La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE AL “ PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI NEI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI ED EXTRA-SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI FERRARA ” FERRARA,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE AL “ PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI NEI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI ED EXTRA-SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI FERRARA ” FERRARA,"— Transcript della presentazione:

1 INTRODUZIONE AL “ PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI NEI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI ED EXTRA-SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI FERRARA ” FERRARA, 13 FEBBRAIO 2013 AUSL DI FERRARA M.O. PEDIATRIA DI COMUNITA’ Dott.ssa FLAVIA PASCOLETTI

2 PREMESSA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI A SCUOLA possiamo dividere gli ultimi 20 anni in 2 periodi: 1.FINO ALL’A.S DALL’A.S IN POI Spartiacque tra i 2 periodi : ATTO DI RACCOMANAZIONI del 25/11/2005 del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca d’intesa con il Ministero della Salute contenente “Linee guida per la definizione degli interventi finalizzati all’assistenza di studenti che necessitano di somministrazione di farmaci in orario scolastico”

3 1. SOMMINISTRAZIONE FARMACI A SCUOLA FINO A.S C’ERA UNA LEGISLAZIONE CHE ENUNCIAVA PRINCIPI DI TUTELA DELLA SALUTE E DI DIRITTO ALLO STUDIO ANCHE DEI MINORI CON HANDICAP, ma non indicava come concretamente questo potesse essere assicurato NON C’ ERA UNA FORMALIZZAZIONE DEI PERCORSI RELATIVI ALLA SOMMINISTRAZIONE FARMACI A SCUOLA che indicasse: - quali farmaci, quando, come e dove - da chi potevano/dovevano essere somministrati

4 NOTA PROT. n° 2312/Dip./Segr. del 25/11/2005 del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca d’intesa con il Ministero della Salute : ATTO DI RACCOMANDAZIONI contenente le “LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL’ASSISTENZA DI STUDENTI CHE NECESSITANO DI SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI IN ORARIO SCOLASTICO” al fine di TUTELARE: - IL DIRITTO ALLO STUDIO, - LA SALUTE ED IL BENESSERE ALL’INTERNO DELLA STRUTTURA SCOLASTICA

5 ATTO DI RACCOMANDAZIONI 25/11/2005 Necessità di apposita modulistica (accordi tra istituzioni scolastiche, Enti locali e AUSL competenti) Necessità di certificazione medica attestante lo stato di malattia dell’alunno e prescrizione farmaci (conservazione, modalità tempi di somministrazione, posologia) Necessità di formale richiesta genitori Necessità di autorizzazioni specifiche da AUSL Possibile somministrazione farmaci in orario scolastico autorizzata anche ai genitori Operatori scolastici disponibili per somministrazione farmaco Fattibilità somministrazione farmaci da parte di personale non sanitario ; la somministrazione non deve richiedere : – possesso di cognizioni specialistiche di tipo sanitario – discrezionalità tecnica da parte dell’adulto

6 ATTO DI RACCOMANDAZIONI 25/11/2005 Moduli formativi x personale docente ed ATA in collaborazione con AUSL, S.S., Associazioni Se non disponibilità somministrazione da parte del personale-> Dirigente Scolastico accordi e convenzioni con Assessorati x la Salute ed i Servizi Sociali, ricorso ad Enti ed Associazioni di volontariato (CRI…) Se accordi non possibili, comunicazione motivata ai genitori e al Sindaco del comune di residenza Se situazioni d’emergenza : ricorso al S.S.N. eventuali interventi programmabili per situazioni d’emergenza

7 2. SOMMINISTRAZIONE FARMACI A SCUOLA DA A.S fino all’anno scolastico in Provincia di Ferrara : PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI IN ORARIO SCOLASTICO Inserito nell’Accordo di programma per l’integrazione degli alunni disabili nelle scuole della provincia di Ferrara aa.ss. 2006/ /11 Pubblicato su BUR n°125 del 28/08/2006 Percorso condiviso finalizzato a garantire e facilitare l’inserimento scolastico di bambini e ragazzi affetti da malattie croniche, che richiedano la somministrazione continua di farmaci e/o per i quali potrebbero rendersi necessari interventi d’emergenza VANTAGGI: Il personale scolastico si è sentito tutelato da un documento “ufficiale” È stato un protocollo soprattutto operativo : ha diviso i vari tipi di somministrazione e ha stabilito chi poteva somministrare i farmaci In generale ottima disponibilità alla somministrazione dei farmaci per via non iniettiva

8 PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI IN ORARIO SCOLASTICO Consentendo la somministrazione scolastica del farmaco “al bisogno” ha permesso, soprattutto ai ragazzi asmatici, di ridurre i giorni di assenza da scuola nell’art 4- Gestione emergenze: la frase “La somministrazione di farmaci da parte di personale non sanitario non costituisce abuso di professione medica e non è quindi perseguibile, qualora effettuata in condizioni d’emergenza in cui un ritardo nell’intervento di soccorso risulti pregiudizievole per la salute e/o la vita del paziente.”, ha aiutato a superare il timore per la somministrazione. Ha consentito di assicurare un soccorso tempestivo, anche in quelle scuole distanti da un Pronto soccorso, dando tranquillità ai genitori Da un iniziale rifiuto alla somministrazione dei farmaci a scuola si è passati, con gli anni, ad una richiesta del personale scolastico di avere farmaci a scuola perché così “si sentivano più sicuri” Prorogato per l’ A.S in attesa dalla emanazione delle “Linee guida Regionali”

9 PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI IN ORARIO SCOLASTICO SVANTAGGI: Non dava indicazioni riguardanti: durata del certificato cosa fare in caso di passaggio ad un altro ordine di scuola o a scuola di altra provincia non dava disposizioni al personale scolastico riguardanti la registrazione dei farmaci somministrati in modo continuo a scuola; quest’ultima veniva fatta solo su suggerimento della pediatria di comunità non prevedeva venisse individuato un responsabile della conservazione e scadenza del farmaco (tranne iniziative individuali di qualche Dirigente Scolastico).

10 IN RER DOPO 25/11/ AUSL su 11 dell’Emilia Romagna (tra cui anche Ferrara) ha adottato un protocollo a livello aziendale per la somministrazione dei farmaci a scuola, protocollo applicato a tutte le scuole statali e paritarie. L’autorizzazione per i farmaci: - di norma rilasciata dalla Pediatria di Comunità (ad eccezione dell’ Azienda di RE in cui viene rilasciata dal PLS) - ha la durata di un anno scolastico ed è rinnovabile dalla stessa

11 VERSO LE LINEE GUIDA REGIONALI PER DISPARITA’ DI COMPORTAMENTI TRA LE VARIE AUSL SULLA SOMMINISTRAZIONE FARMACI A SCUOLA, su sollecitazione dell’AICE (Associaz. Italiana Contro Epilessia) e della LICE (Lega Italiana Contro Epilessia) all’inizio del 2010 convocazione in Regione: Referenti PDC dell’AUSL per le malattie croniche Richiesto : -Eventuale protocollo AUSL x somm.ne farmaci a scuola -Report farmaci autorizzati nell’anno scolastico

12 VERSO LE LINEE GUIDA REGIONALI Nel 2010 e 2011 in Regione: -Confronto tra i 10 protocolli esistenti -Confronto tra i farmaci autorizzati Collaborazione fra Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia-Romagna e l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna D.G.R. n.166 del 20/02/2012 : “LINEE DI INDIRIZZO PER LA DEFINIZIONE DI INTESE PROVINCIALI INERENTI LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI IN CONTESTI EXTRA-FAMILIARI, EDUCATIVI O SCOLASTICI, IN EMILIA-ROMAGNA

13

14 ANNO SCOLASTICO : 2087 CERTIFICAZIONI A LIVELLO REGIONALE 2440 FARMACI AUTORIZZATI IN R.E.R. 140 CERTIFICAZIONI PROVINCIA DI FERRARA 260 FARMACI AUTORIZZATI IN PROVINCIA DI FE

15 PATOLOGIE CON FARMACI A SCUOLA IN RER A.S

16 PATOLOGIE CON FARMACI A SCUOLA IN R.E.R. A.S

17 D.G.R. n.166 del 20/02/2012 Scopo fornire linee di indirizzo per assicurare il diritto allo studio nelle scuole di ogni ordine e grado del sistema nazionale di istruzione dell’Emilia - Romagna agli alunni che abbiano necessità di assumere farmaci in orario ed ambito scolastico. Linee di indirizzo rivolte anche ai nidi e alle altre strutture educative della Regione. Procedure concordate per la somministrazione di farmaci in orario ed ambito scolastico tale da garantire sia la 1. somministrazione programmata (es. quotidiana) 2. somministrazione al bisogno e/o 3. in condizioni di emergenza-urgenza; va cioè garantita la possibilità di intervento tempestivo in qualunque orario di presenza a scuola dell’alunno, ivi comprese tutte le iniziative organizzate dalla scuola anche al di fuori degli ambienti scolastici (es. uscite didattiche, etc.). Farmaci somministrati da personale scolastico non sanitario che si rende disponibile, ed adeguatamente formato.

18 D.G.R. n.166 del 20/02/2012 VANTAGGI: Affronta tutti gli aspetti riguardanti la somministrazione dei farmaci a scuola dal rilascio certificato (quindi durata del certificato, cosa fare in caso di passaggio ad un altro ordine di scuola o a scuola di altra provincia….), al monitoraggio del farmaco all’interno della scuola (registrazione somministrazione farmaco, responsabile somministrazione, conservazione e controllo scadenza del farmaco, sorveglianza durante l’autosomministrazione) SVANTAGGI: rimarca forse troppo che il personale scolastico/educativo non è obbligato alla somministrazione di farmaci, facendo erroneamente intendere che il personale scolastico possa rifiutarsi di somministrare anche i farmaci d’emergenza mancano le indicazioni per strutturare il percorso formativo del personale scolastico


Scaricare ppt "INTRODUZIONE AL “ PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI NEI SERVIZI EDUCATIVI, SCOLASTICI ED EXTRA-SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI FERRARA ” FERRARA,"

Presentazioni simili


Annunci Google