La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A come agricoltura, ambiente alimentazione Viaggio nel meraviglioso mondo delle piante e dellagricoltura biologica col progetto ECIS Valeria Cavallaro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A come agricoltura, ambiente alimentazione Viaggio nel meraviglioso mondo delle piante e dellagricoltura biologica col progetto ECIS Valeria Cavallaro."— Transcript della presentazione:

1 A come agricoltura, ambiente alimentazione Viaggio nel meraviglioso mondo delle piante e dellagricoltura biologica col progetto ECIS Valeria Cavallaro

2 COSA SONO LE FATTORIE DIDATTICHE Sono aziende agricole e/o zootecniche che, oltre allattività produttiva tradizionale, offrono, servizi alla collettività promuovendo la scoperta e la conoscenza dellambiente rurale, dellorigine degli alimenti, delle tecniche di lavorazione dei prodotti tipici nel rispetto dellambiente e del territorio. In altre parole unazienda agricola per diventare fattoria didattica deve: -continuare a svolgere la proprie normali attività -cercare di trasmettere piacevolmente le nozioni che si riferiscono ad una data operazione (non trascurando da un lato lesigenza ludica dei più piccoli o esperienziale dei più grandi) e dallaltro le necessarie precauzioni di sicurezza che ne garantiscano lincolumità. I ragazzi di oggi infatti hanno unidea sempre più vaga del percorso che fa il cibo prima di arrivare alla tavola, di cosa si coltiva nelle nostre campagne, di chi lo produce e di come si produce. I

3 COSA SONO LE FATTORIE DIDATTICHE. I precursori sono gli Scandinavi: Norvegia, Svezia, Danimarca che hanno messo in pratica agli inizi del 900 le idee di un movimento americano: i Club 4H. Quattro parole inglesi che iniziano con la lettera H (Head, Health, Heart, Hand) e riassumono lobiettivo teso ad uno sviluppo armonico dellindividuo: la testa, la salute, il cuore, con le mani. In Francia la prima Fattoria Urbana è stata costituita nel 1974 Varie federazioni o gruppi nazionali si sono raggruppate nel 1990 in una rete europea, la European Federation of City Farms (EFCF). In Italia, lattività di Osservatorio Agroambientale nellambito delle Fattorie Didattiche ha costituito negli anni un punto di riferimento per Enti e singole aziende che hanno avviato progetti e iniziative nel settore. Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nellavere nuovi occhi (M. Proust)

4 Le piante e il loro ruolo nellecosistema Le piante hanno alcune caratteristiche fondamentali: sono organismi autotrofi, cioè riescono a produrre il loro nutrimento direttamente da sostanze inerti (l'aria, l'acqua, il terreno);organismi autotrofi svolgono la fotosintesi, che è la particolare reazione chimica che permette di trasformare anidride carbonica e acqua in zuccheri e ossigeno, con l'aiuto del Sole e della clorofilla;fotosintesireazione chimicaanidride carbonicaacquazuccheri ossigenoSoleclorofilla le pareti cellulari sono ricche di cellulosa e le cellule stesse di amido.pareti cellularicellulosaamido Grazie all'autotrofia, cioè alla capacità di trasformare lenergia della luce in energia immagazzinata negli alimenti, le piante sono i produttori primari negli ecosistemi terrestri, formando la base della catena alimentare, da cui dipende l'esistenza degli animali e degli altri organismi eterotrofi.autotrofia catena alimentareanimalieterotrofi

5 Le piante non consumano tutto quello che producono ma immagazzinano una parte del loro cibo in parti diverse della pianta. Le piante e il loro ruolo nellecosistema

6 Le specie vegetali svolgono un'importante funzione all'interno del ciclo dell'acqua (evapotraspirazione) e di altri cicli biogeochimici quali in particolare il ciclo del carbonio ciclo dell'acquaevapotraspirazionecicli biogeochimici Alcune piante si sono coevolute con batteri azotofissatori, essenziali per il ciclo dell'azoto.coevoluteazotofissatoriciclo dell'azoto Lo sviluppo radicale ha un ben determinato ruolo nell'evoluzione del suolo (pedogenesi) e ne previene l erosione.radicale suolopedogenesierosione Numerosi animali si sono coevoluti con le piante, assumendo entrambi forme e comportamenti specializzati a favorire un'associazione mutualisticaassociazione mutualistica Le piante offrono tane, siti per la riproduzione e cibo in quantità, ma alcuni animali, detti pronubi, favoriscono l'impollinazione dei fiori; altri la dispersione dei semi.pronubiimpollinazionedispersione

7 Le piante e il loro ruolo nellecosistema Le piante offrono tane, siti per la riproduzione e cibo in quantità, ma alcuni animali, detti pronubi, favoriscono l'impollinazione dei fiori; altri la dispersione dei semi.pronubiimpollinazionedispersione Le piante instaurano inoltre frequentemente simbiosi con delle specie fungine tramite le radici, formando un associazione definita micorrizamicorriza Altre specie ospitano al loro interno dei funghi endofitici che proteggono la pianta dagli erbivori mediante la produzione di tossine.tossine

8

9 Le esigenze delle piante Le piante sono esseri viventi pertanto hanno alcune esigenze fondamentali per vivere e per crescere: Aria (che provvede loro anche lanidride carbonica necessaria per la fotosintesi) Terreno che costituisce non solo un solido ancoraggio ma anche riserva di acqua ed elementi nutritivi (azoto, fosforo, potassio, calcio, ferro, microelementi). Esistono terreni sabbiosi, argillosi,limosi o di medio impasto. Il terreno deve inoltre provvedere: -lo spazio per espandere le radici, -laria per farle sopravvivere, -condizioni igieniche idonee (assenza di parassiti e presenza di microrganismi utili). Alcune piante tuttavia si sono adattate anche a vivere in ambiente marino Luce E lintensità della luce che provvede lenergia per la funzione clorofilliana. Alcune piante vivono in luoghi dove cè molta luce. Altre piante vivono in luoghi dove cè pochissima luce (piante da sottobosco).

10 Le esigenze delle piante Lacqua è una componente fondamentale della vita della pianta -Si combina con lanidride carbonica durante la fotosintesi, -Favorisce lassorbimento di sostanze nutritive dalle radici e il loro trasporto allinterno della pianta. Il fabbisogno di acqua cambia da specie a specie e allinterno della specie anche da una varietà allaltra. Alcune specie di piante si sono adattate a vivere in posti asciutti o addirittura nel deserto. Anche varietà diverse di una stessa specie possono avere fabbisogni molto diversi (vedi pomodoro da serbo o in siccagno). La temperatura Regola tutti i processi di crescita e di sviluppo delle piante. - specie microterme cioè con basse esigenze di temperatura: frumento, segale, avena, carciofo etc. - specie macroterme necessitano di temperature più elevate per crescere pomodoro, melanzana, fagiolo, peperone, melone.

11

12

13 Il 70% dell'aumento di CO2 è dovuto alluso massiccio di combustibili fossili a scopi energetici; il restante 30% è legato ad altre cause, tra cui e foresta- zione, errato uso del suolo e agricoltura. Lagricoltura convenzionale e lambiente

14 -Per effetto della diminuzione del mantello vegetale terrestre operata dai continui disboscamenti e dellazione erosiva sul suolo da parte delle pratiche agricole, la quantità di C nei suoli agrari si riduce sempre più. Tale situazione comporta: una drastica diminuzione degli assorbimenti di CO 2 ad opera della biomassa vegetale eliminata, una sempre crescente perdita di humus dai suoli lavorati. -I suoli rappresentano il maggiore serbatoio terrestre di carbonio organico Stime attribuiscono al suolo un contenuto allincirca di Pg (Petagrammo=1 miliardo di tonnellate di C), rispetto ai circa 700 Pg presenti nellatmosfera ed ai Pg stimati per gli organismi viventi terrestri E opinione diffusa che le attività agricole contribuiscono ad alimentare il contenuto atmosferico di CO 2. Lagricoltura convenzionale e lambiente

15

16 Lagricoltura e i fattori naturali della produzione vegetale L'agricoltura è l'insieme delle tecniche per coltivare il terreno in modo da ottenere i prodotti utili all'uomo. La produzione è il risultato della gestione da parte delluomo dei fattori naturali della produzione I fattori naturali della produzione vegetale sono i seguenti: il clima: i principali fattori climatici che influenzano la produzione vegetale sono la radiazione solare, la temperatura, le precipitazioni o idrometeore, il vento, l'umidità atmosferica, l'evapotraspirazione, la composizione chimica dell'aria.radiazione solaretemperaturaprecipitazioni ventoumidità atmosfericaevapotraspirazionearia i fattori biologici interni alla pianta: sono tali le basi genetiche che influenzano l'anatomia, la morfologia (biologia) e la fisiologia delle singole specie agrarie e le caratteristiche specifiche dei loro prodotti.geneticheanatomiamorfologia (biologia)fisiologia le relazioni ecologiche che si instaurano fra le specie agrarie e gli altri organismi viventi (piante, animali, microrganismi) che popolano l'ecosistema naturale, con interazioni di competizione, predazione, parassitismo, simbiosi, neutralismo, ecc.ecologichecompetizionepredazioneparassitismo simbiosineutralismo il terreno è un ambiente complesso, derivato dalla pedogenesi,. Le proprietà fisiche del terreno, chimiche, e biologiche del terreno, che nel complesso concorrono a determinarne la fertilità.pedogenesi proprietà fisiche del terrenochimichebiologichefertilità

17 Interventi dell'uomo connessi un'attività agricola -Interventi sulla pianta: quali ad esempio la selezione, il miglioramento genetico, le biotecnologie, l'ibridazione, la potatura, l'innesto, la densità di piantagione.selezione miglioramento geneticobiotecnologieibridazionepotaturainnesto -Interventi di lotta ai parassiti e alle erbe infestanti: sono tali ad esempio il diserbo, la fitoiatria e la difesa dei vegetali.diserbofitoiatriadifesa dei vegetali Altri interventi in forma indiretta aiutano a contenere i fenomeni di antagonismo biologico, altri come la consociazione o forme più o meno avanzate di biotecnologia (micorrizazione, batterizzazione e altre forme di inoculo di organismi simbionti), mirano a promuovere fenomeni di sinergia biologica.consociazionemicorrizazionebatterizzazione l'avvicendamento colturale, hanno un ruolo complesso nel determinare l'equilibrio fra antagonismi e sinergie.avvicendamento colturale

18 -Interventi sui fattori climatici Sono interventi sui fattori climatici l'allestimento di frangiventi, di opere di protezione dal freddo (serra, tunnel, pacciamatura, ecc.), l'irrigazione.frangiventiserratunnelpacciamaturairrigazione -Altri interventi delluomo in maniera indiretta inducono un adattamento a condizioni climatiche esistenti: scelta dell'epoca di semina, il trapianto, la scelta varietale, la densità di piantagione, l'orientamento dei filari, alcune lavorazioni del terreno, ecc. seminatrapiantovarietalelavorazioni del terreno - Interventi sulle proprietà del suolo: lavorazioni del terreno, che influenzano principalmente (ma non solo) le proprietà fisiche, la fertilizzazione, che influenzano principalmente le proprietà chimiche ma hanno un ruolo non secondario anche su quelle fisiche e biologiche, l'irrigazione, che influenza le proprietà fisiche, chimiche e biologiche, ecc.fertilizzazione

19 Confronto tra diversi tipi di agricoltura L'agricoltura moderna si è sviluppata, nella direzione del continuo aumento dei quantitativi prodotti. Lagricoltura convenzionale, cioè la forma di agricoltura da cui provengono attualmente tutti i prodotti che consumiamo: utilizza avanzati sistemi di meccanizzazione della produzione, dalla coltivazione alla distribuzione; coltivazionedistribuzione prevede l'uso di sostanze chimiche di sintesi per la fertilizzazione, per la lotta ai parassiti e alle piante infestanti.chimichesintesifertilizzazioneparassitipiante infestanti Lesigenza di ricorrete a tecniche avanzate nasceva da: - la continua crescita dei fabbisogni alimentari mondiali, -la necessità di mantenere bassi i prezzi degli alimenti, -la riduzione della superficie coltivabile, -l'esigenza di coltivare anche in zone nettamente sfavorevoli (talvolta anche per inquinamento) e di poter ottenere prodotti di qualità nutrizionale elevata.

20

21 Inconvenienti di carattere ambientale causati allagricoltura convenzionale. perdita di fertilità del terreno, inquinamento delle acque di falda, depauperamento delle risorse idriche, diffusione di patogeni resistenti ad uno o più antiparassitari eliminazione degli insetti utili, riduzione della diversità genetica per il ricorso a poche varietà omogenee) Eccessivo uso di combustibili fossili. Gli impatti ambientali negativi dei sistemi agricoli inoltre sono sempre più evidenti per l'opinione pubblica conscia dei rischi per la salute legati al passaggio di sostanze tossiche o nocive derivanti dai frequenti trattamenti o concimazioni, agli alimenti (azoto-nitriti:metaemoglobina, nitrosoammine).

22 Lagricoltura integrata è un metodo di gestione dellagricoltura che senza rinunciare alla produttività, mira allottenimento di produzioni di qualità nel rispetto dellambiente e della salute umana. gli interventi fitosanitari diventano mirati e limitati, si interviene solo quando il numero di insetti sale oltre una certa soglia monitorata attraverso luso di esche la fertilità originale del terreno viene ripristinata attraverso mezzi naturali, le condizioni di vita degli animali allevati migliorano si cerca di favorire la coltura e sfavorire i patogeni e le piante infestanti. Si usano piante resistenti o si sposta di poco la loro epoca di semina per sfuggire allattacco di parassiti

23

24

25

26

27 Per agricoltura biologica si intende il metodo di produzione che esclude luso dei prodotti di sintesi per la difesa fitosanitaria e per la nutrizione delle piante. il sistema agricolo viene considerato un sistema complesso che per la sua sopravvivenza ha bisogno di mantenere l'equilibrio delle varie componenti la produzione si basa su di un sistema di pratiche agricole tra loro in armonia ed in continuo equilibrio.

28 -La specializzazione non può esistere, è la molteplicità delle produzioni che permette il ripristino dellequilibrio e crea le risorse necessarie internamente all'azienda. -Una prerogativa dell'agricoltura biologica è quella di fare ricorso a risorse di produzione propria o comunque derivanti da attività gestite secondo le regole della produzione biologica. Un esempio: l'allevamento di bovini, oltre latte e carne, fornisce il letame per concimare i campi coltivati a grano; la coltivazione del cereale, oltre alla granella, fornisce la paglia per fare la lettiera al bestiame. Lo spirito non è quello di ottimizzare le rese per aumentare la redditività. A questa si giunge grazie alle produzioni regolari, ben remunerate perché di qualità,

29 È vero che il prezzo dei prodotti biologici è superiore a quello degli alimenti provenienti dallagricoltura convenzionale, ciò è dovuto in parte: -ai costi della certificazione (sono gli unici prodotti alimentari controllati in tutte le fasi della produzione), -alle minori produzioni, -alla maggior manodopera richiesta nei campi - (in parte) ad un sistema di distribuzione ancora non bene a punto. La regione Sicilia (ripetutamente) ha sostenuto in tutte le sedi istituzionali che non deve esserci alcuna contaminazione dei semi o dei trattamenti veterinari con OGM ribadendo quindi che non è possibile alcuna coesistenza tra agricoltura geneticamente modificata e agricoltura biologica. Lagricoltura biologica è un settore regolamentato dallUnione Europea e da provvedimenti legislativi nazionali.

30 -Tutto il ciclo della produzione, dalla preparazione del terreno per la semina fino alla vendita del prodotto finito, è sottoposto ai controlli di organismi specializzati appositamente riconosciuti dallo Stato, che certificano e garantiscono il pieno rispetto delle normative e dei disciplinari di produzione -La norma che ha fondato l'agricoltura biologica comunitaria, da cui sono poi derivate tutte le altre, è il Regolamento CEE 2092/91. Oltre che in Italia, anche in Portogallo, Grecia, Francia e Spagna. In altre nazioni, come Austria, Finlandia e Svezia si è affermata già da tempo in modo più graduale. Attualmente la superficie coltivata in Italia si attesta sul 8% della superficie agricola utilizzabile, ma l'obiettivo è di raggiungere nei prossimi anni una quota del 12%.

31 Gli operatori del settore nel 2007, sono (dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) sulla base delle elaborazioni del SINAB – Sistema dInformazione Nazionale sullAgricoltura Biologica) Sicilia e Calabria sono le regioni con maggiore presenza di aziende biologiche. La superficie interessata, in conversione o interamente convertita ad agricoltura biologica, risulta pari a ettari. Le regioni con il più alto numero di ettari coltivati con metodo biologico sono la Sicilia con , cui seguono la Basilicata con ettari e lEmilia Romagna con ettari. Essa presenta una maggiore concentrazione di aziende di produzione al sud e di trasformatori ed importatori al nord.

32 Le principali colture sono rappresentate da foraggi, cereali, prati e pascoli, che nel loro insieme riguardano il 70% circa degli investimenti. Seguono, in ordine di importanza, le coltivazioni arboree (olivo, vite, agrumi, frutta) e le colture orticole ed industriali (leguminose da granella, prodotti orticoli) La zootecnia biologica, ha cominciato a svilupparsi alla fine degli anni '90 Per le produzioni animali,, in biologico risultano bovini (da latte e da carne), ovi-caprini e quasi suini Esportiamo allestero (in particolare in Europa, Stati Uniti e Giappone) oltre un terzo della nostra produzione, soprattutto frutta e ortaggi, cereali, legumi, pasta, riso, olio extravergine doliva, vino, formaggi, latte e latticini, salse e condimenti, frutta secca, miele, prodotti da industria

33 Lagricoltura biologica in Sicilia In Sicilia si coltivano in biologico circa ha di colture cerealicole, ha ad olivo, di vite, ha di agrumi 2000 ha di orticole varie. In ogni caso il trend positivo del biologico isolano è stato positivo anche nel 2003 (dati ancora parziali), registrando incrementi nei comparti orticolo, viticolo (quest' ultimo passato ettari, comprensivi dei terreni in conversione).

34 Ripartizione degli operatori nelle varie provincie Siciliane PROVINCIAOPERATORIPREPARATORI ENNA TRAPANI70153 PALERMO MESSINA CATANIA AGRIGENTO28223 CALTANISSETTA58024 RAGUSA SIRACUSA152664

35 Anche la ricerca nel campo agronomico non è più orientata a massimizzare le rese ma alla conservazione e rivalutazione di varietà locali e allaumento della sostenibilità delle pratiche agricole. La conservazione delle antiche varietà selezionate nel tempo per la loro resistenza anche ad ambienti difficili prima che si estinguano con la scomparsa dei vecchi agricoltori, può rappresentare la possibilità di avere a disposizione un prezioso patrimonio genetico da utilizzare nella selezione di nuove varietà o per il mantenimento di pregiate varietà locali tradizionalmente consumate per alcune pregevoli caratteristiche di qualità. Per quanto concerne la sostenibilità del sistema agricolo ossia il contenere limpatto sullecosistema e e di salvaguardare la salute dei consumatori. La ricerca nel settore agrario

36 I principali obiettivi della ricerca nel settore agricolo sono: la riduzione dellapporto di energia esterna allagroecosistema un aumento della qualità delle produzioni agrarie Tra le ricerche attualmente condotte sono da segnalare quelle rivolte a: -conservazione della biodiversità -contenimento del consumo di acqua, -diminuzione delle lavorazioni profonde, -contenimento dellapporto di concimi minerali soprattutto azotati (vedi paragrafi successivi) e di pesticidi, -riutilizzo di scarti aziendali, -miglioramento delle produzioni e della qualità di importanti colture tradizionali (per esempio le leguminose) per poterne renderne più redditizia la coltivazione e limpiego nelle rotazioni.

37

38 Le api una risorsa da salvare Le api sono animali sociali la cui organizzazione allinterno dellalveare è abbastanza nota. Oltre alle produzioni tradizionali: miele, cera, propoli, etc. non bisogna dimenticare il loro ruolo di pronubi, cioè di impollinatori (alcuni agricoltori praticano il noleggio di arnie). Oggi si assiste a una moria di api dovuta oltre che ad una malattia (varroasi), allimpiego di alcuni pesticidi di ultima generazione (neonicotinoidi) già proibiti in altri paesi (Francia, Germania e slovenia): confidor, epik, gaucho, calipso, actara, cruiser. Principi attivi Acetamiprid, imicloprid, thiacloprid, thiamethoxam, fipronil.

39 Le api LAPE REGINA Una sola regina depone circa uova al giorno. Può vivere 3-4 anni. LAPE OPERAIA Ci sono migliaia di api operaie. Circa / alveare in estate. I FUCHI Centinaia di fuchi servono per fecondare le giovani regine durante il "volo nuziale". Sono privi di pungiglione. Hanno occhi molto sviluppati. Vivono circa 50 giorni. Le api una risorsa da salvare

40

41

42 La tutela della qualità in Italia A partire dagli anni Novanta è cresciuta in Italia la richiesta di una maggiore qualità degli alimenti da parte dei consumatori per mettersi al riparo da frodi o intossicazioni alimentari (lapertura dei mercati comporta sempre minori possibilità di controllo) ma anche per investire meglio i propri soldi. Attualmente la certificazione garantisce la rintracciabilità dei prodotti (Regolamento CE 178/2002). Con tale termine si intende la possibilità di ricostruire e seguire il percorso di un alimento, di un mangime, di un animale destinato alla produzione alimentare o di una sostanza destinata o atta ad entrare a far parte di un alimento o di un mangime, attraverso tutte le fasi della produzione, della trasformazione e della distribuzione.

43 In tale Regolamento per legislazione alimentare si intendono le leggi, i regolamenti e le disposizioni amministrative riguardanti gli alimenti; in particolare la loro sicurezza, nelle fasi di produzione, trasformazione e distribuzione. A livello internazionale questo problema è stato risolto con una serie di standard cui corrisponde il corpus normativo ISO 9000 con la norma relativa allalimentazione UNI EN ISO La comunità ha posto sotto controllo tutti i prodotti destinati allalimentazione prodotti allinterno degli stati membri e obbliga i governi a munire di personale specializzato gli organismi di controllo. Unaltro standard riconosciuto a livello internazionale è lo HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) che si applica su tutta la produzione così da segnalarne i punti critici e i possibili rischi e creare modalità di controllo per prevenirli.

44 I MARCHI CHE GARANTISCONO LA QUALITA LUnione europea per promuovere e tutelare i prodotti agroalimentari ha creato con il Regolamento CEE n. 2081/92 i seguenti marchi:Regolamento CEE DOP - Denominazione di Origine Protetta (PDO - Protected Designation of Origin), identifica la denominazione di un prodotto la cui produzione, trasformazione ed elaborazione avvengono in un'area geografica determinata.Denominazione di Origine Protetta es. di prodotti DOP: prosciutto di Parma, pecorino Sardo, mozzarella di bufala campanaprosciutto di Parmapecorino Sardomozzarella di bufala campana IGP - Indicazione Geografica Protetta (PGI - Protected Geographical Indication), identifica la denominazione di un prodotto di cui almeno uno degli stadi della produzione, trasformazione o elaborazione avviene in un'area geografica determinata.Indicazione Geografica Protetta es. di prodotti IGP: lardo di Colonnata, pomodoro di Pachinolardo di Colonnatapomodoro di Pachino STG - Specialità Tradizionale Garantita (TSG - Traditional Speciality Guaranteed), ha il compito di valorizzare una composizione tradizionale del prodotto o un metodo di produzione tradizionale, ma non fa riferimento ad un'origine.Specialità Tradizionale Garantita es. di prodotti STG: mozzarellamozzarella Questa categoria di marchi non deve essere registrata, ma la tutela deriva da apposite leggi. Curiosità: l'Italia attualmente vanta il primato europeo tra i prodotti DOP, IGP e STG.Italia

45 I MARCHI CHE GARANTISCONO DELLA QUALITA Denominazione di Origine Controllata è un sistema di certificazione nazionale della qualità di prodotti agroalimentari. In seguito all'entrata in vigore nel 1992 dei marchi DOP, IGP e STG questo sistema di certificazione è stato utilizzato esclusivamente per contraddistinguere i vini di qualità:1992 Vini a Denominazione d'Origine Controllata e Garantita, il marchio DOCG indica il particolare pregio qualitativo di alcuni vini DOC di notorietà nazionale ed internazionale. Per la certificazione DOCG sono richiesti requisiti tra i quali l'imbottigliamento nella zona di produzione e in recipienti di capacità inferiore a cinque litriVini a Denominazione d'Origine Controllata e Garantita DOCGDOC es. Chianti, Franciacorta spumanteChiantiFranciacorta spumante Vini a Denominazione d'Origine Controllata, il marchio DOC indica vini di qualità originari di zone limitate richiamate nel nome del vino. Le caratteristiche enochimiche (estratto secco, acidità totale,...) ed organolettiche (colore, odore, sapore) devono rispettare precisi requisiti fissati dai Disciplinari di produzioneVini a Denominazione d'Origine ControllataDOCDisciplinari di produzione es. Dolcetto d'Alba, Sangiovese di RomagnaDolcetto d'AlbaSangiovese di Romagna Ad un livello inferiore rispetto ai vini DOCG e DOC si posizionano i Vini ad Indicazione Geografica Tipica, il marchio IGT indica vini da tavola di qualità prodotti in aree generalmente ampie. I requisiti sono meno restrittivi di quelli richiesti per i vini DOC.Vini ad Indicazione Geografica Tipicavini da tavola.

46 Marchio biologico Ne esistono di vari tipi sia pubblici come il marchio Agricoltura biologica sia marchi privati. Questi ultimi indicano il rispetto del regolamento comunitario oppure l'adozione di norme più restrittive. Agricoltura biologica, è un marchio regolato dal regolamento CEE n.2092/91. Può essere apposto volontariamente dai produttori di prodotti sottoposti a un controllo e risultati composti da ingredienti di cui almeno il 95% ottenuti con il metodo biologico.regolamento CEEmetodo biologico Tra i marchi privati: ICEA (Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale) Garanzia Biologico Amab, dell'Associazione Mediterranea Agricoltura BiologicaAssociazione Mediterranea Agricoltura Biologica Controllo Biologico, del Consorzio per il Controllo dei prodotti biologiciConsorzio per il Controllo dei prodotti biologici Bioagricert Garanzia Aiab Demeter Ecocert

47 Gestione dei fattori naturali nei due tipi di agricoltura: il terreno Le risorse naturali sono il terreno, le piante e le colture, l'acqua Il terreno nellagricoltura convenzionale Il terreno viene considerato un substrato quasi inerte su cui crescono i vegetali, modificabile a seconda delle esigenze le lavorazioni, effettuate per migliorare l'ambiente di sviluppo dei semi e facilitare l'assorbimento da parte delle radici, sono numerose ed interessano uno strato di terreno più o meno profondo con gli ammendanti si interviene sulle caratteristiche chimico e fisiche con i concimi si aggiungono grandi quantitativi di elementi nutritivi (azoto, per accrescere il rigoglio vegetativo, fosforo e potassio per migliorare l'attività metabolica) si assiste spesso in questi terreni a un impoverimento di humus e a una diminuzione della fertilità.

48 Gestione dei fattori naturali da parte dei due tipi di agricoltura: il terreno Il terreno nellagricoltura biologica Il terreno è considerato un fattore di produzione, non un semplice substrato. E' il mezzo in cui si compie il ciclo ininterrotto della sostanza organica, che rinnova la fertilità. Sono quindi di primaria importanza tutti i fattori che reintegrano questultima e che intervengono nel suo miglioramento e mantenimento A questo fine rovescio e rotazioni assumono nuova importanza per il loro apporto di sostanza organica e di elementi essenziali al terreno Le lavorazioni con mezzi meccanici sono ridotte nel numero e interessano lo strato più superficiale perché perturbano l'assetto generale del sistema terreno ed ostacolano il raggiungimento dell'equilibrio tra humus e sostanze da decomporre

49 Gestione dei fattori naturali da parte dei due tipi di agricoltura: le piante e le colture Le piante e le colture nellagricoltura convenzionale Le necessità di un'agricoltura che richiede varietà sempre più produttive vengono soddisfatte dalla selezione genetica di nuove varietà Con le diverse tecniche di miglioramento e, in tempi recenti, con l'ingegneria genetica si riescono: ad ottenere cultivar, soprattutto nel campo delle colture erbacee ed orticole, con: resistenza agli attacchi di malattie ed insetti dannosi, conservabilità prolungata, ecc. Grazie alle tecniche di ibridazione si ottengono piante che danno risultati sorprendenti in termini di produttività: forte crescita delle aziende produttrici di ibridi. Nel campo arboreo, la selezione genetica mira a creare piante che, oltre ad aumentare la produttività, rispondano bene alle esigenze della meccanizzazione, sia in fase di trattamenti che di raccolta.

50 Gestione dei fattori naturali da parte dei due tipi di agricoltura: le piante e le colture La scelta delle colture da praticare nelle aziende è determinata da fattori ambientali (terreno e clima) e da criteri di convenienza economica (richieste del mercato e,in senso più ampio, dalle politiche economiche del settore) Le aziende agricole convenzionali molto spesso adottano la specializzazione colturale, che consiste nel coltivare sul terreno aziendale solo alcune specie botaniche, con affinità colturali Moltissime si dedicano alla monocoltura: solo mais o solo grano, solo mele o solo pere. Il vigneto diventa una monocoltura specializzata Le densità colturali sono elevate per garantire le massime rese e per ottimizzare gli interventi.

51 Gestione dei fattori naturali da parte dei due tipi di agricoltura: le piante e le colture lo scopo e quello di semplificare le pratiche agricole, ottimizzare gli interventi specifici da eseguire ed aumentare le rese. vengono di conseguenza abbandonate pratiche agrarie che richiederebbero interventi complessi quali ad esempio: la consociazione di specie diverse nello stesso appezzamento ne è un esempio (prato, grano e segale, vite e olivo, pero e melo). Risulta incompatibile con la somministrazione di antiparassitari specifici e con la meccanizzazione la rotazione delle colture, pratica millenaria che sfrutta la successione delle specie coltivate a seconda della loro funzione (di preparazione, di miglioramento o di riduzione della fertilità).

52 Gestione dei fattori naturali da parte dei due tipi di agricoltura: le piante e le colture Le piante e le colture nellagricoltura biologica Le specie e le varietà vengono scelte in base al buon adattamento alle caratteristiche ambientali e alla resistenza alle malattie, spesso le specie autoctone rispondono a simili richieste e possono servire da ottimi portainnesti. le colture erbacee vengono preferite le specie che richiedono pochi apporti nutritivi e che presentano una buona resistenza alle malattie Quando occorre intervenire sulle erbe infestanti si preferiscono i metodi meccanici di lotta In questo ambito la selezione genetica mira ad aumentare la rusticità delle piante

53 Gestione dei fattori naturali da parte dei due tipi di agricoltura: le piante e le colture La specializzazione colturale non rientra nell'organizzazione dell'azienda biologica. Lequilibrio si mantenuto grazie al concorso di molti fattori. Per le piante erbacee e le orticole viene largamente utilizzata la rotazione. La pratica si dimostra infatti utile, oltre che per mantenere la fertilità anche per controllare le infestanti Negli impianti arborei di notevole utilità viene considerato l'inerbimento, utile anche a contenere l'erosione superficiale La densità delle piante (alla semina per le erbacee e all'impianto per le arboree) non è mai elevata per limitare sia il ricorso a concimazioni elevate sia la trasmissione di malattie, come quelle fungine.

54 Gestione dei fattori naturali da parte dei due tipi di agricoltura: la gestione dellacqua La gestione dellacqua nellagricoltura convenzionale L'irrigazione avviene con sistemi di somministrazione dell'acqua diversi Per le coltivazioni erbacee sono adottati impianti mobili e a pioggia, che funzionano per aspersione Per i frutteti e le colture orticole si utilizzano sistemi che bagnano il terreno nelle immediate vicinanze delle piante e che funzionano per infiltrazione o capillarità. Si economizza così la risorsa acqua e si inibisce la crescita di erbe infestanti La massiccia somministrazione di fitofarmaci e concimi dà luogo a frequenti fenomeni di inquinamento delle falde acquifere superficiali, in modo più evidente, e profonde.

55 Gestione dei fattori naturali da parte dei due tipi di agricoltura: la gestione dellacqua L'acqua nellagricoltura biologica Viene limitato l'uso degli impianti per aspersione perché agevolano linsorgere di funghi La risorsa acqua, sempre più scarsa, deve essere gestita al meglio, per ottimizzarne la disponibilità Per le colture arboree e in orticoltura si dispone della microirrigazione, che permette di distribuire piccoli quantitativi d'acqua in modo circoscritto e con interventi appropriati e tempestivi Con lo stesso sistema si può adottare la fertirrigazione, che consente di somministrare concimi liquidi, insieme con l'acqua d'irrigazione.

56 Gestione dei fattori tecnici da parte dei due tipi di agricoltura: concimazione, diserbo e meccanizzazione I prodotti chimici e la meccanizzazione nellagricoltura convenzionale L'agricoltura convenzionale dipende in larga misura da apporti esterni, soprattutto per quanto riguarda i prodotti da somministrare alle colture (antiparassitari) e al terreno (fertilizzanti e diserbanti). Si tratta di sostanze di sintesi, di produzione industriale, che vengono distribuite secondo calendari molto rigidi. L'industria chimica realizza prodotti ad elevata efficacia. Gli antiparassitari vengono studiati per essere efficaci sugli agenti sempre più specializzati (fitofagi e parassiti) delle malattie delle singole specie, mentre i diserbanti hanno come scopo quello di essere attivi solo sulle erbe infestanti. Nella realtà i fattori climatici e gli agenti meteorologici (pioggia e vento soprattutto) possono influenzare in modo negativo la corretta somministrazione dei trattamenti antiparassitari e diserbanti ed il loro effetto.

57 Gestione dei fattori tecnici da parte dei due tipi di agricoltura: concimazione, diserbo e meccanizzazione L'azione della meccanizzazione ha ridotto drasticamente il fattore di produzione manodopera, sempre più scarsa e con costi elevati Le macchine, trainate dai trattori o semoventi, diventano insostituibili nelle lavorazioni e nei trattamenti Molto spesso i vecchi sistemi di conduzione (filari e siepi) devono essere eliminati per consentire il passaggio e le manovre dei mezzi meccanici.

58 Gestione dei fattori tecnici da parte dei due tipi di agricoltura: concimazione, diserbo e meccanizzazione I prodotti e i mezzi ammessi nellagricoltura biologica Per la fertilizzazione i concimi ammessi nell'agricoltura biologica sono di tipo organico naturale e minerale. Il letame è il fertilizzante organico preferito e il più completo. Apporta grossi quantitativi di azoto, elemento indispensabile per la buona crescita dei vegetali, insieme a fosforo e potassio. L'apporto di sostanza organica può avvenire anche con la somministrazione compost, derivanti dal trattamento industriale dei rifiuti solidi urbani, selezionati con la raccolta differenziata. Sono anche ammessi residui della lavorazione del legno,delle fungaie, prodotti e sottoprodotti di origine animale (farina di sangue, lana, polvere di zoccoli) e vegetale (farina di pannelli oleosi). Tra i concimi minerali si trovano ossa macinate contenenti fosforo, ceneri di legna, sali e carbonati di calcio, farine di roccia e borlande (sottoprodotti della distillazione) con alto tenore di potassio. Per recuperare e mantenere il livello di fertilità viene utilizzato il sovescio Le rotazioni e le consociazioni rientrano di nuovo a pieno titolo nella serie delle pratiche agricole consuete.

59 Gestione dei fattori tecnici da parte dei due tipi di agricoltura: concimazione, diserbo e meccanizzazione Per la difesa delle colture la lotta ai parassiti, insetti fitofagi e malattie, prevede la messa a punto di opportune strategie di difesa e l'uso di sostanze naturali ammesse dai regolamenti comunitari. Tra i mezzi più usati gli insetti entomofagi cosiddetti antagonisti, cioè nemici naturali dei principali parassiti, che vengono prodotti in gran numero in biofabbriche specializzate. Le comuni coccinelle appartengono a questa categoria di insetti utili. In linea di principio la protezione deve essere basata sulla prevenzione. L'uso delle macchine, comunque indispensabili per certi lavori viene limitato, anche per non indurre fenomeni di compattamento del suolo con conseguenze negative specie per quanto riguarda la circolazione dell'aria e dell'acqua. Si ripristinano siepi e filari divisori tra i campi. Essi contribuiscono invece, per il biologico, allo sviluppo di animaletti e insetti, importanti fattori d'equilibrio nelle relazioni tra prede (i parassiti delle piante) e predatori (i loro nemici naturali).

60 Lallevamento degli animali nei due tipi di agricoltura Allevamento convenzionale Gli obiettivi dell'allevamento zootecnico condotto con metodi convenzionali si sono identificati con le elevate produttività e la diminuzione della manodopera. La specializzazione ha necessariamente coinvolto anche il settore zootecnico. Le aziende per l'allevamento di bovine da latte si sono nettamente differenziate da quelle per l'allevamento dei bovini da carne. Bovini allevati dalla nascita allo svezzamento in un'azienda, poi trasferiti in un'altra per le fasi di ingrasso. Gli edifici destinati all'allevamento (stalle, capannoni per suini e pollame) per ottimizzare il processo produttivo animale, hanno ridotte superfici disponibili per ciascun capo. La maggiore densità ha portato ad una maggiore resa per unità di superficie ma alla necessità di ricorrere ad interventi sanitari preventivi o curativi di massa all'insorgere di facili epidemie. Nell'alimentazione si sono aggiunti o sostituiti alle normali razioni, da sempre costituite da foraggi, freschi e secchi, mangimi, integratori e sostanze di vario genere

61 Lallevamento degli animali nei due tipi di agricoltura Si è molto lavorato sulla selezione genetica, puntando alla massima esaltazione dei caratteri aventi un riscontro economico (quintali di latte per lattazione,percentuale di grasso nel latte, sviluppo di parti anatomiche più remunerative). La manodopera, è stata in parte sostituita con macchine in grado di sopperire alle esigenze produttive: mungitrici meccaniche,lattodotti per il trasporto del latte, alimentatori computerizzati, etc. Le macchine consentono anche di raggiungere ottimi risultati nel campo dell'igiene, sia dei prodotti che degli ambienti di sosta e ricovero degli animali. Gli animali vengono sottoposti alle campagne di vaccinazione obbligatorie per debellare gravi malattie epidemiche e sono costantemente controllati dal punto di vista veterinario. Le malattie e i disturbi temporanei vengono curati tempestivamente o prevenuti facendo ricorso ad un ampia scelta di medicinali prodotti dall'industria farmaceutica.

62 Lallevamento degli animali nei due tipi di agricoltura Lallevamento in biologico Lallevamento degli animali viene considerato come componente fondamentale dell'azienda biologica in quanto è alla base dell'intero ciclo nutritivo di tutto il sistema aziendale Nell'allevamento biologico è di fondamentale importanza il rispetto dell'etologia e del benessere dai capi allevati. Le tecniche di allevamento devono essere rispettose delle naturali esigenze degli animali, sia in termini di caratteristiche fisiologiche che comportamentali Il pascolo è la prima fonte di approvvigionamento nutritivo per gli allevamenti biologici. Foraggi freschi, anche insilati, e fieno devono costituire la gran parte della razione.

63 Lallevamento degli animali nei due tipi di agricoltura Il 90% degli alimenti somministrati devono provenire da coltivazioni biologiche, o da loro trasformazioni, ed essere prodotti in azienda o acquistati da altre aziende che coltivano in biologico. Nella corretta gestione dell'allevamento di questo tipo il numero di animali è legato alla disponibilità di superficie aziendale coltivata: la legge fissa, specie per specie, il numero massimo di animali per ettaro di superficie. I capi devono potere disporre di strutture di ricovero sufficientemente spaziose, con buona aerazione e luminosità. Devono poter accedere alle mangiatoie e agli abbeveratoi con facilità e non ad orari prestabiliti. L'alimentazione naturale e gli ambienti adatti hanno un peso notevole sulla buona salute degli animali, in quanto possono migliorare la resistenza alle malattie, aiutando a prevenirle. Gli animali vengono sottoposti alle normali vaccinazioni previste dalla legge. Quando è necessario ricorrere a cure gli unici rimedi autorizzati sono i farmaci omeopatici o naturali.


Scaricare ppt "A come agricoltura, ambiente alimentazione Viaggio nel meraviglioso mondo delle piante e dellagricoltura biologica col progetto ECIS Valeria Cavallaro."

Presentazioni simili


Annunci Google