerciali Gestione automatizzata del rischio Gestione automatizzata del rischio Altre AFIS VIES RIF interne t Raccogliere valutare e collegare tutte le informazioni disponibili Raccogliere valutare e collegare tutte le informazioni disponibili Livello di controllo Livello di controllo Dogane La crescita esponenziale dei traffici ha reso necessario adeguare i sistemi di controllo utilizzando le più moderne tecnologie per una gestione automatizzata del rischio

17 La politica dei controlli Valutazione del rischio soggettivo di ogni operazione per favorire gli operatori economici affidabili White list Black list

18 La gestione automatizzata del rischio La gestione del rischio automatizzata indirizza le dichiarazioni doganali a 4 canali di controllo (verde,giallo,arancione,rosso) in relazione allassociabilità a profili di rischio catalogati che sono una combinazione degli elementi della dichiarazione (origine, provenienza, merce…..) I profili soggettivi (WHITE/BLACK LIST) riducono od aumentano il rischio. Attraverso un processo di AUDIT le imprese ottengono la certificazione del grado di affidabilità (modello AEO) a cui è collegato un livello di controllo personalizzato. La gestione del rischio automatizzata indirizza le dichiarazioni doganali a 4 canali di controllo (verde,giallo,arancione,rosso) in relazione allassociabilità a profili di rischio catalogati che sono una combinazione degli elementi della dichiarazione (origine, provenienza, merce…..) I profili soggettivi (WHITE/BLACK LIST) riducono od aumentano il rischio. Attraverso un processo di AUDIT le imprese ottengono la certificazione del grado di affidabilità (modello AEO) a cui è collegato un livello di controllo personalizzato. VERDE = Controllo automatizzato - GIALLO = Controllo dei documenti ARANCIONE = Controllo Scanner - ROSSO = Controllo fisico AEO

19 La gestione automatizzata del rischio E attivo un processo ciclico di valutazione/correzione dei profili di rischio in relazione ai risultati dei controlli (lesito di ogni controllo è registrato a sistema) Il sistema autoapprende dai risultati ottenuti per accrescere lefficacia dei controlli

20 PONTE CHIASSO MILANOVENEZIA TRIESTE GENOVA SAVONA LA SPEZIA BOLOGNA RAVENNA LIVORNO ANCONA CIVITAVECCHIA SALERNO NAPOLI PORTO NAPOLI TERRA BARI BRINDISI TARANTO GIOIA TAURO CATANIA PALERMO TRAPANI CAGLIARI FLAGTIPO SCANNER Silhouette 300 Silhouette CAB 2000 CONTROLLI SCANNER 28 scanner, operanti in rete, dislocati nei principali porti ed interporti nazionali, assicurano lesame non invasivo dei containers e dei mezzi di trasporto. Lesame scanner è una modalità di controllo che può essere esaustiva o canalizzare verso un ulteriore controllo fisico compreso il prelievo di campioni per lanalisi chimica. CONTROLLI SCANNER 28 scanner, operanti in rete, dislocati nei principali porti ed interporti nazionali, assicurano lesame non invasivo dei containers e dei mezzi di trasporto. Lesame scanner è una modalità di controllo che può essere esaustiva o canalizzare verso un ulteriore controllo fisico compreso il prelievo di campioni per lanalisi chimica.

21 Centrale Operativa MATRIX Sorgente RX Raggio incidente CONTAINER SILHOUETTE DEL CONTENUTO SERVER LOCALE (DIR.CENTRALE) COLLEGAMENTO IN RETECONCENTRATORE PERIFERIAPERIFERIA CENTROCENTRO RETE SCANNER OPERATORI Le immagini acquisite con gli scanner sono trasmesse alla centrale operativa MATRIX, per alimentare una base dati di riferimento delle immagini, utilizzata per affinare ed agevolare lanalisi delle scansioni successive. Le immagini acquisite con gli scanner sono trasmesse alla centrale operativa MATRIX, per alimentare una base dati di riferimento delle immagini, utilizzata per affinare ed agevolare lanalisi delle scansioni successive.

22 Fully Automated Logical SysTem Against Forgery Fraud Fully Automated Logical SysTem Against Forgery Fraud

23 Scheda azienda Schede dei prodotti Richiesta dintervento RICONOSCERE i prodotti originali e conformi agli standard di qualità e sicurezza. INDIVIDUARE i prodotti contraffatti e le strategie di frode. RICONOSCERE i prodotti originali e conformi agli standard di qualità e sicurezza. INDIVIDUARE i prodotti contraffatti e le strategie di frode. Anche per la lotta alla contraffazione ci si avvale di strumenti telematici. Il sistema FALSTAFF è costruito attorno alla banca dati multimediale alimentata per via telematica dalle richieste di tutela previste dal REG. CE 1383/2003.

24 Chi alimenta ed utilizza FALSTAFF Le dogane Aziende ed Associazioni di categoria Consumatori Per un sistema di controllo reattivo, mirato, integrato nel sistema automatizzato di analisi dei rischi e di selezione automatica delle operazioni di importazione/esportazione/transito da sottoporre a verifica; Per aggiornare direttamente e costantemente le informazioni di FALSTAFF e condividere la strategia di contrasto; Per diffondere le informazioni sulla sicurezza e qualità dei prodotti e per aggiornare costantemente sui pericoli, anche economici, derivanti dallalimentare inconsapevolmente il fenomeno della contraffazione. Per fornire strumenti per il riconoscimento dei prodotti originali. Per diffondere le informazioni sulla sicurezza e qualità dei prodotti e per aggiornare costantemente sui pericoli, anche economici, derivanti dallalimentare inconsapevolmente il fenomeno della contraffazione. Per fornire strumenti per il riconoscimento dei prodotti originali.

25 White/Black list operazione doganale Istanze di tutela Audit doganale VM CS CD CA VM CS CD CA Feedback dei controlli AIDA AUTOAPPRENDE Profili di Rischio Anche le informazioni raccolte con FALSTAFF integrano i dati utilizzati per la selezione automatica delle merci da sottoporre a controllo Anche le informazioni raccolte con FALSTAFF integrano i dati utilizzati per la selezione automatica delle merci da sottoporre a controllo Ministero dello Sviluppo Economico Segnalazione automatizzata dei prodotti pericolosi AEO

26 single window OrganizzazioneOrganizzazione TecnologiaTecnologiaNormativaNormativa Adeguamento alla normativa UE Revisione della normativa Analisi e revisione dei processi Workflow Systems Servizi on-line Formazione e Informazione Individuare i nuovi processi e modificare organizzazione e normativa erogando formazione e informazione on-line. Il metodo di sviluppo di AIDA

27 Approccio non coordinato OrganizzazioneOrganizzazione TecnologiaTecnologiaNormativaNormativa

28 Sincronizzare i piani nazionali di egovernment nella prospettiva di ecustoms: single-window è elemento determinante Min. Extérieur Min. Défence La Douane Single window

29 Ogni progetto di riforma, che richieda una traduzione in processi informatizzati deve indicare con chiarezza e dettaglio i business process. Prima definire i nuovi business process informatizzati e poi le norme a sostegno dei nuovi processi. OrganizzazioneOrganizzazione TecnologiaTecnologia NormativaNormativa single window

30 L e-learning e la KB In AIDA sono integrate una piattaforma di e-learning ed un una knowdlege-base a disposizione degli utenti interni ed esterni Ogni nuovo sviluppo è supportato da KB ed e-learning. Alcune cifre: nel 2003 erogate ore nel 2004 erogate ore nel 2005 erogate ore nel 2006 erogate ore nel 2007 erogate ore

31 Il sistema autoapprende dagli utilizzatori La KB è integrata con il sistema di e-learning, le istruzioni operative e le norme collegate sono on-line e richiamabili in ogni momento è costantemente aggiornata sulla base delle richieste di assistenza ai call- centers (gestione delle inefficienze)

32 E-learning

33 KB per gli operatori economici Sul sito web dellAgenzia delle Dogane Assistenza on line

34 Assistenza on-line ed e-learning per operatori economici Come fare? Ricerca

35 Servizi via WEB Le informazioni per l'utilizzo dei servizi sono disponibili sul sito dell'Agenzia nella sezione assistenza on line. - Accoglimento dell'istanza per il rilascio dell'abilitazione al servizio telematico doganale e generazione/gestione del certificato di firma digitale: in tempo reale - Rilascio dell'abilitazione al servizio telematico presso gli Uffici indicati dal richiedente: entro lo stesso giorno dellaccoglimento dellistanza - Sdoganamento telematico per le operazioni di esportazione e transito in procedura domiciliata: dialogo telematico in tempo reale

36 Servizi via WEB Presentazione telematica dei documenti: -Dichiarazioni di importazione ed esportazione definitiva, importazione ed esportazione temporanea, transito, introduzione in deposito doganale: tempi complessivi medi di risposta nel 95% dei casi inferiori a 60 secondi -Manifesti delle merci arrivate via mare: tempi complessivi medi di risposta nel 98% dei casi inferiori a 60 secondi -Dichiarazioni di immissioni in consumo di gas metano, energia elettrica: tempi complessivi medi di risposta nel 96% dei casi inferiori a 60 secondi -Richiesta di interrogazione del conto di debito: tempi complessivi medi di risposta nel 98% dei casi inferiori a 30 secondi -Elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari (modelli INTRA): tempi complessivi medi di risposta nel 96% dei casi inferiori a 60 secondi I tempi medi di risposta del servizio telematico sono rilevati giornalmente e consultabili nel sito internet dellAgenzia delle Dogane alla sezione Servizio Telematico Doganale - E.D.I

37 Servizi via WEB Visualizzazione e consultazione: - Visualizzazione dellitinerario delloperazione di transito - I.T.V. (Informazioni Tariffarie Vincolanti) e I.V.O (Informazioni Vincolanti in materia di Origine) - Consultazione della tariffa doganale. Informazioni di carattere fiscale e di politica commerciale a livello comunitario e nazionale - Consultazione della banca S.E.E.D. per la verifica dei codici di accisa - Consultazione cambi doganali - Consultazione dei codici identificativi ai fini IVA per la verifica della validità

38 Scrivania AIDA per i funzionari doganali Assistenza on line

39 La scrivania di AIDA Mentre si controlla una dichiarazione si può consultare la Tariffa, un regolamento ….. Ogni utente dispone di una scrivania personalizzata che indica le attività da svolgere e le scadenze da rispettare. Il controllo automatizzato del flusso di lavoro indica le operazioni da eseguire e ne verifica la corretta esecuzione Tutti gli uffici effettuano la stessa operazione in modo omogeneo….

40 Gli sviluppi a regime: Completa digitalizzazione degli adempimenti doganali Servizi on line Sportello unico Eliminazione della carta Interoperabilità Internet Dogane Ufficio 1Ufficio 2 Ufficio 3

41 AEO


Scaricare ppt "Teresa Alvaro Direttore Area Centrale Tecnologie per lInnovazione Teresa Alvaro Direttore Area Centrale Tecnologie per lInnovazione e customs.it La Facilitazione."

Presentazioni simili


Annunci Google