La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Didattica per competenze: quali strategie in classe Torino 5 aprile 2014 Dott.ssa Enrica Ardissino Formatore AID Pedagogista Insegnate.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Didattica per competenze: quali strategie in classe Torino 5 aprile 2014 Dott.ssa Enrica Ardissino Formatore AID Pedagogista Insegnate."— Transcript della presentazione:

1 Didattica per competenze: quali strategie in classe Torino 5 aprile 2014 Dott.ssa Enrica Ardissino Formatore AID Pedagogista Insegnate

2 Quale organizzazione Facilita /ostacola la costruzione delle competenze ?

3

4  Essa si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo, attraverso situazioni di apprendimento fondate sull’esperienza.  L’insegnante non si limita a trasferire le conoscenze, ma è una guida in grado di porre domande, sviluppare strategie per risolvere problemi, giungere a comprensioni più profonde. Didattica per competenze

5  La capacità di far fronte a un compito o a un insieme di compiti riuscendo a mettere in moto e ad orchestrare le proprie risorse interne cognitive, affettive e volitive e quelle esterne in modo coerente e fecondo.  Pellerey M. Che cos’è una competenza?

6  La competenza non si insegna trasferendo conoscenze e abilità (approccio trasmissivo/istruzionista), ma allenandosi ad utilizzare conoscenze e abilità (approccio cooperativo/costruttivista). Approcci diversi

7 APPROCCIO TRASMISSIVO/ISTRUZIONISTAAPPROCCIO SOCIO-COSTRUTTIVISTA Comunicazione imperniata sull’emittente Comunicazione imperniata sul destinatario Emittente come maestroEmittente come facilitatore Messaggio come trasferimento informazioni Messaggio come negoziazione di significati Sapere nozionisticoSapere esperenziale

8 Raccomandazione del Consiglio Europeo 2006 Le 8 competenze chiave per la cittadinanza europea riportate anche nelle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 Le competenze chiave sono quelle di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, inclusione sociale e l’occupazione

9  Comunicazione in madre lingua  Comunicazione in lingue straniere  Competenza matematica e competenze di base in scienze e tecnologie  Competenza digitale  Imparare ad imparare  Competenze sociali e civiche  Spirito di iniziativa ed imprenditorialità  Consapevolezza ed espressione culturale 8 competenze chiave

10 Importanza al “come si apprende”

11  Esperienza personale al centro  Diversità come ricchezza  Imparare ad apprendere  Cooperative learning Parole chiave tratte dalle Indicazioni Nazionali 2012

12  Esperienza personale al centro  Diversità come ricchezza  Imparare ad apprendere  Cooperative learning Parole chiave tratte dalle Indicazioni Nazionali 2012

13  Metodi di studio  Ruolo di strumenti compensativi  Automatizzazione  Autonomia Punti di riflessione

14  Ruolo degli strumenti compensativi fondamentale  Per guidare alla costruzione di competenze  Abilità strumento competenza conoscenze compensativo Strumenti compensativi

15  “problemi complessi, aperti, posti agli studenti come mezzo per dimostrare la padronanza di qualcosa”. Glatthorn  Problemi, ovvero a situazioni che richiedono allo studente di mobilitare le proprie risorse per trovare delle soluzioni;  compiti agganciati al contesto di vita del soggetto, di cui sia riconoscibile il contenuto di realtà Che cos’è un compito autentico?

16  Richiamano contesti di realtà, diretti o simulati  Compito è significativo, da un senso alla prestazione  Aperto: molteplici percorsi risolutivi, stile cognitivo  Stimola motivazione, risorse cognitive, sociali, affettive  Ponte: sapere scolastico e realtà esterna Compiti Autentici

17  In occasione della gita in Toscana esponi alla classe le caratteristiche della Regione utilizzando una mappa creata con il programma Cmap Esempio una mappa…per studiare

18  Esperienza personale al centro  Diversità come ricchezza  Imparare ad apprendere  Cooperative learning Parole chiave tratte dalle Indicazioni Nazionali 2012

19 Il compagno una risorsa! Apprendimento cooperativo

20  Esperienza personale al centro  Diversità come ricchezza  Imparare ad apprendere  Cooperative learning Parole chiave tratte dalle Indicazioni Nazionali 2012

21 L’insegnante cambia posizione da “di fronte” “a fianco”

22 Principio ologrammatico ………. «possiamo arricchire la conoscenza delle parti attraverso il tutto e del tutto attraverso le parti in uno stesso movimento che produce conoscenze» (E. Morin, Introduzione al pensiero complesso, Milano 1995). Grazie per l’attenzione!


Scaricare ppt "Didattica per competenze: quali strategie in classe Torino 5 aprile 2014 Dott.ssa Enrica Ardissino Formatore AID Pedagogista Insegnate."

Presentazioni simili


Annunci Google